La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Morte improvvisa del lattante (SIDS): ricerca sulle cause e i comportamenti a rischio PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Azione n. 4 Metti il.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Morte improvvisa del lattante (SIDS): ricerca sulle cause e i comportamenti a rischio PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Azione n. 4 Metti il."— Transcript della presentazione:

1 Morte improvvisa del lattante (SIDS): ricerca sulle cause e i comportamenti a rischio PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Azione n. 4 Metti il tuo bambino a dormire a pancia in su

2 SUDDEN UNEXPECTED INFANT DEATH (SUDI) MORTE IMPROVVISA ED INATTESA DEL LATTANTE SPIEGABILE CAUSE CONGENITE SPIEGABILE CAUSE ACQUISITE SIDS CARDIACHE METABOLICHESNC CARDIOPATIE CONGENITE Q-T lungo ALTERAZIONI DELLA OSSIDAZIONE ALTRO INFEZIONI TRAUMII POLMONITI SEPSI MENINGITI Hunt CE in Nelson Textbook of Pediatrics mod. INSPIEGABILE ACCIDENTALI INFANTICIDIO

3 Morte improvvisa del lattante Sudden Infant Death Syndrome SIDS Decesso improvviso ed inaspettato di un lattante di età compresa tra 1 e 12 mesi che rimane inspiegabile dopo lesecuzione di unindagine post-mortem completa comprendente: autopsia esame delle circostanze del decesso revisione della storia clinica del caso (Willinger M-1991)

4 Sudden Infant Death Syndrome (SIDS):definizione generale La SIDS è la morte inattesa di un bambino di età inferiore ad un anno,che si verifica apparentemente durante il sonno e che resta inspiegabile dopo una accurata indagine comprendente una autopsia completa,la revisione delle circostanze della morte e della storia clinica. Pediatrics: Luglio-2004

5 Sudden Infant Death Syndrome (SIDS) Prima causa di morte nelletà compresa fra 1 e 12 mesi ( Paesi Industrializzati). Incidenza in Italia stimata 0.2/0.4 per mille nati vivi ( circa 300 decessi allanno).

6 (Opdal SH-Pediatrics 2004) Possible causes of sudden unexpected infant death

7 Modello eziopatogenetico del triplice rischio Vulnerabilità biologica Fattori di rischio epidemiologico Fascia di età critica SIDS (Kinney H-1994)

8 Modello eziopatogenetico del triplice rischio Fascia di età critica: Massima incidenza tra il II ed il IV mese di vita SIDS

9 Modello eziopatogenetico del triplice rischio Vulnerabilità biologica: Alterazioni troncoencefaliche SIDS

10 Regolazione ritmo sonno-veglia Sensibilità chemorecettori Termoregolazione Controllo cardiorespiratorio Controllo pressorio Arousal Gasping Regolazione ritmi circadiani Funzioni cruciali del tronco dell encefalo

11 Componente geneticaComponente ambientale Programming del pattern respiratorio Fase critica dello sviluppo

12 Fattori di Rischio Ambientali Fattori di Rischio Genetici Sonno in posizione prona o su un fianco Stress termico Fumo di sigaretta Cuscini e/o materassi soffici Disregolazione Autonomica Polimorfismi della 5HTT Polimorfismi del SNA Canalopatie cardiache Polimorfismi del complemento e delle interleuchine SIDS Hunt CE, Piumelli R ed. (SIDS: conoscerla per ridurne il rischio/2008)

13 Modello eziopatogenetico del triplice rischio Fattori di rischio epidemiologico SIDS

14 FATTORIDIRISCHIOFATTORIDIRISCHIO

15 SIDS Fattori di rischio non modificabili Sesso maschile Razza nera Madri teen-agers Multiparità Prematurità Tossicodipendenza Basso livello socioeconomico

16 SIDS Fattori di rischio modificabili Posizione prona durante il sonno Esposizione al fumo di sigaretta Surriscaldamento Condivisione del letto Non impiego del succhiotto

17 Posizione prona e rischio di SIDS La relazione tra posizione prona e rischio di SIDS è ampiamente dimostrata da oltre 30 studi caso- controllo In una metanalisi di 17 studi è stata riscontrata una odds ratio (OR) cumulativa di 2.8 [ 95% di Intervallo di Confidenza (CI) ]

18 (Mitchell EA-Acta Ped Scand-1993) (OR) cumulativa=2.8 [ 95% (CI) 2.1,3.6]

19 Posizione di fianco e rischio di SIDS La correlazione tra rischio di SIDS e posizione di fianco è stata analizzata in circa dieci studi La stima cumulativa della OR è risultata 2.3 (IC 95% tra 1.8 e 3.0) per la posizione in cui il bambino è stato messo e 3.5 (IC 95% tra 2.6 e 4.8) per la posizione in cui è stato ritrovato

20 Posizione prona/di fianco e rischio di SIDS La posizione prona durante il sonno è correlata ad un aumento del rischio di oltre dieci volte La posizione di fianco durante il sonno è correlata ad un aumento del rischio di circa tre volte

21

22

23 Fumo di sigaretta e rischio di SIDS Evidenze epidemiologiche Circa 50 studi epidemiologici dimostrano lassociazione tra fumo di sigaretta e rischio di SIDS Lanalisi sistematica di 39 di questi studi (29 caso/controllo e 10 di coorte) ha evidenziato in 38/39 un aumento del rischio variabile tra 1.4 e 4 (Mitchell EA, WHO/TFI Reports-1999)

24 N° di sigarette fumate in gravidanza x5 x4 x3 x2 x1 Fumo di sigaretta e rischio di SIDS

25 Posizione prona + fumo di sigaretta e rischio di SIDS Posizione prona + fumo di sigaretta e rischio di SIDS La combinazione dei due fattori determina un aumento del rischio di 55 volte !!!!!!

