La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA Canto XXIII Prof.ssa Maria Grazia COCCOLUTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA Canto XXIII Prof.ssa Maria Grazia COCCOLUTO."— Transcript della presentazione:

1 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA Canto XXIII Prof.ssa Maria Grazia COCCOLUTO

2 ODISSEA (canto XXIII) Il Canto XXIII dellOdissea, con cui gli antichi commentatori Aristofane ed Aristarco facevano terminare il poema al v. 296, rappresenta il punto di arrivo nello sviluppo dei nuclei tematici che si sono evoluti attraverso tutta lopera. ODISSEA - Canto XXIII Aristofane Aristarco di Samo

3 In esso appare la straordinaria capacità di Omero di indagare nellanimo di tutti i personaggi. In modo particolare abbiamo scelto i versi nei quali Penelope mette alla prova leroe prima di riconoscerlo e quelli in cui Odisseo le rivelerà la profezia che lo vedrà ancora lontano dalla sua dimora. ODISSEA - Canto XXIII Omero Penelope

4 ODISSEA - Canto XXIII Euriclea E a lui parlò la prudente Penelope: Misero no, non sono superba, non ti disprezzo, non stupisco neppure: so assai bene comeri partendo da Itaca sulla nave lunghi remi. Sì, il suo morbido letto stendigli, Euriclea, fuori dalla solida stanza, quello che fabbricò di sua mano;qui stendetegli il morbido letto, e sopra gettate il trapunto, e pelli di pecora e manti e drappi splendenti. τoν δ' α τε προσέειπε περίφρων Πηνελόπεια· "δαιμόνι', ο γάρ τι μεγαλίζομαι ο δ' θερίζω ο δ λίην γαμαι, μάλα δ' ε ο δ' ο ος ησθα ξ θάκης π νη ς ν δολιχηρέτμοιο. λλ' γε ο στόρεσον πυκιν ν λέχος, Ε ρύκλεια, κτ ς ϋσταθέος θαλάμου, τόν ' α τ ς ποίει· νθα ο κθε σαι πυκιν ν λέχος μβάλετ' ε νήν, κώεα κα χλαίνας κα ήγεα σιγαλόεντα." 180

5 ς ρ' φη πόσιος πειρωμένη· α τ ρ δυσσε ς χθήσας λοχον προσεφώνεε κεδν δυ αν· " γύναι, μάλα το το πος θυμαλγ ς ειπες. τίς δέ μοι λλοσε θ κε λέχος; χαλεπ ν δέ κεν ε η κα μάλ' πισταμέν, τε μ θε ς α τ ς πελθ ν ηϊδίως θέλων θείη λλ ν χώρ. νδρ ν δ' ο κέν τις ζω ς βροτός, ο δ μάλ' β ν, ε α μετοχλίσσειεν, πε μέγα σ μα τέτυκται ν λέχει σκητ · τ δ' γ κάμον ο δέ τις λλος. θάμνος φυ τανύφυλλος λαίης ρκεος ντός, 190 κμην ς θαλέθων· πάχετος δ' ν ΰτε κίων. Così parlava, provando lo sposo; ed ecco Odisseo sdegnato si volse alla sua donna fedele: O donna davvero è penosa questa parola che hai detto! Chi lha spostato il mio letto? Sarebbe stato difficile anche a un esperto, a meno che un dio venisse in persona, E, facilmente, volendo, lo cambiasse di luogo. Tra gli uomini, no, nessun vivente, neanche in pieno vigore, senza fatica lo sposterebbe, perché cè un grande segreto nel letto ben fatto, che io fabbricai e nessun altro. Cera un tronco ricche fronde, dolivo, dentro il cortile, florido, rigoglioso; era grosso come colonna. ( ) ODISSEA - Canto XXIII Ulisse

