La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TURISMO, CULTURA E SVILUPPO REALE: UNA CAMPANIA POSSIBILE Napoli 10 ottobre 2011 Università degli studi Suor Orsola Benincasa Convengo Mediterraneo, Mezzogiorno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TURISMO, CULTURA E SVILUPPO REALE: UNA CAMPANIA POSSIBILE Napoli 10 ottobre 2011 Università degli studi Suor Orsola Benincasa Convengo Mediterraneo, Mezzogiorno."— Transcript della presentazione:

1 TURISMO, CULTURA E SVILUPPO REALE: UNA CAMPANIA POSSIBILE Napoli 10 ottobre 2011 Università degli studi Suor Orsola Benincasa Convengo Mediterraneo, Mezzogiorno e turismo. dallillusione alla realtà Emilio Becheri

2 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 2 SOMMARIO 1. MEDITERRANEO 2. MEDITERRANEO E MEZZOGIORNO Il posizionamento delle regioni italiane Mezzogiorno: la grande illusione turistica dellItalia 3. FOCUS SULLA CAMPANIA Una regione in crisi, ma molto in crisi Una regione con grandi opportunità 4. LE PROSPETTIVE Una programmazione di sistema Cosa fanno gli altri Alcune strategie

3 MEDITERRANEO LOPZIONE A FAVORE DELL DELLA UE HA FATTODIMENTICARE CHE LITALIA È UN PAESE MEDITERRANEO (essenzialmente mediterraneo) PER RAGIONI GEOGRAFICHE STORICHE SOCIALIE E ECONOMICHE PER VOCAZIONE ASSUNTO BASE

4 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 4 CONCEZIONE RISTRETTA Le regioni bagnate dal mare mediterraneo: – FRANCIA, PACA e Corsica – SPAGNA: Catalogna, Comunità Valenciana, Murcia, Andalusia e Isole Baleari CONCEZIONE ALLARGATA Le aree di influenza – Tutta la Francia – Tutta la Spagna Canarie comprese – Tutta lItalia MEDITERRANEO

5 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 5 MEDITERRANEO RIVA NORDRIVA SUD AlbaniaAlgeria Bosnia ed ErzegovinaCipro CroaziaEgitto FranciaGiordania GreciaIsraele ItaliaLibano MaltaLibia MonacoMarocco MontenegroSiria PortogalloTunisia SerbiaTurchia Slovenia Spagna

6 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 6 QUOTE DI PRESENZE DI STRANIERI, DI RESIDENTI E TOTALI RIVA NORD E RIVA SUD anni 2000 e 2009 MOVIMENTO TOTALE 2000 = = HOTELS AND SIMILAR ESTABLISHMENTS Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

7 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 7 QUOTE DI PRESENZE DI STRANIERI, DI RESIDENTI E TOTALI RIVA NORD E RIVA SUD anno 2008 MOVIMENTO TOTALE 2000 = = ( ) 2009 = ( ) HOTELS AND SIMILAR ESTABLISHMENTS Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

8 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 8 O PRESENZE DOMESTICHE E STRANIERE Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

9 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 9 RIVA NORD E RIVA SUD DEL MEDITERRANEO TASSO DI VARIAZIONE MEDIO ANNUO PRESENZE STRANIERI ITALIANI E TOTALI HOTELS AND SIMILAR ESTABLISHMENTS Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

10 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 10 PRESENZE STRANIERE IN HOTELS & E SIMILAR ESTABLISHMENTS NEI PAESI MEDITERRANEI 2009 Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

11 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 11 Quote e variazioni percentuali medie annua delle presenze di turisti negli alberghi e nei campeggi nelle aree Med (aree del Sud) di Spagna, Italia, Francia, Grecia - Anni 2000 e CAMPEGGI e ALBERGHI Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

12 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 12 Quota di mercato fra le regioni Med (del Sud) di Italia, Francia, Spagna e Grecia. Presenze complessive negli alberghi e nei campeggi e villaggi turistici. Anno 2009 Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

13 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 13 Variazione percentuale media annua delle presenze nelle regioni mediterranee (del Sud) di Italia, Francia, Spagna e Grecia. Presenze complessive negli alberghi e nei campeggi e villaggi turistici Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano difficoltà

14 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 14 INCREMENTO PRESENZE STRANIERE IN VALORI ASSOLUTI NEI VARI PAESI MEDITERRANEI (migliaia) Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

15 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 15 VARIAZONE PERCENTUALE DELLE PRESENZE STRANIERE NEI VARI PAESI MEDITERRANEI (migliaia) Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

