La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ALCIDE DE GASPERI TRENTINO NELLIMPERO AUSTRO-UNGARICO E NEL REGNO DITALIA 1902 -1925.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ALCIDE DE GASPERI TRENTINO NELLIMPERO AUSTRO-UNGARICO E NEL REGNO DITALIA 1902 -1925."— Transcript della presentazione:

1 ALCIDE DE GASPERI TRENTINO NELLIMPERO AUSTRO-UNGARICO E NEL REGNO DITALIA

2 Classe IV Liceo socio-psico-pedagogico Prof. Elena Sordo Anno scolastico

3 P RESENTAZIONE DEL LAVORO Il nostro lavoro riguarda il periodo che va dal 1902 al 1925 Abbiamo preso in considerazione lattività di De Gasperi: allinterno del Partito popolare trentino ( e la battaglia contro il tentativo della partito nazionalista tedesco, Volksbund, di germanizzare il Trentino) in qualità di deputato trentino al Parlamento austriaco (impegnato nella difesa dellautonomia del Trentino, per la tutela della sua economia e dei profughi della prima guerra ) In qualità di deputato del Partito popolare italiano (P.P.I.) al Parlamento italiano ( impegnato nella soluzione dei problemi riguardanti l annessione del Trentino allItalia e nella battaglia per lautonomia)

4 N OTE BIOGRAFICHE aprile, nasce a Pieve Tesino da Amedeo De Gasperi e Maria Morandini – si iscrive alla facoltà di lettere e filosofia dellUniversità di Vienna a Vienna agitazioni sul problema dellUniversità italiana, De Gasperi viene arrestato e tenuto in carcere venti giorni luglio, consegue la laurea in filologia moderna presso lUniversità di Vienna. 1 settembre - è nominato dal vescovo di Trento direttore de La voce cattolica luglio, viene eletto deputato, con i popolari, al Parlamento di Vienna, per il collegio di Fiemme, Fassa, Primiero e Civezzano 1915 – marzo, incontra a Roma il ministro degli Esteri italiano Sonnino 1920 – aprile, al II°congresso del PPI è eletto nel Consiglio nazionale e successivamente entra a far parte del partito maggio, è eletto deputato al Parlamento di Roma, dove è nominato capogruppo parlamentare del PPI

5 a Borgo Valsugana sposa Francesca Romani 1923 – aprile, al IV°congresso popolare sostiene la necessità di collaborare con il governo Mussolini Viene nominato segretario del PPI 1925 – dà le dimissioni da direttore de Il nuovo Trentino si dimette da segretario del partito viene arrestato alla stazione di Firenze con laccusa di tentato espatrio clandestino, per espresso ordine di Mussolini viene condotto a Roma nel carcere di Regina Coeli e in seguito processato e condannato a quattro anni, ridotti in appello a due anni e sei mesi 1928 – luglio, la domanda di grazia viene accettata – marzo, viene assunto alla Biblioteca Vaticana , Collabora all Illustrazione vaticana quale commentatore di politica internazionale settembre, partecipa, a Milano, alla riunione che sancisce la nascita in clandestinità della Democrazia Cristiana

6 al secondo governo Bonomi partecipa come ministro degli Esteri luglio, viene nominato segretario politico della Democrazia Cristiana dicembre, diventa Presidente del Consiglio guidando un governo che rappresenta i sei partiti antifascisti (esarchia) 1946 – aprile, lascia la segreteria del partito 2 giugno, è eletto deputato per il collegio di Trento,13 luglio- forma il suo II° ministero Compie un viaggio negli Stati Uniti, dà vita al suo III° ministero 10 febbraio,viene firmato il trattato di pace. 31 maggio, IV° governo De Gasperi – V° governo De Gasperi VI° governo De Gasperi; a Londra viene firmato lo statuto del Consiglio dEuropa – VII° governo De Gasperi; partecipa a Parigi alla fondazione della Comunità Europea del carbone e dell Acciaio

7 1952 –a Parigi sottoscrive laccordo per la nascita della Comunità Europea di Difesa; dopo difficile e tumultuosa lotta il Parlamento approva la proposta democristiana di una modifica della legge elettorale., la cosidetta legge truffa (2/3 dei seggi a chi ottiene il 50% dei voti); 26 settembre, VIII° ed ultimo governo De Gasperi; ma non ottiene la fiducia della Camera agosto, muore a Sella di Valsugana.

