La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Luca 7. Luca 7: accoglienza di Gesù Lc 7, 1-10: guarigione del servo del centurione Lc 7, 11-17: risurrezione del figlio della vedova di Nain Lc 7,18-35:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Luca 7. Luca 7: accoglienza di Gesù Lc 7, 1-10: guarigione del servo del centurione Lc 7, 11-17: risurrezione del figlio della vedova di Nain Lc 7,18-35:"— Transcript della presentazione:

1 Luca 7

2 Luca 7: accoglienza di Gesù Lc 7, 1-10: guarigione del servo del centurione Lc 7, 11-17: risurrezione del figlio della vedova di Nain Lc 7,18-35: Giovanni Battista Lc 7, 36-50: peccatrice perdonata

3 Lc 7, 1-10: guarigione del servo del centurione 1Quando ebbe terminato di rivolgere tutte le sue parole al popolo che stava in ascolto, Gesù entrò in Cafàrnao. 2Il servo di un centurione era ammalato e stava per morire. Il centurione laveva molto caro. 3Perciò, avendo udito parlare di Gesù, gli mandò alcuni anziani dei Giudei a pregarlo di venire e di salvare il suo servo. 4Costoro, giunti da Gesù, lo supplicavano con insistenza: «Egli merita che tu gli conceda quello che chiede – dicevano –, 5perché ama il nostro popolo ed è stato lui a costruirci la sinagoga».

4 6Gesù si incamminò con loro. Non era ormai molto distante dalla casa, quando il centurione mandò alcuni amici a dirgli: «Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; 7per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di una parola e il mio servo sarà guarito. 8Anchio infatti sono nella condizione di subalterno e ho dei soldati sotto di me e dico a uno: Va!, ed egli va; e a un altro: Vieni!, ed egli viene; e al mio servo: Fa questo!, ed egli lo fa». 9Alludire questo, Gesù lo ammirò e, volgendosi alla folla che lo seguiva, disse: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande!». 10° gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito.

5 Luca 11-17: risurrezione della vedova di Nain 11In seguito Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. 12Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. 13Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». 14Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». 15Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. 16Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». 17Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.

6 Luca 7,18-23: Giovanni 18Giovanni fu informato dai suoi discepoli di tutte queste cose. Chiamati quindi due di loro, Giovanni 19li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». 20Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». 21In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi. 22Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia. 23E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

7 Luca 7,24-30: testimonianza di Giovanni 24Quando gli inviati di Giovanni furono partiti, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? 25Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che portano vesti sontuose e vivono nel lusso stanno nei palazzi dei re. 26Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. 27Egli è colui del quale sta scritto: Ecco, dinanzi a te mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via. 28Io vi dico: fra i nati da donna non vi è alcuno più grande di Giovanni, ma il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui. 29Tutto il popolo che lo ascoltava, e anche i pubblicani, ricevendo il battesimo di Giovanni, hanno riconosciuto che Dio è giusto. 30Ma i farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro.

8 Luca 7, 31-35: similitudine 31A chi dunque posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? 32È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così: Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!. 33È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: È indemoniato. 34È venuto il Figlio delluomo, che mangia e beve, e voi dite: Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!. 35Ma la Sapienza è stata riconosciuta giusta da tutti i suoi figli».

9 Luca 7, 36-50: la donna peccatrice Incontro di una donna peccatrice con Gesù in casa di Simone fariseo Dice il sorprendente miracolo dellamore e della misericordia di Dio attraverso Gesù Forte contrasto tra la donna peccatrice e il fariseo, e tra Gesù e il fariseo

10 Luca 7,36-38: la donna peccatrice 36 Uno dei farisei lo invitò a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. 37 Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; 38 e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui e cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato.

