La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BOGNI CORNELIO LIMIROLI RITA. Classificazione dei rischi lavorativi Rischi di tipo chimico Etichettatura di prodotti pericolosi Sicurezza dei lavoratori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BOGNI CORNELIO LIMIROLI RITA. Classificazione dei rischi lavorativi Rischi di tipo chimico Etichettatura di prodotti pericolosi Sicurezza dei lavoratori."— Transcript della presentazione:

1 BOGNI CORNELIO LIMIROLI RITA

2 Classificazione dei rischi lavorativi Rischi di tipo chimico Etichettatura di prodotti pericolosi Sicurezza dei lavoratori Normativa Sicurezza nei cantieri di Restauro Sicurezza nelle produzione di ceramiche Bibliografia

3 In questa presentazione verranno trattati in modo particolare i rischi derivanti da agenti chimici e cancerogeni.

4 Rischi legati ad agenti chimici Esplosivi Sostanze infiammabili Sostanze corrosive Sostanze irritanti Sostanze nocive e tossiche Sostanze allergeniche o sensibilizzanti

5 Sostanze infiammabili Definizioni Punto di infiammabilità Tipologia di incendi Mezzi estinguenti Etichettatura Tipologie di infiammabili

6 Incendio Lincendio è una particolare tipo di combustione incontrollata. Il combustibile brucia in presenza di un comburente e di una fonte di innesco (fiamme libere, sigarette, scintille, impianti elettrici non in regola, condotte di aria calda).comburente CLASSIFICAZIONE DEGLI INCENDI Incendi di classe A: incendi di materiali solidi, normalmente di natura organica, che portano alla formazione di braci. Incendi di classe B: incendi di materiali liquidi o solidi liquefacibili, quali petrolio, paraffina, vernci, oli, grassi, ecc. Incendi di classe C: incendi di gas. Incendi di classe D: incendi di sostanze metalliche (es. alluminio, magnesio, potassio, sodio). Incendi di impianti ed attrezzature elettriche sotto tensione.

7 Mezzi di estinzione degli incendi INCENDI DI CLASSE A: acqua, schiuma e polvere. INCENDI DI CLASSE B: schiuma, polvere, anidride carbonica. INCENDI DI CLASSE C : blocco del flusso del gas. INCENDI DI CLASSE D : polveri speciali. INCENDI DI IMPIANTI ED ATTREZZATURE ELETTRICHE SOTTO TENSIONE : polveri dielettriche e anidride carbonica.

8 Funzione dei vari mezzi estinguenti Acqua –Effetti: raffreddamento, allontanamento del combustibile dal comburente, diluizione della sostanza combustibile. CO 2 –Effetto: sottrazione del materiale allazione dellossigeno, creazione di unatmosfera inerte. Polveri (bicarbonato di sodio e potassio, fosfato di ammonio). –Effetto: liberazione di sostanze che soffocano lincendio in seguito a decomposizione. Schiume –Effetti: separazione del combustibile dal comburente, riduzione della concentrazione di O 2 per sviluppo di CO 2 e vapore acqueo, raffreddamento in seguito ad assorbimento del calore di reazione.

9 Definizioni Comburenti: le sostanze e i preparati che a contatto con altre sostanze, soprattutto se infiammabili, provocano una forte reazione esotermica.

10 Definizioni Esplosive: sostanze e preparati solidi, liquidi e pastosi o gelatinosi che, anche senza lazione dellossigeno atmosferico, possono provocare una reazione esotermica con rapida formazione di gas e che in condizioni di contenimento anche parziale, deflagrano in seguito a riscaldamento.

11 Definizioni Estremamente infiammabili: Le sostanze e i preparati liquidi con un punto di infiammabilità estremamente basso e le sostanze e i preparati gassosi cha a temperatura e a pressione ambiente sono infiammabili a contatto con laria. Facilmente infiammabili: 1.Le sostanze e i preparati che, a contatto dellaria e a temperatura ambiente e senza apporto di energia, possono subire innalzamenti termici ed infiammarsi 2.Le sostanze e i preparati solidi che possono facilmente infiammarsi dopo un breve contatto con una sorgente di accensione e che continuano a bruciare anche dopo il distacco dalla sorgente di accensione. 3.Le sostanze e i preparati che, a contatto con lacqua o laria umida, sprigionano gas infiammabili. Infiammabili: Le sostanze e i preparati liquidi con un basso punto di infiammabilità.

12 Flash point (punto di infiammabilità) Temperatura minima alla quale un liquido dà vapori che possono formare con laria una miscela esplosiva. Più alto è il valore minore è il rischio.Più alto è il valore minore è il rischio. Solventi puri con bassa pressione di vapore ed elevate massa molecolare e temperatura di ebollizione presentano flash point più alto (minor rischio). CLASSIFICAZIONE DI RISCHIO (SOLVENTI IMMISCIBILI CON ACQUA) Rischio elevato: FP< 21°c Rischio medio: FP= 21°C –55°C Rischio basso: FP= 55°C- 100°C.

13 Flash point (punto di infiammabilità) Parte seconda FLASH POINT DI SOLVENTI MISCIBILI CON LACQUA Le miscele che superano un determinato valore di contenuto percentuale di acqua non sono infiammabili. Ad esempio Alcol propilico/ acqua (70/30): miscela infiammabile. Alcol propilico/ acqua (60/40): miscela non infiammabile. I solventi clorurati non sono infiammabili, ma molto tossici.

