La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GIUSEPPINA GUALTIERI Presidente TPER SpA Membro del Consiglio Direttivo ASSTRA 13 MAGGIO 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GIUSEPPINA GUALTIERI Presidente TPER SpA Membro del Consiglio Direttivo ASSTRA 13 MAGGIO 2013."— Transcript della presentazione:

1 GIUSEPPINA GUALTIERI Presidente TPER SpA Membro del Consiglio Direttivo ASSTRA 13 MAGGIO 2013

2

3 TPER (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna) è lazienda nata nel febbraio 2012 dalla fusione dei rami trasporti di ATC e FER. TPER è una tra le poche aziende in Italia a riunire in un unico soggetto industriale di significativa rilevanza lesercizio del trasporto collettivo di persone attraverso le due modalità fondamentali: la gomma e il ferro. I principali obiettivi della fusione che ha portato alla nascita di TPER sono la creazione di un sistema integrato di trasporti di un soggetto industriale di dimensione adeguate al contesto del mercato Nel merito si opera per: - Dare concreta attuazione ad unefficace intermodalità in ambito cittadino, metropolitano e regionale rendendo agevole per l'utente passare da un mezzo all'altro, risparmiare tempo e semplificare l'accesso ai servizi, evitando duplicazioni di linee; - Perseguire un aumento dellefficienza dellimpresa e del sistema, migliorare lofferta di trasporto, la qualità dellambiente e gli spostamenti delle persone anche attraverso lutilizzo delle innovazioni tecnologiche. Perché è nata TPER

4 TPER, quale nuovo soggetto industriale di dimensioni e diversificazione rilevanti, avvia un percorso progressivo di sviluppo costruito su tre assi principali. Le linee guida strategiche di TPER RAZIONALIZZAZIONE e INTERMODALITA QUALITÀ SVILUPPO E INVESTIMENTO Razionalizzazione connessa alle sinergie e interventi mirati sui processi produttivi e sui processi di staff Intermodalità dei servizi ed organizzazione della rete in un sistema integrato Consolidamento e sviluppo di un livello di qualità del servizio (es. puntualità, regolarità) Supporto agli enti locali titolari della programmazione e del finanziamento del trasporto in termini di sviluppo dei servizi e di sostegno tramite agli investimenti in : – consolidamento/riduzione delletà media del parco mezzi – ottimizzazione della rete dei servizi (es. rete filoviaria ) – valorizzazione dell innovazione tecnologica

5 Contesto di mercato TPER ACTV Venezia 0.22 Gruppo Arriva 0.24 0.31 0.24 Gruppo FNM 0.30 CotralAtacGTT Torino 0.51 ATM Milano 0.88 1.08 Stage Coach 2.46 Go- ahead 2.51 National Express 3.11 Arriva 3.53 Keolis 3.55 Transdef 3.60 RATP 4.43 Veolia 5.86 First Group 7.18 15% Principali Operatori Europei Miliardi di fatturato Principali Operatori Italiani Miliardi di fatturato Con la fusione dei rami trasporto di FER e ATC ha preso vita il 6° operatore nazionale in termini di fatturato Confronto dei fatturati 2010 dei principali operatori europei e italiani ATAC (il più grande operatore Italiano) ha un fatturato pari a circa il 15% del primo player internazionale

6 Loperazione che ha avuto effetto dal 1° febbraio 2012 ha visto le scissioni di FER tra gestione dellinfrastruttura ferroviaria (lattuale FER) e trasporto (FER Trasporti), e quella di ATC tra ramo trasporti e ramo sosta, con fusione delle due società del trasporto. Scissioni Fusione rami trasporti ATC- FER Ferrovie Emilia Romagna Srl FER (Infrastrutture) Srl Ferrovie Emilia Romagna Trasporti ATC SpA ATC TPL TPER SpA ATC (Ramo Sosta) SpA Società precedenti

7 I soci di Enti azionistiAzioni del v.n. di 1 euro% Regione Emilia-Romagna31.595.10146,13 Comune di Bologna20.625.54230,11 Provincia di Bologna12.872.01318,79 Azienda Consorziale Trasporti A.C.T.2.096.8873,06 Provincia di Ferrara688.7371,01 Comune di Ferrara447.2020,65 Provincia di Mantova27.8700,04 Provincia di Modena27.8700,04 Provincia di Parma27.8700,04 Provincia di Ravenna27.8700,04 Provincia di Reggio Emilia27.8700,04 Provincia di Rimini27.8700,04 Totale68.492.702100,00

