La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Convegno di studi organizzato dalla Mathesis e dal Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche della Facoltà di Economia Università degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Convegno di studi organizzato dalla Mathesis e dal Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche della Facoltà di Economia Università degli."— Transcript della presentazione:

1 Convegno di studi organizzato dalla Mathesis e dal Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche della Facoltà di Economia Università degli Studi di Foggia IL RIODINO DELLA SCUOLA SUPERIORE E LE INIZIATIVE A FAVORE DELLAPPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

2 LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA NEI NUOVI LICEI. Le indicazioni nazionali a cura di: a cura di: Carmen Talia Foggia 29 Ottobre 2010

3 La riforma Gelmini nella Scuola Secondaria Dal 1° Settembre 2010 è entrata in vigore nella Scuola Secondaria la Riforma Gelmini ma, sarà a pieno regime solo nella.s Le novità principali riguardano l'introduzione di due nuovi licei (Scienze Umane e Musicale e Coreutico) e l'ampliamento del Liceo Artistico. Gli indirizzi e le sperimentazioni sono state ridotte da più di 750 a 20 per riportare chiarezza, mentre gli istituti tecnici sono stati a loro volta riformati per soddisfare le esigenze del mondo del lavoro e per mettersi al passo con le richieste del mondo delle industrie. L'insegnamento della lingua inglese è stato reso obbligatorio per tutto il quinquennio, e l'insegnamento delle materie scientifiche è stato potenziato, ma solo in alcuni indirizzi. Dal 1° Settembre 2010 è entrata in vigore nella Scuola Secondaria la Riforma Gelmini ma, sarà a pieno regime solo nella.s Le novità principali riguardano l'introduzione di due nuovi licei (Scienze Umane e Musicale e Coreutico) e l'ampliamento del Liceo Artistico. Gli indirizzi e le sperimentazioni sono state ridotte da più di 750 a 20 per riportare chiarezza, mentre gli istituti tecnici sono stati a loro volta riformati per soddisfare le esigenze del mondo del lavoro e per mettersi al passo con le richieste del mondo delle industrie. L'insegnamento della lingua inglese è stato reso obbligatorio per tutto il quinquennio, e l'insegnamento delle materie scientifiche è stato potenziato, ma solo in alcuni indirizzi.

4 Il calo occupazionale Conseguenza della riforma è un drastico taglio delle ore di insegnamento per quasi tutte le discipline e quindi del numero dei docenti in servizio. Tutto ciò preoccupa il mondo della scuola ed è causa dello stato di agitazione attualmente in corso. Tutto ciò preoccupa il mondo della scuola ed è causa dello stato di agitazione attualmente in corso.

5 I licei nati dalla conversione degli istituti magistrali (liceo socio-psico-pedagogico, liceo delle scienze sociali) confluiscono nel nuovo liceo delle scienze umane, che comprende due indirizzi, uno tradizionale, dove si studierà anche il latino, e uno economico-sociale, che prevede lo studio di una seconda lingua straniera anziché del latino e il potenziamento di diritto ed economia. Gli indirizzi del vecchio liceo artistico e dell'istituto d'arte confluiscono nel nuovo liceo artistico, che prevede un primo biennio unitario e sei diversi indirizzi nel secondo biennio e nell'ultimo anno. I licei musicali e quelli coreutici sono stati unificati nel liceo musicale e coreutico che presenta due sezioni, una musicale e una coreutica.

6 In tutti i licei riformati si studierà una prima lingua straniera per tre ore la settimana dal primo al quinto anno; nel Liceo delle scienze umane - Opzione Economico-sociale si studierà anche una seconda lingua straniera; la seconda lingua straniera potrà essere introdotta negli altri licei facendo ricorso all'autonomia dei singoli istituti.

7 CLIL Content and Language Integrated Learning N.B. È previsto linsegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nellarea delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nellarea degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

8 Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento. Le Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei rappresentano la declinazione disciplinare del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione dei percorsi liceali. Il Profilo e le Indicazioni costituiscono, dunque, lintelaiatura sulla quale le istituzioni scolastiche disegnano il proprio Piano dellofferta formativa, i docenti costruiscono i propri percorsi didattici e gli studenti raggiungono gli obiettivi di apprendimento e maturano le competenze proprie dellistruzione liceale e delle sue articolazioni

