La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PROGETTO TED APPALTI E OPPORTUNITÀ COMMERCIALI IN SERBIA, CROAZIA E MONTENEGRO Unioncamere Lombardia LUDOVICO MONFORTE RESPONSABILE UFFICIO AFFARI EUROPEI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PROGETTO TED APPALTI E OPPORTUNITÀ COMMERCIALI IN SERBIA, CROAZIA E MONTENEGRO Unioncamere Lombardia LUDOVICO MONFORTE RESPONSABILE UFFICIO AFFARI EUROPEI."— Transcript della presentazione:

1 IL PROGETTO TED APPALTI E OPPORTUNITÀ COMMERCIALI IN SERBIA, CROAZIA E MONTENEGRO Unioncamere Lombardia LUDOVICO MONFORTE RESPONSABILE UFFICIO AFFARI EUROPEI – UNIONCAMERE LOMBARDIA

2 LE GARE DAPPALTO EUROPEE Le procedure e le modalità riguardanti gli appalti pubblici nellUnione Europea sono regolati dalla Direttiva 2004/18/CE del 31 marzo 2004 relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, forniture e contratti di servizio pubblico. Gli «appalti pubblici» sono contratti a titolo oneroso stipulati per iscritto tra uno o più operatori economici e una o più amministrazioni aggiudicatarie e aventi per oggetto l'esecuzione di lavori, la fornitura di prodotti o la prestazione di servizi ai sensi della presente direttiva.

3 LE GARE DAPPALTO EUROPEE Gli appalti pubblici costituiscono unenorme opportunità commerciale per le imprese: essi rappresentano il 17% del PIL europeo, per un giro daffari di circa 2 miliardi di euro lanno. A livello locale essi possono arrivare a rappresentare il 30-40% della spesa corrente. Il Progetto TED mira a supportare le imprese lombarde nellottenimento del maggior numero possibile di appalti pubblici. Ragioni strategiche: La Croazia, il cui processo di adesione era iniziato nel marzo 2003, a partire dal 1 luglio 2013, entrerà a far parte dellUnione Europea. Il volume complessivo di fondi elargiti in Croazia dal 2007 al 2012, ammonta a circa 900 milioni di euro. Nel 2013 lammontare si aggirerà intorno ai 94 milioni di euro; La Serbia ha presentato richiesta di accesso allUnione Europea nel dicembre 2009 e nel marzo 2012 il Consiglio Europeo le ha confermato lo status di candidato. Il volume dei finanziamenti relativi al periodo , ammonta a circa 1,2 miliardi di euro. Nel solo 2012 sono stati utilizzati fondi IPA per un valore di 202 milioni di euro, mentre per il 2013 lammontare è di 208 milioni di euro; Il Montenegro ha iniziato il processo di adesione alla fine del 2008 e lavviamento uffciale dei negoziati è stato intrapreso ufficialmente nel giugno Pur essendo il Paese più piccolo dellarea nel periodo ha usufruito di 200 milioni di euro, mentre per il 2013 verranno assegnati 35 milioni di euro.

4 TIPOLOGIE DI CONTRATTO Allinterno della voce «appalti pubblici» troviamo 3 tipi di contratti: Gli «appalti pubblici per lavori» sono appalti pubblici aventi per oggetto l'esecuzione o, la progettazione e l'esecuzione congiunte di lavori relativi a una delle attività o di un'opera rispondente alle esigenze specificate dall'amministrazione aggiudicatarie. Gli «appalti pubblici di forniture» sono appalti pubblici diversi da quelli per lavori e hanno per oggetto lacquisto, il leasing, la locazione o lacquisto a riscatto con o senza opzione per l'acquisto, di prodotti. Gli «appalti pubblici di servizi» sono appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o di forniture avendo per oggetto la prestazione di servizi. Un appalto pubblico avente per oggetto tanto dei prodotti quanto dei servizi è considerato un contratto di servizio pubblico se il valore dei servizi in questione supera quello dei prodotti del contratto.

