La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Elisabetta Stomeo Azienda Ospedaliera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Elisabetta Stomeo Azienda Ospedaliera."— Transcript della presentazione:

1 Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Elisabetta Stomeo Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Direttore: dr.Cristina Giraldi CORSO TEORICO/PRATICO DI AGGIORNAMENTO Ottimizzazione della fase preanalitica: qualità del campione biologico 15 NOVEMBRE 2010

2 Perché richiedere ed eseguire un esame microbiologico? DIAGNOSI EZIOLOGICA PROCESSI INFETTIVI BATTERI MICETI PARASSITI VIRUS RICERCA ANTICORPI DIRETTADIRETTAINDIRETTAINDIRETTA UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

3 richiesta del clinico scelta degli esami preparazione del paziente preparazione del paziente raccolta del campione primario raccolta del campione primario trasporto del campione trasporto del campione UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare DIAGNOSTICA DI LABORATORIO IN MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA punti critici

4 COGNOME _________________________________ NOME _____________________________________ DATA DI NASCITA____/____/______ DATA DEL PRELIEVO ____/____/______ SESSO M F Compilare così EPATITE A-B-C-HIV ( T. rosso ) V. ERPETICI - LUE - TORCH - LYME ( T. rosso ) AUTOIMMUNITA' Gastroenterologia ( T. rosso ) URINAL.C.R. Antigene HBs Ab anti EBV VCA EA - EBNA Ab anti Endomisio IgA Coltura standard * Glucosio IgG ALB Ab anti HBs Ab anti Varicella Zoster Ab anti Transglutaminasi IgA Mitto intermedio Coltura standard Ab anti HBc Ab anti CMV Ab anti Transglutaminasi IgG Prova di Meares-Stamey Ag. Criptococco Ab anti HBc IgM Ab anti Treponema screening Ab anti Gliadina IgG - IgA Antigene Legionella Ag. Aspergillo Antigene Hbe VDRL Ab anti Asca IgG - IgA Antigene Pneumococco Micobatteri (microscop.+colt) Ab anti Hbe Ab anti Toxoplasma APCA URINA 1° GETTO Micobatteri ( PCR ) Ab anti HCV Ab anti Rubeolico Ab anti Fattore Intrinseco VDRL Riba HCV Test conferma Ag. Citoplasm. C. trachomatis SPERMA Ab anti HIV 1/2 Test conferma Ag. Epatici: M2, LKM, LC1, SLA/LP Miceti Test di conferma HIV1/2 Micoplasmi urogenitali ** Coltura standard * Ab anti HDV PNEUMOTROPI e NEUROTROPI ( T. rosso ) Ab anti F- actina T. vaginalis C. trachomatis ** Ab anti HDV IgM TAMPONE NASALE Micoplasmi urogenitali ** Ab anti HAV IgG Ab anti Influenza A-B TAMPONE CERVICO/VAGINALE Ab anti HAV IgM Ab anti Parainfluenza Coltura standard * B. Molecolare HBV-HCV ( T. rosso ) Ab anti Adenovirus AUTOIMMUNITA' 2 ( T. rosso ) MRSA Coltura standard * HBV DNA qualitativo Ab anti Micoplasma Ab anti Tiroide ( TPO ) Aspergillus S. agalactiae HBV DNA quantitativo Ab anti Coxiella b. Ab anti Tiroide ( TG ) TAMPONE URETRALE C. trachomatis ** HCV RNA qualitativo Ab anti Clamidia Ab anti recettore del TSH Micoplasmi urogenitali ** HCV RNA quantitativo Ab anti RSV Ab anti epitelio Coltura standard * N. gonorrhoeae HCV RNA genotipo Ab anti Legionella Ab anti endotelio C. trachomatis ** Papillomavirus DNA ( provetta speciale ) HBV DNA mutanti/resist. Ab anti Coxsackie virus Ab anti nucleosoma Micoplasmi urogenitali ** HGV RNA Ab anti Echo virus Ab anti istoni N. gonorrhoeae ** L. PLEURICO B. Molecolare HIV ( T.viola n.2 ) Ab anti GADTAMPONE OCULARE dx/sx Coltura standard * HIV RNA Ab anti insulina ( IAA) Coltura standard * Micobatteri (microscop.