La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SCUOLA MEDIA Don Milani ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a H a.s. 2005-2006 AMICI ALBERI DI VIA POLE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SCUOLA MEDIA Don Milani ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a H a.s. 2005-2006 AMICI ALBERI DI VIA POLE."— Transcript della presentazione:

1 SCUOLA MEDIA Don Milani ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a H a.s AMICI ALBERI DI VIA POLE

2 AREA VERDE ADIACENTE LA SCUOLA A1 A2 SCUOLA

3 Larea è stata lasciata incolta per molti anni. Era costituita da collinette terrose ed era utilizzata dai ragazzi per fare ciclocross. E stata sistemata e piantumata solo nellanno 1989 ad opera del Comune. Storia dellarea verde

4 Via Pole AREA 1 AREA 2 A2 A1

5 Immagine satellitare dellarea verde

6 Via Pole A1 ELENCO PIANTE Ippocastano Quercia Liriodendro Magnolia Sofora pendula Acero negundo Tiglio Betulla Sofora Carpino Acero saccarino A2

7 ELENCO PIANTE Magnolia Sofora pendula Tiglio Sofora Cercidiphillum Cercis siliquastrum Via Pole A1

8 CARATTERISTICHE DELLE PIANTE

9 piramidale colonnare espanso ombrelliforme PORTAMENTO

10 CORTECCIA grigio-cinereo, liscia rossastra, si sfalda da giovanerugosa, fessurata, grigio-bruna bruna, profondamente fessurata, spessa biancastra, sfaldabile a pellicola sottile grigio-bruna, a placche BAGOLARO ROBINIA PINO QUERCIABETULLA ABETE ROSSO

11 FOGLIA - FORMA

12 FOGLIA - MARGINE

13 FOGLIA - NERVATURE

14 FOGLIA - ATTACCATURA

15 FOGLIA – INSERIMENTO SUL PICCIOLO

16 FILOTASSI DISPOSIZIONE DELLE FOGLIE SUL RAMO alterne opposte verticillate decussate

17 cellule maschili e femminili nello stesso fiore FIORE cellule femminili uovo cellule maschili polline

18 fiori maschili e femminili separati sulla stessa pianta Noce e Nocciolo FIORE cellule femminili uovo cellule maschili polline

19 Fiori maschili e femminili su piante diverse Cachi e kiwi FIORE cellule maschili polline cellule femminili uovo

20 Descrizione delle piante presenti nellarea verde studiata

21 GLOSSARIO pericarpo: la parte esterna del frutto che racchiude i semi achenio: frutto con il pericarpo attaccato al seme amento: infiorescenza simile ad una spiga, ma su un asse molle e pendulo cordato: a forma di cuore deciduo: al termine della sua funzione si stacca e cade a terra latifoglie: piante con foglia larga, mai aghiforme legume: frutto semplice formato da un baccello lenticella: interruzione circolare od ovoidale dello strato esterno del fusto pannocchia: infiorescenza formata da un asse principale con vari ordini di ramificazioni samara: frutto semplice con pericarpo espanso in una o più ali adatte al volo pseudosamara: (carpino, tiglio) le ali sono lunghe una o due volte il pericarpo

22 DESCRIZIONE IPPOCASTANOAESCULUS HIPPOCASTANUM fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: fino a m Portamento: espanso a chioma ampia Corteccia: bruno-grigiastra e fessurata longitudinalmente Foglie: caduche, lunghe 20 cm composte da 5 a 7 foglioline seghettate al margine Fiori: riuniti in vistose pannocchie lunghe cm, bianchi o rosa maculati di rosa o giallo Frutto: capsula sferica spinosa (diametro da 3 a 5 cm) contenenti grossi semi simili a castagne

23 IPPOCASTANOAESCULUS HIPPOCASTANUM mappa Descrizione: albero che può arrivare a m d altezza, con chioma ampia ed espansa. Il tronco è robusto, eretto. La corteccia è di colore grigio-brunastro ed è fessurata longitudinalmente. I rami sono arcuati e di solito tendono verso il basso alle estremità. Le foglie sono palmato composte con 5-7 foglioline cuneiformi a margine seghettato, con un lungo picciolo circa 20 cm Ecologia: specie propria dei boschi freschi e umidi misti sul suolo profondo, ricco in nutrienti, con optimum nella fascia climatica del faggio indifferente alla natura del substrato Origini: Europa orientale (precisamente dalla penisola Balcanica, Macedonia). Uso: in antichità veniva usato (soprattutto in Turchia) per curare i cavalli però con moderazione perché contiene sostanze velenose. Il frutto si usa anche in cosmetica e medicina, dato il contenuto elevato di sostanze tanniniche.

