La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi Art.30 D.Lgs. n.81/08 e s.m. SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA: IL CASO A.P. AMBIENTI DI LAVORO SANI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi Art.30 D.Lgs. n.81/08 e s.m. SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA: IL CASO A.P. AMBIENTI DI LAVORO SANI."— Transcript della presentazione:

1 lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi Art.30 D.Lgs. n.81/08 e s.m. SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA: IL CASO A.P. AMBIENTI DI LAVORO SANI E SICURI campagna europea : lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi Art.30 D.Lgs. n.81/08 e s.m. SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA: IL CASO A.P. Relatore: Dott. Ing. Davide Vetrala Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia

2 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia In generale: un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro è un approccio strutturato per garantire la Sicurezza e la Salute di chi lavora in unorganizzazione e di chiunque sia coinvolto nelle sue attività. Scopi del Sistema del Gestione della Sicurezza sul Lavoro: controllare e migliorare le prestazioni dellazienda assicurare la conformità legislativa migliorare limmagine dellazienda promuovere la gestione integrata con Qualità & Ambiente

3 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia La OHSAS 18001:1999 (OHSAS = Occupational Health and Safety Assessment Series) è stata sviluppata in risposta alle richieste del mercato per uno standard di gestione della Salute e della Sicurezza riconosciuto, nei confronti del quale potesse essere valutato e certificato il Sistema di Gestione. La specifica è stata sviluppata per essere compatibile con gli standard della Qualità e dellAmbiente. UNI e INAIL, ritenendo utile offrire alla realtà produttiva italiana modalità di realizzazione di un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul lavoro, hanno stimolato la costituzione di un gruppo di lavoro per elaborare linee guida a tal fine (2001).

4 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia La OHSAS 18001, aggiornata ora al 2007, si applica a ciascuna organizzazione che desideri: stabilire un Sistema di Gestione Salute e Sicurezza per eliminare o minimizzare i rischi associati alle proprie attività; implementare, mantenere attivo e migliorare il Sistema di Gestione Salute e Sicurezza; assicurare la conformità ad una Politica su salute e sicurezza prestabilita; dimostrare tale conformità ottenere la certificazione del proprio Sistema di Gestione da parte di un Ente terzo.

5 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia MIGLIORAMENTO CONTINUO CERTIFICAZIONE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO OSHAS 18001

6 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia STRUTTURA GENERALE DEL SISTEMA DI GESTIONE SECONDO LE SPECIFICHE OSHAS 18001:2007 0Premessa 1Scopo 2Riferimenti 3Termini e definizioni 4Elementi del OH&S 4.1Generalità 4.2Politica OHSAS 4.3Pianificazione 4.3.1Pianificazione per identificazione dei pericoli, analisi dei rischi e controllo dei rischi 4.3.2Requisiti legali e aggiuntivi 4.3.3Obiettivi 4.3.4Programma di gestione OH&S

7 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia STRUTTURA GENERALE DEL SISTEMA DI GESTIONE SECONDO LE SPECIFICHE OSHAS 18001: Attuazione e funzionamento 4.4.1Struttura e responsabilità 4.4.2Formazione, consapevolezza e competenza 4.4.3Consultazione e comunicazione 4.4.4Documentazione 4.4.5Controllo dei documenti e dei dati 4.4.6Controlli operativi 4.4.7Preparazione e risposta alle emergenze 4.5Controlli e azioni correttive 4.5.1Misurazioni e sorveglianza delle prestazioni 4.5.2Incidenti, situazioni pericolose, non conformità, azioni correttive e preventive 4.5.3Registrazioni e loro gestione 4.5.4Audit 4.6Riesame della Direzione

8 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA (SGS) AUTORITA PORTUALE DELLA SPEZIA DELL AUTORITA PORTUALE DELLA SPEZIA 1-Politica 2-Pianificazione 3-Attuazione e funzionamento 4-Controlli e azioni correttive 5-Riesame della Direzione Miglioramento continuo