5 FONDI IPA (Strumento di assistenza pre-adesione allUE) Lo strumento di assistenza alla preadesione (IPA) è lo strumento finanziario del processo di preadesione allUnione europea (UE) per il periodo IPA continuerà ad esistere anche per il periodo finanziario , in questo caso assumerà la denominazione di IPA II. Lassistenza è fornita ai potenziali paesi candidati e ai paesi candidati effettivi, essa riguarda i paesi dei Balcani occidentali, la Turchia e lIslanda. Essendo uno strumento tendenzialmente flessibile, lIPA fornisce unassistenza che dipende dai progressi compiuti dai paesi beneficiari e dalle loro esigenze, secondo quanto emerge dalle valutazioni e dai documenti strategici della Commissione Europea. Lassistenza dellIPA può assumere, tra le altre, le seguenti forme: – Investimenti, appalti o sovvenzioni; – cooperazione amministrativa mediante linvio di esperti provenienti dagli Stati membri; – partecipazione a programmi o ad agenzie comunitarie; – misure di sostegno al processo di attuazione e alla gestione dei programmi comunitari;

6 APPALTI FINANZIATI CON FONDI IPA

7 IL PROGETTO TED Nonostante il mercato degli appalti costituisca unottima opportunità commerciale per le imprese, si registra una scarsa partecipazione. Da un lato ciò è dovuto alla scarsa conoscenza che le imprese hanno delle opportunità per loro disponibili. Dallaltro si registra la concreta difficoltà nella fruizione delle stesse, anche dopo averne preso coscienza. OBIETTIVI: CREARE UN PERCORSO DI AFFIANCAMENTO UNITARIO E SISTEMATICO PER LE IMPRESE METTERE A SISTEMA I SERVIZI ESISTENTI

8 LE PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE Le procedure attraverso le quali un operatore economico può presentare unofferta per laggiudicazione di un determinato contratto sono differenti: La «Procedura aperta» è una procedura in cui ogni operatore economico interessato può presentare un'offerta. Il termine minimo per la ricezione delle offerte è di 52 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara. In caso di pubblicazione di un avviso di pre-informazione, questo termine può essere ridotto a 36 giorni e comunque mai a meno di 22 giorni. La «Procedura negoziata». Le amministrazioni aggiudicatarie consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dellappalto.

9 LE PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE La procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara è giustificata nei seguenti casi: in caso di offerte irregolari presentate in esito ad un'altra procedura, purché le condizioni iniziali dellappalto non siano sostanzialmente modificate; in casi eccezionali, qualora si tratti di appalti la cui natura o i cui imprevisti non consentano una fissazione preliminare dei prezzi; nel settore dei servizi, per prestazioni di natura intellettuale che non permettano l'aggiudicazione dell'appalto secondo le norme della procedura aperta o della procedura ristretta; per lavori realizzati unicamente a scopo di ricerca o di sperimentazione. Nelle procedure negoziate con pubblicazione di un bando di gara, il termine minimo per la ricezione delle domande di partecipazione è di 37 giorni dalla data di trasmissione del bando. In caso di urgenza le amministrazioni aggiudicatarie possono fissare un termine non inferiore a 15 giorni (10 giorni se il bando è trasmesso per via elettronica). Le amministrazioni aggiudicatarie invitano, simultaneamente e per iscritto, i candidati selezionati (almeno tre) a negoziare. L'invito comprende tutti i documenti relativi allappalto e precisa il termine per la ricezione delle offerte, l'indirizzo al quale devono essere trasmesse e la lingua o le lingue in cui devono essere redatte, nonché la ponderazione relativa dei criteri di aggiudicazione dell'appalto