9 Le indicazioni per gli OSA Le Indicazioni nazionali sono state calibrate tenendo conto delle strategie suggerite nelle sedi europee ai fini della costruzione della società della conoscenza, dei quadri di riferimento delle indagini nazionali e internazionali e dei loro risultati[1], stabilendo di volta in volta le possibili connessioni interdisciplinari, elencando i nuclei fondamentali di ciascuna disciplina e cercando di intervenire sulle lacune denunciate dalle rilevazioni sugli apprendimenti nonché dalle rilevazioni sulle conoscenze in ingresso delle matricole compiute dalle università e sui livelli attesi, in ingresso, dalle istituzioni dellAlta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM). [1] [ 1][ 1] Si tratta delle rilevazioni OCSE PISA (competenze in lettura, matematica e scienze per i quindicenni); IEA TIMSS ADVANCED (matematica e scienze allultimo anno delle superiori), INVALSI (prova nazionale di italiano e di matematica nellesame di stato al termine del primo ciclo, rilevazioni degli apprendimenti in italiano e matematica in II e V primaria). [ 1]

10 I profili Il Profilo chiama innanzitutto in causa il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti del lavoro scolastico: lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica; la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari; lesercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici e di interpretazione di opere darte; luso costante del laboratorio per linsegnamento delle discipline scientifiche; la pratica dellargomentazione e del confronto; la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale; luso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca. Si tratta di aspetti puntualmente richiamati nel testo delle Indicazioni, che sottolineano, innovandoli, i capisaldi della tradizione degli studi liceali.

11 Il Profilo indica inoltre i risultati di apprendimento comuni allistruzione liceale, divisi nelle cinque aree (metodologica; logico-argomentativa; linguistica e comunicativa; storico umanistica; scientifica, matematica e tecnologica) e, infine, descrive i risultati peculiari a ciascun percorso liceale. Si tratta in parte di risultati trasversali, cui concorrono le diverse discipline, che chiamano in causa la capacità progettuale del corpo docente e costituiscono lideale intelaiatura dei singoli Piani dellOfferta Formativa.

12 I risultati di apprendimento per l I risultati di apprendimento per l Area scientifica, matematica e tecnologica Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le procedure tipiche del pensiero matematico, conoscere i contenuti fondamentali delle teorie che sono alla base della descrizione matematica della realtà.

13 Possedere i contenuti fondamentali delle scienze fisiche e delle scienze naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia), padroneggiandone le procedure e i metodi di indagine propri, anche per potersi orientare nel campo delle scienze applicate.

14 Essere in grado di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e di approfondimento; comprendere la valenza metodologica dellinformatica nella formalizzazione e modellizzazione dei processi complessi e nellindividuazione di procedimenti risolutivi.

15 Gli obiettivi fondamentali Costituiscono dunque gli obiettivi fondamentali che le Istituzioni scolastiche sono chiamate non solo a raggiungere, ma ad arricchire in base alla propria storia, al collegamento col territorio, alle proprie eccellenze e alle professionalità presenti nel corpo docente, anche attraverso il pieno utilizzo degli strumenti previsti dal Regolamento di revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei: la quota dei piani di studio rimessa alle singole istituzioni scolastiche; leventuale costituzione dei dipartimenti e del comitato scientifico(laddove non ci fossero); lattivazione di attività e insegnamenti facoltativi;

16 i percorsi attivabili a partire dal secondo biennio anche dintesa con le università, con le istituzioni dellalta formazione artistica, musicale e coreutica e con quelle ove si realizzano i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore ed i percorsi degli istituti tecnici superiori, finalizzati allapprofondimento delle conoscenze, delle abilità e delle competenze richieste per laccesso ai relativi corsi di studio e per linserimento nel mondo del lavoro, approfondimento che può essere realizzato anche nellambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, nonché attraverso lattivazione di moduli e di iniziative di studio-lavoro per progetti, di esperienze pratiche e di tirocinio[1]. [1] [1] Schema di regolamento recante Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei ai sensi dellarticolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, articolo 2, comma 7 e articolo 10. [1]

17 Come recita appunto il Profilo, sono la progettazione delle istituzioni scolastiche, attraverso il confronto tra le componenti della comunità educante, il territorio, le reti formali e informali, che trova il suo naturale sbocco nel Piano dellofferta formativa; la libertà dellinsegnante e la sua capacità di adottare metodologie adeguate alle classi e ai singoli studenti ad essere decisive ai fini del successo formativo.

18 La certificazione per lassolvimento dellobbligo Tale scelta è stata recentemente avvalorata dalla scheda per la certificazione dellassolvimento dellobbligo (Decreto Ministeriale n.9, 27 gennaio 2010), in cui si chiede di esprimere una valutazione rispetto al livello raggiunto in 16 competenze di base articolate secondo i 4 assi culturali, ma non sulle 8 competenze di cittadinanza (1. imparare ad imparare; 2. progettare; 3. comunicare; 4. collaborare e partecipare; 5. agire in modo autonomo e responsabile; 6. risolvere i problemi; 7. individuare collegamenti e relazioni; 8. acquisire ed interpretare linformazione).