+colt) HIV RNA resistenze Ab anti Isole pancreatiche C. trachomatis ** Micobatteri ( PCR ) CITOFLUORIMETRIA ( T.viola ) S. INFIAMMATORIA ( T. rosso ) Ab anti tirosina fosfato ( IA2 ) AdenovirusEMOCOLTURA Fenotipizzazione Linfocit. PCR Ab anti ovaio SANGUE P.V. periferico Fenotipizz. Linfocit. HAART PCR ultrasensibile Ab anti surrene P.V. centrale SIEROLOGIA BATTERICA E PARASSITI ( T. rosso ) Procalcitonina Ab anti sperma Parassiti ematici ( T. viola ) Micobatteri Widal Fattore Reumatoide (RF) Ab anti GBM Ag. Criptococco ( T.rosso ) Miceti Wright ( Brucella ) Ab anti Citrullina CCP3 Ab anti piastrine Ag. Aspergillo ( T. rosso ) Midollo osseo per Leishmania Ab anti Rickettsia Titolo Antistreptolisinico Ab anti Ag. NeuronaliURINA ( tutta la minzione del mattino ) Coltura l. pericardico Ab anti Borrelia DNAsi Streptococcica Ab anti muscolo striato Coltura ferita chirurgica Ab anti Borrelia ( WB ) Titolo antistafilolisinico Ab anti muscolo cardiaco Micobatteri (microscop.+colt) Coltura l. peritoneale/l. scarico peritoneale (C.A.P.D.) Ab anti Chlamidiae tr/pn/ps C.I.C. Profilo miositi Micobatteri ( PCR ) Ab anti Micoplasma Ab anti RF IgG Profilo pemfigo BRONCOASPIRATO - B.A.L. Coltura drenaggio/pus/essudato Ab anti Coxsiella Burneti Ab anti RF IgA Ab anti Bartonella Ab anti RF IgM Coltura standard * Coltura protesi: specificare_______________ Ab anti Bordetella p. COMP Legionella ( coltura ) Ab anti Helicobacter p. C1 Inibitore Legionella+Micoplasma+ Clamidia ( PCR ) Biopsia gastrica per H.pilori Ab anti Listeria Coltura Tamp. Auric. dx/sx Ab anti Yersinia MARCATORI TUMORALI ( T. rosso ) AUTOIMMUNITA' VASCULITI ( T. rosso ) Pneumocistis carinii Tamp. Solco balanico x miceti Ab anti Brucella IgG Micobatteri (microscop.+colt) Tamp. Cervico/vaginale Ab anti Brucella IgM CEA ANCA ( p - c ) Micobatteri (PCR ) BIOLOGIA MOLECOLARE Ab anti Micobatteri AFP FECI Urina Ab anti Leishmania CA-125 Coltura standard * Sangue ( T. viola ) Ab anti Echinococco CA 19.9 ALLERGOLOGIA ( T. rosso ) Yersinia enterocolitica LCR Ab anti Malaria CA 15.3 C. difficile ( tosina ) Liquido amniotico Ab anti CA 72.4 IgE Totali H. pylori ( antigene ) Saliva/escreato/BAL Ab anti NSE Rast Inalanti Colture di sorveglianza pz. a rischio V.R.E. Scraping lesione___________ SIEROLOGIA VARIA ( T. rosso ) PSA Totale Rast Alimenti HSV 1-2 DNA PSA Libero Rast veleni Miceti Enterovirus RNA Ab anti V. Morbillo TPA - TPS Rast Farmaci Rotavirus HHV 6 DNA Ab anti V. Parotite SCC Adenovirus VZV DNA Ab anti Candida S 100 TAMPONE FARINGEO Astrovirus CMV DNA Ab anti Aspergillus Cromogranina ( T. viola ) Norovirus EBV DNA AUTOIMMUNITA' 1 ( T. rosso ) Coltura standard * Parassiti enterici Parvovirus DNA Colture di sorveglianza Ossiuri (cerotti di Graham)** BK virus DNA SANGUE ( T. viola n.2 ) ANA Screening ASPIRATO RINO-FARINGEOASPIRATO GASTRICO JC virus DNA ANA Titolazione Adenovirus DNA Antigenemia CMV AMA Coltura standard * Micobatteri ( coltura ) Influenza A-B RNA V. ERPETICI - LUE - TORCH - LYME ( T. rosso ) ASMA B. pertussis/parapertussis Micobatteri ( PCR ) V. toscana RNA APCA N. meningitidis Anaerobi Toxoplasma DNA Ab anti HSV 1/2 LKM1 RSV SECRETO PROSTATICO Rosolia RNA Ab anti HSV 2 ENA C. trachomatis Leptospira DNA Ab anti HHV6 Anti Cardiolipina IgG - IgM Adenovirus Coltura standard * Borrelia DNA Ab anti HHV8 Anti β2 Glicoproteina IgG - IgM C. trachomatis ** Ab anti EBV VCA IgM Micoplasmi urogenitali ** Modulo di richiesta Dati anagrafici del paziente (sesso e data di nascita) (sesso e data di nascita) Tipo di campione Tipo di campione (sito anatomico del prelievo) (sito anatomico del prelievo) Data e ora della raccolta del campione Data e ora della raccolta del campione Esami da eseguire sul campione Esami da eseguire sul campione Nome del medico richiedente Nome del medico richiedente Informazioni cliniche rilevanti sospetto diagnostico motivo dellesame terapia antibiotica UOC Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Direttore dr. Cristina Giraldi UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