8 U NIONE POLITICA POPOLARE - P ARTITO POPOLARE TRENTINO Si ispira alla Rerum Novarum di Leone XIII (1891) Si propone di difendere gli interessi di tutte le classi non legandosi a nessuna in particolare. Invita tutto il popolo trentino a partecipare alla vita politica Condanna il tentativo di instaurare anche in Austria, una politica antireligiosa verso il cristianesimo nella famiglia, nella scuola, nelle istruzioni pubbliche.

9 Si batte per lintegrità nazionale del Trentino e la conservazione del patrimonio linguistico e dello spirito nazionale del popolo. Chiede unautonomia amministrativa, il risanamento delle finanze comunali con contributi dello Stato e della Provincia, lo sviluppo della viabilità trascurata e della rete ferroviaria, lo sviluppo dellagricoltura e dellindustria, la regolarizzazione dellemigrazione e la tutela dellemigrante. Difende la Fede dei nostri padri e la libertà della Chiesa volendo che lo Stato e la vita pubblica siano informati ai principi del cristianesimo. Ritiene che tutte le nazioni siano eguali Si batte per il suffragio universale maschile e femminile

10 Ritiene necessarie L assicurazione per tutti i cittadini La riduzione del servizio militare da 3 anni a 2. La diminuzione degli esercizi con le armi e delle manovre. Più larghe esenzioni dal servizio militare, in base alle condizioni di famiglia. Energiche misure contro il maltrattamento dei soldati Indennizzi di via ai riservisti poveri. La concessione da fissare per legge dei permessi al tempo del raccolto. Da: Quello che vogliamo da Il Trentino,15 maggio 1906 Discorso di De Gasperi allUnione politica popolare da Il Trentino, 7 febbraio 1907

11 E LEZIONI 1908 Il socialismo è da combattersi ad oltranza senza tregua in quanto negazione del cristianesimo, della giustizia cristiana e dell ordine civile. Da: Le elezioni Il Trentino, 3 febbraio 1908

12 IL PANGERMANESIMO DEL VOLKSBUND I giornali di Innsbruk sono zeppi di relazioni sulle feste natalizie, sugli alberi di Natale piantati dal Volksbund in Valsugana e sulle alture di Folgaria. Pochi uomini servendosi della stampa creano nelle città del Tirolo la convinzione che sia possibile la germanizzazione di quel territorio che la geografia ufficiale chiama parte italiana della provincia da : Il Natale degli Invasori Il Trentino, 8 gennaio 1907

13 Lattività di germanizzazione del Volksbund mira alla distruzione dellintegrità nazionale del Trentino soffocando ogni speranza di autonomia amministrativa Il Trentino ai trentini, fuori gli stranieri ad ogni uno il suo! Da : La difesa nazionale, Il Trentino, 8 maggio 1906

14 LA TRIPLICE ALLEANZA Triplice alleanza (1882, Germania - Austria - Italia) non è mai stata popolare tra la popolazione Italiana, scrive De Gasperi su Il Trentino il 5 maggio 1909 Il rapporto tra Austria e Italia è basato sulla diffidenza reciproca

15 Il 7 maggio scrive: ….noi siamo triplicisti. Che cosa potrebbe sperare il Trentino nellipotesi di un mancato rinnovamento della Triplice e della conseguente inimicizia dellAustria con il vicino regno? Niente di buono certamente. Unazione militare alle condizioni presenti sarebbe una follia Da : Il Trentino, 5 maggio,1909; Il Ttrentino, 7 maggio 1909;

16 DISCORSO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI DI VIENNA 13 ottobre1911 o I gravi disagi derivati dal carovita colpiscono città e villaggi, in particolare la periferia dell Impero. o In Trentino lattuale politica doganale impedisce di acquistare la carne e il grano a prezzo migliore dalla vicina Italia, mentre si è costretti a importare questi generi alimentari per la via più lunga, dallUngheria e dai Balcani. o noi chiediamo al governo un intervento particolare di emergenza per mitigare la miseria più grave, affinché la nostra classe di contadini non sia costretta a ingrossare ulteriormente il flusso di emigranti purtroppo già grande abbastanza

