La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quale strada verso lautonomia e ladultità della persona disabile? Anna Contardi Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106 - Roma www.aipd.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quale strada verso lautonomia e ladultità della persona disabile? Anna Contardi Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106 - Roma www.aipd.it."— Transcript della presentazione:

1 Quale strada verso lautonomia e ladultità della persona disabile? Anna Contardi Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie Roma

2 In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la Sindrome di Down Fino a non molti anni fa la maggior parte delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e lidea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero state per sempre dipendenti dai loro genitori. Oggi è possibile incontrare bambini con SD nelle scuole e ai giardinetti, ragazzi che si muovono da soli fuori casa per incontrare gli amici e qualche adulto sul posto di lavoro. Qualcosa sta cambiando.

3 Da bambino ad adulto: un cambiamento anagrafico Negli ultimi anni è cambiata moltissimo laspettativa di vita Negli ultimi anni è cambiata moltissimo laspettativa di vita Per la Sindrome di Down Per la Sindrome di Down Anni 40 = 12 anniOggi = 62 anni Su persone con la SD sono maggiorenni

4 Da bambino ad adulto: un cambiamento di prospettiva Un adulto, anche con disabilità intellettiva, non è un eterno bambino, ma un adulto semplice Un adulto, anche con disabilità intellettiva, non è un eterno bambino, ma un adulto semplice Bisogni da adulto: casa, lavoro, occupazione, affetti, tempo libero Bisogni da adulto: casa, lavoro, occupazione, affetti, tempo libero Linguaggio da adulto Linguaggio da adulto

5 La crescita è passaggio dalla dipendenza allautonomia, ma.. Un bambino con disabilità incontra due tipi di ostacoli: I limiti imposti dal deficit I limiti imposti dal deficit Le ambivalenze dellambiente: Le ambivalenze dellambiente: non sei capace a far questo allora … non sei capace e faccio io per te mi dispiace non poter eliminare la disabilità e allora ti faccio più coccole

6 PERCHE EDUCARE ALLAUTONOMIA PER PER IL PIENO INSERIMENTO SOCIALE PREREQUISITO PREREQUISITO PER IL LAVORO VITA VITA ADULTA INDIPENDENTE

7 AUTONOMIA NON È FARE TUTTO DA SOLI Autonomia è integrare le proprie competenze con quelle degli altri Esiste unautonomia possibile per tutti

8 dalla NASCITA AUTONOMIA personale (lavarsi, vestirsi, mangiare da solo..) ruolo centrale della FAMIGLIA In ADOLESCENZA AUTONOMIA esterna (spostamenti, acquisti) FAMIGLIA col supporto degli EDUCATORI

9 NEL 1989 NASCE IL CORSO DI EDUCAZIONE ALLAUTONOMIA DELLAIPD NEL 1989 NASCE IL CORSO DI EDUCAZIONE ALLAUTONOMIA DELLAIPD ADOLESCENTI (15-20 ANNI) ADOLESCENTI (15-20 ANNI) CON SINDROME DI DOWN O DISABILITA INTELLETTIVA CON SINDROME DI DOWN O DISABILITA INTELLETTIVA

10 CHE COSA? ACQUISIRE ACQUISIRE COMPETENZE UTILI NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI SAPERSELA SAPERSELA CAVARE COSTRUIRE COSTRUIRE LA PROPRIA IDENTITA ADULTA

11 LE AREE EDUCATIVE COMUNICAZIONE saper chiedere, saper dare i propri dati personali, usare i telefoni… ORIENTAMENTO leggere e seguire indicazioni stradali, individuare punti di riferimento, fermate

12 COMPORTAMENTO STRADALE attraversamento, semafori, atteggiamenti corretti coi passanti.. USO DEL DENARO valore, riconoscimento, conteggio, resto, previsioni di spesa USO DEI NEGOZI, DEI MEZZI E DEI SERVIZI negozi, supermercati, mezzi di trasporto, locali pubblici, uffici postali...

13 LA STRUTTURA del CORSO Nel Nel tempo libero 1 pomeriggio a settimana in in piccoli gruppi 6-10 ragazzi divisi in sottogruppi di 2/3 con un educatore e un volontario attività attività di stile ricreativo che offrono occasioni per sviluppare abilità nelle aree educative del progetto il il club dei ragazzi come contenitore che rinforza lidentificazione e aumenta la motivazione

14 LO STILE METODOLOGICO Un Un rapporto basato su MOTIVAZIONE MOTIVAZIONE e VERITA PROTAGONISMO PROTAGONISMO dei ragazzi considerazione considerazione e riconoscimento esplicito del loro loro ESSERE GRANDI Percorsi Percorsi e strategie PERSONALIZZATI