6 ( ) τ δ' γ μφιβαλ ν θάλαμον δέμον, φρ' τέλεσσα, πυκν σιν λιθάδεσσι, κα ε καθύπερθεν ρεψα, κολλητ ς δ' πέθηκα θύρας, πυκιν ς ραρυίας. κα τότ' πειτ' πέκοψα κόμην τανυφύλλου λαίης, κορμ ν δ' κ ίζης προταμ ν μφέξεσα χαλκ ε κα πισταμένως κα π στάθμην θυνα, ρμ ν' σκήσας, τέτρηνα δ πάντα τερέτρ. κ δ το ρχόμενος λέχος ξεον, φρ' τέλεσσα, δαιδάλλων χρυσ τε κα ργύρ δ' λέφαντι· ν δ' τάνυσσ' μάντα βο ς φοίνικι φαεινόν. Intorno a questo murai la stanza, finchè la finii, con fitte pietre, e di sopra la coprii per bene, e robuste porte ci misi, saldamente connesse. E poi troncai la chioma dellolivo frondoso, e il fusto sul piede sgrossai, lo squadrai con il bronzo bene e con arte, lo feci dritto a livella, ne lavorai un sostegno e tutto lo livellai con il trapano. Così cominciando da questo, polivo il letto, finché lo finii, ornandolo dargento e davorio. Per ultimo tirai le corregge di cuoio, splendenti di porpora. ODISSEA - Canto XXIII Ulisse

7 ( ) ο τω τοι τόδε σ μα πιφαύσκομαι· ο δέ τι ο δα, μοι τ' μπεδόν στι, γύναι, λέχος, έ τις δη νδρ ν λλοσε θ κε, ταμ ν πο πυθμέν' λαίης." ς φάτο, τ ς δ' α το λύτο γούνατα κα φίλον τορ, σήματ' ναγνούσ, τά ο μπεδα πέφραδ' δυσσεύς· δακρύσασα δ' πειτ' θ ς κίεν, μφ δ χε ρας δειρ βάλλ' δυσ ϊ, κάρη δ' κυσ' δ προσηύδα· Ecco, questo segreto ti ho detto : e non so donna, se è ancora intatto il mio letto, o se ormai qualcuno lha mosso, tagliando di sotto il piede dolivo. Così parlò e a lei di colpo si sciolsero le ginocchia e il cuore, perché conobbe il segno sicuro che Odisseo le diceva; e piangendo corse da lui, dritta, le braccia gettò intorno al collo ad Odisseo e diceva… ODISSEA - Canto XXIII Ulisse e Penelope

8 ODISSEA (canto XXIII) Dopo che i due sposi si sono ritrovati, pur con qualche esitazione, Odisseo rivela a Penelope quanto lindovino Tiresia gli ha profetizzato nellAde. ODISSEA - Canto XXIII La profezia Telemaco e Penelope Telemaco e Ulisse

9 Egli dovrà ancora viaggiare per molte città, portando con sé un remo; quando giungerà presso un popolo che non conosce il mare e un viandante incontrandolo gli dirà che porta sulla spalla una pala per il grano, allora dovrà piantare il remo sulla terra, fare sacrifici a Poseidone e ritornare in patria. Infine, giunto alla vecchiaia, la morte gli verrà dal mare, mentre i popoli intorno a lui prospereranno. ODISSEA - Canto XXIII La profezia

10 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII La morte dal mare La conclusione della profezia, già esposta nel canto XI, rimane oscura per la locuzione. Non si sa infatti se bisogna intendere dal mare o fuori dal mare. La tradizione successiva (Orazio, Odi III, 29 e Ovidio Fasti III) inventò che Telegono, figlio di Odisseo e di Circe, venne inviato dalla madre in cerca del padre. Telegono

11 ODISSEA - Canto XXIII La profezia Telegono reagì uccidendo il padre il cui cadavere fu portato ad Eea. Approdato ad Itaca in seguito ad una tempesta,per sopravvivere si diede a saccheggiare la regione, ma fu assalito da Odisseo e Telemaco.