14 Prodotti infiammabili Solventi organici come etere etilico, acetato di etile, idrocarburi, ecc. Materiali solidi come –Resine –Polpa di cellulosa –Polveri sottili disperse in aria (metalli, carboni, prodotti alimentari ecc.)

15 Sostanze corrosive e irritanti Gli acidi e le basi forti e le sostanze che possono generarli facilmente hanno effetto caustico vale a dire che provocano ustioni o abrasione dei tessuti con cui vengono a contatto. Gli organi più esposti sono la pelle e gli occhi nel caso di sostanze liquide, solide, i polmoni nel caso di sostanze gassose. Molte sostanze classificate come irritanti hanno un effetto più blando per esposizioni singole, ma esposizioni ripetute possono portare a malattie professionali come le dermatiti da contatto.

16 Tossicità acuta Tossicità cronicaValori limite di esposizione professionale Normativa sui valori limite di esposizione professionale Classificazione delle sostanze pericolose per la salute Definizione di tossicità Sostanze nocive e tossiche

17 Classificazione delle sostanze pericolose per la salute Sostanze tossiche e nocive: s ono sostanze in grado di provocare lesioni delle cellule dellorganismo e di alterare una o più funzioni biologiche. Sostanze cancerogene :Sostanze cancerogene causano il cancro o ne aumentano lincidenza quando sono inalate o ingerite o se penetrano nellepidermide. Sostanze mutagene:Sostanze mutagene sono in grado di modificare il patrimonio genetico delle cellule. Sostanze teratogene: inducono malformazioni nellembrione in quanto agiscono durante il suo sviluppo intrauterino. Sostanze allergeniche o sensibilizzanti:Sostanze allergeniche o sensibilizzanti Sono in grado di sviluppare patologia allergica nei soggetti predisposti.

18 Tossicità Lorganismo umano può venire a contatto con le sostanze nocive: –per inalazione, –per ingestione –per via cutanea. Gli effetti tossici possono essere acuti o cronici, reversibili o irreversibili.

19 Tossicità acuta La tossicità acuta viene misurata determinando il valore LD 50 o LC 50. LD 50 indica la dose minima generalmente espressa in mg/kg di peso corporeo che, somministrata per via orale o cutanea, causa il decesso del 50% delle cavie (dose letale). LC 50 : concentrazione nellaria che procura la morte del 50% delle cavie per inalazione (concentrazione letale).

20 Classificazione delle sostanze tossiche in base a LD mg/kgLD mg/kg : molto tossica mg/kgLD mg/kg: tossica mg/kgLD mg/kg: dannosa

21 Tossicità cronica tossicità cronicaCon tossicità cronica si indicano tutti gli effetti a lungo termine sulla salute di uomini e di animali risultanti dalla esposizione ad una certa sostanza. livelli accettabili di esposizionePer prevenire danni alla salute di lavoratori che maneggiano o sono esposti a sostanze chimiche di uso industriale sono stati definiti livelli accettabili di esposizione alle diverse sostanze. Le concentrazioni tollerabili non corrispondono a condizioni di esposizioni prive di rischio per la salute, ma la probabilità di danno per la salute del lavoratore viene ritenuta accettabile. valori provvisoriAlla definizione di questi valori si è arrivati tramite studi sperimentali sugli animali e la sorveglianza clinica sui lavoratori esposti (monitoraggio ambientale e biologico), si tratta quindi di valori provvisori suscettibili di variazioni con il procedere delle conoscenze.

22 Valori limite di esposizione professionale I valori limite di esposizione professionale possono essere espressi tramite: 1.MAC (Maximum Allowable concentration) Massima concentrazione ammissibile 2. TLV (Threshold Limit Value= Valore Limite di soglia). Per il TLV si distingue tra: TLV-TWA TLV-TWA (Threshold Limit Value- Time Weighted Average) Indica il valore limite per esposizioni prolungate nel tempo. Rappresenta infatti la massima concentrazione media ammessa nellaria per una esposizione di 8 ore al giorno per 5 giorni alla settimana. TLV-STEL TLV-STEL (Threshold Limit Value- Short Term Exposure Limit) Indica il valore limite per esposizioni di breve durata. Rappresenta la massima concentrazione ammessa nellaria per unesposizione di 15 minuti per 4 esposizioni al giorno distanziate da un 1 ora. TLV-C TLV-C (Threshold Limit Value-Ceiling) Indica il valore limite di soglia massimo.Valore che non dovrebbe mai essere superato neanche per brevi periodi.

23 Limiti di esposizione normati In Italia attualmente sono previsti limiti di esposizione ufficialmente vincolanti solo per Amianto (Dlgs. 277/91) Piombo (Dlgs. 25/2002) Benzene (All. VIII bis Dlgs. 626/94 modificato dal Dlgs. 66/2000) Cloruro di vinile monomero (All. VIII bis Dlgs. 626/94 modificato dal Dlgs. 66/2000) Polveri di legno (All. VIII bis Dlgs. 626/94 modificato dal Dlgs. 66/2000)

24 Tossicità dei principali solventi usati nel restauro SOLVENTEEFFETTI Ammine alifatiche (butilammina)Asma- dermatiti BenzeneCangerogeno-midollo osseo Benzina rettificataCancerogeno (se benzene >0,1%) CloroformioLesioni epatiche renali Diluente nitroCancerogeno (se benzene >0,1%) DimetilformammideProbabilmente cancerogena Essenza di petrolioCancerogeno (se benzene >0,1%) Essenza di trementinaEczema-lesioni renali Formaldeide al 40%Probabilmente cancerogeno Cloruro di metileneIndicazioni di cancerogenicità Tricloroetilene (trielina)Può dare effetti irreversibili

