La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Torna alla prima pagina Incontri di Aggiornamento Incontri di Aggiornamento tra Pediatri di Famiglia tra Pediatri di Famiglia 27-28 ottobre 2007 Hotel.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Torna alla prima pagina Incontri di Aggiornamento Incontri di Aggiornamento tra Pediatri di Famiglia tra Pediatri di Famiglia 27-28 ottobre 2007 Hotel."— Transcript della presentazione:

1 Torna alla prima pagina Incontri di Aggiornamento Incontri di Aggiornamento tra Pediatri di Famiglia tra Pediatri di Famiglia ottobre 2007 Hotel Maga Circe San Felice Circeo - Latina Centro Pediatrico V.P.Luigi Nervi 108 Latina Relatore: Dott.C.Rachele Pediatra di Famiglia Le criticità del territorio e proposte di intervento per la Pediatria di Famiglia

2 Torna alla prima pagina Il principio etico che ispira il Piano Sanitario Regionale è massimizzare lo stato di benessere di ogni singolo individuo.

3 Torna alla prima pagina SSR centrato sulla persona Creando per il bambino un sistema sensibile nel- lutilizzo dei servizi.

4 Torna alla prima pagina Ospedale al centro del Sistema Sanitario Offerta irrazionale di servizi e prestazioni Ritardo nello sviluppo di forme di assistenza alternative che tengano conto dei bisogni e delleconomicità. La situazione oggi

5 Torna alla prima paginaOspedale come Centro per soddisfare qualsiasi bisogno Rete di Servizi Territoriali scarsamente organizzata. Accessi in P.S Inviati da Medico famiglia e guardia medica solo il 2,3%

6 Torna alla prima pagina Totale accessi in P.S. : Codici verdi:61% Codici bianchi:24% Codici rossi : 7.9%

7 Torna alla prima pagina Totale accessi in P.S. : Ricoveri : 20 % Rifiuto ricovero : 6,2% Rinvio al domicilio : 69,4% Non risposta alla chiamata:2,9% Trasferimenti : 1,5% Decessi : 0,06%

8 Torna alla prima pagina Analisi dei dati e punti di criticità Alta percentuale di accesi impropri al P.S. Alta percentuale di ricoveri inappropriati. Elevata quota di inappropriatezza degli accessi nei DEA di II l. Elevata quota di pazienti che ritornano al proprio domicilio.

9 Torna alla prima pagina Come intervenire ? Sul Distretto Sugli Ospedali

10 Torna alla prima pagina Il distretto deve valutare : Analisi dei bisogni di salute Gestione delle risorse Offerta dei servizi Appropriatezza e continuità assistenziale Verifica dei risultati di salute Integrazione con i Servizi socio-assistenziali

11 Torna alla prima pagina La Riqualificazione Ospedaliera Nel PSR si fa riferimento a forme organizzative intese come organizzazione ad alto livello tecnologico capace di fornire risposte assistenziali a problemi di salute caratterizzati da determinati livelli di gravità.

12 Torna alla prima pagina La Pediatria di Famiglia come si inserisce in questo contesto ?

13 Torna alla prima pagina Il pediatra di famiglia è il riferimento immediato per il bambino e la sua famiglia; ad esso sono affidati le seguenti funzioni: Assistenza primaria con programma diagnostico terapeutico. Continuità assistenziale attraverso lintegrazione con gli altri servizi e presidi Distrettuali ed Ospedalieri. Promozione della salute ed assistenza preventiva. Diagnosi precoce. Ricerca e didattica.

14 Torna alla prima pagina Quadro epidemiologico ultimi decenni Patologie acute infettive e respiratorie DECREMENTO Patologie croniche Incidenti Disturbi dello sviluppo neuromotorio Disturbi cognitivo comportamentali Disagio sociale INCREMENTO

15 Torna alla prima pagina Assistenza Primaria Condivisione di Protocolli Diagnostici e terapeutici sulle più comuni patologie. Scarsa interazione tra i singoli Pediatri sul territorio e tra questi e la rete di Assistenza Ospedaliera anche su patologie di comune interesse.