12 ( ) " γύναι, ο γάρ πω πάντων π πείρατ' έθλων λθομεν, λλ' τ' πισθεν μέτρητος πόνος σται, πολλ ς κα χαλεπός, τ ν μ χρ πάντα τελέσσαι. 250 ς γάρ μοι ψυχ μαντεύσατο Τειρεσίαο ματι τ, τε δ κατέβην δόμον ϊδος ε σω, νόστον ταίροισιν διζήμενος δ' μο α τ. λλ' ρχευ, λέκτρονδ' ομεν, γύναι, φρα κα δη πν πο γλυκερ ταρπώμεθα κοιμηθέντες." O Donna, ancora alla fine di tutte le prove non siamo giunti, ancora mi resta smisurata fatica, lunga, aspra, che tutta devo compiere. Così a me lo spirito di Tiresia predisse, il giorno in cui scesi nella casa dellAde, cercando il ritorno per i compagni e per me. Ma vieni, andiamo a letto, donna, e godiamo finalmente di stenderci, vinti dal sonno soave. ODISSEA - Canto XXIII Ulisse e Penelope

13 ( ) τ ν δ' α τε προσέειπε περίφρων Πηνελόπεια· "ε ν μ ν δ σοί γε τότ' σσεται, ππότε θυμ σ θέλ ς, πε ρ σε θεο ποίησαν κέσθαι ο κον ϋκτίμενον κα σ ν ς πατρίδα γα αν· λλ' πε φράσθης καί τοι θε ς μβαλε θυμ, ε π' γε μοι τ ν εθλον, πε κα πισθεν, ΐω, πεύσομαι, α τίκα δ' στ δαήμεναι ο τι χέρειον." Ma gli rispose la prudente Penelope: Il letto tuo sarà ormai pronto ogni volta che tu vorrai nel cuore, dopo che i numi t han fatto tornare alla solida casa e alla terra dei padri; ma poiché lhai detto, un dio te lha messo nellanima, dimmi della fatica, perché penso che in seguito dovrò saperla; non è peggio saper tutto subito ODISSEA - Canto XXIII Penelope

14 ( ) τ ν δ' παμειβόμενος προσέφη πολύμητις δυσσεύς· "δαιμονίη, τί τ' ρ' α με μάλ' τρύνουσα κελεύεις ε πέμεν; α τ ρ γ μυθήσομαι ο δ' πικεύσω. ο μέν τοι θυμ ς κεχαρήσεται· ο δ γ ρ α τ ς χαίρω, πε μάλα πολλ βροτ ν π στε' νωγεν λθε ν, ν χείρεσσιν χοντ' ε ρες ρετμόν, ε ς κε το ς φίκωμαι, ο ο κ σασι θάλασσαν 270 νέρες ο δέ θ' λεσσι μεμιγμένον ε δαρ δουσιν· ο δ' ρα το σασι νέας φοινικοπαρ ους ο δ' ε ήρε' ρετμά, τά τε πτερ νηυσ πέλονται. E rispondendole disse laccorto Odisseo: Misera, perché con tanta fretta mi spingi a parlare? Dunque te la dirò, non la terrò nascosta. Ma non ne avrà gioia il tuo cuore: io neppure ne godo, perché per molte città di mortali ordinava chio vada, in mano tenendo il maneggevole remo, finchè verrò a genti che non conoscono il mare, non mangiano cibi conditi col sale, non sanno le navi dalle guance di minio, né i maneggevoli remi che sono ali alle navi. ODISSEA - Canto XXIII