8 Panel delle società partecipate TPER S.p.A. TPB S.Cons.a r.l. SOCIETA FERROVIARIA PASSEGGERI Soc. Cons. a r.l. in liquidazione Omnibus S.Cons.a r.l. 100% SST Srl Marconi Express SpA CBEG S.Cons.a r.l. TPF S.Cons.a r.l. DINAZZANO PO S.p.A. Consorzio Trasporti Integrati MA.FER S.r.l. 95,35% 100% 25% <1% 85% 97% 26% 4,65% 51% Consorzio Cooperative Costruzioni (CCC) 75% 10% FE.M. (società costituita da COSEPURI, LaValle, Saca e altri privati 49% 3% Altri consorziati COSEPURI, S.A.C.A., CO.E.R.BUS 49% ACT Reggio Emilia, SAPIR, Autorità Portuale Ravenna Holding Emilia Romagna Mobilità S.r.l. 44,74% RATP-NUOVA MOBILITA- CTT nord - AGI 55,26% Oceano Gate Italia S.p.A. 50% Sogemar 50% START Romagna 13,79% RAVENNA HOLDING spa – Livia Tellus governance SPA - Rimini Holding SPA – Comune di Cesena 86,21% CAT Cons. Acq. Trasporti <2% TIL- SETA- ACT Reggio- SACA- COSEPURI-CNEL BUS 98% 99% Il gruppo detiene partecipazioni in 14 società, di cui 7 controllate (inclusa SFP in liquidazione) e 7 collegate. AGI 5% Controllate Collegate TRENITALIA 74%

9 Principali dati economici: Capitale sociale: 68,49 Milioni di Euro. Patrimonio netto: 111 Milioni di Euro. Valore della produzione 2012: circa 230 Milioni di Euro.

10 Territorio servito 6.330 kmq Residenti nellarea 1.351.992 Estensione della rete 5.661 km -Urbana 657 km - Extraurbana 5.004 km RETE TPL SU GOMMA BOLOGNA E FERRARA

11 Trasporto su gomma: 50 milioni di km di offerta di trasporto su strada con i propri mezzi, pari a circa il 40% del complesso regionale. 340.000 passeggeri trasportati al giorno su un totale di 700.000 regionali. Su base annua, 126 milioni su 257: la metà di tutti i passeggeri dell'Emilia- Romagna. 6330 kmq: Il territorio servito comprende tutti i Comuni delle Province di Bologna e Ferrara

12 PARCO BUS (al 31.12.2012) Bacino di BolognaBacino di Ferrara TOTALE Elettrici+Filobus600 Ibridi410 Metano16937 206 Diesel Pre Euro11428 142 Diesel Euro 1/2138135 273 Diesel Euro3 o Euro1 e 2 dotati di CRT39636 432 Diesel Euro 404 4 Diesel Euro 54627 73 TOTALE9642671231

13 Servizio Ferroviario Passeggeri Servizi su rete FER Servizi su rete RFI

14 Trasporto su ferro: 5,16 milioni di km/treno su un totale di 18,7, pari al 27,5% di tutto il trasporto ferroviario regionale Ogni giorno si muovono 400 treni su un totale di 900 dell'intero servizio nella regione, trasportando più di 30.000 viaggiatori su un totale di 140.000. Quasi 8 milioni su base annua. Significativa presenza del trasporto merci su ferro attraverso le proprie società partecipate: 1, 5 milioni di km/treno prodotti, pari a 3000 treni l'equivalente di 15.000 TIR.

15 10 E464 + 18 carrozze a doppio piano 9 Semipilota a doppio piano 5 elettrotreni a 5 casse Stadler (di cui 3 in esercizio su rete Ustif) 25 Aln 668 18 carrozze ln 880 PARCO ROTABILI FERROVIARI 12 ATR 220 16 autotreni 72422 7 elettrotreni a 5 casse Stadler (in arrivo entro il 2013) 2 Semipilota a 2 piani IN ARRIVO 9310 8250 4 Ale 228 elettromotrici 3 Ale 054 elettromotrici

