La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il futuro del Mediterraneo. Studio preliminare sui rifugiati ambientali a cura di Immacolata Caruso Il Mediterraneo: uno studio e una passione 28 giugno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il futuro del Mediterraneo. Studio preliminare sui rifugiati ambientali a cura di Immacolata Caruso Il Mediterraneo: uno studio e una passione 28 giugno."— Transcript della presentazione:

1 Il futuro del Mediterraneo. Studio preliminare sui rifugiati ambientali a cura di Immacolata Caruso Il Mediterraneo: uno studio e una passione 28 giugno 2011 Università degli Studi di Bari Aldo Moro Palazzo Ateneo Salone degli Affreschi

2 Lo studio Obiettivo: offrire un contributo preliminare allanalisi dei problemi complessi relativi ai rifugiati ambientali nel Mediterraneo con lobiettivo di chiarirne, nel dibattito in corso, il quadro teorico e, al contempo, delinearne, il percorso empirico. Indagine: 1) Le variabili in gioco: terminologia e definizioni chiave sui rifugiati ambientali; i concetti di vulnerabilità, adattabilità e capacità di recupero; 2) Ambiente e mobilità nel Mediterraneo. Conclusioni: key findings in prospettiva……

3 Chi è il rifugiato ambientale? anni 70- Lester Brown, fondatore del Worldwatch Institute documento dellInternational Institute for Environment and development Rapporto redatto per lUnited Nation Development Program (UNEP) Chi é costretto ad abbandonare il suo tradizionale habitat a causa di un marcato degrado ambientale che mette a repentaglio la sua esistenza e/o influenza sensibilmente la qualità della vita (El Hinnawi 1985) 1. disastri naturali reversibili, come terremoti o cicloni, causa di migrazioni temporanee che si risolvono una volta ripristinato lhabitat. 2. forma di degrado ambientale irreversibile che, come nel caso di una graduale desertificazione, incide sullhabitat, rendendolo insufficiente a garantire la soddisfazione dei bisogni vitali di base, e provocando un flusso migratorio permanente. 3. prodotto dall intervento diretto delluomo attraverso la realizzazione di grandi opere infrastrutturali (es. la costruzione di dighe) che, alterando lhabitat, innescano anche in questo caso flussi migratori permanenti 4.conseguente a incidenti industriali o conflitti armati (Trolldalen J. M.,Birkeland N., Borgen J., Scott 1992) Criteri legati: alla causa della migrazione, situazioni di lento e progressivo declino delle condizioni ambientali oppure catastrofi acute e immediate; alla durata della migrazione, temporanea o definitiva; allorigine del degrado ambientale che può essere naturale o tecnologico, ossia prodotto dallattività umana (Bates 2002)

4 Il dibattito:obiezioni e nuovi approcci Distinzione tra categorie non facile e nella realtà alquanto imprecisa: spostamenti permanenti, dovuti, però, a cause che avrebbero richiesto solo spostamenti temporanei.; fenomeni naturali incrementati nei loro effetti o addirittura prodotti dallattività delluomo e/o dalla sua negligenza Negli studi empirici si raggruppavano le due categorie, globalmente riconosciute e condivise, di rifugiati e internally displaced persons (IDPs): Difficile valutazione delleffettiva incidenza del fenomeno ambientale sullabbandono permanente del proprio territorio incremento in modo esponenziale della dimensione quantitativa della categoria distacco dalla figura tradizionale di rifugiato (passaggio di confini internazionali) con conseguenti problemi di protezione della categoria Nessun quadro organico e omogeneo sulle reali dimensioni del fenomeno N. complessivo rifugiati ambientali nel mondo: 500 milioni di persone (Schnabel e Van Geest ); 25 milioni di persone (Myers e Kent ) Relazione multi causale alla base della mobilità umana causata dal degrado ambientale naturale e/o antropico: Migrazioni non soltanto legate a questioni ambientali ma anche a cause di natura economica, sociale, politica e problemi connessi, quali pressioni demografiche e situazioni di estrema povertà (Jacobson 1988; Myers 1995) Migrazioni forzate: assenza di volontarietà e stato di necessità (Reuveny 2005,2007; lInternational Association for the Study of Forced Migration, Christian Aid 2006,2007)