11 Introduzione Personaggi: Gesù al centro Fariseo I commensali sullo sfondo Una donna peccatrice, senza nome Dove: in casa del fariseo Tempo: durante un banchetto

12 Uno dei farisei lo invitò a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Gesù accetta linvito del fariseo Simbolismo del banchetto: nutrirsi: esigenza elementare ed essenziale della persona, bisogno primario di ogni giorno per la propria sussistenza Il banchetto elimina lestraneità, ci rende fratelli semplici insieme- comunità, condivisione Significa fare attenzione allaltro Spesso per celebrare eventi, riti (significato religioso) Ricevere, ringraziamento per il dono (dipendenza da altro) Al centro cè la relazione, ma anche la riconciliazione Le donne erano escluse

13 Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne Ecco Donna conosciuta Peccatrice Venne

14 In quel villaggio vi era una prostituta Le prostitute erano emarginate, vilipese per la loro situazione di peccato e di impurità in cui vivevano Gesù riconosce che esse insieme ai pubblicani hanno accolto linvito alla conversione del Battista (I pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. E venuto Giovanni e non gli avete creduto; i pubblicani invece e le prostitute gli hanno creduto Mt 21,31-32) Cè una possibilità di perdono e di salvezza anche per loro!!!

15 Gesti della donna o o venne con un vasetto di olio profumato: ha preparato lunzione riservata ai capi o o e fermatasi dietro si rannicchiò: ha vergogna o o piangendo (part pres) ai piedi di lui cominciò a bagnarli di lacrime: singhiozzi, solo i piedi o o poi li asciugava con i suoi capelli: le donne non dovevano sciogliersi i capelli o o li baciava e li cospargeva di olio profumato: non dice parola, solo segni damore (Cantico) e di conversione

16 Vaso di olio Questa donna col vasetto di olio, che spesso nella Bibbia è espressione dellamore, va da Gesù E va con questo dono di amore, che rappresenta il dono di se stessa E desiderosa di amore: di essere veramente amata Noi tutti siamo desiderosi di essere amati e di amare, ma non sappiamo amare!!!

17 Si fermò dietro Stare dietro a Gesù indica la sequela Questa donna vuole diventare discepola di Gesù: sta dietro a tutti quelli che si sentono i primi Si mette dietro a Gesù che è sdraiato verso gli altri Si rannicchia ai suoi piedi comportandosi come una prostituta Non vuole nascondere la propria immagine, non vuole dire sono diversa Si accetta per quella che è, e come tale vuole essere amata da qualcuno in maniera nuova, senza nascondere, ipocritamente, la sua situazione

18 Desiderio di cambiare Ora è in atteggiamento di sequela di Gesù e in questa posizione di sequela comincia a piangere Vuole cambiare vita, essere diversa Questa donna esprime lamore più totale Non dice nulla, ma è come se parlasse con i suoi gesti e dicesse: sono una prostituta, perdonami, ho tanto peccato, voglio cambiare Gesù è la prima persona che la riconosce e laccoglie; che comprende il suo dolore, il suo sentimento, la sua voglia di rinascere E Gesù laccoglie in una nuova dimensione di vita

19 Reazione dei presenti Gesù: non risponde non la rifiuta non la respinge Fariseo, padrone di casa

20 Gesù, fonte di relazione Farsi toccare da una peccatrice, equivaleva diventare impuro e condividere la stessa condizione di peccato Gesù è posto tra due tipi di umanità: la donna impura e luomo puro Gesù prospetta una via nuova: egli mette al centro luomo e la sua vita Ecco perché frequenta e accoglie persone considerate impure

21 Due inviti a confronto Accetta linvito del fariseo e anche quello inatteso della donna peccatrice Tutti e due lo invitano, ma con una differenza Simone il fariseo lo fa per accertarsi che sia veramente il Messia, è solo curiosità Linvito della donna invece è più autentico perché è già convinta che quelluomo di Nazaret è il Messia

22 Dialogo con il fariseo Simone 39 A quella vista il fariseo che laveva invitato pensò tra sé. Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna è colei che lo tocca: è una peccatrice. 40 Gesù allora gli disse: Simone, ho una cosa da dirti. Ed egli: Maestro, dì pure.