16 VANTAGGI DELLINTEGRAZIONE MODALE IN UN SOGGETTO UNICO Biglietto unico Linea 20 Possibilità di creare sinergie su orari e coincidenze, per ottimizzare i tempi di viaggio degli utenti Servizi informativi integrati Razionalizzazione produttiva Tempi ridotti Con lo stesso titolo di viaggio si potrà comodamente salire su treni, autobus e filobus su tutta la rete TPER. Oggi questo è già possibile nei bacini di Bologna e Ferrara Ferrovia Bologna Vignola Informazioni in tempo reale su orari, ritardi e coincidenze Eliminazione delle sovrapposizioni, Percorsi integrati e complementari Casalecchio Esempio di integrazione

17 Bologna, con circa 380 mila abitanti, è il settimo comune italiano per popolazione ed è abitato dal 38% circa degli abitanti della Provincia. Negli ultimi 10 anni la popolazione del Comune di Bologna è rimasta pressoché inalterata aumentando in 9 anni di circa 10.000 unità (aumento medio annuo dello 0,29%). Il decrescente peso percentuale del Comune, in termini di abitanti, rispetto alla Provincia (diminuzione nel periodo di analisi di circa 2,2 punti percentuali) evidenzia un trend di graduale spostamento degli abitanti verso le aree suburbane e provinciali. Analisi della domanda e dellofferta

18 Previsioni di aumento della domanda Il PGTU del Comune di Bologna pone lobiettivo di incrementare la ripartizione modale a favore del TPL degli spostamenti interni al passando dallattuale 25,6% ad una valore prossimo al 28-30%. In termini numerici lobiettivo del 28-30% implica un aumento dellutenza trasportata dalla rete integrata metropolitana di circa 22.000/40.000 passeggeri/giorno con un incremento percentuale in termini di passeggeri tra il 10 ed il 17 %.

19 Gli investimenti sul bacino di Bologna per le infrastrutture del trasporto pubblico - Rinegoziazione del contratto in essere con Iveco Irisbus per la fornitura di nuovi veicoli Crealis previsti nell'ambito del progetto di Trasporto Pubblico a Guida Vincolata (meglio noto come ex progetto Civis); azione che ha ottenuto l'approvazione da parte del CIPE e possibilità di riavvio dei lavori (importo complessivo del progetto 182 Mil/Euro) - Ridestinazione dei fondi inizialmente previsti per la realizzazione dell'ex metrotranvia di Bologna ad un progetto di completamento del Servizio Ferroviario Metropolitano e della filoviarizzazione delle linee urbane portanti del trasporto pubblico bolognese (importo complessivo 362,7 Mil/Euro, di cui 236,7 Mil/Euro di finanziamento ministeriale e i restanti cofinanziati dal territorio, anche attraverso investimenti già in corso).

20 Il sistema integrato ferroviario- filoviario dellarea metropolitana bolognese

21 Filoviarizzazione Rete filoviaria di progetto estesa a 125 km Linee 13, 14, 32, 33, 12, 15 e 19 Rete filoviaria attuale circa 60 km Linee 13, 14, 32 e 33

22 MA………sono forti le criticità del settore Normativa incerta, mancanza di vera regolazione di settore e politiche di investimento nel TPL Forte contrazione dei contributi pubblici (nazionali e locali) Ritardi nei pagamenti dei corrispettivi dovuti per la gestione dei servizi previsti dai contratti in essere con le Agenzia locali per la mobilità (o con gli EE.LL.) Aumento dei costi di gestione a carico delle aziende (carburante, assicurazioni, personale) Assenza di leve commerciali proprie (titolarità della tariffazione di competenza degli EE.LL.) Conseguente difficoltà nella pianificazione degli investimenti e freno all'ammodernamento di flotte e servizi Limite d'azione per le aziende all'efficientamento, alla razionalizzazione e alla rimodulazione dei servizi

23 Le criticità per TPER Oltre alle criticità del settore l'azienda deve affrontare: Fase operativa di fusione attuata in piena crisi economica e con insufficienti risorse da parte degli enti affidatari di servizi Criticità derivanti da sistema complesso di rapporti fra enti agenzie di mobilità e di gestione delle infrastrutture Processo di integrazione da fusione complesso sia per riorganizzazione interna, sia per articolato sistema di partecipazioni societarie Progetti complessi da gestire anche in concomitanza di inchieste collegate a specifici progetti Impatto della crisi che pone problemi di liquidità e criticità nella filiera di forniture servizi Relazioni industriali