5 Human security: vulnerabilità, adattabilità, capacità di recupero Human security, un utile framework per analizzare il degrado ambientale, prevederne limpatto sui territori e sulla mobilità delle risorse umane, e gestirne, di conseguenza, i rischi e gli effetti. (Global Environmental Change and Human Security (GECHS-IHDP) Le persone sono vulnerabili ai cambiamenti degli ecosistemi in base alla loro dipendenza da tali ecosistemi per il loro sostentamento, nella misura in cui tali ecosistemi sono sensibili ai cambiamenti climatici, e secondo la loro capacità di adattarsi a questi cambiamenti. La capacità di adattamento è una funzione di accesso alle risorse economiche, alle tecnologie, alle informazioni e competenze Ladattabilità è fortemente correlata al grado di equità esistente in una determinata società, e, quindi, alla qualità della governance. In genere, i soggetti più vulnerabili ai cambiamenti climatici sono le persone e le società caratterizzate da un basso reddito, la presenza di istituzioni scarsamente o per niente efficaci, e una qualità della governance di livello medio-basso La capacità di recupero è generalmente definita come la capacità di assorbire stress, di cambiare e riorganizzarsi, ritornando al suo stato originario con la stessa struttura di base e modalità di funzionamento Tale definizione si discosta da una prospettiva puramente di crescita e di efficienza, privilegiando, invece, il recupero e la flessibilità che comprendono labilità di imparare dallo stesso stress subito In un sistema che ha la capacità di recupero il cambiamento ha il potenziale per creare opportunità di sviluppo e innovazione

6 Lo sviluppo sostenibile, lEVI e l EPI United Nations General Assembly (2005) World Summit. EVI 2005 South Pacific Applied Geoscience Commission (SOPAC), United Nations Environment Programme (UNEP) and their partners EPI (ESI ) Yale University,Columbia University, World Economic Forum Joint Research Centre of the European Commission

7 VULNERABILITÁ LEVI nei Paesi MED

8 Ambiente nel Mediterraneo Il bacino del Mediterraneo è uno dei 34 hotspot mondiali Grande biodiversità/ specifici i rischi ambientali a causa di condizioni bio-climatiche limitanti Sistemi naturali fragili ed a rigenerazione lenta Intenso processo di antropizzazione del territorio, soprattutto lungo le zone costiere Frammentazione dei sistemi naturali e comparsa di importanti processi di degrado Tra i principali fattori di tale degrado sono da annoverare gli incendi boschivi, lo sfruttamento non sostenibile delle risorse idriche, le condizioni di crisi dellagricoltura tradizionale, lallocazione delle attività economiche concentrata lungo le coste, la massiccia urbanizzazione, il turismo e lagricoltura intensivi. Nellarea MENA l89,6 % del territorio è caratterizzato da un forte degrado, localizzato per il 35,6 % nella sub regione del Mashreq, il cui territorio è quasi al 50% vulnerabile alla desertificazione In particolare, in Egitto e nei Territori Palestinesi la scarsità di territorio abitabile e di risorse idriche, aggravate da uninsostenibile densità della popolazione, esercitano una notevole pressione sul territorio dal punto di vista del deterioramento ambientale, che potrebbe intensificare la mobilità Per quanto riguarda le risorse idriche rinnovabili, solo 5 paesi nella regione MENA, ossia Iran, Iraq, Mauritania, Sudan e Turchia, sono al di sopra della soglia di stress idrico; Libano e la Siria, invece, con una dotazione pari a circa 1000 metri cubi per anno pro capite, risultano in una posizione intermedia tra la soglia di stress e quella di scarsità, mentre i rimanenti paesi sono al di sotto del limite minimo di dotazione delle risorse idriche rinnovabili già dal 2005 In molti paesi esistono potenziali o manifesti conflitti sulla gestione delle acque ( Nilo: Egitto, Sudan; Eufrate: Turchia, Iraq e Siria ; Oronte: Siria e Libano; Giordano: Israele, Giordania, Palestina)