15 ( ) σμα δέ μοι τόδ' ειπεν ριφραδές, οδέ σε κεύσω· ππότε κεν δή μοι ξυμβλήμενος λλος δίτης φή θηρηλοιγν χειν ν φαιδίμ μ, κα τότε μ' ν γαί πήξαντ' κέλευσεν ρετμόν, ρξανθ' ερ καλ Ποσειδάωνι νακτι, ρνειν ταρόν τε συν τ' πιβήτορα κάπρον, οκαδ' ποστείχειν ρδειν θ' ερς κατόμβας 280 θανάτοισι θεοσι, το ορανν ερν χουσι, πσι μάλ' ξείης· θάνατος δέ μοι ξ λς ατ βληχρς μάλα τοος λεύσεται, ς κέ με πέφν γήρ πο λιπαρ ρημένον· μφ δ λαο λβιοι σσονται. τ δέ μοι φάτο πάντα τελεσθαι." E questo chiaro segno mi disse, che non ti nascondo: quando incontrandomi un altro viatore mi dica che un ventilabro reggo sulla nobile spalla, allora, piantato in terra il remo, ordinò di fare bei sacrifici a Poseidone sovrano, - ariete, toro e verro marito di scrofe - e poi tornare a casa e fare sacre ecatombi ai numi immortali, che il cielo vasto possiedono, a tutti per ordine. Morte dal mare mi verrà, molto dolce, che deve uccidermi vinto da serena vecchiezza; intorno a me popoli beati saranno. Questo mi disse che tutto ha da compiersi (trad. R. Calzecchi Onesti) ODISSEA - Canto XXIII

16 Il mito romantico del viaggio La lirica del poeta inglese Alfred Tennyson ( ) interpreta il personaggio di Odisseo in chiave romantica, come emblema dellinesausta sete di conoscenza delluomo, la cui esistenza trova senso soltanto nella ricerca continua anche a costo della vita stessa. Alfred Lord Tennyson Odisseo

17 ODISSEA (canto XXIII) Il quieto e tranquillo trascorrere del tempo ad Itaca, in contrapposizione alle terribili ed esaltanti avventure del passato, delude e rattrista il malinconico re. Il suo monologo non si limita ad essere una riflessione sulla condizione delluomo: poco per volta diviene proposito di partire e invito ai compagni affinchè riprendano il mare con lui, decisi a lottare, cercare, trovare e non cedere mai. ODISSEA - Canto XXIII Il mito romantico del viaggio Itaca

18 ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Serve a ben poco un re sfaccendato, seduto ad un focolare spento, con la moglie ormai vecchia, in unisola che è solo rocce: sto qui ad applicare leggi non giuste per una gente selvaggia, che ammassa, che dorme, che mangia e non sa come sono. Non posso rinunciare al viaggio: voglio sorbire la vita fino allultimo sorso. Sempre ho goduto molto e molto sofferto, con chi mi amava e anche da solo, sia sulla terra sia quando tra nuvole in corsa le Iadi che portano pioggia sconvolgono il mare nebbioso. Lultimo Ulisse, G. Roperti Ulisse e Penelope, Gisella Malagodi

19 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Mi sono fatto un nome, perché sempre errando con cuore affamato ho visto molto e molto saputo: città, uomini, usi, governi e assemblee, così ho conosciuto di più anche me stesso. Il folle volo Fui accolto bene da tutti e con i miei pari mi inebriai di lontane battaglie, là nella piana sonora di Troia battuta dal vento. Tutto ciò che incontrai nel mio andare ora fa parte di me.

20 ODISSEA - Canto XXIII Ulisse E quello che ho visto è una porta che si apre sul nuovo: e più vado avanti più vedo i confini lontani. E penoso fermarsi, darsi un confine, non splendere più, arrugginiti perché si rimane inattivi. Fingendo che vivere sia respirare! Una fila di vite non mi basterebbe; e non mi resta che un poco delluna che ho. Naufragio, Anonimo fiorentino Naufragio di Ulisse, F. Stassen

