La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Realizzazione di un circuito idraulico con accumulo idro-pneumatico per il recupero dell'energia cinetica dei veicoli Candidato ALBERTO BONU Relatore PROF.ING.PIER.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Realizzazione di un circuito idraulico con accumulo idro-pneumatico per il recupero dell'energia cinetica dei veicoli Candidato ALBERTO BONU Relatore PROF.ING.PIER."— Transcript della presentazione:

1 Realizzazione di un circuito idraulico con accumulo idro-pneumatico per il recupero dell'energia cinetica dei veicoli Candidato ALBERTO BONU Relatore PROF.ING.PIER PAOLO PUDDU

2 Sistemi HLA ( Hydraulic Launch Assist )

3

4

5

6 Schema dellimpianto

7 Gestione dellimpianto

8

9

10

11

12

13 Trasmissione idropneumatica E caratterizzata dallutilizzo di due fluidi GAS AZOTO LIQUIDO OLIO Proprietà dellazoto Proprietà dellolio Gas inerte Ottime proprietà termodinamiche Ha un costo ridotto Essendo un gas è in grado di accumulare grandi quantità di energia Svolge la funzione di spinta Trasmissione delle forze in gioco anche a distanze non indifferenti Occupa volumi molto ridotti rispetto ai gas Responsabile della trasmissione idrostatica

14 Valutazioni prestazionali ed economiche Energia specifica Può variare in un intervallo compreso fra 0.6 e 3.6 Wh /kg a seconda del materiale utilizzato per gli accumulatori Potenza specifica Potenza specifica Sono dellordine dei sistemi tradizionali dotati di un sistema di trasmissione meccanico Efficienza del sistema 70÷90 % in riferimento al sistema complessivo; fondamentale la stima del rendimento degli accumulatori che dipende sia dal grado di isolamento che dalla frequenza dei cicli di carica/scarica (95%); il rendimento delle unità idrauliche (80÷96%) è in continua ascesa per il continuo progresso delle tecnologie di industrializzazione Vita utile E stimata in base a 10 5 di cicli in dipendenza dalla vita utile delle macchine idrauliche (componente più critico).Essa è variabile in funzione alle pressioni e dai regimi di lavoro. Tradotta in tempo la vita utile è dellordine di qualche decennio Costi Per quanto riguarda i costi,si stima una costo aggiuntivo dellordine del 20-40% ammortizzabile nel giro di 2.5 anni circa grazie al risparmio di combustibile e minore manutenzione dei freni meccanici. Il valore del costo aggiuntivo è in continua diminuzione in quanto migliorano i rendimenti delle macchine idrauliche,diminuisce il loro costo perché si raggiungono grazie alle tecnologie pressioni massime sempre più alte e questo comporta una riduzione delle dimensioni dei componenti e inoltre dobbiamo tenere conto della continua ascesa del prezzo del petrolio Sicurezza I rischi sono praticamente inesistenti. Si potrebbe pensare ad una esplosione degli accumulatori ma questo non può accader grazie allinstallazione di valvole di sicurezza automatiche,inoltre gli accumulatori sono realizzati con materiali ad elevata resistenza

15 Dimensionamento del circuito Scelta del veicolo Il veicolo deve essere scelto opportunamente. Il sistema HLA deve essere applicato a un veicolo che effettua nel corso della sua vita frequenti cicli di fermate come può essere un autobus di città,inoltre i tragitti percorsi devono essere mediamente pianeggianti, diversamente la convenienza di questa applicazione viene a scadere. Valutazione dellenergia dissipata

16 In base a queste considerazioni sono state realizzate come già accennato, delle sperimentazioni per differenti cicli cinematici e dinamici su un veicolo da trasporto urbano (Pollicino 35P della IVECO). Gli esperimenti sono stati realizzati su diverse tratte di percorrenza con il rilevamento dei parametri fondamentali quali la coppia e la velocità angolare a valle del cambio e simulazioni al computer con lausilio del software ADVISOR (Vehicle Advanced Simulator) al fine di analizzare landamento della potenza in funzione dellenergia accumulabile. Dalle analisi fatte in base alle diverse condizioni cinematiche e di carico, si sono ottenuti dei diagrammi che mettono in relazione lenergia recuperata in funzione della coppia come mostrato nel diagramma indicativo della figura:

17 Ottimizzazione dellenergia di accumulo Facciamo alcune considerazioni sullenergia immagazzinabile. E=P 1 V 2 f Risulta dunque che a parità di P1 e V2 lenergia è massima quando è massimo il coefficiente f Se ipotizziamo ad esempio una trasformazione adiabatica,per lazoto risulta: m=1.4 quindi N = f = = N m = Questo valore rappresenta dunque il valore del rapporto di compressione ottimale per avere la massima energia accumulabile fissati: Pressione massima : essa viene stabilita in base ai limiti imposti dalle attuali tecnologie Volume del serbatoio di accumulo : viene scelto sullanalisi di diversi fattori,quali peso,ingombro etc.