10 LE PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE La procedura negoziata senza pubblicazione di un bando di gara è giustificata nei seguenti casi: per qualsiasi tipo di appalto: qualora non sia stata presentata alcuna offerta in esito allesperimento di una procedura aperta o ristretta; qualora lappalto, per ragioni di natura tecnica o artistica ovvero attinenti alla tutela di diritti esclusivi, possa essere affidato unicamente a un operatore economico determinato; in caso di estrema urgenza risultante da eventi imprevedibili; per gli appalti di forniture: qualora i prodotti in questione siano fabbricati esclusivamente a scopo di ricerca e sviluppo; nel caso di consegne complementari, per un periodo massimo di tre anni, qualora il cambiamento del fornitore originario obbligherebbe l'amministrazione aggiudicataria ad acquistare materiali con caratteristiche tecniche differenti; per le forniture quotate e acquistate in una borsa di materie prime;

11 LE PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE La «Procedura ristretta» è una procedura a cui ogni operatore economico può chiedere di partecipare e in cui soltanto gli operatori economici invitati dalle amministrazioni aggiudicatarie possono presentare un'offerta. Il termine minimo per la ricezione delle domande di partecipazione è di 37 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara. Le amministrazioni aggiudicatarie invitano in seguito, simultaneamente e per iscritto, i candidati selezionati a presentare la loro offerta. I candidati devono essere almeno cinque, salvo il caso in cui non vi sia un numero sufficiente di candidati idonei allappalto. Il termine per la ricezione delle offerte è di 40 giorni dalla data di invio dell'invito. In caso di pubblicazione di un avviso di pre-informazione, questo termine può essere ridotto a 36 giorni e comunque mai a meno di 22 giorni. Eccezionalmente, in caso d'urgenza, le amministrazioni aggiudicatarie possono fissare un termine di ricezione non inferiore a 15 giorni (10 giorni se il bando è trasmesso per via elettronica) per le domande di partecipazione e a 10 giorni per le offerte.

12 LE PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE Le procedure dette di «dialogo competitivo» sono delle procedure alle quali qualsiasi operatore economico può chiedere di partecipare e in base alle quali l'amministrazione aggiudicataria avvia un dialogo con i candidati ammessi a tale procedura, al fine di elaborare una o più soluzioni atte a soddisfare le proprie esigenze, e in base alle quali i candidati selezionati sono invitati a gara. Si ricorre alla procedura del «dialogo competitivo» nei casi in cui lappalto sia considerato particolarmente complesso dalle amministrazioni aggiudicatarie sia perché queste non sono oggettivamente in grado di definire le parti tecniche sia perché non sono in grado di specificare l'impostazione giuridica e/o i contorni finanziari di un progetto. Le procedure dette di «concorsi di progettazione» sono le procedure che consentono l'amministrazione aggiudicataria di acquisire, soprattutto nel settori della pianificazione del territorio, dellarchitettura e dell'ingegneria o dell'elaborazione di dati, un piano o un progetto selezionati da una commissione giudicatrice in base ad una gara, con o senza assegnazione di premi.

13 PUBBLICAZIONE DELLE INFORMAZIONI Gli appalti pubblici, i cui importi superano le soglie della direttiva, sono soggetti a un obbligo d'informazione e di trasparenza nel corso della procedura. Questo obbligo si traduce in particolare nella pubblicazione di avvisi d'informazione, redatti secondo i modelli predisposti dalla Commissione. Si distinguono: lavviso di pre-informazione (non obbligatorio). Dopo avere inviato lavviso di pubblicazione di un avviso di pre- informazione, l'amministrazione aggiudicataria pubblica essa stessa questo avviso sul suo "profilo di committente" o lo invia all'Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee. lavviso di pubblicazione di un avviso di pre-informazione (obbligatorio), se lavviso di pre-informazione viene solo pubblicato sul sito Internet (profilo di committente) dellamministrazione aggiudicatarie;

14 PUBBLICAZIONE DELLE INFORMAZIONI il bando di gara (obbligatorio). L'amministrazione aggiudicataria può pubblicare essa stessa il bando a livello nazionale e deve inviarlo all'Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee. La pubblicazione da parte dellUPUCE è gratuita. Il bando di gara è pubblicato per esteso in una delle lingue ufficiali dell'Unione, una sintesi è pubblicata nelle altre lingue ufficiali; lavviso relativo agli appalti aggiudicati e ai risultati di un concorso (obbligatorio). Le amministrazioni aggiudicatarie informano quanto prima possibile i candidati e gli offerenti delle decisioni prese riguardo all'aggiudicazione di un appalto, anche in caso di rinuncia.