15 Lo stile metodologico Approccio Approccio progettuale obiettivi, analisi della situazione, risorse scelta dellattività Strumenti Strumenti facilitanti portafoglio, biglietti, marsupio, forbici … Strumenti Strumenti di lavoro per lo staff schede di osservazione e raccolta dati schede di attività lavoro di gruppo

16 LO STAFF 1 COORDINATORE 1 COORDINATORE EDUCATORI EDUCATORI in rapporto 1 a 2/3 rispetto ai ragazzi VOLONTARI VOLONTARI stabili nei sottogruppi

17 Alcuni dati Partecipanti Roma triennio (22 persone con SD)

18 Chiedere informazioni

19 In strada

20 Sui mezzi pubblici

21 In giro da soli

22 Nei negozi

23 Denaro - riconoscimento

24 Denaro - acquisto

25 Il telefono

26 Oltre ai risultati in termini di abilità Crescita di Autostima Autostima Capacità di relazione Capacità di relazione Consapevolezza della propria identità Consapevolezza della propria identità

27 Dal corso di autonomia nascono altri progetti che guardano al mondo degli adulti RESIDENZIALITÀ TEMPORANEA RESIDENZIALITÀ TEMPORANEA RESIDENZIALITÀ PERMANENTE RESIDENZIALITÀ PERMANENTE INSERIMENTO LAVORATIVO INSERIMENTO LAVORATIVO PROPOSTE ASSISTENZIALI/ PROPOSTE ASSISTENZIALI/OCCUPAZIONALI CORSO DI AUTONOMIA E PROGETTI TEMPO LIBERO CORSO DI AUTONOMIA E PROGETTI TEMPO LIBERO VACANZE VACANZE

28 Autonomia è anche … vivere fuori casa Essere adulti si esprime anche nel distacco dalla casa genitoriale Essere adulti si esprime anche nel distacco dalla casa genitoriale Uscire di casa come una scelta possibile e non solo come necessità Uscire di casa come una scelta possibile e non solo come necessità Sotto ogni progetto di residenzialità cè il progetto di vita di ogni persona Sotto ogni progetto di residenzialità cè il progetto di vita di ogni persona

29 E a proposito di residenzialità.. Nella maggior parte dei casi si va verso residenzialità assistita Nella maggior parte dei casi si va verso residenzialità assistita La tipologia dei bisogni Soluzioni residenziali permanenti Soluzioni residenziali di emergenza Soluzioni residenziali in cui prepararsi

30 Verso una vita autonoma Dal corso di autonomia …alle vacanze …ai week end in città (Casapiù) …a periodi di convivenza (Casa settimane) …alla vita in comunità alloggio (max 5 persone)

31 E lascio le conclusioni a Luca… Buongiorno, sono Luca Lorenzi e voglio raccontare unesperienza molto bella

32 Divento grande, nella mia vita ci sono attività belle. La scelta è unattività bella. Mi piace scegliere cosa fare nel pomeriggio: agenzia del tempo libero, teatro, scout, ballare e casapiù.

33 A Casapiù ci vado il sabato e la domenica, faccio la spesa, porto i soldi, li conto, si va a mangiare la pizza, andiamo in discoteca, stiamo fuori con gli amici, ci facciamo il caffè. Mi piace perché è bello stare insieme.

34 Mamma e papà non vengono, papà è un bravo ragazzo, mamma è carina però ci vuole un pochino daria. Mamma e papà stanno a casa loro

35 Ci sono persone Down, è una bella idea, vai verso gli altri con amicizia.

36 Il mio futuro lo immagino in unaltra casa, i miei rimangono a via Pasquale II a casa loro, poi forse quando sono anziani vanno a Santa Marinella o al centro anziani.

37 Per andare via di casa cè bisogno di lavoro, di crescere, mia sorella è diventata grande, troverà il ragazzo e il marito, io sto un po in famiglia, un po con gli amici

38 La persona adulta deve stare bene, si deve comportare bene, sono felice di stare insieme ai ragazzi dellagenzia dellAIPD, sono contento di conoscere le persone, lagenzia è piena di amici.

39 Crescere significa il cromosoma verso gli altri, conosco altre persone Down, sono cresciuto, sono diventato grande, sono autonomo e lavoro, il mio mestiere è il magazziniere

40 Ho dei sogni: rispetto gli altri, io rispetto le persone e le ascolto, vado a lavorare, ci sono i colleghi che si comportano bene. Il mio futuro lo immagino a Fiordaliso, a Girasoli o a Primula perché sono i progetti del mio futuro.


Scaricare ppt "Quale strada verso lautonomia e ladultità della persona disabile? Anna Contardi Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106 - Roma www.aipd.it."

Presentazioni simili


Annunci Google