18

19

20

21

22

23

24

25

26 Unità idrostatica Unità idrostatica Eaton® Heavy Duty Series 2 Variable Displacement Closed Circuit Piston Pumps Basandoci sulle prerogative che contraddistinguono la totalità delle macchine idrauliche si può affermare che per la specifica applicazione mobile le unità idrostatiche a pistoni assiali sono quelle che meglio rispondono alle caratteristiche richieste Proprietà Elevate pressioni raggiungibili Possibilità di reversibilità del flusso Facilità di regolazione Elevati regimi di rotazione Buone proprietà di durata e rumorosità Macchina molto compatta Caratteristiche tecniche Cilindrata : 54 cm 3 / giro Portata massima : 235 litri / min Coppia massima in ingresso : 218 Nm

27

28

29

30 Accumulatori Accumulatori HP a sacca della FOX Esso è stato collaudato per resistere ad una pressione pari a 1.5 volte la pressione massima indicata sullo stesso Accumulatore non sottoposto alla pressione del fluido dellimpianto Accumulatore sottoposto alla condizione di minima pressione dellimpianto. Questa condizione deve essere sempre verificata per evitare che la sacca o la membrana subiscano unusura precoce, dovuta al ripetuto sfregamento con la superficie del corpo in metallo ad ogni ciclo di lavoro. Per questo motivo è fondamentale che il valore della pressione minima del fluido nellimpianto sia sempre superiore del 10% rispetto alla precarica dazoto. Accumulatore nella condizione di pressione massima dellimpianto. In questo caso ci troviamo nella condizione in cui è presente la massima quantità di fluido accumulabile

31 Inverter Il compito dellinverter è quello di supplire in qualche modo alla rigidezza da parte della rete pubblica,infatti ci sono carichi che richiedono tensioni e frequenze diverse da quelle normalmente fornite Linverter deve essere supportato da un convertitore statico che ha il compito di trasformare la corrente alternata della rete in corrente continua per alimentare linverter il quale poi la ritrasforma in corrente alternata richiesta dal carico I condensatori servono per limitare le oscillazioni di tensione in uscita dal raddrizzatore stabilizzando la tensione in ingresso allinverter

32 Il motore elettrico Il motore elettrico Motore asincrono HDP ad elevate prestazioni dinamiche Sono equipaggiati di serie con un trasduttore di posizione di tipo encoder che forniscono treni di impulsi ad onde quadre. Di serie viene montato un encoder HTL incrementale,1024 impulsi/giro,tensione di alimentazione 10/30 Vdc Dati principali di targa P n = 20,9 kW n = 1500 rpm max = 2250 rpm V n = 400 V

33 Conclusioni Grazie ad un sofisticato sistema di acquisizione di dati sarà possibile fare diverse sperimentazioni sul banco prova al fine di valutare quelle che sono le prestazioni dellunità idrostatica come il rendimento nelle due configurazioni di funzionamento pompa e motore,rendimenti volumetrici durante cicli parziali o completi al variare dei parametri principali come velocità angolare dellunità idrostatica e valore del coefficiente di regolazione della cilindrata. Le sperimentazioni verranno fatte in regime dinamico poiché si avrà a che fare con un P variabile. Tale sistema potrebbe essere idoneo anche per macchinari industriali,caratterizzati da forti inerzie i quali hanno dei componenti che partono da fermi, accelerano,rallentano e si fermano, come grosse piallatrici. Un ipotetica applicazione su macchinari industriali,che abbiano movimenti alternati di questo, tipo sui quali sia possibile montare un sistema di recupero, sarebbe lideale perché in questi casi la cinematica e la dinamica di funzionamento si conosce in partenza e in dettaglio per cui è possibile dimensionare con estrema precisione e quindi ottenere i migliori rendimenti,valutare in partenza ad esempio i costi e i loro tempi di ammortizzamento.


Scaricare ppt "Realizzazione di un circuito idraulico con accumulo idro-pneumatico per il recupero dell'energia cinetica dei veicoli Candidato ALBERTO BONU Relatore PROF.ING.PIER."

Presentazioni simili


Annunci Google