17 DISCORSO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI DI VIENNA 25 ottobre1911 Intervento nellambito del dibattito sul disegno di legge del Governo austriaco riguardante listituzione di unautonoma facoltà di giurisprudenza in lingua italiana a Vienna E indegno per lo Stato austriaco, afferma De Gasperi, che una parte dei suoi studenti sia costretta recarsi allestero per studiare; in questo modo solo i figli dei borghesi possono dedicarsi agli studi grazie alla loro disponibilità finanziaria

18 LA GUERRA È SCOPPIATA 28 giugno 1914, a Sarajevo vengono uccisi Francesco Ferdinando, erede al trono austriaco, e sua moglie; trenta giorni dopo lAustria dichiara guerra alla Serbia. Inizia la 1a guerra mondiale. Su Il Trentino, il 3 agosto 1914, De Gasperi invita a mantenere la calma e non creare false notizie allarmistiche, i cui propagatori potrebbero essere puniti penalmente Il 6 agosto, scrive: ledificio eretto faticosamente con sottili accorgimenti, con ipocrisie e con intenzioni oneste dalla diplomazia europea per scongiurare gli orrori della guerra, è sorpreso da una scintilla balenata dimprovviso, sgretola e sinabissa, nellincendio divoratore E questa …. lora di Dio

19 La negazione di Dio, scrive su Il Trentino il 12 agosto 1914, sembrava essere il più notevole fatto morale della civiltà moderna Ma bastò un grido di guerra, bastò lo scatenarsi di antiche e sopite cupidigie, bastò che malgrado tutto la vita dei popoli fosse affidata al trionfo della forza, perché leguaglianza e la fratellanza apparissero un mito; perché intere nazioni si lanciassero luna contro laltra rinnovando le gesta di una barbarie rediva. (…) invocando Dio pubblicamente per ogni cosa Eterno vincitore (…) contro i sofismi che promettono tutto e tolgono Dio, che è tutto, quando nulla più rimane.

20 DISCORSO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI DI VIENNA 12 giugno 1917 e 12 luglio1917 De Gasperi, membro del Comitato centrale per la sorveglianza della sorte dei profughi dal 1915, a nome dei deputati italiani del Trentino, presenta al capo del Governo austriaco un interpellanza per chiedere lapertura di un inchiesta sul trattamento riservato ai profughi trentini

21 De Gasperi illustra le condizioni dei profughi : Prima e dopo lo scoppio della guerra continue deportazioni improvvise e non giustificate di uomini, donne, minorati fisici e bambini di ogni età e stato sociale Condizioni di viaggio disumane, privati di cibo e servizi igienici verso una destinazione ignota Campi di concentramento non preparati allaccoglienza: baraccamenti privi di ogni comodità e diretti da funzionari non allaltezza Trattamenti spesso violenti, torture e suicidi Difficoltà di comunicazione con la famiglia Controlli ferrei anche dopo la liberazione dai campi

22 I profughi privati dei diritti Vietato loro costituire comitati Vitto insufficiente Lunico aspetto positivo lincremento dellassistenza privata, cioè solidarietà umana e cristiana Tutta lopera di assistenza grava sui sacerdoti che condividono le stesse condizioni di vita dei profughi

23 Alla riapertura del Parlamento nel 1917 seguì la nascita del Comitato Parlamentare dei Profughi che fece approvare i seguenti provvedimenti: 1. Diritto ad una sovvenzione 2. Libertà di scegliere la propria dimora 3. Diritto ad una rappresentanza Essenziale fu lintervento dei deputati trentini

24 Grazie al Comitato dei profughi lamministrazione passò dalle autorità distrettuali allo Stato: si ottennero miglioramenti come ospedali, asili e nuovi lavori Fu creato il settimanale Bollettino dei Profughi fu creata una commissione per il regolare rimpatrio dei profughi

25 LASSEGNAZIONE DEI DANNI DI GUERRA E LA SITUAZIONE NELLE ZONE DEVASTATE De Gasperi propone di costituire un consorzio di tutti i comuni per garantire le anticipazioni che verranno assegnate ai privati o agli enti della zona danneggiata. Scrive: Comuni e province del Trentino reclamano la loro autonomia, domandano cioè di non venire assorbiti dallamministrazione burocratica statale centralizzatrice da: Il nuovo Trentino, 22 aprile 1919