24 FARNIAQUERCUS PEDUNCOLATA frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: arriva fino a 40/50m Portamento: piramidale Corteccia: brunastra, screpolata e solcata Foglie: ampiamente lobate in modo asimmetrico, con orecchiette alla base, decidue Fiori: maschili in amenti, femminili a 1-3 su un lungo peduncolato Frutto: ghiande oblunghe con cupola a squame fiore DESCRIZIONE

25 mappa Descrizione: albero elegante e maestoso raggiunge i 50 m d altezza e i 6- 7 m di circonferenza; può oltrepassare i 1000 anni. La chioma è molto ampia, con rami massicci e nodosi. Il tronco è dritto, la scorza inizialmente liscia e opaca diventa rugosa e brunastra con qualche fessura. Le foglie decidue, alterne lunghe fino a 12 cm. I frutti sono le ghiande gialle-brune, maturano in un anno. Ecologia: specie propria dei boschi umidi e misti sul suolo profondo, ricco di nutrienti nella fascia climatica della quercia Origini: tipica pianta europea molto comune nei boschi della pianura italiana Uso: il suo frutto veniva usato per allevare suini; la quercia, ridotta in polvere, veniva utilizzata per conciare le pelli. FARNIAQUERCUS PEDUNCOLATA

26 LIRIODENDROLIRIODENDRON TULIPIFERA DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: 30 m Portamento: piramidale Corteccia: grigio-marrone Foglie: tagliate nel fondo Fiori: simili a tulipani Frutto: a grappolo conico

27 mappa Descrizione: il Liriodendron Tulipifera può raggiungere fino m di altezza. Questo albero ha la corteccia grigio-marrone, fessurata con l età. Viene soprannominato lalbero del tulipano. Questo albero ha le foglie tagliate in fondo, verde scuro sopra. I fiori del Liriodendro sono lunghi 6 cm, con 3 petali verdi, ricurvi e sei verde pallido striati di arancione a metà estate. I frutti sono a grappolo conico, marrone pallido. Ecologia: questo albero abita soprattutto nelle zone con temperature elevate. Origini: il Liriodendro si trova originariamente nell America nord- orientale. LIRIODENDROLIRIODENDRON TULIPIFERA

28 MAGNOGLIAMAGNOLIA GRANDIFLORA DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: fino a 30 m Portamento: espanso Corteccia: brunastra e legnosa Foglie: ovali, la parte superiore è lucida e di colore verde scuro, la parte inferiore è di colore marrone, durano 2 anni Fiori: grandi, bianchi, con 6-12 petali Frutto: carnoso e di forma conica, i semi sono rossi, lunghi e sottili

29 mappa Descrizione: la Magnolia Grandiflora è una pianta sempreverde ed appartiene alla famiglia delle magnoliacee. Può essere alta fino a 30 m, ha un fusto legnoso e di color brunastro, con grandi fiori bianchi e profumati, che durano tutta lestate. E un bellissimo albero ornamentale per il bel fogliame ed il profumo dei suoi fiori. Ecologia: boschi misti decidui e sempreverdi della fascia costiera, fino a 600 m Origini: Asia e America subtropicale e tropicale Uso: legno e sostanze aromatiche contenute MAGNOGLIAMAGNOLIA GRANDIFLORA

30 SOFORA PENDULASOPHORA INNESTATA DESCRIZIONE fiore frutto foglie mappa Carta di identità Altezza: 10 m/15m Portamento: eretto, elegante Corteccia: ruvida, nodosa e contorta di colore bruno scuro Foglie: alterne, imparipennate con 7/9 foglioline Fiori: riuniti in pannocchie di 20 cm di colore giallo crema Frutto: legume, baccello di 8-10cm inizialmente verde poi bruno

31 mappa Descrizione: la pianta è stata ottenuta con innesto SOFORA PENDULASOPHORA INNESTATA

32 ACEROACER NEGUNDO DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: 10-15metri Portamento: globoso Corteccia: brunastra Foglie: non sono palmate come quelle degli altri aceri, sono pennate Fiori: i fiori maschili e femminili sono su alberi separati, quelli maschili formano ciuffi rossi, quelli femminili sono riuniti in grappoli pendenti Frutto: samara dalle ali lunghe