16 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo alberghicampeggialb + camp Quote di mercato interne Med Spagna48,645,230,934,146,744,0 Med Italia20,721,625,323,921,622,1 Med Francia17,916,134,434,623,422,3 Med Grecia99, ,4 Med Croazia93,891,699,399,195,894,5 Totale Med37,236,23535,836,836,1 Quote di mercato fra aree Med Spagna41,041,812,714,135,336,1 Med Italia17,918,822,720,718,919,2 Med Francia12,311,04745,519,318,1 Med Grecia22,522,02,02,118,317,9 Med Croazia6,36,515,617,68,28,8 Totale Med100 PRESENZE STRANIERE NELLE REGIONI MEDITERRANEE FRANCESI, SPAGNOLE, ITALIANE QUOTA DI MERCATO INTERNE E FRA AREE Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

17 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 17 TASSO DI VARIAZIONE MEDIO ANNUO DELLE PRESENZE T.v.a alberghicampeggialb + camp Med Spagna1,22,51,3 Med Italia1,501,2 Med Francia-0,50,80,1 Med Grecia0,71,80,7 Med Croazia1,42,71,9 Totale Med0,91,21 No Med Spagna30,72,6 No Med Italia0,81 No Med Francia1,10,61 No Med Grecia0,5- No Med Croazia5,55,85,5 Totale no Med1,50,81,3 Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

18 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 18 PRINCIPALE PROBLEMA: SCARSO APPEAL NON SOLO PER GLI STRANIERI MA ANCHE PER GLI ITALIANI IN GRAN PARTE QUELLO DEL MEZZOGIORNO È UN TURISMO DI PROSSIMITÀ LA PROVA DEI DATI: MEZZOGIORNO IN FORTE RITARDO Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

19 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 19 Province con la maggiore quota interna di arrivi e presenze straniere in Italia Le presenze sono concentrate in alcune aree: Taormina, Isole del Golfo e poche altre Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

20 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 20 Province con la minore quota interna di arrivi e presenze straniere in Italia Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

21 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 21 PARADOSSI DEL SUD ITALIA STAGIONALITÀ BALNEARE il Sud possiede i tre quarti delle coste italiane, ma nel 2009, considerato tutti il movimento regionale (anche quello delle zone interne e montane), ha visto la presenza di vacanzieri per km, a fronte dei del Nord Est, dei del Nord Ovest (Liguria) e dei del Centro, per una media del Centro Nord di turisti a km di costa. BENI CULTURALI E ARCHEOLOGICI POCHI ALTRI TURISMI OLTRE IL BALNEARE Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

22 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 22 LE DUE GEOGRAFIE DELLOSPITALITÀ TURISMO E SECONDE CASE (milioni di presenze) Fonte: elaborazioni da XVII Rapporto sul turismo italiano, 2009, FrancoAngeli-Mercury, 2009 MOLTIPLICATORE CAMPANIA: 3,2 Mezzogiorno: 4,6 Italia: 2,8 Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

23 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 23 FOCUS SULLA CAMPANIA Secondo le statistiche Istat la Campania è la regione più in crisi fra tutte quelle italiane – Crisi già in atto prima del problema dei rifiuti – Crisi della quale non si è avuto consapevolezza Nel contesto di crisi del Mezzogiorno Nonostante le enormi potenzialità Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

24 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 24 È IN ATTO UNA FORTE CRISI DIMMAGINE E DI TRASPARENZA (VISIBILIT ) LA CRISI DEI RIFIUTI HA NASCOSTO I PROBLEMI PERCHÈ SI È TROVATO IL CAPO ESPIATORIO AL QUALE ATTRIBUIRE TUTTE LE COLPE secondo le statistiche ufficiali già nel , rispetto al 2000, landamento del turismo della regione era il peggiore fra tutte le regioni meridionali e anche, fra tutte le regioni italiane. Ovviamente questo trend è continuato fino ad oggi Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

25 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 25 cè un problema di di validazione dei dati statistici non è possibile, ad esempio, che LEPT di Avellino non abbia rilevato, almeno fino al 2007,il numero degli arrivi e delle presenze negli esercizi complementari (campeggi, villaggi turistici,ecc) quando lo stesso ente ne promozionava i relativi depliant. perchè a fronte di un movimento in leggero calo dal 2000 ad oggi, con tassi di utilizzazione in ribasso, larea napoletana è fra le pochissime del Mezzogiorno ad attrarre investimenti

26 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 26 Il raffronto con Mezzogiorno e Puglia evidenzia la grande crisi del turismo campano: presenze nelle tre aree 2000=100 Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

