La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ESERCITAZIONE 2. 2 Quale tra quelli indicati non è un indicatore chiave delleconomia? A) la curva dei rendimenti nel mercato di borsa B) Il tasso di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ESERCITAZIONE 2. 2 Quale tra quelli indicati non è un indicatore chiave delleconomia? A) la curva dei rendimenti nel mercato di borsa B) Il tasso di."— Transcript della presentazione:

1 1 ESERCITAZIONE 2

2 2 Quale tra quelli indicati non è un indicatore chiave delleconomia? A) la curva dei rendimenti nel mercato di borsa B) Il tasso di interesse reale a lungo termine C) Il tasso di disoccupazione D) Lindice Standard and Poors 500

3 3 Risposta corretta la A La curva dei rendimenti mette in relazione landamento dei tassi di interesse a breve e a lungo termine ma non è un indicatore chiave delleconomia. Lo è invece lindice del livello del mercato azionario (S&P) che rappresenta le aspettative degli agenti circa il futuro andamento del mercato di borsa

4 4 Se si analizza il mercato di borsa A) si può affermare che il valore delle azioni nel mercato statunitense sono state pari negli ultimi 100 anni a 15 volte lutile per azione B)La curva dei rendimenti è positiva quando il tasso di interesse a breve è maggiore del tasso di interesse a lungo termine C) lindice Dow Jones è più rappresentativo dellindice Standard & Poor 500 D) nessuna delle precedenti è vera

5 5 Risposta corretta A È la regola alla quale in media si scambiano le azioni nel mercato statunitense Le altre risposte sono tutte errate. In particolar la curva dei rendimenti quando il tasso i a breve è maggiore di quello a lungo termine si parla di curva invertita (inclinazione negativa)

6 6 La differenza principale tra tasso di cambio incerto per certo e certo per incerto è A) con la definizione incerto per certo un aumento del tasso di cambio nominale implica un aumento del potere dacquisto della valuta ( Apprezzamento) B)Con la definizione incerto per certo un aumento del tasso di cambio implica una diminuzione del potere dacquisto della valuta nazionale (deprezzamento) C) con la definizione certo per incerto un aumento del tasso di cambio implica un aumento del potere dacquisto della valuta (apprezzamento) D) sono vere la B e la C)

7 7 Risposta corretta D Per le definizioni note di tasso di cambio Incerto per certo: euro/dollaro (è incerta la quantità di. Se il cambio aumenta ci vogliono + per acquistare 1$ (l si deprezza) Certo per incerto dollaro/euro. Se il tasso di cambio aumenta ci vogliono +$ per 1 e il potere dacquisto delleuro aumenta (apprezzamento)

8 8 Se si guarda al rendimento dei titoli azionari si può affermar che A) il rendimento di unazione è dato dal rapporto tra utile e prezzo dellazione B)Gli agenti scelgono di acquistare azioni anziché obbligazioni se il rendimento è uguale al tasso di interesse C) Gli agenti scelgono di acquistare azioni se il rendimento E/P< r+ D) Nessuna delle precedenti

9 9 Risposta corretta A Dalla definizione di rendimento delle azioni La B è errata perché in tal caso gli agenti sarebbero indifferenti tra i due tipi di titoli La C è errata perché in tal caso sono preferibili le obbligazioni

10 10 La legge di Okun A) esprime la relazione tra disoccupazione e inflazione B) esprime la relazione empirica tra tasso di crescita dei salari e crescita del PIL C) esprime è la relazione tra variazione percentuale del PIL reale e variazione percentuale del tasso di disoccupazione Nessuna delle precedenti

11 11 Risposta C Esistono diverse formulazioni della legge di Okun ovvero della relazione empirica stimata dalleconomista A Okun. Ma in qualsiasi modo si legga le implicazioni sono sempre le stesse e la sua definizione è:

12 12 Il tasso di crescita del rapporto K/L A)È sempre costante B) Cresce se siamo in stato stazionario C) È pari al tasso di crescita del capitale + il tasso di crescita della forza lavoro D)Cresce se cresce il risparmio delleconomia

13 13 Risposta corretta D Si ricordi che il tasso di crescita del capitale /lavoratore è pari al tasso di crescita del capitale – il tasso di crescita della forza lavoro:

14 14 Il moltiplicatore della crescita A) è dato dallelasticità delloutput rispetto al capitale B)Non opera quando leconomia è in stato stazionario C) È tanto più alto quanto maggiore è il parametro alfa D)Non esiste

15 15 Risposta corretta C Si ricordi che alfa misura i rendimenti decrescenti del capitale ed essi sono tanto più decrescenti quanto minore è il parametro alfa Si ricordi infatti che il moltiplicatore è/1-

