La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL FONDO ROTATIVO DI KYOTO E GLI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE Ordine degli Ingegneri – Ragusa 16 febbraio 2012 Dott. Giuseppe La Rosa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL FONDO ROTATIVO DI KYOTO E GLI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE Ordine degli Ingegneri – Ragusa 16 febbraio 2012 Dott. Giuseppe La Rosa."— Transcript della presentazione:

1 IL FONDO ROTATIVO DI KYOTO E GLI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE Ordine degli Ingegneri – Ragusa 16 febbraio 2012 Dott. Giuseppe La Rosa

2 IL FONDO ROTATIVO DI KYOTO La Legge Finanziaria 2007 ha istituito un Fondo per il finanziamento delle misure di riduzione delle emissioni clima-alteranti, finalizzate allattuazione del Protocollo di Kyoto. Il Ministero dellAmbiente ne ha disciplinato le modalità operative e gli interventi ammissibili, e ha demandato alla Cassa Depositi e Prestiti la gestione di tale Fondo. Artigiancassa e MCC cureranno lattività di back office ed istruttoria.

3 Chi può partecipare? -- Imprese (in regime di contabilità ordinaria e con già depositati, laddove obbligate, almeno 2 bilanci su base annuale), -- Persone fisiche, -- Condomini, -- Persone giuridiche private (comprese associazioni e fondazioni) -- Soggetti pubblici.

4 In cosa consiste? Trattasi di un fondo finalizzato alla concessione di finanziamenti a tasso agevolato (0,50% annuo, nella forma di prestiti di scopo a rate semestrali a tasso fisso con durata da 3 a 6 anni) per i seguenti interventi: -Microgenerazione diffusa -Rinnovabili -Usi finali -Motori elettrici -Protossido di azoto -Ricerca e sviluppo -Gestione forestale sostenibile

5 MICROGENERAZIONE DIFFUSA Installazione di impianti di microgenerazione diffusa ad alto rendimento elettrico/termico (da 10 a 50 kW). Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -70% per i soggetti privati -90% per i soggetti pubblici

6 RINNOVABILI Installazione di impianti di piccola taglia per lutilizzazione delle fonti rinnovabili per generazione di elettricità/calore. Fino a 40 kWp per il fotovoltaico Fino a 200 kWp per leolico Da 50 a 450 kWp per impianti termici a biomasse Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -70% per i soggetti privati -90% per i soggetti pubblici

7 USI FINALI Installazione di impianti per lincremento dellefficienza negli usi finali dellenergia nel settore civile e terziario. Climatizzazione tramite: * impianti di cogenerazione a gas, a biomasse, a biocombustibili o a biogas (fino a 250 kWp) * impianti geotermici a bassa entalpia (fino a 1 MWp) Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -70% per i soggetti privati -90% per i soggetti pubblici

8 MOTORI ELETTRICI Sostituzione dei motori elettrici industriali con potenza inferiore a 90 kWe con motori ad alta efficienza. Verrà finanziata la sostituzione di almeno 2 motori, attraverso un finanziamento di max 7.500,00 ciascuno. Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -70% per i soggetti privati -90% per i soggetti pubblici

9 PROTOSSIDO DI AZOTO Eliminazione delle emissioni di protossido di azoto dai processi industriali. Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -70% per i soggetti privati -90% per i soggetti pubblici

10 RICERCA E SVILUPPO Progetti pilota di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e di nuove fonti di energia a basse emissioni o a emissioni zero. Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -50%

11 GESTIONE FORESTALE SOSTENIBILE Pratiche di gestione forestale sostenibile mediante interventi diretti a ridurre il depauperamento dello stock di carbonio nei suoli forestali e nelle foreste. Percentuale del finanziamento sullinvestimento complessivo: -100% (lintervento può essere solo effettuato dalle Regioni e le Province)

12 LA PROCEDURA Le domande andranno presentate a partire dal 16/03/2012 alla CDP tramite un applicativo web che definirà subito lordine cronologico delle domande, determinante ai fini dellassegnazione dei finanziamenti agevolati. A questo punto si richiederà la documentazione cartacea, che PER LE IMPRESE prevederà principalmente: progetto tecnico; cronoprogramma; tabella dei costi ammissibili; ultimi 2 bilanci depositati; camerale originale; DURC originale.

13 Dopo l'istruttoria preliminare, tecnica ed economico- finanziaria, in caso di esito positivo il Ministero dell'Ambiente emanerà il provvedimento di ammissione all'agevolazione, dopo il quale Cassa Depositi e Prestiti chiamerà il soggetto interessato per la stipula del contratto di finanziamento. Le erogazioni saranno eseguite, sempre mediante l'applicativo web, con le seguenti modalità: - 20% del finanziamento in anticipazione se richiesta dal soggetto beneficiario; - ulteriore 50% (o 70% se non è richiesta l'anticipazione) a SAL; - restante 30% a saldo a collaudo.

