La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Storia della Spagna può cominciare ad essere studiata da quando l'homo sapiens arrivò nella penisola iberica, ossia oltre 35 mila anni fa. Nei secoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Storia della Spagna può cominciare ad essere studiata da quando l'homo sapiens arrivò nella penisola iberica, ossia oltre 35 mila anni fa. Nei secoli."— Transcript della presentazione:

1

2 La Storia della Spagna può cominciare ad essere studiata da quando l'homo sapiens arrivò nella penisola iberica, ossia oltre 35 mila anni fa. Nei secoli successivi, popoli di origine diversa, tra cui celti, fenici, greci, romani e germanici si stabilirono in Spagna. Agli inizi dell'Ottavo secolo un esercito di popolazioni arabe e berbere conquistò quasi l'intera penisola. Nei 750 anni successivi, si formarono stati musulmani indipendenti, così tutta l'area sotto dominazione araba era conosciuta come Al-Andalus. Intanto i piccoli regni cristiani del nord riuscirono lentamente a riconquistare l'intera penisola iberica. Questo processo, chiamato La Reconquista durò per oltre cinque secoli. Nel 1492 Cristoforo Colombo, grazie all'aiuto dei re spagnoli, intraprese il primo viaggio verso il Nuovo Mondo. Intanto veniva instaurata l'Inquisizione spagnola; gli ebrei e i musulmani furono espulsi dai regni iberici. Nei tre secoli successivi la Spagna fu la più grande potenza coloniale, fondando un impero che si estendeva dalla California alla Patagonia e dai Caraibi alle Filippine. Fu anche il più potente stato del Rinascimento. In questo periodo fiorirono le arti e la letteratura spagnola. Tra il Cinquecento e il Seicento la Spagna si trovò imbrigliata in molti conflitti europei. Le guerre portarono a un forte dissesto finanziario, così nel Seicento la potenza spagnola andò verso il declino. Con la guerra di successione spagnola venne confermato il ridimensionamento della Spagna nel teatro europeo. Nel Settecento si instaurò la dinastia dei Borbone, la quale fece notevoli sforzi per rinnovare le istituzioni statali. Agli inizi dell'Ottocento la Spagna venne invasa dalle truppe napoleoniche. Questo evento porto a una vittoriosa, ma devastante guerra d'indipendenza che indebolì fortemente la Spagna e creò le premesse per l'indipendenza delle colonie americane. Nel corso dell'Ottocento, esausta dalle guerre di inizio secolo, la Spagna fu destabilizzata dalla nascita di varie formazioni politiche, liberali, reazionari ed altri gruppi. Alla fine dell'Ottocento, dopo una guerra contro gli Stati Uniti, la Spagna perse le ultime reliquie dell'antico impero, ossia Cuba, Portoricoe Filippine. Dopo un periodo di forte instabilità, nel 1936 scoppiò la guerra civile spagnola. La guerra terminò con l'instaurazione di una dittatura di stampo fascista. La Spagna fu neutrale nella seconda guerra mondiale, però ci furono volontari che combatterono per conto di entrambi i fronti. I decenni del dopoguerra, con Francisco Franco al comando, fino al 1975, furono relativamente stabili e, dagli anni sessanta la Spagna sperimentò una certa crescita economica. La morte di Franco nel 1975 portò al ritorno della monarchia borbonica. Sebbene rimangano alcune tensioni, specie nei Paesi Baschi, la Spagna contemporanea ha visto irrobustirsi le sue istituzioni democratiche.