26 richiama lattenzione del Governo italiano sulla gravità della situazione nelle terre devastate nellimminenza della stagione invernale e sollecita i provvedimenti la cui necessità e urgenza non ammette discussione. A proposito delle voci intorno ad una lotteria per raccogliere fondi per le zone devastate scrive: Ma, sinceramente, che una Stato come lItalia, il quale anche nella situazione presente gode largo credito nel mondo e nelle sue risorse stabili può trovare dei mezzi sicuri per raggiungere lequilibrio del suo bilancio, deva ricorrere per uno scopo così importante, alla fortuna più o meno incerta di una lotteria, come ultimamente si è parlato, non ci pare il modo migliore per la dignità nazionale. Da: Denari occorrono, non studi. Lurgenza dei provvedimenti per la zona devastata da Il nuovo Trentino, 25 settembre 1919

27 NELLIMMINENZA DELLANNESSIONE AL REGNO DITALIA rappresentanza provinciale e autonomia locale Convocazione dei comizi elettorali basati sul suffragio universale, esteso anche alle donne, per eleggere un Consiglio provinciale che abbia le competenze della ex Dieta Accordo tra Governo e Consiglio provinciale per ladattamento della legislazione Istituzione di un comitato di ricostruzione per le zone devastate Attuazione da parte del Governo dei programmi per i lavori pubblici La Consulta trentina chiede lelezione di una Rappresentanza provinciale che, mantenendo le autonomie locali, regoli assieme al Governo lamministrazione del Paese. da Il nuovo Trentino, 8 giugno 1919

28 IL MERCATO DEI VINI TRENTINI ALLA FINE DELLA GUERRA o Su Il nuovo Trentino il 19 settembre 1919 De Gasperi richiama lattenzione sulla ripresa molto difficoltosa del mercato dei vini in Trentino o Nota che in Alsazia -Lorena (territori ceduti dalla Germani alla Francia) invece lesportazione di merci verso la Germania è avviata. o Quindi scrive:..noi ci chiediamo perché, noi italiani delle terre redente, non ci troviamo nella stessa situazione…

29 o Riguardo la crisi dei vini le cause sono molteplici(soprattutto per le condizioni del cambio), ma la causa principale sta nella mancanza di una disposizione precisa riguardo a questo nel trattato di Saint Germain, ove fra il resto troveremo anche ben altre omissioni. Questo accadde perché nessun rappresentante del Paese, politico,tecnico, commerciale, agricoltore, venne chiamato dal Governo a Parigi e di conseguenza non vi era nessuna commissione qualificata che preparava e studiava le clausole del trattato. Non si è mai potuti arrivare ad una reciproca collaborazione sul terreno della difesa dei nostri interessi, resta solo lamarezza per il criterio totalmente non democratico utilizzato in questi casi.

30 Su Il nuovo Trentino, il 24 aprile 1920, a proposito dellintenzione del Governo italiano di dividere la regione in due province si dichiara offeso perché i trentini non sono stati interpellati, infatti il Governo e il Trono si sono accordati soltanto con la parte tedesca. E il modo ancor moffende da Il nuovo Trentino, 24 aprile 1920

31 IL PRIMO DISCORSO AL PARLAMENTO ITALIANO 24 giugno1921 Dopo aver dichiarato che: i deputati trentini devono avere devozione e riconoscimento nei confronti della patria. Il loro compito, infatti, è quello di costruire una frontiera morale e politico-sociale che possa difendere da nuove invasioni e guerre.

32 De Gasperi chiede: La ricostituzione delle autonomie locali nelle nuove province per assicurare una possibile convivenza con diverse nazionalità sulla frontiera settentrionale. Una rappresentanza provinciale o regionale con poteri amministrativi, regolamentari e legislativi. Che il Comune, nella sua gestione amministrativa, sia del tutto indipendente dagli organi statali ed il controllo venga esercitato dalla giunta provinciale elettiva. La riforma della burocrazia con un passaggio graduale da unamministrazione allaltra. la tutela delle minoranze italiane e della stirpe ladina, permettendone la libertà di sviluppo. Il rinnovo del sistema elettorale introducendo il suffragio universale.