25 Tossicità dei principali solventi usati nel restauro Molti solventi come, ad esempio, acetone, etere etilico, toluene, xilene possono: –passare attravarso la pelle integra e provocare dermatiti e e sensibilizzazioni perché rimuovono le sostanze grasse presenti; –provocare problemi agli occhi: congiuntiviti. E pericoloso indossare lenti a contatto durante lutilizzo di solventi organici perché i vapori possono interagire con i materiali delle lenti. La pericolosità dei solventi non dipende solo dal valore di TLV, ma anche dal grado di evaporazione relativa. Il grado di evaporazione relativa è calcolato rispetto ad una sostanza di riferimento (dietiletere G.E.R.=1). Ad un basso valore di G.E.R. corrisponde una pericolosità elevata.

26 Effetti tossici delle polveri Alcune polveri causano processi irritativi (riniti, faringiti, dermatiti, congiuntiviti) tramite unazione meccanica ad esempio gesso, calce. Altre hanno unazione allergizzante (cemento, legni esotici). Polveri contenenti Silicio cristallino (graniti, argille, sabbie) possono causare silicosi, bronchite cronica. Sono classificate come cancerogene le polveri di legno di faggio, quelle fibrose (es. fibre ceramiche), di vetro, lane di roccia.

27 Sostanze cancerogene Studi sulla cancerogenicità Classificazione degli agenti cancerogeni EtichettaturaElenco di sostanze cancerogene o mutagene

28 Studi sulla cancerogenicità di agenti chimici La valutazione della cancerogenicità potenziale di sostanze chimiche viene effettuata essenzialmente tramite: Studi epidemiologici condotti su popolazioni esposte a tali sostanze in confronto con gruppi di controllo sicuramente non esposti. Studi sperimentali sono condotti su animali da laboratorio e hanno come risultato losservazione delleventuale insorgenza di tumori in un gruppo di cavie esposte in confronto con gruppo di cavie non esposto.

29 Classificazione degli agenti cancerogeni Esistono diverse modalità di classificazione del potere cancerogeno, qui di seguito viene riportata la Classificazione Europea, in quanto essa ha valore legale. I base a questa classificazione gli agenti cancerogeni sono raggruppati in 3 categorie. Prima categoria Sostanze sicuramente cancerogene per luomo, sufficienti elementi hanno permesso di stabilire una relazione causa effetto tra lesposizione delluomo e linsorgenza di un tumore. Seconda categoria Sostanze che devono essere assimilate ai cancerogeni per luomo sulla base di studi condotti su cavie animali. Terza categoria Sostanze per le quali gli studi condotti su cavie hanno dato risultati preoccupanti, ma insufficienti a catalogarle nella seconda categoria.

30 Etichettatura degli agenti cancerogeni I cancerogeni di categoria 1 e 2 R45 R49 T sono etichettati con la frasi di rischio R45 (Può causare il cancro) o R49 (Può causare il cancro per inalazione) e con il simbolo T Tossico. I cancerogeni di categoria 3 R40 Xn sono etichettati con la frase di rischio R40 (Sospetto effetto cancerogeno. Prove insufficienti) e con il simbolo Xn (Nocivo).

31 Alcune sostanze classificate come cancerogene o mutagene Acido arsenico e suoi sali Asbesto Ammine aromatiche ( benzidina, 4- amminoazobenzene, 4-amminobifenile, 2- naftilammina, o-tolidina, o-toluidina ecc. utilizzate principalmente nella produzione di coloranti) Benzene 1,3-butadiene utilizzato nellindustria della gomma sitìntetica. Cadmio cloruro utilizzato in galvanostegia, in fotografia e per produrre pigmenti. 1,2-dicloroetano utilizzato per produrre il cloruro di vinile e come solvente. 1,1-Dimetilidrazina Utilizzata tra laltro in fotografia coma assorbente. Etilene ossido Utilizzato per produrre antigelo, come detergente nelle lavanderie e come sterilizzante industriale e ospedaliero Idrocarburi policiclici aromatici (benzoantracene, benzopirene, benzofluorantene. Si trovano nei prodotti di combustione incompleta e nei combustibili fossili). 2-Nitropropano Usato come solvente di inchiostri, vernici, polimeri e materiali sintentici. Vinile cloruro Utilizzato nellindustria delle materie plastiche. Zinco cromati Utilizzati come pigmenti nelle pitture, vernici colori ad olio. Berillio e suoi composti. Utilizzato per componenti elettrici e materiali ceramici speciali Cadmio ossido Utilizzato principalmente per produrre batterie nichel-cadmio. Cromo triossido Utilizzato nella cromatura e in fotografia. Nichel monossido, nichel solfuro e triossido di nichel. Utilizzati per produrre catalizzatori e nellindustria della ceramica.

32 Agenti mutageni Unesposizione a questi agenti può indurre difetti genetici ereditari e queste mutazioni possono portare allinsorgenza di tumori. Come per gli agenti cancerogeni, secondo la Classificazione europea gli agenti mutageni sono raggruppati in 3 categorie

33 Classificazione degli agenti mutageni Prima categoria Sostanze sicuramente mutagene per luomo, sufficienti elementi hanno permesso di stabilire una relazione causa effetto tra lesposizione delluomo e difetti genetici ereditari. Seconda categoria Sostanze che devono essere assimilate ai mutageni per luomo sulla base di studi condotti su cavie animali. Terza categoria Sostanze per le quali gli studi condotti su cavie hanno dato risultati preoccupanti (possibili effetti mutageni), ma insufficienti a catalogarle nella seconda categoria.