3 Sistema Politico ed Economico Spagnolo Questa pagina riassume i sistemi politici ed economici in Spagna. Governo Tipo: Monarchia costituzionale (Juan Carlos I, proclamato il 22 Novembre 1975). Costituzione: 1978 Poteri: Esecutivo--presidente del governo nominato dal Re, soggetto all'approvazione del Congresso dei Deputati eletto democraticamente. Legislativo--Parlamento bicamerale: un Congresso dei Deputati con 350 membri (eletto con il sistema d'Hondt di rappresentanza proporzionale) ed un Senato. Quattro senatori sono eletti in ciascuna delle 47 province della penisola, 16 sono eletti nelle tre isole della provincia, e Ceuta e Melilla ne eleggono due ognuna; per un totale di 208 senatori. I parlamenti delle 17 regioni autonome eleggono anche un senatore, oltre ad un senatore per ogni milione di abitanti nel loro territorio (circa 20 senatori). Giudiziario--Il Tribunale Costituzionale ha giurisdizione sulle questioni costituzionali. Il Tribunale Supremo sta in cima al sistema che comprende le corti territoriali, provinciali, regionali e municipali. Suddivisioni: 47 province peninsulari e tre isole; due enclavi sulla costa Mediterranea del Marocco (Ceuta e Melilla) e tre gruppi di isole lungo la costa -- Alhucemas, Penon de Velez de la Gomera, e le Isole Chafarinas. Partiti Politici: Partito Socialista dei Lavoratori Spagnoli (PSOE), Partito Popolare (PP), e la coalizione della Sinistra Unita (IU). Partiti regionali fondamentali sono la Convergenza e l'Unione (CIU) in Catalonia e il Partito Nazionalista Basco (PNV) nei paesi Baschi.

4 Popolazione La conformazione del territorio condiziona una distribuzione non equilibrata della popolazione: sulle coste, lungo le valli dei fiumi e nelle zone economicamente più progredite, in cui sono sviluppate l'agricoltura e le industrie, la densità supera i 300 abitanti per km². In molte aree della meseta, invece, la densità è al di sotto dei 25 ab. per km². La popolazione urbana (77%) è costantemente in crescita. La popolazione totale della Spagna era, secondo le stime dell'anno 2009, di abitanti, con una densità media di 91,4 abitanti per km², suddivisa nelle varie comunità autonome che fanno parte del Regno. Il fenomeno dell'urbanizzazione è abbastanza recente, ed oggi il 70% degli spagnoli vive nelle città, molte delle quali si sono sviluppate in modo non organico e con problemi, talvolta gravi, di inquinamento. Il territorio del Paese è diviso in comunità autonome che, in considerazione della diversa storia, godono di una notevole autonomia.

5 La Nazionale di calcio Spagnola negli ultimi anni ha avuto un gran successo a livello mondiale.Nel mondiale in Germania è arrivata solo agli ottavi di finale eliminata dalla Francia. Poi negli anni seguenti si è rifatta e ha vinto lEuropeo battendo in finale la Germania. Lanno dopo alla Confederation Cup è partita bene ma è stata sconfitta a sorpresa dagli U.S.A. Nonostante questa sconfitta la Spagna è una candidata alla vittoria finale del mondiale. I suoi giocatori più rappresentativi sono Torres, Villa,Xavi,Iniesta e Casillas.

6 La prima giornata della Liga si disputò il 10 febbraio 1929: inizialmente il formato prevedeva soltanto 10 squadre, ma ben presto passarono a 20 e, per problemi amministrativi, vi hanno partecipato anche 22 durante i campionati 1995/1996 e 1996/1997. Il torneo, a differenza di quello italiano, è sempre stato giocato a girone unico, con la sola eccezione del campionato : in quell'anno, dopo la fine del regolare torneo, le 18 squadre vennero divise in tre gironi, nei quali sei squadre si sarebbero giocate il titolo, sei la salvezza e sei le posizioni di media classifica. Solo dopo la conclusione delle gare giocate nel contesto dei gironi venne stilata la classifica finale. Il campionato conobbe una sola interruzione, decretata per motivi bellici tra il 1936 e il 1939 durante la Guerra civile spagnola. Nel campionato spagnolo gioca una squadra straniera, l'FC Andorra di Andorra La Vella (Andorra). Le squadre a contendersi la competizione sono Il Barcellona e il Real Madrid invece per la lotta alla Champions League ci sono il Valencia, Sevilla.

7


Scaricare ppt "La Storia della Spagna può cominciare ad essere studiata da quando l'homo sapiens arrivò nella penisola iberica, ossia oltre 35 mila anni fa. Nei secoli."

Presentazioni simili


Annunci Google