27 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 27 ECONOMIA DEL TURISMO (1) La Campania è, nel 2010, una delle regioni con saldo negativo della bilancia turistica totale (-703 milioni di euro), dopo la Lombardia ( mil) e Piemonte ( ) e prima dellUmbria. Da valutare aspetti positivi e negativi … milioni milioni milioni milioni Spesa dei campani nella regione Spesa dei turisti esteri Spesa dei turisti di altre regioni italiane milioni Spesa dei turisti campani allestero Spesa dei turisti campani nelle altre regoioni milioni di euro Fonte: elaborazione CISET e IRPET Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

28 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 28 In termini di effetti ricevuti ed effetti attivati in termini di valore aggiunto turistico il saldo è positivo. In altre parole la spesa turistica delle altre regioni attiva leconomia campana più di quanto la spesa nella regione attivi le altre economie regionali. ECONOMIA DEL TURISMO (2) Fonte: elaborazione CISET e IRPET Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

29 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 29 É IMPROPRIO PARLARE DI CAMPANIA PERCHÈ NON VIENE COMMERCIALIZZATA LA REGIONE MA LE SUE GRANDI REALTÀ PUNTUALI: Ischia, Capri, la città di Napoli, Pompei, Ercolano, Paestum ecc… Non penetrano il mercato le attività di promozione istituzionale perchè sono dirette ad un mercato immaginario che non esiste: Strade del vino, Via della Magna Graecia ecc.. (internet?) La programmazione comunitaria ha avuto un carattere troppo localistico, senza strategia di fondo. Si è persa loccasione del progetto South(ern) Italy, ora abortito. Bisogna adottare una strategia darea, assumendo un ruolo leader. La cultura va saputa vendere; bastano pochi BC. Averne tanti non basta …. ALCUNE VALUTAZIONI

30 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 30 DA DOVE SI È PARTITI IL CASO DELLA SPAGNA PUNTI DI FORZA E DI DEB0LEZZA PIANO (STRATEGICO) ORIZZONTE 2020 Fonte: nostre elaborazioni

31 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 31 LE POLITICHE IN ATTO NEI PAESI MED: BENCHMARK INNOVAZIONE E QUALITÀ Francia Spagna DIVERSIFICAZIONE Grecia Portogallo Tunisia Giordania NON BENE DEFINITE Croazia Turchia Tunisia BASSI PREZZI Egitto Turchia UP MARKETPIÙ QUANTITÀ CiproMarocco ITALIA ? MEZZOGIORNO tendenza …. al turismo culturale Fonte: nostre elaborazioni

32 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 32 SPAGNAFRANCIAITALIACROAZIAGRECIA OBIETTIVI OPERATIVI Rafforzare la qualità dei prodotti turistici anche attraverso lo sviluppo delle competenze delle risorse umane; migliorare il rendimento economico; creare piani di promozione e mark. più specializzati; creare migliori condizioni per lo sviluppo turistico; cultura dell'innovazione e un nuovo sistema diffusione informazioni. Rafforzare la clientela nazionale e internazionale; migliorare i servizi turistici per aumentare la spesa procapite; implementare le iniziative dell'ANCV (associazione nazionale per i buoni vacanza); migliorare la promozione turistica e l'accessibilità. Aumentare la clientela internazionale; destagionalizzare il fenomeno particolarmente nelle regioni del Sud; favorire il turismo culturale e quello ambientale; valorizzare il made in Italy; favorire lo sviluppo del golf; valorizzare maggiormente i buoni vacanza. Ampliare la stagionalità migliorare le strutture ricettive e diffonderle attivare investimenti dall'estero spingere sui mercati di prossimità, in particolare Germania, Italia, Austria e paesi dell'Est Europa. Valorizzazione della sostenibilità ambientale. Valorizzazione dell'enogastronomia in chiave identitaria Destagionalizzare il turismo con l'implementazione di diversi prodotti turistici; incentivare la crescita di partnership tra pubblico e privato per realizzare grandi eventi; finanziamenti per aumentare il numero delle certificazioni Ecolabel; incrementare l'attività promozionale; agevolazioni fiscali per le imprese turistiche. LINEE DI INTERVENTO Prodotto, formazione, promozione e marketing, innovazione, sistema informativo, nuovo quadro economico, legislativo e fiscale Mercato, prodotto, promozione, infrastrutture, politiche sociali Formazione; gruppi consultivi; coordinamento promozione; monitoraggio; realizzazione infrastrutture; semplificazione burocrazia. Formazione promozione del marchio e delle destinazioni, promozione di rete per i singoli turismi (prodotti). Progetti di sostenibilità. Prodotto, qualità e innovazione, ambiente e sostenibilità, promozione e marketing OBIETTIVI E POLITICIHE DEI PAESI MEDITERRANEI (1) Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