26 Surriscaldamento e rischio di SIDS E stato analizzato in cinque differenti studi In tutti è emerso che le elevate temperature ambientali e leccessiva copertura del bambino (in particolare della testa) rappresentano fattori di rischio per SIDS indipendenti dalla posizione prona

27 SIDS Fattori di rischio o di protezione Room-sharing: condivisione della stanza associata ad una riduzione del rischio. Bed-sharing: condivisione del letto associata ad un maggior rischio (in particolare se genitori fumatori o consumatori abituali di alcolici). Couch-sharing: condivisione del divano associata ad un maggior rischio

28 European Concerted Action on SIDS ECAS Studio caso/controllo condotto in 20 regioni Europee: 745 casi di SIDS/2411 controlli Raccolta dati effettuata tra il 1992 ed il 1996 (Carpenter R et al., The Lancet 2004)

29 ECAS Principali risultati:condivisione del letto e della stanza Rischio associato alla condivisione del letto in madri fumatrici: OR 27 (CI 95% ). Il rischio sussiste anche nei figli di madri non fumatrici, nelle prime 8 settimane di vita Il dormire in stanze diverse è associato ad un aumento del rischio: OR 26 (CI 95% ) (Carpenter R et al. The Lancet 2004)

30 BEDSHARING, ROOMSHARING, AND SUDDEN INFANT DEATH SYNDROME IN SCOTLAND: A CASE-CONTROL STUDY La condivisione del letto è correlata ad un aumento del rischio di SIDS nei bambini di età < 11 settimane La condivisione del sofà o divano è particolarmente pericolosa in ogni età (Tappin D, J Pediatr )

31

32 Impiego del succhiotto Leffetto protettivo del succhiotto sembra dimostrato in oltre dieci studi e si tradurrebbe in una riduzione del rischio di circa il 50% Tale effetto sembra indipendente da fattori di rischio quali: posizione prona, fumo di sigaretta, sesso, condizione socioeconomica etc.

33 Raccomandazioni per la Riduzione del Rischio di SIDS Gruppo Tecnico Interregionale per la SIDS I neonati ed i lattanti devono essere messi a dormire sempre in posizione supina; il sonno su un fianco non è così sicuro come il sonno in posizione supina ed è quindi ugualmente da evitare ; il materasso dovrebbe essere sufficientemente rigido; nel posto dove il bambino dorme, non dovrebbero esserci oggetti soffici quali cuscini, trapunte, piumini doca, paracolpi o giocattoli di peluche; le coperte e le lenzuola dovrebbero essere ben rimboccate sotto il materasso ed i piedi del bambino dovrebbero toccare il fondo del lettino o della culla per evitare che possa accidentalmente scivolare sotto le coperte, il sacco nanna può rappresentare una valida alternativa alle lenzuola ed alle coperte.

34 Raccomandazioni per la Riduzione del Rischio di SIDS Gruppo Tecnico Interregionale per la SIDS Bisogna evitare il fumo in gravidanza ed anche di esporre il bambino in ambienti dove si fuma (fumo passivo).

35 Raccomandazioni per la Riduzione del Rischio di SIDS Gruppo Tecnico Interregionale per la SIDS La temperatura ambientale deve essere termoneutrale (18-20 °C); gli indumenti non devono essere troppo pesanti, per evitare il rischio di surriscaldare il bambino; se il bambino ha la febbre può aver bisogno di essere coperto di meno, ma mai di più.

36 Raccomandazioni per la Riduzione del Rischio di SIDS Gruppo Tecnico Interregionale per la SIDS I bambini dovrebbero dormire nella loro culla o lettino preferibilmente nella stessa stanza dei genitori. Mettendo la culla o il lettino vicino al letto della madre si facilita il contatto madre-bambino e si rende più agevole lallattamento al seno. I neonati o lattanti non dovrebbero mai essere messi dormire su divani e sofà insieme ad altri bambini o ad adulti. E ugualmente da evitare il sonno nel lettone con i genitori, specialmente se questi attraversano un periodo di particolare stanchezza o fanno uso di farmaci o sostanze in grado di indurre sedazione.

37 Raccomandazioni per la Riduzione del Rischio di SIDS Gruppo Tecnico Interregionale per la SIDS Numerosi studi epidemiologici dimostrano un effetto protettivo del succhiotto. Se si decide di impiegarlo ciò deve avvenire osservando le seguenti precauzioni: introdurlo solo dopo il primo mese di vita per evitare ogni possibile interferenza con lallattamento al seno tenerlo sempre ben pulito evitare di immergerlo in sostanze edulcoranti se il bambino lo rifiuta non va forzato se lo perde durante il sonno non va reintrodotto in bocca

38

39

40 SIDS E QT lungo 50% dei b. deceduti QT normale 1/70 rischia la SIDS in caso di test positivo. ( Schwartz 1998) Attualmente non ci sono prove di efficacia e di sicurezza di trattamenti farmacologici proposti per la prevenzione della SIDS.

41


Scaricare ppt "Morte improvvisa del lattante (SIDS): ricerca sulle cause e i comportamenti a rischio PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Azione n. 4 Metti il."

Presentazioni simili


Annunci Google