5 richiesta del clinico richiesta del clinico scelta degli esami scelta degli esami preparazione del paziente raccolta del campione trasporto del campione trasporto del campione UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare DIAGNOSTICA DI LABORATORIO IN MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA punti critici

6 prima della terapia antibiotica prima della terapia antibiotica (campione biologico) (campione biologico) durante e nella sede dellinfezione durante e nella sede dellinfezione utilizzo di presidi sterili e tecniche asettiche per evitare le contaminazione utilizzo di presidi sterili e tecniche asettiche per evitare le contaminazione in quantità sufficiente in quantità sufficiente UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare La raccolta del campione

7 Identificazione del campione Identificazione del campione (nome del pz, data e ora del prelievo, materiale prelevato) (nome del pz, data e ora del prelievo, materiale prelevato) Consegna al laboratorio Consegna al laboratorio Adozione di idonee modalità di conservazione Adozione di idonee modalità di conservazione alternative alla consegna immediata alternative alla consegna immediata Segnalazione di notizie cliniche al laboratorio Segnalazione di notizie cliniche al laboratorio UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Il prelievo

8 Terreno di Stuart Terreno di Amies Terreno Cary-Blair UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare TERRENO DI TRASPORTO (FUNZIONI) 2. Proteggere i microrganismi da: Essiccazione Acidi grassi tossici Condizioni sfavorevoli di pH Effetti letali dellossigeno atmosferico Essiccazione Acidi grassi tossici Condizioni sfavorevoli di pH Effetti letali dellossigeno atmosferico 1. Conservazione e mantenimento della vitalità dei microorganismi contenuti nei campioni

9 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Copan FlockedSWABS DESIGN ERGONOMICO E ANATOMICO Per migliorare il comfort del paziente e l'efficienza nella raccolta di campioni RAPID ELUIZIONE AUTOMATICO rilascio immediato e spontaneo, in mezzi liquidi MIGLIORE RACCOLTA DEI CAMPIONI Velvet pennello texture di tipo rapido ed efficiente

10 Contenitori sterili : UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

11 Manuale Prelievo, conservazione ed invio dei campioni per indagini di: microbiologia virologia sieroimmunologia citofluorimetria allergologia

12 EMOCOLTURA isolamento colturale di microrganismi nel sangue Il laboratorio nella diagnosi delle sepsi UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

13 Personale che effettua il prelievo Personale che effettua il prelievo Sede del prelievo Sede del prelievo Sterilizzazione della cute Sterilizzazione della cute Numero dei prelievi Numero dei prelievi Momento del prelievo Momento del prelievo Volume del sangue Volume del sangue Mezzo di coltura Mezzo di coltura EMOCOLTURA Ottimizzazione della procedura UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare XXXVII Congresso Nazionale AMCLI 2008 P.D. INFEZIONI DEL TORRENTE CIRCOLATORIO

14 Set emocoltura (anaerobi e aerobi) Set emocoltura (anaerobi e aerobi) Set prelievo a circuito chiuso (vacutainer) Set prelievo a circuito chiuso (vacutainer) Garza sterile Garza sterile Antisettico Antisettico (clorexidina alcolica 0,5% (clorexidina alcolica 0,5% o soluzione alcolica 70% o soluzione alcolica 70% o soluzione iodata) o soluzione iodata) Guanti Guanti UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

15 Weinbaum, J Clin Microbiol, 2001 Shifman, Arch Pathol Lab Med, 1996 Affidare il prelievo a personale competente ed informato UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Revisione pratiche assistenziali