21 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Eppure quel poco è un momento rubato alleterno silenzio, e porta con sé cose ancora da fare,e vile sarebbe per questi pochi anni restare in disparte con questo mio spirito grigio che brucia e che sogna ancora il sapere: la stella che cade lontano là dove lumano pensiero non sa immaginare. Il viaggio di Ulisse, Elogio alla follia Torino 8-13 maggio 2007

22 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Qui cè mio figlio, Telemaco mio, a lui lascio lisola e il regno: lo amo moltissimo è lui luomo adatto a far quel che serve: addomesticare con calma la gente selvaggia per gradi, così da portarla pian piano a far cose utili e buone. Telemaco Itaca, porta Palazzo di Ulisse

23 ODISSEA - Canto XXIII Ulisse E libero da ogni peccato, sa bene qual è il suo dovere, rispetta gli dei, ha amore per le tradizioni, e non mancherà di dare lonore dovuto agli avi defunti, anche se non sarò qui: lui fa il suo lavoro ed io faccio il mio. Laggiù cè il porto: la nave gonfia le vele, grande nel buio mormora il mare. Telemaco Gli dei

24 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Miei marinai, cuori che avete con me sopportato, sofferto, pensato, voi che sempre accoglieste con un allegro saluto la tempesta e la luce brillante del sole, che liberi cuori libere fronti avete opposto alla sorte: voi ed io siamo vecchi ma pur la vecchiaia ha un valore, e un compito: la morte è la fine di tutto, ma anche vicino alla fine può essere fatto qualcosa che è degno di uomini che han combattuto contro gli dei. Le luci si accendono là sulle rocce, il lungo giorno si spegne, si alza lenta la luna e il mare.

25 ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Intorno mugola fondo con mille voci. Su amici miei, non è troppo tardi per la ricerca di un mondo più nuovo. Salpiamo e sedendovi in ordine battete le onde sonore. Mi sono proposto di veleggiare al di là del tramonto, verso i sentieri di tutte le stelle dellOvest: fino alla morte. Forse è destino che le acque ci tirino sotto; forse è destino arrivare fino alle isole della Fortuna e là rivedere il grande Achille, che già conoscemmo. Achille

26 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Ulisse Molto ci è stato sottratto, ma molto ci resta anche adesso non siamo più quella forza che un tempo mosse la terra e il cielo noi siamo quello che siamo: una schiera compatta di eroici cuori fiaccati dal tempo e dal fato, ma forti nella volontà di lottare, cercare, trovare e non cedere mai. ( trad. M: Sboarina) Ulisse

27 ODISSEA - Canto XXIII Penelope Penelope, figlia di Icario,madre di Telemaco,rimasta ad Itaca in attesa dello sposo,è una figura di indubbio interesse. Sin dalla sua prima apparizione nellOdissea ci si mostra bellissima,quando scende dalle sue stanze per recarsi nella sala del banchetto dove i Proci stanno ascoltando i racconti di Femio, il famoso aedo che canta il ritorno degli Achei dalla guerra di Troia: proprio questo canto farà provare alla donna un dolore tale da invitare laedo a cambiare soggetto del canto. Femio - Aedo Soldato spartano Icario, Re di Sparta

28 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Penelope Femio, molti altri canti tu sai, smetti questo cantare straziante, che sempre in petto il mio cuore spezza… (Od.,I ) Femio - Aedo Ed é con il cuore spezzato che Penelope scende tra i suoi pretendenti, ben centootto, che aspiravano alla mano della presunta vedova del re. Penelope tra i Proci

29 ODISSEA - Canto XXIII La bellezza Tra le virtù femminili la prima ad essere lodata da Omero è la bellezza. La stessa Elena fa dire ai vecchi troiani seduti presso le porte Scee mentre guardano la battaglia che infuria nella pianura: non è vergogna che i Teucri e gli Achei schinieri Robusti soffrano a lungo dolori (Il: III, ) Omero, Louvre-Parigi Elena, G. Seferis

