La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL CORPO E LA CURA Marianna Gensabella Furnari Università di Messina 15-12-04.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL CORPO E LA CURA Marianna Gensabella Furnari Università di Messina 15-12-04."— Transcript della presentazione:

1 IL CORPO E LA CURA Marianna Gensabella Furnari Università di Messina

2 Corpo e persona La persona è il suo corpo: unidentità ambigua La persona è il suo corpo: unidentità ambigua La persona ha il suo corpo: un avere paradossale

3 Corpo e identità Dal corpo in frammenti allimmagine allo specchio:un percorso alla ricerca di sé Il corpo come carta di identità: di fronte a me stesso, di fronte agli altri Quale corpo vedo allo specchio? Quale corpo gli altri vedono? Attraversare lo specchio: dal corpo che vedo al corpo che sono

4 Il corpo che sento Dal corpo oggetto al corpo soggetto Sentire il corpo /sentirsi corpo Il pudore: non puoi vedermi solo come corpo Il bisogno: sento il mio corpo come mancanza di Il dolore: sono e non sono, ho e non ho il mio corpo

5 La persona è il suo corpo e qualcosa di altro La persona come coscienza di essere un corpo?: lavanti a sé che fa la differenza E possibile distinguere la persona dal suo corpo? I rischi del dualismo E possibile identificare la persona col suo corpo? I rischi del riduzionismo

6 Il corpo come prigione: PLATONE > (Fedone) > (Fedone)

7 Il corpo come res extensa: CARTESIO … sebbene, forse, io abbia un corpo, al quale sono assai strettamente congiunto, tuttavia poiché ho da un lato una chiara e distinta idea di me stesso, in quanto sono solamente una cosa pensante ed inestesa, e da un altro lato ho unidea distinta dal corpo, in quanto esso è solamente una cosa estesa e non pensante, è certo che questio, cioè la mia anima, per la quale sono ciò che sono, è interamente e veramente distinta dal mio corpo, e può essere o esistere senza di lui. (Meditazioni)

8 Il corpo è il mio stesso io: FEUERBACH La vecchia filosofia aveva come proprio punto di partenza la massima seguente: io sono un essere astratto, un essere esclusivamente pensante, e il corpo non appartiene al mio essere. La nuova, invece, incomincia con questaltra massima: io sono un essere reale, sensibile, e il corpo appartiene al mio essere, proprio nel senso che il corpo nella sua totalità è il mio stesso io, il mio stesso essere. (Principi della filosofia dellavvenire) (Principi della filosofia dellavvenire)

9 Corpo oggetto e corpo vissuto: HUSSERL Io trovo che il mio corpo proprio sul piano della superficie – nella pura esperienza – ha un modo di essere esperito a doppio strato che nessun altro oggetto spaziale possiede... La sua superficie è continuamente >, e io sono fungente in esso non solo nelle mie attività percipienti, ma anche in quelle originariamente pratiche. (Fenomenologia dellintersoggettività) (Fenomenologia dellintersoggettività)

10 Il Corpo vissuto: MERLEAU-PONTY Il corpo non è un oggetto. Per lo stesso motivo, la coscienza che io ne ho non è un pensiero, vale a dire che non posso scomporlo e ricomporlo per formarne una idea chiara. La sua unità è sempre implicita e confusa. Esso è sempre altro da ciò che è, sempre sessualità nello stesso tempo che libertà. (Fenomenologia della percezione)

11 Il Corpo per sé e il corpo per altri: SARTRE Io esisto il mio corpo: questa è la sua prima dimensione dessere. Il mio corpo è utilizzato e conosciuto da altri: questa è la seconda dimensione. Ma in quanto io sono per gli altri, altri mi si manifesta come il soggetto per il quale io sono oggetto … Esisto per me come conosciuto da altri a titolo di corpo. Questa è la terza dimensione ontologica del mio corpo. (LEssere e il nulla)

12 La corporeità soggettiva: MARCEL Di questo corpo io non posso dire né che sono io, né che non lo sono, né che esso è per me (oggetto). Lopposizione soggetto-oggetto viene ad essere trascesa…Non è possibile dissociare: Esistenza; La coscienza di sé come esistente; La coscienza di sé come unita a un corpo incarnato ( Giornale metafisico )

13 Il corpo: un avere paradossale La più privata delle mie proprietà: il corpo come confine tra me e gli altri Una proprietà che mi possiede: il corpo come tramite dei miei rapporti con le cose e con gli altri Una proprietà che costantemente mi sfugge: il corpo come senso di perdita

14 Il corpo tra essere e avere Io sono il mio corpo e qualcosa di altro Io ho il mio corpo, ma non lo possiedo mai Io sono (identità) il corpo che ho, a cui mi rapporto (differenza) come ad un avere Io ho ( possesso) il corpo che sono, che avverto come una continua mancanza dessere Il corpo come passaggio dallessere al non- essere, dallavere al non- avere