16 Lavare le mani prima e dopo il prelievo Indossare guanti nei passaggi di raccolta e trasporto Ricerca del sito di prelievo mediante palpazione Disinfezione della cute: sgrassare con Alcool 70% (o Clorexidina) disinfettare con Iodoforo (Iodiopovidone) applicare con movimento circolare verso tempo-dipendente lesterno, l'azione disinfettante è tempo-dipendente Eseguire il prelievo quando la cute è asciutta Mai pungere prima di 1-3 minuti Eseguire il prelievo quando la cute è asciutta Mai pungere prima di 1-3 minuti Emocoltura: il prelievo Antiseptic skin preparation UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

17 Effettuare il prelievo da vena periferica UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

18 BATTERIEMIE CATETERE - RELATE Emocoltura quantitativa : da catetere centrale da catetere centrale da vena periferica da vena periferica Prelievo contemporaneoPrelievo contemporaneo Volume ugualeVolume uguale Incubazione contemporaneaIncubazione contemporanea Prelievo contemporaneoPrelievo contemporaneo Volume ugualeVolume uguale Incubazione contemporaneaIncubazione contemporanea UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

19 Prima di iniziare la terapia antibiotica Prima della somministrazione dellantibiotico Prelievi in rapida successione, a distanza di 5-10 minuti Nellendocardite subacute, 2 o 3 set a distanza di 30-60, se negativi dopo 24h ripetere la campionatura UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

20 Prelevare set (anaerobi + aerobi): per aumentare la possibilità di isolare il microrganismo in causa differenzia la vera batteriemia dalle contaminazioni Prelevare set (anaerobi + aerobi): per aumentare la possibilità di isolare il microrganismo in causa differenzia la vera batteriemia dalle contaminazioni Numero di emocolture UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

21 The volume of blood is the single most important factor for successful recovery of microorganisms from the blood stream of patients Towns ML, Infect Dis Clin N Am, 2002 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

22 Blood from patients with IE contains 1 to 10 bacteria per mL There is approximately linear relationship between the yield of bacteria from blood and the volume of blood. The volume of blood sample drawn should be ml Towns ML, Infect Dis Clin N Am, 2002 Blood from patients with IE contains 1 to 10 bacteria per mL There is approximately linear relationship between the yield of bacteria from blood and the volume of blood. The volume of blood sample drawn should be ml Towns ML, Infect Dis Clin N Am, 2002 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

23 EMOCOLTURA estrarre ago e gettarlo nel porta aghi estrarre ago e gettarlo nel porta aghi agitare gentilmente per evitare la agitare gentilmente per evitare la formazione di coaguli. formazione di coaguli. Invio tempestivo in M & V e conservato a temperatura ambiente ETÀQUANTITÀ/FLACONEneonati 1-3 ml 2-12 anni 3-5 ml adolescenti adulti 8-10 ml UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

24 MATERIALI RESPIRATORI RESPIRATORI

25 ESSUDATO FARINGEO ESSUDATO FARINGEO TAMPONE NASALE TAMPONE NASALE TAMPONE ORALE TAMPONE ORALE UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

26 TAMPONE FARINGEO Ricerca di Streptococchi beta emolitici A,C e G UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare rivolgere il pz verso sorgente luminosa utilzzare abbassalingua strofinare vigorosamente il tampone sia sulle tonsille/aree tonsillari sia sul retro-faringe, evitando di toccare le mucose delle guance, la lingua, lugola, le labbra riporre il tampone nel terreno di trasporto (Stuart) Invio entro max 12 ore a temperatura ambiente

27 TAMPONE NASALE inserire nella narice un tampone sottile per circa 2 cm stimolazione della tosse eseguire il tampone faringeo strisciare su un vetrino sia il tampone nasale che il faringeo UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

28 Risciacquare la bocca con soluzione fisiologica Tamponare la lesione con una garza sterile e asciutta Strofinare vigorosamente il tampone sterile sulla lesione per raccogliere il materiale essudativo o ulcerativo UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

29 Secrezione congiuntivale

30 Ricerca di batteri, virus e miceti TAMPONE OCULARE UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Inumidire il tampone con fisiologica o acqua sterileInumidire il tampone con fisiologica o acqua sterile Allontanare la palpebra dal bulbo oculareAllontanare la palpebra dal bulbo oculare Raccogliere secrezioni con tamponeRaccogliere secrezioni con tampone Inserire tampone nel contenitore contenente terreno di colturaInserire tampone nel contenitore contenente terreno di coltura Invio tempestivo

31 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

32 Ricerca di batteri e miceti TAMPONE AURICOLARE UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

33 MATERIALE RACCOLTO DA VIE RESPIRATORIE PROFONDE (escreato, lavaggio bronco-alveolare, broncoaspirato) UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