9 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia Ladozione del sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro, applicato allattività diIndirizzo, programmazione, coordinamento, promozione e controllo: delle operazioni portuali e delle altre attività commerciali ed industriali esercitate nelle aree in concessione demaniale allinterno dellarea portuale della Spezia; della manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni nell'ambito portuale; dellattività di progettazione, gestione e controllo tecnico della costruzione di opere di infrastrutturazione portuale; rappresenta una decisione strategica della Direzione Generale dellAutorità Portuale della Spezia ed in linea con i principi di salvaguardia della vita e della salute del proprio personale. 1 - POLITICA PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO La sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro è un impegno per tutti, che si manifesta non solo nel rispetto di comportamenti sicuri e corretti nello svolgimento del proprio lavoro, ma anche nel creare costantemente le condizioni più idonee affinché ciò avvenga.

10 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia La visione ed i valori essenziali oltre che le convinzioni dell Autorità Portuale della Spezia in tema di Sicurezza e Salute sui Luoghi di Lavoro sono sintetizzabili in: La gestione della salute e sicurezza sul lavoro i cui risultati ottenuti rappresentano parte integrante e imprescindibile della gestione al pari degli altri risultati dellEnte; Le attività lavorative non devono mai nuocere alla salute e sicurezza di chi lavora; La sicurezza e salute sul lavoro è un principio fondamentale ed irrinunciabile in ogni nostra attività; Il rispetto della legislazione vigente e degli accordi applicabili è imprescindibile da qualsiasi altra considerazione nellattività dellente a tutti i livelli; La responsabilità nella gestione nel sistema di gestione per la sicurezza e salute sul lavoro è di tutti noi, ciascuno per le proprie competenze, dalla dirigenza fino ad ogni singolo lavoratore; LEnte tutto simpegna nel miglioramento continuo e nella prevenzione della sicurezza e salute sul lavoro perché i risultati che ne derivano migliorano la Sicurezza della vita di ognuno di noi; Tutti allinterno dellEnte devono essere sensibilizzati e formati per svolgere i propri compiti in sicurezza assumendosi le proprie responsabilità in tema di sicurezza e salute su lavoro; Tutti nellEnte devono essere coinvolti e consultati in tema di sicurezza e salute

11 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia Gli obiettivi generali del SGS dell Autorità Portuale della Spezia sono riassumibili nella ricerca ed impegno per ottenere: La riduzione ed eliminazione, per quanto possibile, di eventuali infortuni e malattie derivanti dalle attività lavorative Una migliore gestione dei rischi con particolare riferimento alle attività esterne svolte presso i cantieri ed il demanio Una riduzione delle potenziali e reali cause dinfortunio tramite azioni correttive e preventive Una verifica tempestiva del rispetto degli adempimenti di legge Una continua ed efficace comunicazione tra Ente e lavoratori, o loro delegati, tramite incontri in cui si discuta di sicurezza e salute Un monitoraggio del livello di controllo del rischio residuo al fine di minimizzarlo ulteriormente tramite azioni di miglioramento continuo

12 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 2 –ANALISI DEI RISCHI e PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA PROBABILITA (P) CRITERI DI VALUTAZIONE 1Improbabile La mancanza rilevata può provocare un danno per la concomitanza di più eventi poco probabili indipendenti. Non sono noti episodi già verificatisi. Il suo verificarsi susciterebbe incredulità. 2Occasionale La mancanza rilevata può provocare danno solo in circostanze sfortunate di eventi. Sono noti solo rarissimi episodio già verificati. Il suo verificarsi susciterebbe grande sorpresa. 3Probabile La mancanza rilevata può provocare danno anche se non in modo automatico e diretto. E noto qualche episodio in cui alla mancanza ha seguito il danno. Il danno susciterebbe moderata sorpresa. 4Altamente probabileCorrelazione diretta tra la mancanza rilevata ed il verificarsi del danno ipotizzato. Si sono verificati danni per la stessa mancanza in operazioni simili. MAGNITUDO (M) CRITERI DI VALUTAZIONE 1Lieve Durata dellinfortunio minore di 3 giorni, lieve e/o non verificatosi. Esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. 2Medio Durata dellinfortunio uguale o maggiore a 3 giorni. Esposizione cronica con effetti reversibili. 3Grave Durata dellinfortunio uguale o maggiore a 15 giorni. Esposizione cronica con effetti irreversibili e/o parzialmente invalidante. 4GravissimoMortale multiplo, mortale singolo, permanente invalidità conseguente. Esposizione cronica con effetti letali e/o parzialmente invalidanti. P x M RISCHIO (R) BASSO MEDIO ALTO