16 Torna alla prima pagina E opportuno stimolare ed incentivare la Pediatria di Gruppo e linterazione tra Pediatria Ospedaliera e Pediatria del territorio attraverso la realizzazione di obiettivi comuni.

17 Torna alla prima pagina...Assistenza primaria Promuovere la centralità del Pediatra di famiglia nella gestione della patologia cronica per evitare che il bambino diventi dipendente dal Centro Specialistico anche per banali patologie intercorrenti. Il Centro Specialistico tende ad appropriarsi del caso ma non dellinsieme dei bisogni del bambino e della sua famiglia.

18 Torna alla prima pagina Cè una forte carenza di comunicazione tra Pediatri e Centri Specialistici

19 Torna alla prima pagina 2) Assistenza Preventiva Promuovere interventi di educazione sanitaria riguardanti lalimentazione, lattività fisica, il fumo, gli incidenti domestici e stradali. La gestione di tali interventi richiede il tempo e lorganizzazione che il singolo Pediatra,senza alcuna supporto, non può garantire in maniera adeguata e continua.

20 Torna alla prima pagina...Assistenza preventiva Promuovere programmi per vaccinazioni obbligatorie e facoltative effettuate presso lo studio del Pediatra di Famiglia, soprattutto nelle aree dove i Centri Vaccinali mostrano disagi organizzativi e scarse competenze scientifiche.

21 Torna alla prima pagina Non coinvolgere attivamente il Pediatra di famiglia nella elaborazione delle strategie vaccinali rappresenta un importante momento di criticità soprattutto ai fini del raggiungimento degli obbiettivi specifici.

22 Torna alla prima pagina...Assistenza preventiva Si verifica spesso, nellambito dellAssistenza Preventiva, che i programmi del Servizio Materno Infantile si sovrappongono a quelli già svolti dal Pediatra con spreco delle risorse sanitarie.

23 Torna alla prima pagina 3) Continuità assistenziale Per continuità assistenziale deve intendersi non solo lassistenza continua nellarco delle 24 ore ma soprattutto lappropriato passaggio di presa in carico del paziente da un ambito assistenziale allaltro.

24 Torna alla prima pagina …Continuità assistenziale Per la realizzazione della continuità a. è necessario: Formazione del personale sanitario ed amministrativo. Coordinamento delle strutture ospedaliere con servizi distrettuali. Ruolo centrale del PdF nel coordinamento delle varie funzioni. Utilizzo della tecnologia consentita (internet,cup,telemedicina).

25 Torna alla prima pagina Continuità assistenziale e lettera di ricovero

26 Torna alla prima pagina Continuità assistenziale e dimissione protetta. Una dimissione realmente protetta si realizza attraverso: Verifica dellappropriatezza della dimissione. Adeguata e tempestiva attivazione del Pediatra. Documentazione assistenza post-ricovero( piano di dimissione)

27 Torna alla prima pagina Lincomunicabilità Non è ammissibile che siano i pazienti a dare al proprio pediatra comunicazioni relative ai servizi dellarea Materno infantile, delle Unità Operative Ospedaliere, del Servizio Farmaceutico e dei presidi territoriali……..soprattutto perché siamo nellera di internet.

28 Torna alla prima pagina Dottore, hanno spostato il centro vaccinale! Sa dove si trova adesso? No!! Chiamo una mia assistita che sa sempre tutto e le faccio sapere

29 Torna alla prima pagina Lesperienza del nostro Centro Pediatrico

30 Torna alla prima pagina 1993 Studio Pediatrico 1995 Pediatria gruppo Dott. Rachele Dott. Leccese 2005 Dott. Rachele Dott. Leccese Dott.ssa Malvaso Dott. Maretto Dott. Cifra Unità di Cure Primarie Pediatriche (UCPP)

31 Torna alla prima pagina La struttura della nostra UCPP I componenti della UCPP: Dott. D.Cifra Dott.A.Leccese Dott.ssa C. Malvaso Dott.G.Maretto Dott.C.Rachele componenti della assistenza nei festivi: 2 pediatri Una segretaria con competenze infermieristiche Rapporti con gli specialisti : Università La Sapienza Università Tor Vergata Ospedale B.Gesù S.Camillo- Forlanini S.Raffaele Ospedale oftalmico Ospedale Goretti Lt Supporto amministrativo Servizio di accoglienza 4 segretarie Una Psicologa