34 Escreato Risciacquare la bocca con fisiologica sterile per limitare contaminazioni da cibo, colluttori, farmaci Raccogliere il materiale con un colpo di tosse direttamente nel contenitore sterile Invio tempestivo in M&V

35 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Espettorato indotto Risciacquare la bocca con fisiologica sterile per limitare le contaminazioni Far precedere la raccolta da aerosol con soluzione salina Raccogliere il materiale con un colpo di tosse direttamente nel contenitore sterile

36 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare Espettorato indotto Per la diagnosi di M.tuberculosis inviare almeno n°3 campioni in giorni diversi

37 CAMPIONI DESTINATI ALLA RICERCA DI MICOBATTERI Escreato Urine BroncoaspiratoBALSangueLiquorPusTessutiLinfonodiFeci UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

38 La prima urina del mattino (almeno ml) raccolta in più contenitori sterili Eseguire il prelievo per TRE giorni consecutivi UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare RICERCA MICOBATTERI urine

39 Eseguire il prelievo con le stesse modalità del prelievo per germi comuni Utilizzare flaconi dedicati specificamente alla ricerca di micobatteri (Myco/F) 39 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare RICERCA MICOBATTERI sangue

40 MITTO INTERMEDIO CATETERE VESCICALE CATETERE VESCICALE SACCHETTO DI PLASTICA ADESIVO MITTO INTERMEDIO CATETERE VESCICALE CATETERE VESCICALE SACCHETTO DI PLASTICA ADESIVO raccolta del campione

41 MODALITA DI PRELIEVO prima urina del mattino lavare accuratamente le mani con acqua e sapone lavare accuratamente le mani con acqua e sapone pulire accuratamente e ripetutamente i genitali esterni con acqua e sapone pulire accuratamente e ripetutamente i genitali esterni con acqua e sapone risciacquare con acqua corrente risciacquare con acqua corrente urinare scartando il primo getto (circa 20 ml) e, senza interrompere la minzione, raccogliere direttamente nel contenitore il mitto intermedio urinare scartando il primo getto (circa 20 ml) e, senza interrompere la minzione, raccogliere direttamente nel contenitore il mitto intermedio riempire non oltre la metà avendo laccortezza di non contaminare, con le mani o con i genitali, i bordi o linterno del contenitore riempire non oltre la metà avendo laccortezza di non contaminare, con le mani o con i genitali, i bordi o linterno del contenitore richiudere il contenitore richiudere il contenitore MATERIALE PER LA RACCOLTA MATERIALE PER LA RACCOLTA

42 CATETERE A PERMANENZA chiudere il catetere con una pinza, al di sotto del raccordo con la sacca, per almeno unora chiudere il catetere con una pinza, al di sotto del raccordo con la sacca, per almeno unora disinfettare un tratto di catetere al di sopra della giunzione col tubo di raccordo disinfettare un tratto di catetere al di sopra della giunzione col tubo di raccordo aspirare con una siringa sterile circa 10 ml di urina ed immetterli nellapposito contenitore aspirare con una siringa sterile circa 10 ml di urina ed immetterli nellapposito contenitore MATERIALE PER LA RACCOLTA MATERIALE PER LA RACCOLTA

43 MODALITA DI PRELIEVO MODALITA DI PRELIEVO detergere accuratamente la regione sovrapubica, perianale e i genitali esterni con soluzione saponosa detergere accuratamente la regione sovrapubica, perianale e i genitali esterni con soluzione saponosa risciacquare a lungo e asciugare risciacquare a lungo e asciugare applicare il sacchetto, facendolo aderire al perineo ed alla regione sovrapubica applicare il sacchetto, facendolo aderire al perineo ed alla regione sovrapubica appena avvenuta la minzione rimuovere il sacchetto e versare lurina nellapposito contenitore sterile o inviarlo in Laboratorio dopo averlo accuratamente chiuso appena avvenuta la minzione rimuovere il sacchetto e versare lurina nellapposito contenitore sterile o inviarlo in Laboratorio dopo averlo accuratamente chiuso non lasciare in situ per più di minutii non lasciare in situ per più di minutii

44 Tratto urogenitale femminile (vaginale, uretrale) Ricerca di Gardnerella vaginalis, Trichomonas vaginalis, Streptococcus agalactiae, Candida spp. su richiesta specifica Micoplasma hominis, Ureaplasma urealyticum, Chlamydia trachomatis UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