19 Ciò vale anche per due altri ambiti, sui quali appare opportuno soffermarsi: Lacquisizione delle competenze digitali, come peraltro sottolineato dal Profilo è, certo, tema sviluppato nel primo biennio di ciascun percorso allinterno della disciplina Matematica. Ma è, al contempo, frutto del lavoro sul campo in tutte le discipline. Lutilizzo delle TIC, infatti, è strumentale al miglioramento del lavoro in classe e come supporto allo studio, alla verifica, alla ricerca, al recupero e agli approfondimenti personali degli studenti. Lacquisizione delle competenze digitali, come peraltro sottolineato dal Profilo è, certo, tema sviluppato nel primo biennio di ciascun percorso allinterno della disciplina Matematica. Ma è, al contempo, frutto del lavoro sul campo in tutte le discipline. Lutilizzo delle TIC, infatti, è strumentale al miglioramento del lavoro in classe e come supporto allo studio, alla verifica, alla ricerca, al recupero e agli approfondimenti personali degli studenti. Lacquisizione delle competenze relative a Cittadinanza e Costituzione che investe globalmente il percorso scolastico Lacquisizione delle competenze relative a Cittadinanza e Costituzione che investe globalmente il percorso scolastico

20 Gli obiettivi specifici di apprendimento per la Matematica Al termine del percorso didattico lo studente avrà approfondito i procedimenti caratteristici del pensiero matematico (definizioni, dimostrazioni, generalizzazioni, formalizzazioni), conoscerà le metodologie elementari per la costruzione di modelli matematici in casi molto semplici ma istruttivi, e saprà utilizzare strumenti informatici di rappresentazione geometrica e di calcolo.

21 Nel liceo classico unattenzione particolare sarà posta alle relazioni tra pensiero matematico e pensiero filosofico; nel liceo linguistico, al ruolo dellespressione linguistica nel ragionamento matematico; nel liceo musicale e coreutico, al ruolo delle strutture matematiche nel linguaggio musicale; nel liceo delle scienze umane, a una visione critica del ruolo della modellizzazione matematica nellanalisi dei processi sociali.

22 Gli strumenti informatici oggi disponibili offrono contesti idonei per rappresentare e manipolare oggetti matematici. L'insegnamento della matematica offre numerose occasioni per acquisire familiarità con tali strumenti e per comprenderne il valore metodologico. Il percorso, quando ciò si rivelerà opportuno, favorirà luso di questi strumenti, anche in vista del loro uso per il trattamento dei dati nelle altre discipline scientifiche. Luso degli strumenti informatici è una risorsa importante che sarà introdotta in modo critico, senza creare lillusione che essa sia un mezzo automatico di risoluzione di problemi e senza compromettere la necessaria acquisizione di capacità di calcolo mentale.

23 Lampio spettro dei contenuti che saranno affrontati dallo studente richiederà che linsegnante sia consapevole della necessità di un buon impiego del tempo disponibile. Ferma restando limportanza dellacquisizione delle tecniche, verranno evitate dispersioni in tecnicismi ripetitivi o casistiche sterili che non contribuiscono in modo significativo alla comprensione dei problemi. L'approfondimento degli aspetti tecnici, in questi licei, sarà strettamente funzionale alla comprensione in profondità degli aspetti concettuali della disciplina. Lindicazione principale è: pochi concetti e metodi fondamentali, acquisiti in profondità.

24 I criteri costitutivi delle indicazioni 1.Lesplicitazione dei nuclei fondanti e dei contenuti imprescindibili. Intorno ad essi, il legislatore individua il patrimonio culturale condiviso, il fondamento comune del sapere che la scuola ha il compito di trasmettere alle nuove generazioni, affinché lo possano padroneggiare e reinterpretare alla luce delle sfide sempre nuove lanciate dalla contemporaneità, lasciando nel contempo allautonomia dei docenti e dei singoli istituti ampi margini di integrazione e, tutta intera, la libertà di poter progettare percorsi scolastici innovativi e di qualità, senza imposizioni di metodi o di ricette didattiche. Ciò ha comportato la rinuncia ai cataloghi onnicomprensivi ed enciclopedici dei programmi tradizionali.

