La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

metamorfosi Insetti e cucina mimetismo Curiosità: araldica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "metamorfosi Insetti e cucina mimetismo Curiosità: araldica."— Transcript della presentazione:

1

2 metamorfosi Insetti e cucina mimetismo Curiosità: araldica

3 Sembrare qualcosa che non si è assomigliare ad un altro animale o pianta Essere o apparire..

4

5

6

7

8 Il mimetismo è uno dei sistemi più raffinati sfruttati dagli insetti per difendersi dai predatori. Consiste nella capacità di confondersi con lo sfondo ambientale cambiando colore, imitando foglie, ramoscelli o specie pericolose. MIMETISMO CRIPTICO BATESIANO MULLERIANO Ritorna alla mappa

9 Con il termine "Criptismo" si intende quel fenomeno per cui le prede si "nascondono" ai loro predatori grazie a particolari e sofisticati attributi che le rendono difficilmente individuabili nell'ambiente circostante. I suddetti attributi possono riguardare il colore o la morfologia. E' importante sottolineare che il criptismo, per essere efficace deve essere, associato ad un particolare comportamento. L'animale deve rimanere immobile o muoversi molto lentamente, deve "scegliere" un substrato di colore opportuno ed assumere una posizione il più adeguata possibile allo scopo. Molto caratteristici sono: I cosiddetti Insetti stecco (Bacillus spp)., appartenenti all'ordine dei Fasmidi; Alcune farfalle tropicali; La foglia che cammina ; Ritorna al mimetismo

10 Gli insetti stecco possiedono una forma ed una colorazione sorprendentemente simili a quella di ramoscelli e possono presentare, anche nell'ambito della stessa specie, variazioni cromatiche a seconda della pianta sulla quale vivono. Gli insetti stecco sono molto poco mobili; in genere rimangono poggiati o appesi alla pianta con le sole zampe posteriori, tenendo l'addome inclinato rispetto al fusto e lasciandosi dondolare dal vento. Ritorna al criptismo

11 Molte farfalle tropicali dei generi Kallima, Anaea e Doleschallia, presentano le ali differentemente colorate sulla superficie dorsale e ventrale: in particolare alle colorazioni molto appariscenti della pagina superiore si contrappone la colorazione criptica (marrone, grigia, nera) della parte inferiore e, spesso, sottili disegni che imitano le nervature delle foglie. Ritorna al criptismo

12 Veramente sorprendente è il caso della cosidetta 'foglia che cammina" (walking leaf), un fasmide del genere Phyllium le cui femmine, non volatrici, assomigliano in maniera strabiliante ad una foglia. I maschi, più piccoli delle femmine e volatori, hanno coperture alari piccole, con una sola venatura radiale; nelle femmine, invece, tutte le venature sono disposte a formare un cospicuo ventaglio che assomiglia perfettamente alle venature di una foglia. In queste ultime l'effetto mimetico viene esaltato anche dall'appiattimento delle zampe. Ritorna al criptismo

13 Il mimetismo batesiano consiste in un complesso (anello mimetico) di due o piu' specie, di cui una protetta, che assumono le stesse caratteristiche cromatiche, ed in parte anche morfologiche: si tratta, cioe', dell'imitazione di una specie aposematica (modello), inappetibile, da parte di una o piu' specie non protette (mimi), appetibili, allo scopo di ingannare un predatore comune. La maggior parte degli esempi di mimetismo batesiano riguarda il mondo degli insetti. La teoria prevede che, in presenza di una specie velenosa o tossica, possano selezionarsi organismi somiglianti al modello senza possedere armi di difesa. L'esempio classico è quello della farfalla Limenitis archippus, mimo esemplare della celebre farfalla monarca, tossica per gli uccelli. Esistono dei ditteri innocui specie simili alle vespe, le quali si avvantaggiano della protezione derivante da questa somiglianza pur non possedendo alcun pungiglione velenoso. Ritorna al mimetismo

14 Differente è il mimetismo mulleriano che prende il nome in onore di Fritz Muller, zoologo tedesco il quale a distanza di cinque anni da "L'origine della specie" (1859) scrive il libro "Fur Darwin" in cui discute anche di questo fenomeno. Muller si accorse che alcune specie non appetibili o tossiche hanno evoluto una colorazione ammonitrice comune, anche definita con il termine aposematica. Quindi all'opposto, l'aspetto è utilizzato in senso aggressivo per comunicare ed avvertire i nemici della propria pericolosità. Ritorna al mimetismo Heliconius melpomene Coleotteri della famiglia dei Licidi

15 Forse uno dei più spettacolari esempi di mimetismo mülleriano è quello che si riscontra in alcune farfalle della famiglia degli Eliconidi che vivono in America centrale e meridionale. In particolare le due specie Heliconius melpomene e Herato, ambedue inappetibili, vivono in simpatria su una vasta area geografica, sono tra loro molto simili e si differenziano solo in base al numero di macchie rosse presenti sul lato ventrale delle ali posteriori. Tuttavia le due specie si distinguono per il differente e forte odore che emanano e probabilmente il riconoscimento tra i membri della stessa specie avviene proprio in base a questi diversi segnali chimici. Ritorna al mimetismo mulleriano

16 Alcuni coleotteri della famiglia dei Licidi possiedono colori molto appariscenti e sostano spesso sui fiori. Questi insetti quando vengono minacciati emettono dai femori posteriori una sostanza bianca di odore sgradevole, e vengono evitati sia dagli uccelli che dai mammiferi insettivori. Questi coleotteri vengono spesso imitati nella forma e nel colore da altri insetti, quali coleotteri cerambicidi, lepidotteri, emitteri, imenotteri, formando catene mimetiche di tipo sia batesiano che mülleriano, in particolare in alcune aree del Sudafrica e del Borneo. Ritorna al mimetismo mulleriano

17 si trovò tramutato, nel suo letto, in un enorme insetto Così noi ci siamo immaginati di... Come Gregor Samsa (da La metamorfosi di Kafka) Diventare qualcosa che prima non eravamo …

18 G li eterometàboli, a metamorfosi incompleta, il cui aspetto si modifica solo per lo sviluppo delle ali da una muta allaltra. Gli o lometàboli, a metamorfosi completa.o lometàboli

19 Ritorna alla mappa

20 Alcuni insetti apparentemente sgradevoli nella realtà, in altri contesti diventano un affascinante simbolo di… IncorruttibilitàOperositàTenacia

21 Lape è assunta come simbolo di operosità, lavoro e dolcezza. La mosca simboleggia tenacia nella lotta e in guerra. Lo scorpione simboleggia luomo che non perdona. Ritorna alla mappa

22 E adesso … BUON APPETITO INSETTI!!

23 Lapparato boccale degli insetti varia a seconda del tipo di alimentazione Masticatore Pungente succhiatore

24 Lapparato boccale degli insetti varia a seconda del tipo di alimentazione Lambente Spirotromba Lambente succhiatore

25

26

27

28

29

30 E adesso … BUON APPETITO A NOI … Con le indicazioni dello chef … Andrea Bellati


Scaricare ppt "metamorfosi Insetti e cucina mimetismo Curiosità: araldica."

Presentazioni simili


Annunci Google