34 Etichettatura degli agenti mutageni I mutageni di categoria 1 e 2 R46 T sono etichettati con la frasi di rischio R46 (Può causare alterazioni genetiche ereditarie) e con il simbolo T Tossico. I mutageni di categoria 3 R68 Xn sono etichettati con la frase di rischio R68 (Possibilità di effetti irreversibili) e con il simbolo Xn (Nocivo).

35 Sostanze allergeniche o sensibilizzanti Definizione Le allergie professionali sono determinate da sostanze prodotte o comunque presenti nellambiente di lavoro. Gli effetti di queste sostanze riguardano soprattutto lapparato respiratorio e la pelle (asma, rinite, orticaria, ecc). Le stesse sostanze si possono comportare da irritanti chimici e determinare la stessa sintomatologia o aggravare unallergia preesistente dovuta ad altri fattori anche esterni al ciclo produttivo. Nelle diapositive seguenti sono elencate alcune sostanze in grado di indurre manifestazioni allergiche.

36 Sostanze allergeniche Possono provocare asma 1.Isocianati : produzione di poliuretano espanso (imbottiture, isolanti termoacustici, adesivi) e nella produzione di vernici, schiume e fibre. 2.Ossido di etilene: sterilizzazione di apparecchiature sanitarie (macchine per la dialisi) e di strumenti sanitari "a perdere" (siringhe, cateteri, sonde). 3.Anidride Ftalica, Anidride maleica, Anidride trimellitica: produzione di materie plastiche e coloranti. 4.Coloranti: Parafenilendiamina : utilizzato nella tintura dei capelli; è anche responsabile di dermatiti allergiche da contatto. 5.Formaldeide: prodotto largamente utilizzato in numerose lavorazioni. 6.Ammine alifatiche ed eterocicliche : produzione di materie plastiche, verniciature e processi di saldatura.

37 Sostanze allergeniche Sostanze irritanti: 1.Agenti ossidanti: acqua ossigenata, permanganati, acido cromico e sali, ipocloriti, per solfati e nitrati 2.Agenti disidratanti: acidi e alcali forti, anidride solforosa, nitrica e fosforica, ammoniaca e soluzioni saline concentrate 3.Agenti precipitanti: formaldeide, acido tannico, sali di metalli pesanti e cloruro di mercurio 4.Agenti idrolizzanti: esametilentetrammina 5.Agenti cheratolitici: pirogallolo, resorcina e acido salicilicoAgenti cheratolitici 6.Agenti cheratotogenetici : idrocarburi della serie aromatica contenuti nel petrolio e carbone ed idrocarburi clorosostituitiAgenti cheratotogenetici 7.Agenti solventi: alcol, etere e cloroformio.

38 Sostanze allergeniche Metalli: 1.Cromo: allergizzante tanto nella forma trivalente che esavalente; principale causa di allergia al metallo è il cemento. Linalazione del cromo determina anche: ulcerazioni nasali, bronchite e cancro del polmone. 2.Nichel : è il più comune allergene; utilizzato per la placcatura dei metalli e in molte altre leghe. 3.Cobalto: contenuto negli oggetti nichelati, nel cemento, in numerose leghe, negli oli lubrificanti, nelle tinture per capelli, negli inchiostri e matite colorate. 4.Mercurio: il metallo e i suoi composti organici e inorganici sono largamente impiegati nellindustria, in vari preparati medicamentosi e nellagricoltura. Agenti chimici contenuti nella gomma come acceleranti del processo di vulcanizzazione, antiossidanti e additivi.

39 Sostanze allergeniche Resine: I prodotti finiti solidi o completamente polimerizzanti causano raramente allergia; responsabili sono invece le resine non finite che liberano monomeri o condensati a basso peso molecolare. I prodotti più comunemente in causa sono: 1.Resine epossidiche: largamente in uso responsabili della sensibilizzazione sono tanto la resina non polimerizzata che i numerosi additivi (indurenti, solventi, plastificanti, coloranti, ecc.) 2.Resine formaldeidiche: impiegate come collanti per legno, gomma metalli, isolanti elettrici. 3.Resine acriliche: utilizzate nel trattamento delle fibre tessili, nelle protesi chirurgiche e odontoiatriche, nel plexiglas e nelle pitture (vernici acriliche). Coloranti: 1.Derivati della anilina; 2.Derivati antrachinonici 3.Coloranti pirazolonici.

40 Informazioni sulla pericolosità delle sostanze La pericolosità delle sostanze può essere dedotta essenzialmente in due modi: tramite letichettatura,letichettatura tramite la scheda di Sicurezza.la scheda di Sicurezza.

41 Etichettatura dei prodotti chimici La pericolosità di un prodotto è desumibile dall'etichettatura attraverso: il Simbolo di pericolosità,il Simbolo di pericolosità le Frasi di rischio (frasi R)Frasi di rischio (frasi R) i Consigli di prudenza (Frasi S).Consigli di prudenza (Frasi S).