33 mappa Descrizione: albero che può raggiungere i metri di altezza, con chioma espansa. Il tronco è dritto e, con letà, rivestito di una scorza spessa, liscia e bianca. I fiori maschili e femminili sono su alberi separati, quelli maschili formano ciuffi rossi, quelli femminili sono riuniti in grappoli pendenti, le foglie sono opposte e sono composte da 3-5 foglioline Ecologia: specie comune di pianta arborea diffusa nelle regioni temperate dellemisfero boreale Origini: Europa e America del nord, continente Asiatico e Italia Uso: usato a scopo ornamentale per ricavare legno, zucchero e sciroppi zuccherini ACEROACER NEGUNDO

34 TIGLIO -TILIA PLATYPHILLOS, CORDATA,TOMENTOSA DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: fino a 25 – 30 metri Portamento: imponente, maestoso, espanso Corteccia: liscia, facilmente lavorabile Foglie: picciolate, a cuore, asimmetriche Fiori: a infiorescenza di 2-7 fiori biancastri, molto profumati, completi di brattea Frutti: globosi, con odore gradevole

35 mappa Descrizione: albero che può raggiungere 25–30 metri di altezza, la sua chioma è maestosa, imponente ed espansa. Il tronco è liscio e facilmente lavorabile, ricercato dagli intagliatori e cattivo combustibile. I rami presentano fiori (in primavera) profumatissimi e saldati da una brattea. Le foglie sono picciolate, a forma di cuore e asimmetriche. I frutti sono globosi e hanno un odore gradevole. Ecologia: particolarmente diffuso nei boschi decidui soprattutto in collina e in montagna. Vive bene in mezz ombra e richiede umidità nell aria. Origini: origine europea, spontanee in Italia. Uso: infuso utile nei raffreddamenti, anche come calmante, sono pregiati anche i carboncini da disegno ottenuti con il suo legno combusto. TIGLIO -TILIA PLATYPHILLOS, CORDATA,TOMENTOSA

36 BETULLABETULA ALBA DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: fino a 30 metri Portamento: espanso con rami terminali ricadenti Corteccia: bianca di pura cellulosa, sfogliabile, con lenticelle nerastre Foglie: decidue, alterne, picciolate, ovate o romboidali, dentate Fiori: maschili in amenti gialli, femminili in spighe corte e sottili Frutti: simili a pignette allungate cilindriche

37 mappa BETULLABETULA ALBA Descrizione: albero che può raggiungere 25–30 metri di altezza, dalla chioma rada e leggera, con i rami terminali caratteristicamente ricadenti, tronco snello con scorza bianca a lenticelle orizzontali nerastre, che tende a sfogliarsi. I giovani rametti contengono abbondanti ghiandole resinose; le foglie sono decidue, alterne, picciolate, ovate o romboidali con base arrotondata e apice acuminato, sono doppiamente dentate; i fiori maschili sono amenti gialli, quelli femminili in spighe corte e sottili; i frutti sono simili a pignette cilindriche Ecologia: zone collinari fino a 2000 m Origini: Europa e Asia settentrionale Uso: legno elastico e tenero; combustibile di qualità; scorza per lindustria conciaria e farmaceutica; foglie che danno un colorante giallo usato in tintoria, linfa zuccherina che, fermentando, produce bevande alcoliche o aceto

38 SOFORASOPHORA JAPONICA DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa DESCRIZIONE Carta di identità Altezza: 10 m/ 15m Portamento: eretto, elegante Corteccia: ruvida, di colore bruno scuro Foglie: alterne, imparipennate con 7/9 foglioline Fiori: riuniti in pannocchie di 20 cm di colore giallo crema Frutto: legume, baccello di 8-10cm inizialmente verde poi bruno

39 mappa Descrizione: raggiunge i 15 m di altezza il tronco e diritto e nodoso con corteccia ruvida e fiori riuniti in pannocchie Ecologia: predilige i luoghi caldi e terreni ben drenati. In fatto di irrigazione non è particolarmente esigente Origini: Cina, Asia orientale Uso: principalmente scopo ornamentale SOFORASOPHORA JAPONICA

40 CARPINOCARPINUS BETULUS DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: fino ai 25 m Portamento: piramidale Corteccia: liscia, a strisce grigio- bianche Foglie: ovali, seghettate Fiori: raccolti in grappoli Frutto: i frutti sono caratteristici acheni, accompagnati da una brattea tribolata.