15 LE ATTIVITA PREVISTE DAL PROGETTO INFORMAZIONE E MONITORAGGIO LEurodesk di Unioncamere Lombardia si occuperà di selezionare le informazioni utili alle imprese coinvolte nel progetto. Lobiettivo è di fornire un servizio di informazione esaustivo e di facile consultazione. STEP 1 - SCHEMA RIASSUNTIVO DELLE PRIORITÀ NAZIONALI Sulla base dei Programmi Nazionali per i singoli Paesi target, verrà predisposto uno schema riassuntivo sulle priorità identificate per lanno in corso, indicando gli ambiti di intervento, i budget fissati e una previsione del periodo di pubblicazione dei singoli appalti, predisposti per implementare i piani strategici nazionali.

16

17

18 LE ATTIVITA PREVISTE DAL PROGETTO INFORMAZIONE E MONITORAGGIO STEP 2: PRIOR INFORMATION NOTICE Sulla base delle suddette priorità, verranno pubblicati gli annunci di prossima pubblicazione dei bandi (i c.d. Forecast), contenenti una prior information notice, che includono le caratteristiche principali del bando. Il tempo che intercorre tra la diffusione dei forecast e la pubblicazione del bando di gara varia in base alla tipologia del contratto ed alle sue caratteristiche, attestandosi statisticamente intorno ai 30 giorni. Tale periodo risulta fondamentale per limpresa per valutare la fattibilità e linteresse alla partecipazione al bando. UCL realizzerà una scheda sintetica della notizia, corredata dal documento ufficiale in versione integrale, la quale verrà inviata, attraverso un servizio di alert settimanale, alle imprese interessate, sulla base della classificazione settoriale, effettuata al momento delliscrizione al servizio. Infine le schede verranno pubblicate sul portale.

19

20 LE ATTIVITA PREVISTE DAL PROGETTO INFORMAZIONE E MONITORAGGIO STEP 3: ALERT ALLE IMPRESE In seguito alla pubblicazione ufficiale dei bandi di gara, UCL invierà un alert alle imprese selezionate, sulla base delle manifestazioni di interesse ai relativi forecast, con le principali caratteristiche del bando e, qualora disponibili gratuitamente, i relativi documenti necessari alla partecipazione. Qualora i documenti fossero disponibili solo previo pagamento di un fee, verranno fornite tutte le informazioni utili per ottenerli. Sul sito verrà pubblicata solo la scheda sintetica del bando pubblicato.

21

22

23

24 LE ATTIVITA PREVISTE DAL PROGETTO STEP 4 - ASSISTENZA UCL potrà fornire, anche attraverso una linea diretta, una consulenza relativa alle regole di partecipazione inerenti i bandi pubblicati, qualora i documenti fossero resi disponibili dallente aggiudicatore. Qualora fosse necessario, UCL può anche stabilire un contatto attivo con gli enti appaltanti, per ottenere maggiori delucidazioni su particolari aspetti. UCL ha siglato un accordo con Banca Popolare di Sondrio, per la valutazione dei requisiti finanziari

25 LE ATTIVITA PREVISTE DAL PROGETTO STEP 4 - ASSISTENZA VOUCHER REGIONALI A SUPPORTO DELLA PARTECIPAZIONE Si tratta di una misura di sostegno specifica (voucher) per il supporto tecnico destinato alla preparazione della manifestazione di interesse e dellofferta SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE - PROMOS Un punto fondamentale per aumentare le proprie chances di vittoria è rappresentato dallidentificazione di potenziali partner locali, attraverso un dialogo attivo con le Istituzioni presenti nei Paesi target. Il progetto prevede lorganizzazione di missioni imprenditoriali nei Paesi target, coinvolgendo tutti gli stakeholder del territorio lombardo (Regione, Associazioni di categoria, etc.), predisponendo incontri istituzionali con gli Enti Appaltanti e con le imprese locali. Infine potrebbe rivelarsi molto utile instaurare contatti diretti con Funzionari delle istituzioni internazionali, responsabili dei bandi di gara, e con Public Procurers.