42 Simboli di pericolosità Esplosivo (E) Comburente (O) Estremamente infiammabile (F+)Estremamente infiammabile (F+) Facilmente infiammabile (F) Molto tossico (T+) e tossico (T) Nocivo (Xn) Infiammabili

43 Simboli di pericolosità Corrosivo (C) Irritante (Xi) Pericoloso per lambiente (N)

44 Esplosivo (E) Pericolo:Pericolo: Questo simbolo indica prodotti che possono esplodere in determinate condizioni. PrecauzioniPrecauzioni: Evitare urti, attriti, scintille, calore.

45 Comburente (O) PericoloPericolo: Sostanze ossidanti che possono infiammare materiale combustibile o alimentare incendi già in atto rendendo più difficili le operazioni di spegnimento. Precauzioni Precauzioni: Tenere lontano da materiale combustibile.

46 Estremamente infiammabile (F+) PericoloPericolo: Liquidi con punto di infiammabilità inferiore a 0°C e con punto di ebollizione/punto di inizio dell'ebollizione non superiore a 35°C. Precauzioni:Precauzioni: Conservare lontano da qualsiasi fonte di accensione. PericoloPericolo: Sostanze gassose infiammabili a contatto con l'aria a temperatura ambiente e pressione atmosferica. PrecauzioniPrecauzioni: Evitare la formazione di miscele aria-gas infiammabili e tenere lontano da fonti di accensione.

47 Facilmente infiammabile (F) PericoloPericolo: Sostanze autoinfiammabili. Prodotti chimici infiammabili all'aria. Precauzioni Precauzioni: Conservare lontano da qualsiasi fonte di accensione. PericoloPericolo: Prodotti chimici che a contatto con l'acqua formano rapidamente gas infiammabili. Precauzioni Precauzioni: Evitare il contatto con umidità o acqua. PericoloPericolo: Liquidi con punto di infiammabilità inferiore a 21°C. PrecauzioniPrecauzioni: Tenere lontano da fiamme libere, sorgenti di calore e scintille. PericoloPericolo: Sostanze solide che si infiammano facilmente dopo breve contatto con fonti di accensione. Precauzioni: Conservare lontano da qualsiasi fonte di accensione.

48 Molto tossico (T+) e Tossico (T) PericoloPericolo: Sostanze molto pericolose per la salute per inalazione, ingestione o contatto con la pelle, che possono anche causare morte. Possibilità di effetti irreversibili da esposizioni occasionali, ripetute o prolungate. PrecauzioniPrecauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico.

49 Nocivo (Xn) PericoloPericolo: Nocivo per inalazione, ingestione o contatto con la pelle. Possibilità di effetti irreversibili da esposizioni occasionali, ripetute o prolungate. PrecauzioniPrecauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico.

50 Corrosivo (C) PericoloPericolo: Prodotti chimici che per contatto distruggono sia tessuti viventi che attrezzature. PrecauzioniPrecauzioni: Non respirare i vapori ed evitare il contatto con la pelle, occhi ed indumenti.

51 Irritante (Xi) PericoloPericolo: Questo simbolo indica sostanze che possono avere effetto irritante per pelle, occhi ed apparato respiratorio. PrecauzioniPrecauzioni: Non respirare i vapori ed evitare il contatto con la pelle.

52 Pericoloso per lambiente (N) PericoloPericolo: Sostanze nocive per l'ambiente acquatico (organismi acquatici, acque) e per l'ambiente terrestre (fauna, flora, atmosfera) o che a lungo termine hanno effetto dannoso. PrecauzioniPrecauzioni: Non disperdere nell'ambiente.

53 Frasi di Rischio (Frasi R) Le frasi di rischio sono delle sigle costituite dalla lettera R seguita da un numero, a cui corrisponde una certa valutazione di pericolosità. Le frasi di rischio possono essere classificate in base: –alle proprietà chimico-fisiche della sostanza a cui si riferiscono ( infiammabili, esplosivi ecc.), –alla sua tossicità (cancerogeno, corrosivo, irritante, ecc) –alla sua eco-tossicità (prodotti classificati come tossici per lambiente.

54 Alcuni esempi di frasi di rischio R5 Pericolo di esplosione per riscaldamento R7 Può provocare un incendio R14 Sostanza che reagisce violentemente con l'acqua R39 Pericolo di effetti irreversibili molto gravi R34 Provoca ustioni R45 Può provocare il cancro R49 Può provocare il cancro per inalazione R46 Può provocare alterazioni genetiche ereditarie R50 Altamente tossico per gli organismi acquatici R54 Tossico per la flora R59 Pericoloso per lo strato di ozono

55 Consigli di prudenza (Frasi S) I Consigli di prudenza sono delle sigle costituite dalla lettera S seguita da un numero, a cui corrispondono norme e precauzioni da usare nel maneggiare il prodotto. Di seguito sono riportati alcuni esempi S2Conservare fuori della portata dei bambini S15Conservare lontano dal calore S16Conservare lontano da fiamme e scintille - Non fumare S24Evitare il contatto con la pelle S29Non gettare i residui nelle fognature

56 Scheda di sicurezza La scheda di Sicurezza di un prodotto è un documento che il produttore deve, obbligatoriamente fornire, su richiesta, agli utilizzatori professionali. Questo documento deve essere fornito anche per i preparati non classificati come pericolosi, ma che contengono sostanze classificate come pericolose anche solo come impurezze o additivi. Esso riporta una serie di informazioni sulla pericolosità del prodotto e sul suo corretto utilizzo.

