La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il potere dei principi: una prospettiva storica Capitolo Primo © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il potere dei principi: una prospettiva storica Capitolo Primo © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi,"— Transcript della presentazione:

1 Il potere dei principi: una prospettiva storica Capitolo Primo © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

2 Lobiettivo del libro… … individuare i principi economici generali della strategia dimpresa… I principi possono aiutare i manager ad ottenere miglioramenti immediati adattando la strategia dellimpresa allambiente economico nel quale essa agisce. Le condizioni cambiano nel corso del tempo, a volte in modo graduale altre in modo repentino. Munito di una serie di principi generali, il manager può adeguare con successo la strategia economica della propria impresa a un ambiente in continua trasformazione. … e una breve analisi storica lo dimostrerà. © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

3 Fare business nel 1840 Aziende di piccole dimensioni e organizzazione informale Assenza di moderne infrastrutture Trasporti: lo sviluppo delle ferrovie rimpiazza i carri trainati dai cavalli e il trasporto fluviale. Comunicazioni: i limiti del servizio postale pubblico e lavvento del telegrafo, ancora troppo caro e rischioso per le piccole imprese dellepoca. Finanza: lassenza di infrastrutture finanziarie e la conseguente impossibilità di procurarsi il capitale per investire in progetti più ampi ( I858: nasce il primo mercato dei futures per ridurre il rischio di fluttuazione dei prezzi ). Tecnologia di produzione: lassenza di innovazione tecnologica. Stato: il governo degli Stati Uniti inizia ad essere più attivamente coinvolto nel mondo degli affari solo a fine Ottocento ( 1887: nasce la Commissione Interstatale del Commercio. 1890: viene promulgato lo Sherman Antitrust Act). © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

4 Fare business nel 1910 Levoluzione delle infrastrutture e della tecnologia determina la rapida evoluzione del mercato Si sviluppano tecnologie di produzione di massa. Si producono beni a costi più bassi, ma solo una produzione sufficientemente rilevante determina lespansione della capacita produttiva economicamente efficace. Combinazione di economie di scala e volumi di produzione: costi inferiori per il consumatore. Verso lintegrazione verticale e orizzontale. Laumento della complessità delle operazioni di multi-produzione impone la diffusione dellorganizzazione multi-settoriale o M-form. Limpiego di più persone in operazioni più complesse e interconnesse: la Gestione scientifica del lavoro (Frederick W. Taylor). Nasce il manager di professione. © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

5 Le condizioni dellattività economica nel 1910… Tecnologia di produzione: diffusione dei processi di produzione di massa (lesempio di Henry Ford) e della tecnologia di produzione management services. Trasporti: le ferrovie dominano il mondo dei trasporti passeggeri e merci, viaggiare diventa più rapido, sicuro e affidabile. Comunicazioni: nel 1876 viene inventato il telefono, nel 1883 AT&T fonde le compagnie telefoniche locali in una compagnia nazionale in grado di mettere in contatto un numero maggiore di persone e Il telefono sostituisce il telegrafo come tecnologia preferita per le comunicazioni. Finanza: sistematizzazione e circolazione delle informazioni sul credito, disponibilità del credito rateale e sviluppo delle infrastrutture per le comunicazioni determinano lo sviluppo di infrastrutture finanziarie. Elaborazione di metodi di contabilità più raffinati e trasparenti (1886: nasce l American Association of Public Accountants ). Stato: aumenta lattività di regolamentazione e lo Stato diventa cliente e partner dellindustria soprattutto attraverso le spese militari e nellattività edilizia. © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

6 Fare business oggi Il declino delle gigantesche imprese integrate verticalmente: dopo la seconda guerra mondiale aumenta la diversificazione … … le imprese vengono gestite come holding, lasciando le decisioni strategiche e operative alle singole business unit. Negli anni Sessanta tendono alla deconglomerazione, focalizzandosi sui mercati centrali dimpresa e promuovendo i collegamenti tra le singole unita daffari. Oggi la strategia di diversificazione prende la forma di alleanze strategiche e joint venture, fusioni e acquisizioni: i manager devono saper gestire la catena globale di fornitura. Il superamento della M-form: complesse strutture a matrice o semplificazione della gerarchia interne mantenendo il controllo sul design dei prodotti e sul marchio, ma hanno decentrato molte altre funzioni. © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

7 Le moderne infrastrutture: crescere linterdipendenza dei mercati locali e ha accentuato i costi dei fallimenti infrastrutturali… Trasporti: la rivoluzione dellautomobile e laumento del traffico aereo. Migliora il coordinamento dei trasporti via aria, terra e mare e maggiore diventa laffidabilità del trasporto sulle lunghe distanze. Comunicazioni: lo sviluppo delle moderne tecnologie e la possibilità della simultanea trasmissione e ricezione di un gran quantitativo di complesse informazioni a grandi distanze, creando il mercato globale. Finanza: la deregolamentazione dei servizi finanziari degli anni Settanta e Ottanta cambia il ruolo del settore finanziario nelle infrastrutture economiche. La pronta disponibilità di grossi fondi di investimento favorisce fusioni e acquisizioni (M&A). Tecnologia di produzione: linformatizzazione della progettazione e della produzione. Stato: Aumento la regolamentazione governativa in risposta alla Grande Depressione. Vengono conclusi trattati e accordi intergovernativi per favorire lo sviluppo di grandi bacini commerciali per il libero scambio, come ad esempio il NAFTA o la Comunita Europea. © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

8 Le infrastrutture nei mercati emergenti… … il processo della privatizzazione dei Gaizhi in Cina © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013

9 Tre differenti universi: La coerenza dei principi economici, come cambiano le condizioni e le strategie di adattamento Una strategia di successo risulta dallapplicare linee di principio coerenti in un contesto in cui le condizioni dellambiente economico cambiano continuamente. Le condizioni di mercato e le infrastrutture condizionano il modo di gestire gli affari e le scelte strategiche che i manager possono fare. Osservare i principi non significa applicare delle semplici ricette, ma piuttosto un intreccio di relazioni comportamentali ed economiche che si confrontano con unampia varietà di fatti. Organizzare lo studio della strategia intorno ai principi permette di comprendere perché certe strategie, certe pratiche relative gli affari o certe strutture organizzative sono appropriate in certe condizioni mentre in altre non lo sono. Se questi principi vengono applicati con giudizio, i manager potranno aumentare le possibilità di successo adattando le strategie aziendali allambiente in cui competono. © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi, 2013


Scaricare ppt "Il potere dei principi: una prospettiva storica Capitolo Primo © Besanko, Dranove, Shanley, Schaefer, Economia dellindustria e strategie dimpresa, Isedi,"

Presentazioni simili


Annunci Google