26 CRITERI DI ESCLUSIONE DELLAPPALTO È escluso dalla partecipazione ad un appalto pubblico il candidato o lofferente condannato, con sentenza definitiva di cui l'amministrazione aggiudicataria è a conoscenza; per una o più delle ragioni elencate qui di seguito: partecipazione a un'organizzazione criminale corruzione frode riciclaggio dei proventi di attività illecite

27 CRITERI DI ESCLUSIONE DELLAPPALTO Inoltre, può essere escluso dalla partecipazione all'appalto ogni operatore economico: che si trovi in stato di fallimento, di liquidazione, di cessazione d'attività, di amministrazione controllata o di concordato preventivo o in ogni altra analoga situazione risultante da una procedura della stessa natura prevista da leggi e regolamenti nazionali; a carico del quale sia in corso un procedimento per la dichiarazione di fallimento, di amministrazione controllata, di liquidazione, di concordato preventivo oppure ogni altro procedimento della stessa natura; nei cui confronti sia stata pronunciata una condanna con sentenza passata in giudicato conformemente alle disposizioni di legge dello Stato, per un reato che incida sulla sua moralità professionale;

28 CRITERI DI ESCLUSIONE DELLAPPALTO nell'esercizio della propria attività professionale, abbia commesso un errore grave, accertato con qualsiasi mezzo di prova dall'amministrazione aggiudicataria; non sia in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali secondo la legislazione del paese dove è stabilito o del paese dell'amministrazione aggiudicataria; non sia in regola con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse secondo la legislazione del paese dove è stabilito o del paese dell'amministrazione aggiudicataria; si sia reso gravemente colpevole di false dichiarazioni nel fornire le informazioni che possono essere richieste a norma della presente sezione o che non abbia fornito dette informazioni.

29 CRITERI DI SELEZIONE DELLAPPALTO Loperatore economico che prende parte ad una gara dappalto deve possedere determinate capacità, dimostrando di essere in grado di sostenere leventuale affidamento del bando. La capacità economica e finanziaria dell'operatore economico può essere provata mediante idonee dichiarazioni bancarie o, se del caso, comprovata copertura assicurativa contro i rischi professionali. Le capacità tecniche degli operatori economici possono essere provate in uno o più dei seguenti modi: presentazione dell'elenco dei lavori eseguiti negli ultimi cinque anni; indicazione dei tecnici o degli organismi tecnici, che facciano o meno parte integrante dell'operatore economico, e più particolarmente di quelli responsabili del controllo della qualità. Spesso viene richiesta una garanzia della qualità. Può essere richiesta la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti, per attestare l'ottemperanza dell'operatore economico a determinate norme in materia di garanzia della qualità.

30 CRITERI DI AGGIUDICAZIONE DELLAPPALTO I criteri sui quali si basano le amministrazioni aggiudicatarie per aggiudicare gli appalti pubblici sono: il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa dal punto di vista dell'amministrazione aggiudicataria ovvero lutilizzo di diversi criteri collegati all'oggetto dell'appalto pubblico in questione, quali, ad esempio, la qualità, il prezzo, il pregio tecnico, le caratteristiche estetiche e funzionali, le caratteristiche ambientali, il costo d'utilizzazione, la redditività, il servizio successivo alla vendita e l'assistenza tecnica, la data di consegna e il termine di consegna o di esecuzione; il criterio del prezzo più basso. Di norma l'amministrazione aggiudicataria precisa, nel bando di gara o nel capitolato d'oneri, la ponderazione relativa che attribuisce a ciascuno dei criteri scelti per determinare l'offerta economicamente più vantaggiosa. Qualora l'amministrazione aggiudicataria ritenga impossibile la ponderazione per ragioni dimostrabili, indica nel bando di gara o nel capitolato d'oneri, l'ordine decrescente d'importanza dei criteri.