9 I drivers non climatici del cambiamento: trend economici Decresce la quota del settore primario in tutti i paesi MED con andamenti differenziati Agricoltura/PIL =10% (Tunisia, Algeria);>20% (Albania, Siria); <5% (Francia, Spagna, Italia, Malta o Israele). forza lavoro: 50% in Albania, tra 1/3 e 1/4 in Marocco, Egitto, Tunisia e Siria, < del 4% in Francia Settore della pesca:tra il 1980 e il % delle imbarcazioni,+16% della pesca, stock pesantemente colpiti nella capacità di riproduzione Il settore secondario tende a rimanere relativamente presente nelle economie mediterranee, ma dietro il terziario in termini di peso economico con andamenti differenziati Contribuisce con una quota compresa tra 1/3 e 1/5 al PIL tranne in Egitto (40%) e Algeria (60%) e Albania (< 20%) Declino dellimportanza in 4 paesi (Francia, Spagna, Italia e Grecia) Negli ultimi 50 anni sostanziale sviluppo del settore terziario Contribuisce con + del 50% al PIL nella maggioranza dei paesi, + del 60% in Spagna, Italia, Turchia e Tunisia, + del 70% in Francia, Grecia, Malta, Cipro ed Israele; < del 50% solo in Bosnia-Erzegovina e Algeria. Nellambito del terziario il turismo (in particolare in Tunisia e Libano 34%-39%) per cui gli impatti dei cambiamenti climatici saranno particolarmente rilevanti in questo settore.

10 Trend demografici ed urbanizzazione Popolazione stimata di 450 milioni di persone contro i 285 di 40 anni fa Distribuzione pop.: 45% nei paesi della riva nord (dalla Spagna allAlbania), 33% in quelli del Sud (dallEgitto al Marocco), 22% in quelli dellEst (dalla Turchia alla Palestina) Importante dinamismo demografico a livello globale con specifiche differenze tra paese e paese I paesi dellAfrica mediterranea, negli ultimi cinquantanni hanno avuto una evoluzione demografica caratterizzata da una comune crescita demografica, rapida fino agli anni 80 e che è andata successivamente rallentando In un contesto di transizione demografica i giovani sono la categoria demografica più ampia con una popolazione al di sotto dei 30 che supera il 50% e, in alcuni casi, il 60% del totale Nonostante i miglioramenti notevoli ottenuti nella formazione e del tasso di partecipazione femminile, la disoccupazione riguarda essenzialmente i giovani con una quota di disoccupati superiore al 50% Parallelamente si è verificata levoluzione del tasso di urbanizzazione da ricondurre principalmente agli esodi rurali Il numero delle città costiere con almeno ab. è quasi raddoppiato durante la seconda metà del XX sec. Crescente litoralizzazione con 1/3 degli abitanti concentrati lungo le coste con una densità media di popolazione di 128 ab./kmq (Grecia, Israele, Libano +80% ; Tunisia fra il 60 e il 70%; Spagna, Egitto, Albania intorno al 40%: Francia, Marocco e Slovenia < del 20%) A questa pressione demografica endogena si deve aggiungere il numero dei turisti nazionali e internazionali (complessivamente pari a 218 e 145 milioni rispettivamente, di cui circa 35 milioni concentrati sul litorale con il picco nel mese di Agosto che in estate porta la densità costiera a circa 160 ab./kmq. Lurbanizzazione è correlata allo sviluppo di infrastrutture : 112 aeroporti lungo le coste mediterranee la metà dei quali ha un traffico annuale di più di passeggeri Più di mille porti commerciali e marine Altri servizi infrastrutturali ( per la produzione di energia, la desalinizzazione delle acque marine, il trattamento dei rifiuti)