33 Osserva che il raggiungimento pieno degli obiettivi e il trionfo della nazione italiana avverrà nel momento in cui l Italia avrà saputo anche assimilare, assorbire, asservire ai suoi scopi le forme materiali della cultura austriaca. De Gasperi invita il Governo italiano a fare uno studio comparativo : …bisognerà pur sapere afferma per quali ragioni, ad esempio, avviene che alla stazione di Trento, mentre prima agli sportelli dei biglietti vi erano tre impiegati, oggi ve ne sono dodici, malgrado il numero dei biglietti sia diminuito. E occorre altresì non dimenticare che, per eseguire certe serie di operazioni postali italiane, fu calcolato esattamente, mediante esperimento, che col sistema austriaco si impiega due ore e col sistema italiano otto ore e un quarto.

34 Lo stesso si dica per le ambulanze postali. Quando io vedo che un ufficio postale, che è capolinea di dieci stazioni, per fare il servizio dei dispacci-lettere spende col sistema austriaco 10 mila lire annue e col sistema italiano 87 mila lire annue, mi domando se non sia giusto che studiamo e vediamo se si possa arrivare a risparmiare tanto spago, tante buste e tanta ceralacca di cui fa tanto spreco lamministrazione italiana.

35 DISCORSO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma, 22 dicembre 1921 De Gasperi presenta una proposta per la serena convivenza delle etnie italiana e tedesca allinterno del Trentino Ritiene assurdo pretendere che l attuale generazione tedesca, molto contraria allannessione allItalia, dimostri sentimenti italiani che non può avere Si può pretendere però che le nuove generazioni di tedeschi non vengano educate allodio contro lItalia Propone di mandare un commissario speciale nella zona tedesca perché possa risolvere eventuali conflitti Le problematiche socio-economiche del Trentino Camera dei Deputati, 22 dicembre 1921

36 De Gasperi richiama lattenzione sulla grande confusione amministrativa causata dallimpossibilità di sapere chi deve assumere la responsabilità: Il decreto del 22 luglio 1920 assegna il potere ai Commissari generali, il decreto del 14 agosto 1920 assegna il potere al Presidente del Consiglio e al capo dellUfficio centrale nelle province. Vi è quindi un contrasto di competenze che non porta a nessun utile risultato. DISCORSO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma, 20 marzo 1922 Lamministrazione delle nuove province

37 Urgente lelezione delle diete provinciali e la definizione delle loro competenze Urgente prendere provvedimenti per la zona mista, in cui sono presenti tedeschi e italiani La gestione amministrativa delle nuove province Camera dei Deputati, 20 marzo 1922

38 IL PARTITO FASCISTA E LE AUTONOMIE o Dopo le aggressioni degli squadristi fascisti a Bolzano e le dichiarazioni riportate dal quotidiano fascista Il Popolo, che chiedono labolizione dellautonomia sia provinciale che comunale, De Gasperi su Il nuovo Trentino chiarisce che lautonomia che il Trentino chiede è autonomia amministrativa e non politica. o Ciò che si chiede, scrive, è un decentramento amministrativo con maggiore libertà di gestione da parte degli enti locali …..ma…in seguito a cattiva gestione, il governo, a cui spetta sempre il diritto di intervenire a tutela della legge, ha il mezzo di far prevalere le sue direttive. da: ll nuovo Trentino, 3 ottobre 1922

39 LAMMINISTRAZIONE DELLE AUTONOMIE LOCALI o Su Il nuovo Trentino il 25 ottobre 1922 De Gasperi osserva che riguardo allamministrazione delle autonomie locali nel Governo italiano prevale la logica meccanica di un accentramento burocratico o Contrariamente a quanto avviene in Alsazia-Lorena dove il governo ha capito limportanza di non imporre precipitosamente lassimilazione. o …senza discussioni, senza ragionamenti, ….si chiede il conformismo….tutto è male quel che viene dal sistema austriaco, tutto è bene quello che 50 anni fa è stato introdotto in Italia dalla Francia, attraverso il Piemonte. Da : Laria che tira Il nuovo Trentino, 25 ottobre 1922

40 Grazie dellattenzione IV liceo socio-psico-pedagogico e Prof. Elena Sordo


Scaricare ppt "ALCIDE DE GASPERI TRENTINO NELLIMPERO AUSTRO-UNGARICO E NEL REGNO DITALIA 1902 -1925."

Presentazioni simili


Annunci Google