30 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII La bellezza Anche Penelope, con la sua bellezza, quando appariva ai suoi pretendenti, produceva effetti devastanti: Si scioglieva il cuore nel petto a vederla si scioglievano le membra Leffetto di Eros che scioglie le membra è un chiaro riferimento al desiderio amoroso, come ben è evidente in un frammento di Saffo: Eros che scioglie le membra ancora mi squassa dolceamara invincibile fiera ( fr. 130 Voigt) Amore e Psiche Penelope

31 ODISSEA - Canto XXIII La Saggezza Penelope è anche saggia, ed alla saggezza unisce labilità nella tessitura simbolo delle opere domestiche. Per ritardare il tempo in cui avrebbe dovuto decidere chi risposare avrebbe tessuto un sudario per Laerte, il suocero ritiratosi in campagna, cosa che prova la sua devozione filiale e la sua abilità di tessitrice. Penelope e Telemaco al telaio Laerte

32 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII La saggezza Penelope è bella, saggia, silenziosa e obbediente allautorità maschile tanto che in assenza del marito segue senza discutere gli ordini del figlio che proprio in occasione del canto di Femio le ricorda: Su, torna alle tue stanze e pensa allopere tue, telaio e fuso; e alle ancelle comanda di badare al lavoro; al canto pensino gli uomini tutti e io sopra tutti: mio qui in casa è il comando (Od. I ) Penelope Penelope, Pinturicchio

33 ODISSEA - Canto XXIII La Saggezza Come Odisseo, Penelope è astuta, la metis è una qualità di cui è fiera e che anche la voce popolare le riconosce. (Od. II, ) E proprio grazie alla sua metis che riesce ad avere la prova decisiva dellidentità dello sposo ed in questa circostanza, ella appare addirittura più astuta di Odisseo che non comprendendo che la moglie vuole metterlo alla prova, crede che qualcuno abbia spostato il suo letto. Ulisse e Penelope Metis, dea della saggezza

34 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII La saggezza La metis è una virtù comune al mondo maschile e femminile. Dice a tal proposito Eva Cantarella: …quandanche legate a modelli di comportamento diversi da quelli maschili, tutte le donne… dovevano ammirare le qualità virili. Al punto di tentare di possederle, ove possibile. E poiché non potevano aspirare ad essere forti, si sforzavano di possedere lunica virtù maschile che non fosse incompatibile con il loro ruolo Eva Cantarella, Scrittrice Metis, figlia di Oceano e Teti

35 ODISSEA - Canto XXIII Penelope alla guerra Nel 1964 Oriana Fallaci pubblica Penelope va alla guerra, in cui narra la vicenda di Giovanna che a ventisei anni, è invitata da un produttore cinematografico a New York con il fine di osservare con spirito critico, la grande città americana per trarre il soggetto di un film. New York colpisce la giovane e qui ella vive esperienze nuove ed entusiasmanti. Dopo qualche tempo fa ritorno a Roma, quando ormai il sogno dellAmerica si è dissolto e quella realtà prima sentita come affascinante, ora è solo delusione e ricordo.

36 ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA - Canto XXIII Penelope alla guerra All aeroporto Francesco, un suo amico, la richiama alla realtà femminile: Da quando ti conosco non fai che parlarne: sembra che tu abbia un appuntamento laggiù. Peggio: sembri Ulisse che va ad espugnare le mura di Troia. Ma non sei Ulisse, sei Penelope. Lo vuoi capire sì o no che la donna non è un uomo? Ma il viaggio che Giovanna sta per compiere le farà lasciare il ruolo di Penelope, rendendola simile ad Ulisse. Guerriero greco Battaglia di Troia

37 Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, )

38 ODISSEA - Canto XXIII F I N E Il folle volo Prof.ssa Maria Grazia COCCOLUTO


Scaricare ppt "ODISSEA (canto XXIII) ODISSEA Canto XXIII Prof.ssa Maria Grazia COCCOLUTO."

Presentazioni simili


Annunci Google