14 RISORSE FINANZIARIE A DISPOSIZIONE MISURE ATTIVERISORSE Microgenerazione diffusa ,00 (SICILIA) Rinnovabili ,00 (SICILIA) Usi finali ,00 (SICILIA) Motori elettrici ,00 (ITALIA) Protossido di azoto ,00 (ITALIA) Ricerca e sviluppo ,00 (ITALIA) Gestione forestale sostenibile ,00 (ITALIA)

15 IMPORTANTE! Tali agevolazioni sono compatibili con le seguenti specifiche normative: - agevolazioni de minimis: fino a ,00 in 3 anni; - certificati verdi; - Conto Energia; - Energia Termica.

16 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prevedono lerogazione di contributi a fondo perduto alle imprese che intendono investire in: 1. Progetti dinvestimento per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori (ad esempio: nuovi macchinari, attrezzature e DPI – dispositivi di protezione individuale – in grado di ridurre il rischio di infortuni e malattia professionale) 2. Progetti ispirati alla responsabilità sociale delle imprese aperte a soluzioni innovative ed a strumenti di natura organizzativa (certificazioni).

17 QUALI PROGETTI DI INVESTIMENTO? a)A) Ristrutturazione o modifica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro; b)B) Installazione e/o sostituzione di macchine, dispositivi e/o attrezzature c)C) Modifiche del layout produttivo d)D) Interventi relativi alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio (es. esposizione ad agenti biologici, sostanze pericolose, agenti chimici, cancerogeni e mutageni, vibrazioni)

18 A QUANTO AMMONTA LAGEVOLAZIONE? L'incentivo è costituito da un contributo in conto capitale nella misura del 50% dei costi del progetto. Il contributo è compreso tra un minimo di 5.000,00 ed un massimo di ,00. Per la richiesta di contributi superiori a ,00 può essere richiesta un'anticipazione del 50%. Le agevolazioni dovranno comunque rimanere nei limiti della c.d. de minimis, consistenti in contributi a tal titolo dellimporto di ,00 in tre anni (con leccezione dei settori agricolo e pesca/acquacoltura, per i quali tale limite è rispettivamente di 7.500,00 e ,00).

19 LA PROCEDURA Dal 28/12/2011 al 07/03/2012 le imprese, previa registrazione sul sito, avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà linserimento della domanda, con la possibilità di effettuare tutte le simulazioni e modifiche necessarie, allo scopo di verificare che i parametri associati alle caratteristiche dellimpresa e del progetto siano tali da determinare il raggiungimento del punteggio minimo di ammissibilità, pari a 105 (punteggio soglia). Tale punteggio soglia è determinato da diversi parametri: dimensione aziendale, rischiosità dell'attività di impresa, numero di destinatari, finalità ed efficacia dell'intervento, con un bonus in caso di collaborazione con le Parti sociali nella realizzazione dell'intervento.

20 Al termine dell'inserimento della domanda nella procedura informatica, le imprese, la cui domanda salvata abbia raggiunto il punteggio soglia, riceveranno un codice che identificherà in maniera univoca la domanda. Le domande inserite, alle quali è stato attribuito il codice identificativo, ormai salvate e non più modificabili, potranno essere inoltrate on- line; la data e lora di apertura e di chiusura dello sportello informatico per linoltro delle domande saranno pubblicate sul sito a partire dal 14 marzo 2012.www.inail.it Lelenco in ordine cronologico di tutte le domande inoltrate sarà pubblicato sul sito INAIL, con evidenza di quelle collocatesi in posizione utile per lammissibilità del contributo, ovvero fino alla capienza della dotazione finanziaria complessiva. Entro i 30 giorni successivi alla comunicazione di ammissibilità l'impresa deve trasmettere alla Sede INAIL competente tutta la documentazione prevista, utilizzando la Posta Elettronica Certificata.

21 RISORSE FINANZIARIE A DISPOSIZIONE PER LA SICILIA ,00 Suscettibile di adeguamento a conclusione delle procedure di autovalutazione entro il 07/03/2012.

22 GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE!


Scaricare ppt "IL FONDO ROTATIVO DI KYOTO E GLI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE Ordine degli Ingegneri – Ragusa 16 febbraio 2012 Dott. Giuseppe La Rosa."

Presentazioni simili


Annunci Google