La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sabato 21 Marzo 2009 abbiamo visitato: Il Castello della Magione di Poggibonsi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sabato 21 Marzo 2009 abbiamo visitato: Il Castello della Magione di Poggibonsi."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Sabato 21 Marzo 2009 abbiamo visitato: Il Castello della Magione di Poggibonsi

4 INTRODUZIONE Il Castello della Magione di Poggibonsi risale al secolo XI. Il 5 Settembre 1140 venne donato da Gottifredo e da Arnolfino Cristofani, eredi dei fondatori, ai Monaci dellAbbazia di San Michele a Poggio Marturi, i quali lo affidarono ai Cavalieri del Tempio, diventando così una delle numerose Mansiones o Domus Templi sulla via Francigena. Nel 1312 lOrdine del Tempio fu soppresso e la Magione passò agli Ospedalieri. Il Castello, degradato e ridotto a podere, è passato nelle mani di diversi proprietari, tra cui i Principi Corsini; il 20 Gennaio 1979 fu acquistato da S.E. dom. Marcello A. Cristofani della Magione (attuale Gran Maestro) che lo donò alla Milizia del Tempio – Ordine dei poveri Cavalieri di Cristo, quale dotazione patrimoniale della sede Magistrale, la quale dette inizio al difficile restauro dellintero complesso.

5 Il castello, sorge sulla riva destra del torrente Staggia, in corrispondenza dell'antico ponte di Bonizio, a circa tre chilometri dal centro di Poggibonsi.

6

7 Conserva evidentissimi i segni della sua origine romanica. Dall'esterno si possono osservare alcune parti delle fortificazioni e delle mura difensive che collegano tra loro le strutture edilizie a formare un unico insieme a pianta trapezoidale.

8 E costituito da una antica chiesa e da uno "spedale" per i pellegrini in transito sulla via Francigena.

9 La chiesa è in stile romanico ed è inserita nel complesso fortificato. E intitolata a "San Giovanni in Jerusalem".

10 La facciata è a capanna ed un tempo aveva un campanile a vela in bozze di travertino sulla cuspide.

11 Sulla facciata, sotto il campanile, si apre una monofora con stipiti a denti di sega.

12 La chiesa ha tre entrate. Questa è la porta principale che si affaccia sul cortile lato ovest. Sopra, la finestra semicircolare. A Porta chiusa, la luce filtra con notevole intensità, e praticamente, è lunica fonte di illuminazione naturale.

13 L'interno della chiesa è ad una sola navata, terminante in una piccola abside e coperta da un tetto a doppio spiovente, mascherato in un secondo momento da volte settecentesche.

14 L'altare è in pietra, ed è sorretto da blocchi squadrati che poggiano su un semplice zoccolo.

15 Il Beauceant era il vessillo dei Cavalieri Templari.

16 Prima di uscire, osserviamo che sul pavimento c'è una botola, con impressa la croce ottangolare patente dellordine. Al di sotto della chiesa e del complesso, va ricordato che esiste un sistema sotterraneo con dei vani che scendono a livello del torrente Staggia.

17 Il cortile interno del Castello, è stato dedicato a Papa Pio XII e allArcivescovo Mons. Mario J. Castellano.

18 Papa Pio XII

19 Nella fortificazione, cè compresa una piccola foresteria, che è tuttora utilizzata.

20 In occasione del 50° anniversario della Rivoluzione Ungherese, nel cortile è stata scoperta una lapide in onore del Cardinal Jòzsef Mindszenty, Principe Primate di Ungheria, martire del regime nazista e comunista.

21 Nel cortile interno, dove si affacciano le sale dell'antico Pellegrinaio ed i locali del Convento dei Cavalieri-Monaci, si ha la sensazione di rivivere in un'atmosfera di pieno Medio Evo.

22

23

24

25

26

27

28 La scalinata per l'accesso ai piani superiori dell'edificio, dove ha sede la MILIZIA DEL TEMPIO.

29

30 Il minuscolo ingresso, curato nei dettagli, ci introduce alla Milizia del Tempio

31

32 Le sale sono sobrie ed eleganti.

33

34 Dettagli che aiutano a comprendere lambiente dove ci troviamo.

35

36

37 Salendo questa scala, si accede ad una piccola, ma fornitissima biblioteca...

38

39 Tra fascino e mistero, il Gran Maestro, ci illustra un quadro ricevuto in dono. Che pare sia di origine seicentesca…

40 La gita al Castello della Magione è terminata. Abbiamo trascorso una mattinata fuori dal comune e molto interessante. La nostra guida, nonché Gran Maestro della Milizia del Tempio e cerimoniere del luogo, ci ha dato soddisfazione fino in ultimo, come solo un personaggio di questo rango sa fare.

41 Conclusione: Un doveroso e grande ringraziamento al Conte Marcello Alberto Cristofani della Magione, Gran Maestro della Milizia del Tempio – Ordine dei poveri Cavalieri di Cristo. Con modi gentili e sapienti, ci ha raccontato la storia di questo luogo e concesso di visitare tutte le parti del Castello, comprese quelle non aperte al pubblico.

42 Grazie per lattenzione. Montaggio e realizzazione a cura di Umberto Panti. Le immagini sono di mia proprietà e ne conservo tutti i diritti di legge. Per commenti, concessioni,rettifiche o quantaltro, scrivere a: FINE Altre presentazioni su


Scaricare ppt "Sabato 21 Marzo 2009 abbiamo visitato: Il Castello della Magione di Poggibonsi."

Presentazioni simili


Annunci Google