La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SECONDO INCONTRO SEDI PILOTA Prossimi incontri 14.00 – 17.00 LPD Giubiasco mercoledì 5 novembre 2003 mercoledì 26 novembre 2003 mercoledì 21 gennaio 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SECONDO INCONTRO SEDI PILOTA Prossimi incontri 14.00 – 17.00 LPD Giubiasco mercoledì 5 novembre 2003 mercoledì 26 novembre 2003 mercoledì 21 gennaio 2004."— Transcript della presentazione:

1 SECONDO INCONTRO SEDI PILOTA Prossimi incontri – LPD Giubiasco mercoledì 5 novembre 2003 mercoledì 26 novembre 2003 mercoledì 21 gennaio 2004 mercoledì 10 marzo 2004 mercoledì 7 aprile 2004 mercoledì 21 aprile giorni in agosto 2004 Progetto pilota per lintroduzione del nuovo Piano disciplinare di scienze naturali

2 ENERGIA e INFORMAZIONE nel primo biennio Progetto pilota per lintroduzione del nuovo Piano disciplinare di scienze naturali INFORMAZIONE ENERGIA DEPOSITO:TRASFERITORE:PORTATORE: entropia (calore) legno acqua (calda, in movimento …) animali materia (aria, acqua …) luce nuvola combustibili fossili organismi morti acqua stufa calorifero animali bruciatore volatili, semi (in senso meccanico) acqua in superficie suolo in superficie mongolfiera atmosfera casa animali piante materia aria acqua combustibili ghiacciaio

3 Esercizio Progetto pilota per lintroduzione del nuovo Piano disciplinare di scienze naturali Riflettere su quali devono essere gli attributi (le caratteristiche, i criteri di classificazione) che permettono di identificare (classificare) un portatore, un trasferitore, un deposito di energia.

4 Concetto da costruire Energia: una grandezza fisica che è sempre associata a un portatore può fluire da un corpo a un altro può essere immagazzinata è governata da una legge di bilancio è conservata Lenergia è necessaria per i processi vitali e per svolgere varie attività ma non ne è la causa! La causa va ricercata in una differenza di potenziale. Lenergia è qualche cosa di invisibile che accomuna tutte le correnti necessarie per far funzionare macchine, riscaldare case, fare viaggi, mantenere in vita esseri viventi. Le correnti sono anzitutto correnti materiali, rappresentano spesso i portatori visibili della grandezza invisibile energia. Attenzione a non volersi ingabbiare in rigide definizioni riduttive e prive di senso!

5 è una grandezza estensiva accompagna (si muove) la corrente di energia esiste una grandezza intensiva che indica quanta energia è associata alla corrente del portatore (potenziale) La differenza di potenziale stabilisce la direzione della corrente del portatore Come fare per riconoscerli Per non appesantire il corso per principianti con un gran numero di nuove grandezze fisiche, non designiamo queste grandezze come portatori di energia ma le sostituiamo con le sostanze che le contengono. Acqua calda invece di entropia, benzina invece di quantità di materia. PORTATORE In alcuni semplici casi la corrente del portatore dipende da Differenza di potenziale Resistenza alla corrente del portatore

6 Come fare per riconoscerli Una scatola (che può essere considerata) nera dove lenergia cambia portatore e/o il portatore cambia potenziale. TRASFERITORE

7 Accumulo di un portatore che possiede un (alto) potenziale. Come fare per riconoscerli DEPOSITO

8 Esercizio Progetto pilota per lintroduzione del nuovo Piano disciplinare di scienze naturali Sulla base degli elementi (portatori, trasferitori, depositi) identificati finora creare alcuni diagrammi di flusso per lenergia e per linformazione. Riflettere su un possibile programma di prima media fondato sui concetti di energia ed informazione precedentemente evidenziati (come, quando, perché introdurli).


Scaricare ppt "SECONDO INCONTRO SEDI PILOTA Prossimi incontri 14.00 – 17.00 LPD Giubiasco mercoledì 5 novembre 2003 mercoledì 26 novembre 2003 mercoledì 21 gennaio 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google