57 La Scheda di Sicurezza è divisa in 15 punti: 1. Identificazione del prodotto e fornitore; 2. Composizione (eventuali impurezze), numero di CAS e numeri identificativi di altri enti; 3. Pericolosità; 4. Misure di primo soccorso; 5. Misure antincendio; 6. Misure in caso di dispersione accidentale; 7. Manipolazione e stoccaggio; 8. Protezione personale; 9. Proprietà chimiche e fisiche; 10. Stabilità e reattività; 11. Informazioni tossicologiche; 12. Informazioni ecologiche; 13. Trattamento reflui; 14. Informazioni relative al trasporto; 15. Informazioni generali

58 Normativa Significato Dlgs. 626/94 Struttura Dlgs. 626/94 Obblighi del lavoratore Diritti del lavoratore ISPESL

59 Significato del Dlgs 626/94 Attualmente questa è la norma più importante a cui si fa riferimento per il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro. Rispetto a tutta la normativa precedente, le due maggiori novità introdotte dal Dlgs 626/94 sono: il fatto di rendere tutti i lavoratori parte attiva del processo di prevenzione degli infortuni, il fatto che la prevenzione degli infortuni deve essere progettata e programmata in tutte le sue fasi e coinvolgere ogni aspetto dellattività lavorativa e non può più essere episodica e frammentaria. Altre rilevanti novità sono elencate nella diapositiva seguente

60 Novità introdotte dal Dlgs. 626/94 e successive modificazioni e integrazioni Istituzione delle figure del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e del Rappresentante per i Lavoratori della Sicurezza;Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Rappresentante per i Lavoratori della Sicurezza Obbligo del datore di lavoro di elaborare un documento sulla valutazione dei rischi;documento sulla valutazione dei rischi Obbligo di predisporre di un programma di informazione e formazione dei lavoratori. Introduzione di disposizioni specifiche che riguardano: la movimentazione manuale dei carichi, i lavoratori addetti ai videoterminali, i lavoratori esposti ad agenti cancerogeni o ad agenti biologici.

61 Campo di applicazione del Dlgs. 626/94 Le disposizioni di questo decreto si applicano a tutti i settori di attività privati o pubblici. Gli allievi degli istituti di istruzione ed universitari, e i partecipanti a corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, macchine, apparecchi ed attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici sono considerati lavoratori ai fini dellapplicazione delle disposizioni previste da questo decreto.

62 Struttura del Dlgs 626/94 Il decreto si presenta diviso in 10 titoli e 13 allegati. Ciascun titolo comprende più articoli, può essere suddiviso a sua volta in più capitoli denominati Capo ed essere integrato da uno o più allegati. Indice Dlgs 626/94 Indice Dlgs 626/94

63 Indice del DLgs 626/94 Titolo IDisposizioni generaliDisposizioni generali Titolo II Luoghi di lavoro Titolo III Uso delle attrezzature di lavoro Titolo IV Uso dei dispositivi di protezione individuale Titolo V Movimentazione manuale dei carichi Titolo VIUso di attrezzature munite di videoterminali Titolo VIIProtezione da agenti cancerogeniProtezione da agenti cancerogeni Titolo VIIProtezione da agenti biologici Titolo IXSanzioni Titolo XDisposizioni transitorie e finali

64 Struttura Titolo I Capo I Disposizioni generali Capo II Servizio di Prevenzione e Protezione Capo III Prevenzione incendi, evacuazione dei lavoratori, pronto soccorso. Capo IV Sorveglianza sanitaria Capo V Consultazione e partecipazione dei lavoratori Capo VIInformazione e formazione dei lavoratori Capo VIIDisposizioni concernenti la pubblica amministrazione Capo VIII Statistiche degli infortuni e delle malattie professionali

65 Struttura del Titolo VII Protezione da agenti cancerogeni Capo I Disposizioni generali Capo IIObblighi del datore di lavoro Capo IIISorveglianza sanitaria Allegato VIII Definizione di agente cancerogeno Elenco sostanze cancerogene

66 Struttura del Titolo VIII Protezione da agenti biologici Capo I (senza titolo) Capo IIObblighi del datore di lavoro Capo IIISorveglianza sanitaria Allegati IX, X, XI, XII e XIII La serie di articoli compresi in questo titolo regolamenta le attività lavorative che prevedono il rischio di esposizioni ad agenti biologici rappresentati da microrganismi, anche se modificati geneticamente, e colture cellulari, che potrebbero provocare infezioni, intossicazione e d allergie. ( ad esempio batteri come Clostridium botulinum, Legionella spp, virus come Herpesvirus varicella-zoster, Virus dell'epatite C, parassiti, funghi)Legionella spp

67 Documento sulla valutazione dei rischi Il documento sulla valutazione dei rischi contiene: una relazione sullindividuazione e la valutazione dei rischi per la sicurezza, un programma di prevenzione e protezione dai rischi,programma di prevenzione e protezione dai rischi un piano per il miglioramento nel corso del tempo dei livelli di sicurezza.

68 Programma di prevenzione e protezione dai rischi Questo programma può prevedere: ladeguamento dei luoghi di lavoro e delle attrezzature alle norme di legge; la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso; lutilizzo di segnali di avvertimento e di sicurezza, la fornitura ai lavoratori, laddove è necessario, di dispositivi di protezione individuali, la cui efficienza deve essere verificata regolarmente e al cui utilizzo i lavoratori devono essere addestrati;dispositivi di protezione individuali il controllo sanitario dei lavoratori in funzioni dei rischi specifici, la fornitura ai lavoratori di istruzioni specifiche, la predisposizioni di procedure per la gestione dellemergenze (incendi, infortuni, ecc.), la pianificazione di un programma di formazione.