25 2.La rivendicazione di una unitarietà della conoscenza, senza alcuna separazione tra nozione e sua traduzione in abilità, e la conseguente rinuncia ad ogni tassonomia. Conoscere non è un processo meccanico, implica la scoperta di qualcosa che entra nellorizzonte di senso della persona che vede, si accorge, prova, verifica, per capire. Non è (non è mai stata) la scuola del nozionismo a poter essere considerata una buona scuola. Ma è la scuola della conoscenza a fornire gli strumenti atti a consentire a ciascun cittadino di munirsi della cassetta degli attrezzi e ad offrirgli la possibilità di sceglierli e utilizzarli nella realizzazione del proprio progetto di vita.

26 3. Lenfasi sulla necessità di costruire, attraverso il dialogo tra le diverse discipline, un profilo coerente e unitario dei processi culturali. Se progettare percorsi di effettiva intersezione tra le materie sarà compito della programmazione collegiale dei dipartimenti disciplinari e dei consigli di classe, le Indicazioni sottolineano tuttavia i punti fondamentali di convergenza, i momenti storici e i nodi concettuali che richiedono lintervento congiunto di più discipline per essere compresi nella loro reale portata

27 4. La competenza linguistica nelluso dellitaliano come responsabilità condivisa e obiettivo trasversale comune a tutte le discipline, senza esclusione alcuna. La padronanza dei lessici specifici, la comprensione di testi a livello crescente di complessità, la capacità di esprimersi ed argomentare in forma corretta e in modo efficace sono infatti competenze che le Indicazioni propongono come obiettivo di tutti.

28 5. La possibilità di essere periodicamente riviste e adattate, alla luce dei monitoraggi e delle valutazioni effettuati secondo quanto prescritto dallarticolo 12 del Regolamento dei Licei[1 ] [1 ][1 ] [1][1] Schema di regolamento recante Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei ai sensi dellarticolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, articolo 12 (Monitoraggio e valutazione di sistema): 1. I percorsi dei licei sono oggetto di costante monitoraggio e valutazione. A tal fine, il Ministro dellistruzione, delluniversità e della ricerca può avvalersi dellassistenza tecnica dellAgenzia nazionale per lo sviluppo dellautonomia scolastica (ANSAS) e dellIstituto nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (INVALSI). 2. Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e di formazione per il sistema dei licei nonché le Indicazioni di cui allarticolo 13, comma 10, lettera a) sono aggiornati periodicamente in relazione agli sviluppi culturali emergenti nonché alle esigenze espresse dalle università, dalle istituzioni dellalta formazione artistica, musicale e coreutica e dal mondo del lavoro e delle professioni. 3. Il raggiungimento, da parte degli studenti, degli obiettivi specifici di apprendimento previsti dalle Indicazioni nazionali di cui allarticolo 13, comma 10, lettera a) è oggetto di valutazione periodica da parte dellIstituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (INVALSI). Lo stesso Istituto cura la pubblicazione degli esiti della valutazione. Il Ministro dellistruzione, delluniversità e della ricerca ogni tre anni presenta al Parlamento un rapporto avente ad oggetto i risultati del monitoraggio e della valutazione. [1]

29 Quale Didattica? Le Indicazioni non dettano alcun modello didattico- pedagogico. Ciò significa favorire la sperimentazione e lo scambio di esperienze metodologiche, valorizzare il ruolo dei docenti e delle autonomie scolastiche nella loro libera progettazione e negare diritto di cittadinanza, in questo delicatissimo ambito, a qualunque tentativo di prescrittivismo. La libertà del docente dunque si esplica non solo nellarricchimento di quanto previsto nelle Indicazioni, in ragione dei percorsi che riterrà più proficuo mettere in particolare rilievo e della specificità dei singoli indirizzi liceali, ma nella scelta delle strategie e delle metodologie più appropriate, la cui validità è testimoniata non dallapplicazione di qualsivoglia procedura, ma dal successo educativo.

30 La valutazione Criteri essenziali per una valutazione di qualità sono: la finalità formativa; la finalità formativa; la validità, lattendibilità, laccuratezza, la trasparenza e lequità; la validità, lattendibilità, laccuratezza, la trasparenza e lequità; la coerenza con gli obiettivi di apprendimento previsti dai piani di studio; la coerenza con gli obiettivi di apprendimento previsti dai piani di studio; la considerazione sia dei processi di apprendimento sia dei loro esiti; la considerazione sia dei processi di apprendimento sia dei loro esiti; il rigore metodologico nelle procedure; il rigore metodologico nelle procedure; la valenza informativa. la valenza informativa.