33 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 33 OBIETTIVI E POLITICHE DEI PAESI MEDITERRANEI (2) EGITTOTURCHIACIPROTUNISIAMAROCCO OBIETTIVI OPERATIVI Incentivazione degli investimenti; ridurre i gap competitivi derivanti da problemi nelle infrastrutture, dalle politiche di sviluppo delle risorse umane e da quelle ambientali. Raggiungere nel 2013: (a) 36,4 miliardi di $ di entrate valutarie; (b) passare a 38,0 milioni di turisti stranieri; ( c) incrementare l'offerta di posti letto fino a 1,3 milioni, incluse le seconde case. Massimizzare i benefici socio- economici e riposizionamento dell'Isola nel panorama turistico. Incremento della promozione del territorio; Rafforzare i collegamenti aerei; migliorare la formazione nel turismo; più progetti su diversi prodotti turistici (golf; sport; cultura); modernizzare le località turistiche. Innalzare gli arrivi turistici e incrementare l'offerta di posti letto; aumento degli investimenti; nuovi posti di lavoro; attivare una crescita media del PIL dell'8,5% (fino a raggiungere un'incidenza del 20%). LINEE INTERVENTO Legislazione, infrastrutture, ambiente, formazione, prodotto, promozione. Prodotto, promozione e marketing, infrastrutture, ambiente. Qualità, ambiente, prodotto, marketing e promozione, infrastrutture. Marketing e promozione, infrastrutture, prodotto Prodotto, formazione, infrastrutture, promozione, ambiente, organizzazioni istituzionali. Fonte: XVII Rapporto sul turismo italiano

34 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 34 * il mancato e tardivo orientamento ai voli point to point e low cost che ha impedito quel rapido sviluppo che hanno visto, a partire dagli anni settanta, tutti gli altri Paesi mediterranei della Riva Nord e della Riva Sud che avevano adottato questa strategia; * la mancata realizzazione di un vero e proprio Piano di sviluppo dellarea, con lultima occasione persa in fase di programmazione delle risorse comunitarie quando era stato ipotizzato un Piano South(ern) Italy che poi non è stato accolto; * la scarsa credibilità delle statistiche fornite a livello locale, evidenti in alcuni dati contraddittori; * il sovrapporsi dei centri che a vario titolo si occupano del Mezzogiorno, senza alcuna integrazione fra loro; * limmagine negativa dellarea per i noti problemi di ordine pubblico e di gestione delle risorse, associata a forti carenze istituzionali; * con riferimento al rapporto prezzo qualità il Mezzogiorno conserva una certa competitività per il turismo domestico, mentre i prezzi sono medio alti in confronto alle altre destinazioni mediterranee ad eccezione della Francia; * dai punti finora indicati deriva anche la scarsa capacità di attrazione degli investimenti, più appetibili nelle destinazioni concorrenti. RAGIONI DELLE DIFFICOLTÀ

35 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 35 le politiche nazionali debbono recuperare lottica mediterranea in chiave di turismo culturale (scelta di tutti) realizzare politiche turistiche con unottica darea concependo il Mezzogiorno come un metadistretto per un Piano Southern Italy. azioni comuni con altre aree Med, anche della Riva Sud ( ogni turismo è sincronicamente concorrente, e diacronicamente complementare ). agire pensando che il turismo è lindustria leader tenere conto dei nuovi modelli di turismo e di come è cambiata lintermediazione da internet deriva la depaccchettizzazione delle proposte, oltre il villaggio …. trovare una proposta forte per calamitare il pubblico e portarlo fuori dalla normalità STRATEGIE

36 Suor Orsola Benincasa Napoli 10 ottobre 2011 Turismo, cultura e sviluppo 36 SEPARAZIONE FRA MERCATO REALE DEGLI OPERATORI MERCATO IMMAGINARIO DELLE ISTITUZIONI GRAZIE!


Scaricare ppt "TURISMO, CULTURA E SVILUPPO REALE: UNA CAMPANIA POSSIBILE Napoli 10 ottobre 2011 Università degli studi Suor Orsola Benincasa Convengo Mediterraneo, Mezzogiorno."

Presentazioni simili


Annunci Google