32 Torna alla prima pagina Assistenza nel nostro Centro Pediatrico

33 Torna alla prima pagina

34 Torna alla prima pagina

35 Torna alla prima pagina

36 Torna alla prima pagina Interventi per ridurre gli accessi in Pronto Soccorso Continuità Assistenziale : apertura dellambulatorio per circa 12 ore al giorno Attivazione di un numero dedicato alle urgenze

37 Torna alla prima pagina ACCESSI AL CENTRO PEDIATRICO IN URGENZA 2005 APRILE Consul.al numero dedicatoVisite urgenti 14484MARZO 60 GIUGNO MAGGIO AGOSTO LUGLIO OTTOBRE SETTEMBRE DICEMBRE NOVEMBRE FEBBRAIO GENNAIO TOT

38 Torna alla prima pagina ACCESSI AL CENTRO PEDIATRICO IN URGENZA APRILE Consul.al numero dedicatoVisite urgenti 13075MARZO 60 GIUGNO MAGGIO AGOSTO LUGLIO OTTOBRE SETTEMBRE DICEMBRE NOVEMBRE FEBBRAIO GENNAIO TOT

39 Torna alla prima pagina Attività della UCPP e riduzione accessi in P.S. Verifica accessi in P.S.Pediatrico mese di Gennaio ed Aprile 2006 Totale accessi 921 Totale Accessi da Latina Città:536Totale accessi fuori Latina:385 Accessi dalle ore 08 alle Accessi dalle ore 19 alle Accessi pref.e festivi 175 Accessi giorni feriali: 134 Accessi mensili medi per Pediatra: 3 Accessi mensili medi per Pediatra UCPP: 1

40 Torna alla prima pagina Attività della UCPP e riduzione accessi in P.S. Verifica accessi in P.S.Pediatrico nel 2007 Totale accessi 258 (Città di Latina) Accessi medi per Pediatra 9.4 Accessi dovuti a UCPP con 5 Pediatri : 47 Accessi dovuti a UCPP con 2-3 Pediatri : Accessi dovuti a Pediatri singoli :

41 Torna alla prima pagina Cosa facciamo per lappropriatezza dei ricoveri Ospedalieri Anamnesi, esame clinico accurato Indici di flogosi ed infettivi Esami Strumentali Linee Guida Proteina c reattiva Monotest,Adenovirus,Rotavirus Agglutinine da freddo,SBEA,Urine Spirometria Elettrocardiografia Ossimetria

42 Torna alla prima pagina La Comunicazione

43 Torna alla prima pagina Rapporti del Centro Pediatrico con i Centri Specialistici Clinica Pediatrica Università La Sapienza Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Ospedale San Camillo Roma Ospedale Oftalmico Roma Polo Pontino Università La Sapienza Università T.Vergata Roma

44 Torna alla prima pagina

45 Torna alla prima pagina La educazione alla Salute Nel Centro Pediatrico Nelle scuole Con la creazione di un Sito Internet (www.centropediatrico.it)

46 Torna alla prima pagina Ipotesi di un Progetto

47 Torna alla prima pagina Unità di Pediatria Coordinatore 8-10 Pediatri di Famiglia Pediatria Ospedaliera Pronto Soccorso Tutti gli studi Pediatrici Medici della Continuità assistenziale (Guardia Medica) Servizi Materno-infantile Continuità assistenziale(giorni festivi) riduzione accessi in P.S. riduzione ricoveri(osservazione breve) linee Guida strategie di prevenzione diffusione Cultura Sanitaria

48 Torna alla prima pagina GRAZIE PER LA PARTECIPAZIONE


Scaricare ppt "Torna alla prima pagina Incontri di Aggiornamento Incontri di Aggiornamento tra Pediatri di Famiglia tra Pediatri di Famiglia 27-28 ottobre 2007 Hotel."

Presentazioni simili


Annunci Google