31 Le indicazioni operative per l'a.s c.m. del 9/11/2010 In della circolare si ribadisce che gli scrutini relativi alle classi terminali si svolgeranno secondo le consuete modalità nel rispetto nelle norme vigenti in materia di valutazione degli alunni. Analogamente, si svolgeranno con le consuete modalità gli scrutini relativi alle classi seconda, terza e quarta dei percorsi liceali di ordinamento o sperimentali. Per quanto riguarda le classi seconda, terza e quarta degli istituti tecnici, coinvolte nell'attuazione delle note disposizioni sulla ridefinizione dell'orario complessivo delle lezioni, si richiama l'attenzione sulla circostanza che l'intervento riduttivo si intende limitato alle sole ore di lezione e, pertanto, non si estende agli ordinamenti, che rimangono invariati.

32 Per quanto riguarda la valutazione degli alunni frequentanti le prime classi dei percorsi del nuovo ordinamento, nelle more della già citata revisione e integrazione del decreto del Presidente della Repubblica n. 122/2009, si fa presente che, ove sia possibile ricondurre, sotto il profilo sostanziale, gli insegnamenti ivi previsti agli insegnamenti impartiti nei corrispondenti previgenti curricoli delle istituzioni scolastiche (ordinamentali o, se del caso, sperimentali), le istituzioni scolastiche si atterranno, per la individuazione delle prove relative agli insegnamenti da valutare, negli scrutini periodici, alle indicazioni riportate nei decreti istitutivi dei percorsi ordinamentali o, se del caso, sperimentali del previgente ordinamento.

33 Le esperienze realizzate dalle scuole in materia di valutazione, anche per effetto delle norme introdotte dalla legge 10 dicembre 1997, n. 425 e successive modifiche ed integrazioni, hanno permesso di affinare la cultura della valutazione e di arricchire il patrimonio delle tipologie di verifica degli apprendimenti. Le esperienze realizzate dalle scuole in materia di valutazione, anche per effetto delle norme introdotte dalla legge 10 dicembre 1997, n. 425 e successive modifiche ed integrazioni, hanno permesso di affinare la cultura della valutazione e di arricchire il patrimonio delle tipologie di verifica degli apprendimenti.

34 Nella terza prova scritta possono essere coinvolte discipline che non prevedono la valutazione dello scritto. Nelle classi sperimentali la seconda prova scritta può vertere anche su disciplina o discipline per le quali il relativo piano degli studi non preveda la prova scritta. Le citate Indicazioni nazionali e Linee guida prescrivono il raggiungimento di risultati di apprendimento variamente articolati.

35 Le istituzioni scolastiche sono pertanto tenute a verificare, con idonee ed adeguate procedure, i risultati conseguiti dagli studenti su più versanti all'interno del medesimo insegnamento. Si ritiene perciò che, relativamente agli insegnamenti a una sola prova, in rapporto alla specificità e alla varietà dei risultati di apprendimento attesi, le istituzioni scolastiche siano tenute ad individuare le tipologie di verifica degli apprendimenti finalizzate alla valutazione periodica e finale. Le citate tipologie possono prevedere, per esempio, forme scritte anche nel caso di insegnamento a sola prova orale.

36 Le aspettative dei Docenti di Matematica Le aspettative dei docenti di Matematica non hanno trovato riscontro nella Riforma. Anni di sperimentazioni, di studi, di approfondimenti metodologici e didattici non hanno trovato ascolto. Un appuntamento mancato. Si auspica che alla luce dei risultati che si otterranno nei processi di monitoraggio previsti i docenti possano effettivamente esprimere i risultati delle loro esperienze e intervenire per apportare quelle variazioni che queste indicazioni promettono di poter effettuare.

37 Matrice di analisi SWOT Sovraccarico di impegni per allievi e docenti Discontinuità negli impegni e negli interessi Permanenza della dispersione scolastica Attività di formazione e confronto fra i docenti Crescita della professionalità docente Potenziamento del successo scolastico RischiOpportunità Difficoltà nel coinvolgimento degli alunni e delle famiglie Resistenza alle innovazioni Carenze strutturali e inadeguatezza tecnologica Competenze individuali maturate in percorsi di ricerca-azione Motivazioni personali Flessibilizzazione delle condizioni di apprendimento Punti di debolezzaPunti di forza

38 La matematica è un grandioso e vasto paesaggio aperto a tutti gli uomini a cui il pensare arrechi gioia, ma poco adatto a chi non ami la fatica del pensare. Immanuel Lazarus Fuchs


Scaricare ppt "Convegno di studi organizzato dalla Mathesis e dal Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche della Facoltà di Economia Università degli."

Presentazioni simili


Annunci Google