15 Cura, mentre stava attraversando un fiume, scorse del fango. Ne raccolse un pò e cominciò a forgiarlo. Mentre è intenta a pensare a quel che ha fatto, interviene Giove. La > lo prega di infondere parola e spirito a quel che ella aveva forgiato. Giove acconsente, ma pretende di imporre al manufatto il nome. La > si oppone. A sedare la disputa interviene, quale arbitro, Saturno, che così giudica: > lo prega di infondere parola e spirito a quel che ella aveva forgiato. Giove acconsente, ma pretende di imporre al manufatto il nome. La > si oppone. A sedare la disputa interviene, quale arbitro, Saturno, che così giudica:<< Tu, Giove, che hai dato lo spirito, al momento della morte riceverai lo spirito; tu, Terra, che hai dato il corpo riceverai il corpo. Ma poiché la Cura ha forgiato per prima questo essere,fin che esso vive lo possieda la cura. (Higynus, Liber Fabularum)

16 Il corpo e il mito di Cura Il mito e lambiguità del nostro essere corpo e non solo corpo (lhumus da cui siamo forgiati e il soffio di Zeus) Corporeità e d essere nel tempo (il dio Saturno come il giudice supremo): luomo come il vivente/mortale Corporeità e mancanza (la Cura possiede luomo): la sollecitudine di fronte al bisogno proprio e a quello degli altri, langoscia di fronte al niente che si cela dietro il bisogno.

17 Aver cura e prendersi cura: HEIDEGGER Solo perché lessere-nel-mondo è essenzialmente Cura, fu possibile, … caratterizzare come prendersi cura lesser-presso lutilizzabile e come aver cura lincontro col con-Esserci degli altri nel mondo. Lessere-presso… è prendersi cura perché, in quanto modo dellin- essere, è determinato dalla struttura fondamentale di questo, cioè dalla Cura. (Essere e Tempo)

18 La bioetica e il rispetto della persona La bioetica come lo studio sistematico della condotta umana nellambito delle sceinze della vita e della salute, alla luce dei principi e dei valori morali (W. T. Reich) Non tutto ciò che la tecnica ci consente di fare si può fare dal punto di vista etico La differenza tra una scienza e una tecnica per luomo e una scienza ed una tecnica sulluomo: il rispetto della persona

19 Rispetto della persona e rispetto del corpo agisci in modo da considerare lumanità nella tua persona e d in quella degli altri sempre anche come fine e mai solo come mezzo (Kant) Dove inizia, dove finisce il rispetto della persona? E possibile separare il rispetto della persona dal rispetto del suo corpo? La persona può disporre del suo corpo?

20 La persona e i suoi nuovi interrogativi Che cosa significa essere persona? Chi è persona? Persona ed essere umano: identità e differenza La scienza, la tecnica e i confini della vita umana Lembrione è persona? Il malato in stato vegetativo è persona?

21 Corpo e persona:croce-via della bioetica La persona come essere razionale, autocosciente, dotato di senso morale, che ha un corpo e ne dispone liberamente (la bioetica laica di H.T. Engelhardt) La persona come unità inscindibile col suo corpo (la bioetica personalista di E. Sgreccia)

22 Linizio della vita umana La tecnica e linizio della vita umana: verso un nuovo modo di generare Chi/che cosa è lembrione che è nelle nostre mani? Una potenzialità di vita che appartiene a chi lo ha prodotto? Il primo inizio di un corpo persona? Dallinseparabilità tra corpo e persona allimpossibilità di stabilire un inizio della persona diverso dallinizio del corpo

23 I diritti del concepito e la legge sulla procreazione assistita La legge 40 e i suoi no: alla fecondazione eterologa e alluso dellembrione (sovrapproduzione,crioconservazione, sperimentazione, selezione eugenetica) La legge 40 e il suo sì al rispetto della vita umana dellembrione I diritti dellembrione e i diritti dei potenziali genitori: un difficile bilanciamento

24 La cura della persona e la cura del corpo La bioetica e lumanizzazione della medicina Dalla cure della malattia alla care del malato Dallaver cura del corpo oggetto al prendersi cura del corpo soggetto Le difficili conseguenze di un passaggio semplice: il rapporto medico-paziente tra paternalismo, contrattualismo e alleanza

25 Alla fine della vita umana: i trapianti di organi Quando e come la persona può disporre del suo corpo? E possibile vendere i propri organi? E possibile donarli? La morte cerebrale come morte del corpo persona

26 Diritto allautonomia e diritto alla vita: la domanda di eutanasia Il diritto di morire come ultimo diritto della persona? La persona può disporre della sua morte? Senso e limiti del testamento biologico Il no alleutanasia e il sì al prendersi cura del corpo/persona del malato terminale


Scaricare ppt "IL CORPO E LA CURA Marianna Gensabella Furnari Università di Messina 15-12-04."

Presentazioni simili


Annunci Google