45 Terreni di trasporto per ricerche particolari Ricerca Micoplasma hominis Ureaplasma urealyticum Terreno liquido pronto alluso contiene beta-lattamici e sulfamide (per inibire la crescita batterica) Conservazione (dopo inoculo) a T.A per 8 ore o a 2-8°C per 36 ore Ricerca di Chlamydia trachomatis Neisseria gonorrhoeae Conservazione (dopo inoculo) a T.A per 8 ore o a 2-8°C per 36 ore

46

47 Campionamento effettuato con spatola Ayre e con Cytobrush a livello di esocollo, endocollo e fornici. Stemperare il materiale nellapposita provetta contenente soluzione fisiologica sterile. Il prelievo può rimanere a temperatura ambiente per alcune ore o a 4°C per tempi più lunghi. prelievo ottimale : cells totali= cells/ml PRELIEVI CERVICO VAGINALI RICERCA HPV

48 Preparazione della paziente. Il test va effettuato 5 giorni prima o 5 giorni dopo le mestruazioni Il test va effettuato 5 giorni prima o 5 giorni dopo le mestruazioni Astensione del rapporto sessuale per 2 giorni Astensione del rapporto sessuale per 2 giorni Dopo 5 giorni da visita ginecologica o uso di lavande, ovuli o creme vaginali Dopo 5 giorni da visita ginecologica o uso di lavande, ovuli o creme vaginali

49 Ricerca e tipizzazione del Papillomavirus Umano (HPV) mediante Polimerase Chain Reaction mediante Polimerase Chain Reaction cognome nome provenienza medico curante data di nascita cod. fiscale indirizzo n.tessera sanitaria notizie cliniche esami citologici o istologici : topografia cervicale, vaginale, vulvare IL MEDICO ESECUTORE ( firma leggibile )

50 Tratto urogenitale maschile (TAMPONE URETRALE O URINE PRIMO MITTO) Ricerca di batteri aerobi, Neisseria meningitidis, Candida spp. Chlamydia trachomatis, Micoplasma hominis, Ureaplasma urealyticum UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

51 1° getto mitto intermedio secrezione prostatica 1° getto dopo m.prostatico URETRA VESCICA PROSTATA massaggioprostatico

52

53 Liquidi da cavità chiuse (pus da raccolta profonda, ascessi, aspirati, liquido pleurico,peritoneale,ascitico,da drenaggio,ect) Ricerca batteri aerobi, anaerobi, miceti e micobatteri Dopo aver disinfettato con antisettico con una siringa aspirare almeno 10 ml di materiale Trasferire il campione in una provetta sterile (senza anticoagulanti) o in un contenitore sterile con tappo a vite In situazioni particolari si può inoculare parte del liquido direttamente in flaconi da emocoltura UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

54 Puntura lombare o rachicentesi Puntura lombare o rachicentesi, pratica chirurgica utilizzata per poter estrarre il LCR contenuto nel canale midollare della colonna vertebrale Derivazione ventricolare meningiti-encefaliti INVIO IMMEDIATO IN PROVETTA STERILE A TEMPERATURA AMBIENTE

55 LESIONI APERTE (piaghe, ulcere, ustioni, ferite, ferite profonde,ect) Ricerca di batteri aerobi, anaerobi e miceti UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

56 RICERCA DI DERMATOFITI E LIEVITI

57 57 UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare LESIONI ERITEMATO-SQUAMOSE LESIONE VESCICOLOSE LESIONI DEL CAPELLO LESIONI DELLUNGHIA RICERCA DI DERMATOFITI E LIEVITI

58 LESIONI ERITEMATO-SQUAMOSE raschiare la parte più periferica delle lesioni con un bisturi sterile, raccogliere numerose squame (almeno 30 – 50)

59 LESIONE VESCICOLOSE prelevare il tetto delle vescicole e/o i lembi epidermici tagliando con una forbicina ricurva

60 LESIONI DEL CAPELLO LESIONI DEL CAPELLO strappare con una pinzetta depilatoria almeno capelli prelevando quelli tronchi o che presentino alterazioni di lucentezza e colore UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

61 LESIONI DELLUNGHIA asportare con forbici o con un tronchesino piccoli frammenti della lamina parassitata e/o raschiare con un coltellino la porzione ventrale della lamina ungueale e il solco sottoungueale UOC di Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare

62 grazie


Scaricare ppt "Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Modalità di prelievo dei campioni microbiologici ed ematici Elisabetta Stomeo Azienda Ospedaliera."

Presentazioni simili


Annunci Google