41 mappa Descrizione: albero che può raggiungere i 25 m di altezza, con chioma coperta da rami distanti gli uni dagli altri. La corteccia del carpino è liscia a strisce grigie-bianche e quelle degli alberi più vecchi si sgretola facilmente. Le foglie ovali, seghettate, sono simili a quelle del nostro faggio rosso. Ecologia: pianta che resiste a temperature minime oltre i 15 gradi, resiste al vento, alle gelate e alle nebbie, al sole e allinquinamento. Origini: Europa, Italia, Asia minore Uso: impiegato per la bella conformazione della chioma, come esemplare singolo, ma molto apprezzato anche in siepi o nella forma piramidale o nella costituzione alberale. CARPINOCARPINUS BETULUS

42 ACEROACER SACCARINUM DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: fino a 30m Portamento: globoso espanso Corteccia: dapprima liscia poi ruvida, fessurata Foglie: caduche, palmato-lobate a 5 lobi, ciascuna a 2-3 grossi denti acuminati, note per le colorazioni autunnali Fiori: piccoli, giallini e disposti su un lungo peduncolo e a corimbo eretto Frutto: provvisti di ali membranose aperte che, secche a maturita, ne permettono la dispersione attraverso il vento DESCRIZIONE

43 mappa Descrizione: albero che può raggiungere i 30 m di altezza, con una chioma espansa. Il tronco dapprima liscio poi ruvido e fessurato; rivestito da una corteccia di colore grigio-bruno. I rami sono dritti e poi si aprono in mazzi con nuove foglie, lobate di colore verde chiaro con il lato inferiore leggermente argentato. Ecologia: specie propria del nord America. Origini: Nord America Uso: per ricavare lottimo legno, per lo zucchero ricavato dal tronco ACEROACER SACCARINUM

44 CERCIDIPHILLUM JAPONICUM DESCRIZIONE fiore frutto foglie estate inverno mappa Carta di identità Altezza: giovane 3,5, adulto 25 m Portamento: espanso Corteccia: solcata grigia bruna Foglie: da giovani a forma di piccolo uovo, rosso vivo poi verdi in estate, poi gialle arancione e rosso porporine in inverno Fiori: a gruppi, rosso-violacei, come quelli della robinia, piccoli prodotti in anticipo, si sviluppano anche sul tronco Frutto: piccoli baccelli maturanti in autunno liberano i semi in inverno

45 mappa Descrizione: albero che raggiunge i 25 metri d altezza, con chioma espansa. Il tronco è dritto, solcato, rugoso di color marrone grigiastro. Le foglie sono piccole e a forma di uovo e decidue sono lunghe da 3 a 8 cm e larghe da 3 a 5 cm, i frutti sono piccoli e misurano 1 o 2 cm Ecologia: cresce non oltre i 400 m, sensibile ai geli primaverili Origini: Giappone e Cina Uso: legno leggero pregiato per lartigianato è una specie decorativa CERCIDIPHILLUM JAPONICUM

46 ALBERO DI GIUDACERCIS SILIQUASTRUM DESCRIZIONE fiore frutto foglie primavera inverno mappa Carta di identità Altezza: generalmente fino a 8 m Portamento: espanso Corteccia: bruno-nerastra, rugosa e screpolata Foglie: alterne, con picciolo, arrotondate, verde intenso e lucide sopra, opache sotto Fiori: piccoli, a gruppi rosso-violacei, come quelli della robinia, prodotti in anticipo, si sviluppano sul tronco Frutto: legume allungato e piatto libera i semi piccoli e scuri in inverno

47 mappa Descrizione: albero che raggiunge 8 metri daltezza, con chioma arrotondata. Il tronco è sinuoso, snello rispetto alla chioma, rivestito di una scorza bruno-nerastra, rugosa e screpolata. Le foglie sono piccole e alterne, a cuore, sono decidue e lunghe fino a 10 cm, i fiori spuntano sul tronco a gruppi di 3-6, di un bel colore rosa-violaceo, sono senza peduncolo ed hanno la forma di quelli del pisello (papilionacee); i frutti sono legumi piatti che, maturando in estate, si colorano di rosa vivo-violaceo; contengono semi piccoli e scuri Ecologia: cresce non oltre i 400 m Origini: regioni orientali del Mediterraneo, da cui la confusione tra Giudea e albero di Giuda Uso: legno pregiato per lartigianato è una specie decorativa ALBERO DI GIUDACERCIS SILIQUASTRUM

48 fine


Scaricare ppt "SCUOLA MEDIA Don Milani ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a H a.s. 2005-2006 AMICI ALBERI DI VIA POLE."

Presentazioni simili


Annunci Google