13 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 2 –ANALISI DEI RISCHI e PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AMBIENTI DI LAVORO, IMPIANTI E MACCHINE PER I QUALI SONO STATE INDIVIDUATE IDONEE MISURE DI PREVENZIONE E SICUREZZA: Vie di circolazione e aree di transito Scale e ponteggi Ascensori e montacarichi Postazioni di lavoro Aree pericolose Difesa da agenti nocivi di natura chimica fisica e biologica Aree di stoccaggio e archivi Apparecchi fissi di sollevamento Apparecchi a pressione Reti ed apparecchi di distribuzione del gas Impianti elettrici Illuminazione Microclima Centrali termiche Spogliatoi Locali igienici Presidi antincendio e sanitari Segnaletica di sicurezza Macchine ed attrezzature da lavoro

14 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 2 –ANALISI DEI RISCHI e PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA

15 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 2 –ANALISI DEI RISCHI e PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA

16 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 2 –ANALISI DEI RISCHI e PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA PIANO DI EMERGENZA INTERNO: Squadra emergenze; Procedure demergenza in caso di: - infortunio - incendio; - esplosione; - esondazione; - terremoto. SQUADRA EMERGENZE Composizione SQUADRA EMERGENZE: Coordinatore; Vice Coordinatore; Incaricati del deflusso del personale; Addetti antincendio; Addetti al primo soccorso.

17 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 3 – ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO

18 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 4 – CONTROLLI ED AZIONI CORRETTIVE

19 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia 5 – RIESAME DELLA DIREZIONE La Direzione procede allesame del Sistema di Gestione e verifica : Il rispetto della legislazione attualmente applicabile in tema di Sicurezza e Salute sui Luoghi di Lavoro ed al suo continuo aggiornamento nonché il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa OHSAS 18001:2007 mettendo a disposizione tutte le risorse umane, materiali, finanziarie e strumentali necessarie; Il continuo miglioramento del Sistema di Gestione per la Sicurezza, basandosi su obiettivi misurabili e sullutilizzo di indicatori in grado di monitorare costantemente la capacità del sistema di raggiungere gli obiettivi iniziali previsti; La diffusione della Politica della Sicurezza ed il quadro di miglioramento annuale allinterno di AP mediante riunioni con il personale o con i loro delegati; Il raggiungimento degli obiettivi prefissati con diffusione a tutto il personale, nonché ladeguatezza e la continua idoneità alle strategie aziendali della Politica della Sicurezza e delle risorse messe a disposizione; Laccessibilità della Politica della Sicurezza a tutti i dipendenti ed ospiti dellAP; La distribuzione della Politica della Sicurezza a tutte le parti interessate che ne facciano richiesta.

20 Dott. Ing. Davide Vetrala Resp. Servizio di Progettazione e Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dellAutorità Portuale della Spezia Prefettura Ufficio Territoriale del Governo della Spezia Autorità Portuale della Spezia ARPAL La Spezia ASL 5 Spezzino S.C. PSAL Direzione Territoriale del Lavoro INAIL Sede della Spezia USMAF U.T. LA SPEZIA Vigili del Fuoco della Spezia GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE


Scaricare ppt "Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi Art.30 D.Lgs. n.81/08 e s.m. SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA: IL CASO A.P. AMBIENTI DI LAVORO SANI."

Presentazioni simili


Annunci Google