24 Le sfide che attendono TPER Soggetto attuatore dei due interventi centrali per lo sviluppo del futuro sistema di mobilità dell'area metropolitana bolognese (progetto Crealis - ex-Civis - e sviluppo filovie-SFM) gestione finanziaria e stazione appaltante Partecipazione alla prossima gara per l'assegnazione del servizio ferroviario regionale in Emilia-Romagna. Possibile ulteriore sviluppo dell'integrazione tra aziende del trasporto pubblico su gomma in Regione a partire dalla rete di partecipazioni societarie già esistente

25 I dipendenti TPER Dirigenti11 Quadri (Capo Area-Capo Ripartizione, ecc.) 43 Personale viaggiante autolinee1496 Personale viaggiante ferroviario329 Operai (manutenzione, depositi, ecc.) 151 Gestione servizi e verifica195 Altro personale di struttura (staff, amministrazione, gestione risorse umane, ecc.) 226 Totale 2451

26 Campagna informativa 2012-2013 Coinvolgimento di tutto il personale aziendale Aumento dei controlli a bordo Prevista per il 2013 la convalida obbligatoria dei titoli di viaggio Verifica dei dati e implementazione di nuove iniziative IO VADO E NON EVADO IO VADO E NON EVADO La campagna delle buone regole

27 Civitas - MIMOSA Il progetto MIMOSA, finanziato nellambito delliniziativa CIVITAS del VII Programma quadro della Comunità Europea, ha visto la realizzazione di attività nel campo del miglioramento della qualità del trasporto pubblico, della gestione della mobilità in genere, dellutilizzo più efficiente dellenergia e di combustibili alternativi. Il progetto avviato ad ottobre 2008 e concluso a febbraio 2013 coinvolge, oltre a Bologna, diverse città europee: Funchal – Portogallo, Gdansk – Polonia, Tallin – Estonia, Utrecht - Olanda. Tra le attività realizzate da TPER: Progetti innovativi Veicoli Ibridi innovativi Sono stati realizzati e messi in servizio due veicoli ibridi di nuova generazione. Principali caratteristiche: - Veicoli urbani di lunghezza 12 metri a 3 porte; - Altamente innovativi perchè equipaggiati con supercapacitori in sostituzione delle batterie presenti sugli ibridi tradizionali

28 Il nuovo sistema di bigliettazione Nellambito del progetto Mimosa è stata realizzata la campagna informativa che ha accompagnato lattivazione del nuovo sistema tariffario e di bigliettazione elettronica Stimer – Mi Muovo

29 29 - Capillarità - Disponibilità 24 ore su 24 - Familiarità e facilità duso - Il servizio è attualmente attivo presso tutti gli sportelli Carisbo e Unicredit 3. Sceglie dallelenco il titolo di viaggio da caricare 4. Conferma la richiesta 1. Il cliente seleziona il servizio a cui desidera accedere 2. Digita il numero della carta MiMuovo 5. La ricarica verrà scritta sulla tessera MiMuovo alla prima validazione Ricarica abbonamenti via bancomat

30 Sistema di bigliettazione a bordo E stato realizzato un sistema per la bigliettazione per il servizio extraurbano che utilizza il computer a disposizione dellautista ed il validatore già presenti a bordo senza bisogno di dispositivi aggiuntivi. Lautista seleziona il biglietto richiesto tramite computer di bordo, riceve il denaro dal passeggero e gli consegna un biglietto magnetico vergine. Il passeggero tramite il validatore codifica ed oblitera il biglietto stesso.

31 Mobile ticketing TPER insieme ad altre aziende di TPL realizzerà entro il 2013 la sperimentazione di un sistema per lacquisto del biglietto tramite cellulari dotati di interfaccia NFC. Sarà quindi possibile acquistare il biglietto e successivamente validarlo a bordo tramite linterfaccia NFC avvicinandolo al validatore. Progetti innovativi

32 Centrale operativa di telecontrollo Monitoraggio della flotta per 850 bus del bacino di Bologna Vantaggi: Regolarità Sicurezza Pronto intervento Informazioni alle fermate intelligenti Certificazione del servizio Nellambito del progetto GIM, è in corso lestensione del sistema al bacino di Ferrara (circa 300 bus)

33

34 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "GIUSEPPINA GUALTIERI Presidente TPER SpA Membro del Consiglio Direttivo ASSTRA 13 MAGGIO 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google