69 Obblighi del lavoratore Ogni lavoratore ha lobbligo di: Osservare le istruzioni impartite dal datore di lavoro; Utilizzare correttamente le attrezzature, i dispositivi di sicurezza e i dispositivi di protezione individuale; Segnalare immediatamente eventuali malfunzionamenti delle attrezzature e dei dispositivi di sicurezza ed ogni eventuale situazione di pericolo di cui vengano a conoscenza; Cercare, nel limite delle proprie competenze e capacità, di circoscrivere le situazioni di pericolo; Sottoporsi ai controlli sanitari prescritti dal medico competente, Partecipare alle iniziative di informazione e addestramento.

70 Diritti del lavoratore Ogni lavoratore ha diritto di: Rifiutarsi di riprendere lattività qualora persista un pericolo grave ed immediato; Di allontanarsi dal luogo di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato; Di essere sottoposto a visite mediche ed accertamenti qualora i rischi a cui è sottoposto lo richiedano; Di conoscere il significato e gli esiti degli accertamenti sanitari a cui è sottoposto; Di ricevere i necessari ed idonei dispositivi di protezione individuale; Di essere informato sul corretto impiego dei dispositivi di protezione individuale e delle sostanze e preparati pericolosi eventualmente impiegati; Di conoscere i nominativi del Servizio di Prevenzione e Protezione, del medico competente, dei lavoratori addetti alla lotta antincendio, al Pronto Soccorso e alla gestione delle emergenze; Di verificare, mediante il Rappresentante per la Sicurezza, lapplicazione delle misure di sicurezza e protezione della salute

71 Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP) E costituito da un Responsabile e più addetti che possono interni o esterni allazienda. Da chi sono designati i membri del SPP? Dal datore di lavoro, previa consultazione del rappresentante dei lavoratori Quali sono i compiti del SPP? Individuare i fattori di rischio e predisporre le idonee misure di sicurezza; Programmare linformazione e formazione dei lavoratori; Collaborare con il Medico Competente e con il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza.Medico Competente

72 Medico competente Da chi viene designato? Viene nominato dal Datore di lavoro nei casi in cui sia necessaria la sorveglianza sanitaria. Quali sono i suoi compiti? Collaborare con il datore di lavoro e con il SPP alla predisposizione delle misure per la tutela della salute dei lavoratori; effettuare gli accertamenti sanitari necessari in base ai rischi specifici connessi alla mansione lavorativa; esprimere giudizi sullidoneità alla specifica mansione di lavoro; fornire ai lavoratori informazioni sul significato degli accertamenti sanitari collaborare con il Datore di lavoro alla predisposizione del servizio di Pronto Soccorso.

73 Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Da chi viene designato? Viene designato dai lavoratori nellambito delle rappresentanze sindacali. Quali sono i suoi compiti? Tutelare i diritti dei lavoratori alla sicurezza. A questo scopo: Può accedere ad ogni documento aziendale relativo alla sicurezza; è consultato circa la valutazione dei rischi, la verifica dellattività di prevenzione in azienda, la nomina degli addetti al servizio di prevenzione; partecipa alle riunioni periodiche in cui si riesamina il documento sulla valutazione dei rischi; può ricorrere agli organi di vigilanza qualora non ritenga idonee le misure di prevenzione adottate.

74 Dispositivi di protezione individuali (DPI) Che cosa sono? E considerato un DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o tenuta dal lavoratore per proteggerlo da uno o più rischi. Esempi di DPI sono: occhiali, maschere per polveri, guanti, cuffie insonorizzanti, caschi, calzature di sicurezza. Quando devono essere utilizzati? I DPI devono essere utilizzati quando il rischio non può essere eliminato o sufficientemente ridotto mediante mezzi di protezione collettiva (ad esempio lavorazioni a ciclo chiuso, automazione, cappe aspiranti) o mediante modifiche dei procedimenti lavorativi.

75 Dispositivi di protezione individuali (DPI) Requisiti dei DPI I DPI devono essere conformi a specifiche norme. I DPI devono essere destinati ad un uso strettamente personale. Chi li deve fornire? Il datore ha lobbligo di fornirli, di mantenerli efficienti, di fornire adeguate istruzioni ai lavoratori sul loro utilizzo e di informare i lavoratori dei rischi dai quali il DPI li protegge.

76 Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Che cosa è? E un organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario Nazionale. Quali sono i suoi compiti? LIstituto svolge varie attività tra cui: Ricerca, sperimentazione ed elaborazione dei criteri e delle metodologie per la prevenzione degli infortuni; protezione dei lavoratori contro i rischi da agenti chimici, fisici e biologici; assistenza alle imprese formulazione di proposte sulle questioni relative alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

77 MATERIALI CERAMICI Problemi di sicurezza

78 Aspetti tossicologici legati allutilizzo di frittefritte Tossicità acuta: generalmente molto bassa.(LD 50 > 2000 mg/kg) Tossicità cronica: legata alla presenza di piombo, cadmio, antimonio e selenio.piombocadmio, antimonio e selenio.