16 16 lequilibrio di crescita bilanciata richiede A) che lintensità di capitale sia crescente B) che il rapporto capitale-prodotto sia decrescente C) che lo stock di capitale e il PIl crescano allo stesso tasso D) che il rapporto capitale prodotto sia crescente

17 17 Risposta C Per definizione di stato stazionario il rapporto capitale –prodotto deve essere costante. Questo significa che K e Y devono crescere allo stesso tasso costante

18 18 La forza lavoro e il livello della tecnologia A) non sono rilevanti per la crescita del PIl B) sono componenti della funzione di produzione dal quale si determina la crescita del PIL C) sono componenti della domanda aggregata Sono componenti dellofferta di moneta

19 19 Risposta B Si ricorda la funzione di produzione dalla quale si derivano tutti i rapporti importanti per la crescita economica:

20 20 Un incremento nel parametro E della CD significa che A) meno output per addetto può essere prodotto da ciascun valore del capitale per addetto B) il valore di K/L aumenta C) Che leconomia diventa meno produttiva D) Ogni lavoratore diventa più produttivo per ciascun valore di K/L

21 21 Risposta corretta D Il parametro E misura il progresso tecnico. Il tipo di progresso tecnico che viene utilizzato nei modelli teorici è quello che aumenta la produttività del lavoro. Infatti dalla funzione di produzione CD si ha:

22 22 Se K/L raddoppia allora Y/L raddoppia se A) Il parametro della CD è minore di 1 B) il parametro =0 C) il parametro =1 D) il raddoppio di Y/L non dipende da

23 23 Risposta corretta C rappresenta la velocità con cui si determinano rendimenti decrescenti del capitale. Se =1 i rendimenti del capitale sono costanti e quindi un raddoppio di K/L determina un raddoppio di Y/L

24 24 La condizione di equilibrio nel mercato dei fondi mutuabili è: A) entrate fiscali meno spesa di governo = esportazioni nette B) risparmio privato + risparmio pubblico - esportazioni nette = spesa di investimento C) risparmio privato + spesa per investimento –spesa di governo = esportazioni nette )D) nessuna delle precedenti

25 25 Risposa B Ricordare la condizione può essere derivata dalla seguente: (S-I) +(T-G) =NX Per cui si ha anche: S+ (T-G) –NX= I

26 26 In un regime di cambi fissi con alta mobilità dei capitali A) le politiche macroeconomiche determinano il tasso di interesse B) il tasso di cambio non è importante nel riportare leconomia alla realizzazione dellequilibrio interno ed esterno C) Gli speculatori internazionali determinano il tasso di cambio e quello di interesse D) Tutte le precedenti sono vere

27 27 Risposta corretta C Ricordando che il tasso di cambio è: = 0 - r (r-r f ) Ne risulta che in un regime di cambi fissi con perfetta mobilità di capitali r-r f =0 e quindi il tasso di cambio di equilibrio è determinato dagli speculatori sui cambi= 0

28 28 Se i salari e i prezzi sono liberamente flessibili A) la curva di Phillips sarà orizzontale B) la curva di Phillips sarà verticale C) la curva IS sarà verticale D) la curva di Phillips sarà verticale La curva LM sarà orizzontale

29 29 Risposta corretta C Si ricordi che la curva di Phillips è stata derivata come curva di offerta aggregata che ha sullasse delle ascisse anziché loutput il livello di disoccupazione. Se i prezzi sono perfettamente flessibili loutput e la disoccupazione saranno al loro livello naturale e la curva sarà verticale (simile alla AS di lungo periodo)

30 30 Quando vi sono limiti alla mobilità di capitali A) Un sistema di cambi fissi come quello di Bretton Woods non è in grado di operare B)Con cambi flessibili si hanno sempre crisi finanziarie C)La politica macroeconomica non è mai pienamente efficace D) Il tasso di cambio è determinato non solo dalle aspettative degli speculatori sui cambi ma anche dallammontare e dalla velocità con cui la BC accumula riserve valutarie

31 31 Risposta corretta D Infatti occorre ricordare che quando ci sono limitazioni alla mobilità dei capitali il tasso di cambio dipende non solo dalle aspettative degli speculatori ma anche dallammontare di riserve valutarie della BC = 0 - r (r-r f )+ R R


Scaricare ppt "1 ESERCITAZIONE 2. 2 Quale tra quelli indicati non è un indicatore chiave delleconomia? A) la curva dei rendimenti nel mercato di borsa B) Il tasso di."

Presentazioni simili


Annunci Google