31 INVIO E VALUTAZIONE DELLE OFFERTE Nel fissare i termini per la ricezione delle offerte e delle domande di partecipazione le amministrazioni aggiudicatarie tengono conto, in particolare, della complessità dell'appalto e del tempo necessario per preparare le offerte, fatti salvi i termini minimi stabiliti dal presente articolo. Nelle procedure aperte, il termine minimo per la ricezione delle offerte è di 52 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara. Nelle procedure ristrette, nelle procedure negoziate con pubblicazione di un bando di gara e nel dialogo competitivo il termine minimo per la ricezione delle domande di partecipazione è di 37 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, mentre nelle procedure ristrette il termine minimo per la ricezione delle offerte è di 40 giorni dalla data dell'invio dell'invito. Nei casi in cui le amministrazioni aggiudicatarie abbiano pubblicato un avviso di pre-informazione, il termine minimo per la ricezione delle offerte può essere ridotto, di norma, a 36. Tale termine decorre dalla data di trasmissione del bando di gara nelle procedure aperte e dalla data di invio dell'invito a presentare un'offerta nelle procedure ristrette.

32 INVIO E VALUTAZIONE DELLE OFFERTE Tempo a disposizione per la presentazione dellofferta a partire dal giorno di pubblicazione del bando di gara Procedura apertaNon meno di 52 giorni Procedura ristrettaNon Meno di 36 giorni Procedura negoziataNon Meno di 36 giorni Dialogo competitivoNon Meno di 36 giorni Qualora ce ne fosse necessità è possibile richiedere informazioni supplementari ai soggetti aggiudicatari che dovranno rispondere a tutti operatori economici interessati non più tardi di 6 giorni prima della scadenza per la presentazione delle proposte. Le amministrazioni committenti che hanno aggiudicato un appalto pubblico o concluso un accordo quadro inviano un avviso in merito ai risultati della procedura di aggiudicazione entro 48 giorni dall'aggiudicazione dell'appalto o dalla conclusione dell'accordo quadro.

33 APPALTI IPA SETTEMBRE – DICEMBRE 2013 Appalti aperti: 51 Appalti previsti: 12 Tipologia dei contratti: Lavori: 45 Forniture: 13 Servizi: 5 Per Paese Croazia: 52 Serbia: 9 Montenegro: 1

34 TIPOLOGIA DI APPALTI Tipologia di appalti (Codici CPV, numero di lotti) CPVLotti 30: macchine per ufficio ed elaboratori elettronici;12 31: macchine e apparecchi, attrezzature e articoli di consumo elettrici;1 32: attrezzature per radiodiffusione, televisione, comunicazione;2 33: apparecchiature mediche, prodotti farmaceutici ;2 34: attrezzature di trasporto e prodotti ausiliari per il trasporto;8 35: attrezzature di sicurezza, antincendio, per la polizia e di difesa;1 38: attrezzature da laboratorio, ottiche e di precisione;3 39: mobili (incluso mobili da ufficio), arredamento ; 3 42: macchinari industriali ;6 43: macchine per l'industria mineraria, lo scavo di cave ;1 45: lavori di costruzione ;42 48: pacchetti software e sistemi di informazione ;2 71: servizi architettonici, di costruzione e ispezione ;4 72: servizi informatici: consulenza, sviluppo di software ;1 79: servizi per le imprese: servizi giuridici, di marketing;1 80: servizi di istruzione e formazione ;1 90: servizi fognari, di raccolta dei rifiuti ;1

35 GRAZIE PER LATTENZIONE CONTATTI: Tel:+32 (0)2 – LUDOVICO MONFORTE - RESPONSABILE UFFICIO AFFARI EUROPEI


Scaricare ppt "IL PROGETTO TED APPALTI E OPPORTUNITÀ COMMERCIALI IN SERBIA, CROAZIA E MONTENEGRO Unioncamere Lombardia LUDOVICO MONFORTE RESPONSABILE UFFICIO AFFARI EUROPEI."

Presentazioni simili


Annunci Google