11 Gli impatti dei cambiamenti climatici Institut du développement durable et des relations internationales 2009

12 I report dellIntergovernamental Panel on Climate Change e gli studi di settore: modelli climatici e catena degli impatti Crescita della temperatura media annuale leggermente + alta che nel resto del mondo (2°-6,5°) Significative variazioni stagionali e infra- regionali ( + aumenti in inverno e nella parte occidentale ; in estate al sud e est) Riduzione delle precipitazioni medie regionali del- 4% sulle coste nord,-27% su quelle sud Margini di incertezza + alti per levoluzione del livello del mare per linterazione con gli altri due elementi e le variazioni infra- regionali Tasso di crescita del livello del mare nel breve termine più significativo per la parte orientale del bacino (+ 5/15 mm per anno) rispetto a quella occidentale (meno di + 5mm per anno) Mutamenti degli habitat naturali con una perdita notevole della biodiversità e una drastica riduzione nei servizi degli ecosistemi associati ( offerta idrica, conservazione dei suoli, riduzione dellerosione delle coste etc) Desertificazione ancora più grave, con la diminuzione dellapprovvigionamento idrico, in particolare nella regione MENA Aree montane con siccità più frequenti, incendi delle foreste, e variazioni delle colture. Carenza di acqua più acuta a causa della crescente domanda idrica originata dallirrigazione e dal turismo. Una quota rilevante della popolazione mediterranea (20/38%) sottoposta ad un aumento di stress idrico. Forte impatto sui mezzi di sostentamento, l'agricoltura e il turismo Si prevedono notevoli spostamenti di popolazione in unarea già penalizzata da lunghi decenni di sfruttamento delle risorse naturali, da instabilità politica e conflitti, nonché dalla frattura storica tra il nord e il sud del bacino, originata dai persistenti divari di sviluppo.

13 Mobilità nel Mediterraneo Il data base ISSM MIGRA-EUROMED Negli ultimi 20 anni i migranti nei paesi MED sono più che raddoppiati ( nel 1990; nel 2010.(Nazioni Unite, Department of Economic and Social Affairs Population Division) MENA area di origine di circa 20 milioni di migranti di prima generazione, la metà dei quali presenti entro i confini della stessa regione mentre i rimanenti residenti per la maggior parte in Europa (Fargue 2008) Considerando unicamente le migrazioni forzate, i dati più recenti relativi alle sole categorie dei rifugiati e richiedenti asilo nellUe a 27 nel 2010 ( per un tot. di ) mostrano un aumento di circa unità rispetto alle presenze del 2009, con un incremento significativo registrato, in particolare, nelle aree di prossimità geografica ai paesi della sponda sud ed est del Mediterraneo ( UNHCR 2009, 2010). I disordini politici e il conseguente rovesciamento in Tunisia e in Egitto di leader autoritari nel gennaio e febbraio 2011 hanno messo in luce le vulnerabilità significativa dei regimi autocratici in Nord Africa. Il conseguente vuoto istituzionale in Tunisia, il conflitto in Libia e le ondate di tunisini e non, immigrati irregolari che arrivano a Lampedusa, hanno chiaramente dimostrato l'importanza degli sforzi di paesi terzi nella gestione dei flussi di immigrati irregolari via mare. La maggior parte dei migranti che fuggono la violenza in Libia vanno verso la Tunisia o l'Egitto, attraversando le frontiere terrestri. Ulteriore conferma crisi siriana con migliaia di profughi in Turchia. Il numero più alto mai di rilevato di passaggi illeciti attraverso le frontiere terrestri esterne dell UE. Negli ultimi sei mesi del 2010, aumento del numero di migranti nord africani che hanno attraversato illegalmente il confine tra la Grecia e la Turchia (nellultimo trimestre si é registrato un aumento di otto volte del numero di cittadini provenienti da paesi del Maghreb rispetto al primo e secondo trimestre (dati FRONTEX 2010)

14 Nellarea MENA la prossimità geografica ha trasformando i paesi del Maghreb e la Turchia in paesi di transito e di accoglienza per quei migranti e richiedenti asilo provenienti dallAfrica sub Sahariana e dallAsia, in attesa di trasferirsi in Europa, con il conseguente aumento delle migrazioni irregolari Si è accresciuto il flusso di rifugiati e di richiedenti asilo, determinato dalle situazioni di conflitto che si sono moltiplicate negli ultimi venti anni, sopratutto nella regione medio orientale in Iraq, Afghanistan e Libano Spostamento di milioni di persone, dirette inizialmente verso i paesi limitrofi Iran, Turchia, Siria, Giordania e Yemen, che si sono, pertanto, trasformati in paesi di prima accoglienza e di transito verso lEuropa e/o altri continenti. Il numero dei IDPS nella regione é particolarmente alto (tra i 5 e i 5 milioni e mezzo di persone)