79 Effetti tossici legati al Piombo Rischio di accumulo nellorganismo: le conseguenze sono linattivazione di enzimi, e disturbi nella sintesi dellemoglobina Embriotossico. R61 I composti di piombo sono considerati embriotossici. Le fritte con contenuto di piombo > 0,5% devono essere etichettate con il simbolo di tossico e con la frase R61: Può essere dannoso al feto. Tossico per la riproduzione R62 Si ritiene che i composti del piombo possano ridurre la fertilità nelluomo e nella donna per cui sono contrassegnati con la frase di rischio R62: Possibile rischio di compromettere la fertilità.

80 Effetti tossici legati a cadmio, antimonio e selenio Cadmio Dà effetti di tossicità cronica per accumulo nei reni. Antimonio Dà effetti di tossicità cronica per accumulo nel fegato. Selenio Dà effetti di tossicità cronica per accumulo nei reni.

81 Aspetti tossicologici legati allutilizzo di pigmenti ceramici Pigmenti coloranti inorganici complessi (ossidi misti)Pigmenti coloranti inorganici complessi (ossidi misti) Contengono metalli pesanti, ma in forma non biodisponibile, quindi sia la tossicità acuta che cronica sono trascurabili. Pigmenti costituiti da ossidi metallici singoli.Pigmenti costituiti da ossidi metallici singoli. Risultano dannosi : ossidi di cobalto, ossidi di nichel, biossido di manganese. Pigmenti al cadmio (giallo al solfuro di cadmio e zinco, arancio e rosso al solfoseleniuro di cadmio).Pigmenti al cadmio (giallo al solfuro di cadmio e zinco, arancio e rosso al solfoseleniuro di cadmio). Nessuna tossicità acuta. Piccole quantità di cadmio si sciolgono in acido cloridrico diluito. Lassunzione prolungata per bocca porta ad accumulo nei reni.

82 Ossidi di cobalto, ossidi di nichel, biossido di manganese Ossidi di cobalto (Co 3 O 4 e CoO)Ossidi di cobalto (Co 3 O 4 e CoO) Tossicità acuta: LD 50 (topi) pari a 202 mg/kg per CoO, LD 50 (inalazione per 24 ore, topi) pari a 4,8 mg/l per Co 3 O 4. Tossicità cronica: in alcuni paesi ossidi e altri composti di cobalto sono considerati cancerogeni. Linalazione prolungata di ossidi di cobalto può provocare gravi malattie del tratto respiratorio. Ossidi di nichel (NiO e NiO 2 )Ossidi di nichel (NiO e NiO 2 ) Tossicità acuta: sono sensibilizzanti, ma non sono causa di tossicità acuta. Tossicità cronica: NiO causa cancro (cancro ai polmoni e cancro sino- nasale ) ed è classificato nella classe III A. Biossido di manganese (MnO 2 )Biossido di manganese (MnO 2 ) Tossicità acuta: Non è causa di tossicità acuta. Tossicità cronica: unassunzione prolungata porta ad accumulo nel corpo che causa sintomi neurotici simili a quelli del morbo di Parkinson.

83 Fritte Definizione Una fritta è una miscela di sostanze chimiche inorganiche prodotta mediante il rapido raffreddamento di una miscela complessa di materiali allo stato fuso. I costituenti sono ossidi o fluoruri di metalli alcalini, alcalino-terrosi, metalli di transizione, boro, silicio, piombo, antimonio, selenio, stagno. Normalmente sono completamente vetrose, ma possono contenere fasi cristalline. Permettono limpiego di composti chimici che non possono essere utilizzati come tali a causa della loro solubilità e tossicità. Le fritte sono i principali componenti degli smalti ceramici.

84 La miglior forma di prevenzione èLINFORMAZIONE Per questo é importante conoscere: i propri diritti come lavoratori, i rischi connessi alla propria attività lavorativa.

85 Glossario Cheratolisi: dissoluzione della cheratina dei capelli.Cheratolisi Agenti cheratogenetici: sostanze che inducono la formazione di comedoni e ipercheratosi follicolare (aumento di spessore dello strato corneo in corrispondenza dei follicoli piliferi)Agenti cheratogenetici Legionella Genere di batteri che vivono su suoli umidi e corsi dacqua. Poiché prediligono ambienti umidi, questi batteri possono anche colonizzare impianti di condizionamento dellaria. La principale specie del genere Legionella è la L. pneumophila responsabile di patologie che colpiscono lapparato respiratorio con forte cefalea, febbre alta e talvolta evolvono in polmonite.Legionella

86 Bibliografia 1.ANFFECC/CERAMICOLOR/EPSOM/VdMI -Materiali per la Smaltatura e la Decorazione Ceramica -Guida ed assistenza alluso dei prodotti. 2.Maurizio Coladonato Il rischio Chimico nel laboratorio e nel cantiere di restauro. 3.Silvio Di Pietro Tecnologie Chimiche Industriali Vol. II Hoepli 4.Mary O. Amdur-John Doull- Curtis D. Klaassen Tossicologia I fondamenti dellazione delle sostanze tossiche Edizione Italiana EMSI 5.Microsoft ® Encarta ® Enciclopedia Plus. © Microsoft Corporation Sitografia 1.http://www.cgil.it/saluteesicurezzahttp://www.cgil.it/saluteesicurezza 2.http://www.ispesl.ithttp://www.ispesl.it


Scaricare ppt "BOGNI CORNELIO LIMIROLI RITA. Classificazione dei rischi lavorativi Rischi di tipo chimico Etichettatura di prodotti pericolosi Sicurezza dei lavoratori."

Presentazioni simili


Annunci Google