La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La cultura del vino a Roma Fin dai primi contatti con gli Etruschi, e ancor più dopo la loro conquista nel 351 a.c., i Romani cominciarono ad apprendere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La cultura del vino a Roma Fin dai primi contatti con gli Etruschi, e ancor più dopo la loro conquista nel 351 a.c., i Romani cominciarono ad apprendere."— Transcript della presentazione:

1 La cultura del vino a Roma Fin dai primi contatti con gli Etruschi, e ancor più dopo la loro conquista nel 351 a.c., i Romani cominciarono ad apprendere larte della vinificazione. Col passar del tempo la qualità assunse livelli molto elevati In età imperiale le tecniche e le viti vennero esportate in tutti i territori conquistati, anche in Britannia, specie lungo i corsi dei fiumi.

2 Vino e Letteratura La cultura vinicola venne favorita anche da un'ampia letteratura: Marco Porcio Catone nel De agricoltura Marco Terenzio Varrone nelle Res rusticaee Plinio il Vecchio nella Naturalis Historia dedicano capitoli interi alla potatura delle viti, alla concimazione, alle malattie e alle numerazioni delle qualità dei vitigni. Lucio Moderato Columella nel De re rustica espone anche concetti biologici e direttive tecniche ancora oggi considerati validi ed efficaci. Grandi poeti come Virgilio, Tibullo, Ovidio, Marziale, Catullo, Giovenale e Orazio apprezzarono il vino come bevanda pribilegiata nei banchetti e lo citarono nelle proprie opere.

3 I vitigni I Romani possedevano un notevole patrimonio varietale di vitigni da tavola e da vino. Questi erano distinti in tre classi a seconda della qualità. Plinio il Vecchio distingue tra circa 80 vini di alta qualità, destinati alla nobiltà, e un centinaio di vini di media e bassa qualità, destinati per lo più alla plebe. I migliori vini furono il Raeticum Albanum Caecubum, il Falernum Pompejanum Mamertinum; Alcuni vini richiedevano lunghi invecchiamenti come l Opimiam : veniva bevuto dopo 125 anni!

4 Il Falerno Marziale scrive un catalogo di vini, ben assortito e di grande valore documentario. Fra tutti primeggia il Falerno, il re dei vini, rosso e passito, addolcito col miele e sempre molto invecchiato. Viene invece ripudiata e definita rozza la pratica di bere vino schietto

5 Caratteristiche del vino romano Il vino romano antico era molto diverso dal nostro e solo nellultimo secolo dellImpero assunse caratteristiche più simili a quelle di oggi. Si invecchiava in soffitta (come il Madeira) oppure al sole (Banjuls). Il Falerno invecchiava 10 anni, il Pompejano anche 25 Erano, quindi, vini densi, amari, eccessivamente alcolici, quasi sempre stravecchi pertanto dovevano sempre essere diluiti con acqua o neve in inverno.

6 Usi e costumi Produttori e commercianti ricorrevano spesso alle sofisticazioni. Si aggiungeva al vino cenere, sale, scaglie di ostriche tritate e persino acqua di mare. Questi additivi dovevano avere lo scopo di garantire la conservazione. Marziale parla di un mercante che al vino di scarsa qualità di Sorrento, mescolava gli avanzi di vini pregiati di Palermo, ottenendo un prodotto di qualità discutibile ma di sicuro guadagno. In genere i Romani preferivano bere il vino freddo e i vini che si servivano nei banchetti venivano sottoposti ad una filtrazione, usando un panno di lino in cui si poneva della neve, rendendoli freschi ma anche indebolendoli e falsandone quindi il sapore originale.

7 Il costo Il commercio del vino era fiorente. Nelle città romane troviamo: le mensae vinariae, (vendite di vino al minuto) le tabernae vinarie (botteghe da vino) i thermopolium (attuale bar) Una lapide del 300 d.C. riporta il costo del vino: 10 lire al litro per il vino comune da pasto e 30 lire per il Falernum. Ma da scritti antichi risulta che Trimalcione pagò per un Falernum invecchiato 100 anni la somma di circa quattro-cinquemila lire il litro.

8 Il vino e la famiglia Questa bevanda aveva soprattutto un carattere sacro che si è conservato nella religione cristiana. Gli uomini non potevano berlo prima di aver compiuto trent'anni ed era proibito alle donne; esisteva infatti una prova, chiamata "ius osculi" (diritto del bacio), che permetteva al marito di dare un bacio alla moglie sulla bocca per vedere se aveva rispettato questa regola. I Romani conoscevano il vino rosso, che però chiamavano nero, e il vino bianco, ma non quello secco. Il vino era bevuto in coppe molto larghe e quasi piatte.


Scaricare ppt "La cultura del vino a Roma Fin dai primi contatti con gli Etruschi, e ancor più dopo la loro conquista nel 351 a.c., i Romani cominciarono ad apprendere."

Presentazioni simili


Annunci Google