15 Alcune tendenze… le stime sulle migrazioni indotte dai cambiamenti climatici sono molto incerte. Nel breve periodo, la crisi ambientale è probabilmente destinata a sommarsi alle principali determinanti dei processi migratori, a cominciare dalla ricerca di lavoro, piuttosto che causare nuovi flussi. Le migrazioni internazionali sono un fenomeno che interessa molto i paesi con economie ad alto reddito, il cosiddetto Nord. Anche in questo caso, la maggiore affidabilità e presenza di statistiche che rilevano la mobilità internazionale delle persone fa la differenza: molto poco si sa della mobilità regionale e transfrontaliera in molte regioni del Sud. Quel che si sa è che oggi più della metà dei migranti internazionali sono donne e quasi la metà di essi proviene dalle stesse aree attraverso migrazioni di transito Meno del 10% dei migranti internazionali sono persone obbligate a fuggire dal proprio paese per paura di persecuzioni (quelli che il diritto internazionale definisce rifugiati). La maggioranza dei migranti lascia il proprio paese dorigine per motivi economici. Le rotte e gli intermediari utilizzati da chi emigra alla ricerca di lavoro sono gli stessi delle altre categorie di migranti. Le migrazioni e le rotte non sono mai casuali: si creano catene migratorie e concentrazioni di migranti in aree circoscritte. Il rapporto con le trasformazioni ambientali è perciò biunivoco: le migrazioni alterano lambiente e le trasformazioni dellecosistema causano cambiamenti nelle migrazioni.

16 ADATTABILITÁ E CAPACITÁ DI RECUPERO

17 Considerazioni conclusive Allo stato attuale della conoscenza risulta estremamente difficile estrapolare la variabile cambiamenti climatici dalle altre variabili che direttamente e indirettamente incidono sulla scelta migratoria. I cambiamenti climatici incidono infatti certamente sulla popolazione potenzialmente esposta al rischio di emigrazione ambientale, ma non sul numero reale di persone che risponderà concretamente attraverso lemigrazione alle sfide poste dai cambiamenti climatici. La letteratura internazionale coincide tuttavia nel considerare che i cambiamenti climatici potranno rinforzare quantitativamente i movimenti migratori attualmente in corso, piuttosto che produrne di nuovi in termini di paesi di origine e di destinazione. É probabile che gran parte delle migrazioni forzate legate ai cambiamenti climatici rimangano di tipo transfrontaliero o regionale, quando non interno (rurale-rurale;rurale –urbano) Lidea che i cambiamenti climatici si traducano in flussi migratori massicci muove da una visione che tende a sottovalutare la possibilità di adattamento dei gruppi di popolazione e dei paesi interessati dai cambiamenti climatici Limpatto dei cambiamenti climatici sulla mobilità dipende non solo dallesposizione di un sistema agli effetti fisici dei cambiamenti climatici, ma anche dalla sua vulnerabilità ai cambiamenti climatici stessi e dalla sua capacità di adattamento e recupero Al di là della necessaria visione globale del problema, è importante analizzare gli impatti diversificati già in atto o previsti sulle singole aree e regioni, molte delle quali ai confini con lEuropa Ciò chiama ad uno sforzo per superare approcci settoriali, come quello delle politiche ambientali separate dalle politiche migratorie e di sviluppo, riqualificando attraverso la cooperazione le strategie di adattamento e sviluppo economico e sociale verso quei paesi che sono i più vulnerabili alle conseguenze dei cambiamenti climatici.

18 Commessa ISSMMigrazioni mediterranee. Storia ed economia-Progetto MIUR CNR Migrazioni Migrazioni Data base ISSM MIGRA-EUROMED Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Il futuro del Mediterraneo. Studio preliminare sui rifugiati ambientali a cura di Immacolata Caruso Il Mediterraneo: uno studio e una passione 28 giugno."

Presentazioni simili


Annunci Google