23 Dialogo tra Gesù e il fariseo Giudizio del fariseo: Su Gesù: se fosse un profeta Sulla donna: è una peccatrice Gesù: Ho una cosa da dirti

24 Parabola del Creditore Un creditore aveva due debitori: luno gli doveva cinquecento denari, laltro cinquanta. Non avendo essi da restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi dunque di loro lo amerà di più?. Simone rispose: Suppongo quello a cui ha condonato di più. Gli disse Gesù: Hai giudicato bene.

25 Parabola Descrive il comportamento insolito di un creditore Condona tutto ai suoi debitori Due debitori: uno cinquanta, laltro cento Tutti e due sono debitori Amare: Chi di loro lo amerà di più? Essere riconoscente Domanda retorica- rabbinica: vuole coinvolgere linterlocutore suppongo: atteggiamento prudente

26 44 E volgendosi verso la donna, disse a Simone: Vedi questa donna? Sono entrato nella tua casa e tu non mhai dato lacqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. 45 Tu non mi hai dato un bacio, lei invece da quando sono entrato non ha cessato di baciarmi i piedi. 46 Tu non mi hai cosparso il capo di olio profumato, ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. 47 Per questo ti dico: le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco.

27 Applicazione alla donna Confronto tra fariseo e la donna La donna ha moltiplicato i segni dellamore Ha rivelato se stessa, il suo volto con le lacrime

28 Perdono e Amore le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato Invece quello a cui si perdona poco, ama poco Sono perdonati: verbo al perfetto, per dire capovolgimento e cambiamento radicale Sono stati portati via: tutto, situazione nuova Ha amato: aoristo, gesti damore conclusi Allusione al fariseo: Verbi al presente

29 Gesù e la donna 48 Poi disse a lei: Ti sono perdonati i tuoi peccati. 49 Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: Chi è questuomo che perdona anche i peccati?. 50 Ma egli disse alla donna: La tua fede ti ha salvata; và in pace!.

30 Gesù perdona Ti sono perdonati: passivo divino, da Dio Perfetto: evento compiuto nel passato, ma con effetti nel presente Attraverso Gesù: egli attua il perdono di Dio, da alla donna la certezza del perdono Reazione dei commensali: Chi è? domanda che resta senza risposta, aperta

31 La tua fede ti ha salvata La donna ha accolto Gesù nella sua vita ed è cambiata la salvezza coinvolge tutta la persona Va: da vivere ancora, cammino

32 Tratti del fariseo Convinto di aver accumulato solo meriti Non si riconosce peccatore Non ha bisogno di perdono Non comprende il gesto della donna Resta estraneo alla liturgia del perdono

33 Tratti della donna Raggiunta nellintimo dalla grazia, risorge dalle macerie del peccato e si rinnova È una pecorella perduta, smarrita Ha piena coscienza del suo peccato, della verità di se stessa Ha bisogno di Gesù e del suo perdono Si lascia riconciliare con il suo passato Per vivere un amore puro

34 Il brano ci interpella Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza 2Cor 5,20 Abbiamo bisogno del perdono, di conversione? Chi siamo? Siamo capaci di accogliere come Gesù, di recuperare rottami umani per farne capolavori del suo amore? Distinguere peccato e peccatore- persona Etichettiamo le persone Documento: Riconciliazione e penitenza –Mondo frantumato –Gesù fonte di misericordia e riconciliazione –Chiesa riconciliata- perdonata –Chiesa riconciliatrice, dona perdono


Scaricare ppt "Luca 7. Luca 7: accoglienza di Gesù Lc 7, 1-10: guarigione del servo del centurione Lc 7, 11-17: risurrezione del figlio della vedova di Nain Lc 7,18-35:"

Presentazioni simili


Annunci Google