La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ho capito chi sei! Quando operiamo con qualcuno abbiamo spesso la convinzione di pensare e magari di dirgli:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ho capito chi sei! Quando operiamo con qualcuno abbiamo spesso la convinzione di pensare e magari di dirgli:"— Transcript della presentazione:

1

2 Ho capito chi sei! Quando operiamo con qualcuno abbiamo spesso la convinzione di pensare e magari di dirgli:

3 Ma poi scopriamo che anche se lo abbiamo ascoltato con attenzione…

4 e lo abbiamo osservato scrupolosamente.....

5 e siamo riusciti a fotografare la sua situazione clinica

6 fino al punto di monitorare il funzionamento delle sue cellule ….

7 Per cui … spesso non capiamo i suoi problemi i suoi bisogni i motivi del suo comportamento

8

9

10

11 Allora cosa si può fare?

12

13 ALCUNE PREMESSE LA PERCEZIONE Selezione e costruzione attiva dellesperienza a partire dagli stimoli potenziali presenti nellambiente e in stretta sinergia con gli schemi, le aspettative, le motivazioni preesistenti nel soggetto che percepisce.

14 LA PERCEZIONE SUBLIMINALE Processo di percezione che rimane al di sotto della soglia di coscienza in quanto costituito da segnali deboli o periferici o mischiati ad altri. Tali segnali possono orientare lattenzione, ma non è detto che messaggi subliminali complessi possano persuaderci di qualcosa senza che noi ce ne accorgiamo.

15 LA PERCEZIONE SOCIALE dal suo contesto sociale e culturale Il comportamento è influenzato non solo dai bisogni e dalla dimensione biologica dell individuo ma anche dal suo contesto sociale e culturale

16 LA SENSAZIONE È linsieme dei canali attraverso cui possiamo ricevere degli stimoli. Lintegrazione dei diversi canali e delle diverse codifiche avviene a livello centrale con lintervento determinante della SEMANTICA ossia la codifica del significato attraverso il linguaggio

17 LATTESA DELLEVENTO Nellindividuo e nel gruppo esistono insiemi di schemi pregiudiziali o preesistenti associati alla motivazione e al desiderio che si verifichi un certo evento piuttosto che un altro.

18 LESPOSIZIONE SELETTIVA È quel processo che spinge lindividuo a non entrare in contatto con informazioni che possono essere contraddittorie con le proprie credenze o atteggiamenti o comunque poco familiari.

19 SCHEMA COGNITIVO È un insieme di percezioni e di reazioni con cui noi attribuiamo immediatamente un significato allesperienza che incontriamo.

20 IL TRIANGOLO DELLA CONOSCENZA occhio----cuore----cervello Intelligenza emotiva empatia

21 Mettersi nei panni dellaltro! Veramente…?? Empatia è …

22 Leggete attentamente queste frasi Non pensate a cosa fareste Attribuite un secondo punteggio al vostro grado di fastidio/rifiuto (da 0 = per niente a 5 = molto) Attribuite un punteggio al vostro grado di empatia/comprensione (da 0 = per niente a 5 = molto)

23 Una giovane madre picchia almeno una volta al giorno suo figlio di 2 anni che piange e si rifiuta di mangiare. Un giovane omosessuale con HIV si sente molto solo e triste. Dichiara di avere incontri sessuali molteplici e occasionali. Non gli interessa assolutamente nulla dell HIV o dellAIDS. Vuole solo divertirsi con i partner occasionali.

24 Un gruppo di giovani si vanta di aver picchiato ferocemente un coetaneo nero. Un uomo dichiara soddisfatto di aver picchiato varie volte per gelosia la moglie tanto da mandarla in ospedale. Una giovane donna dichiara di usare spesso il suo corpo per essere stimata dai suoi superiori.

25 Un ragazzo di 16 anni dichiara di assumere droghe pesanti ogni fine settimana per divertirsi con gli amici. Un uomo di 40 anni ha lasciato la moglie e i tre figli per vivere con una ragazza di 20 anni con cui ha scoperto la gioia del sesso. Una donna divorziata, che svolge un lavoro molto impegnativo e stressante, dichiara di lasciare tutto il giorno da soli i suoi figli di 6 e 8 anni.

26 Un uomo di 25 anni, sposato e con 2 figli piccoli, ha cercato di suicidarsi perché non ha nulla per cui valga la pena di vivere. Un anziano signore dichiara di aver abusato della figlia quando aveva cinque anni e teme di fare lo stesso con la nipote di tre.

27 Permette di cogliere i dati dellinformazione multipla (verbale e non verbale) propria di ogni comunicazione Si può sentire una grande quantità di informazioni che permette di completare, colorare, comprendere più profondamente ciò che va al di là delle semplici parole pronunciate L intuizione

28 è possibile cogliere cosa si agita nella comunicazione dellaltro, come si sente nella situazione attuale e cosa realmente prova al di là di ciò che comunica verbalmente

29 Risonanza empatica (esperienza interiore riconosciuta di uno stato emotivo analogo a quello presentato dallaltro) Valutazione empatica Comunicazione empatica espressa (abilità comportamentale che consiste nellatto di comunicare il messaggio empatico) Empatia è …

30 Empatia non è Simpatia Condivisione della comprensione dellaltro ha sempre un effetto positivo sul rapporto un eccesso non è dannoso Condivisione delle emozioni dellaltro può interferire con loggettività dellintervento (diagnosi, trattamento ecc) comporta un carico emotivo alla lunga insopportabile

31 Lempatia non presuppone lidentificazione del sentire altrui con il proprio (tipico della simpatia), quanto piuttosto la capacità di calarsi nel capire-sentire altrui e successivamente di rientrare in sè stessi la confusione tra sé e laltro crea un legame emotivo intenso e duraturo che rende difficoltoso tornare in sé e nel proprio ruolo

32 Gli estremi da evitare: Empatia ECCESSIVA contagio emotivo, perdita di controllo Empatia INSUFFICIENTE distacco, conoscenza limitata dellaltro

33 OSCILLARE è fondamentale OSCILLARE alla posizione di OSSERVATORE PARTECIPE dalla posizione di OSSERVATORE OGGETTIVO

34

35 modulazione del dolore proprio valutazione e rielaborazione della sofferenza di altri governati dalle medesime aree cerebrali Esperimenti condotti con le più avanzate tecnologie dimostrano che la modulazione del dolore proprio e la valutazione e rielaborazione della sofferenza di altri sono governati dalle medesime aree cerebrali: corteccia cingolata anteriore (ACC) e insula (IC). La risonanza magnetica ha evidenziato che uno stimolo doloroso diretto attiva la parte posteriore dellACC mentre uno osservato ne attiva la porzione anteriore. La stessa cosa accade nellinsula. La percezione del dolore altrui proprio dolore. La percezione del dolore altrui coinvolge in maniera intensa chi ha già sperimentato la stessa esperienza. Tuttavia rimane diversa la componente affettiva ed emozionale attivata dal proprio dolore.

36 conduttanza cutanea (Skin Conductivity, SC), Parametro misurato: conduttanza cutanea (Skin Conductivity, SC), correlata con lattivazione del sistema nervoso simpatico, è un indicatore di attivazione emotiva. È stata registrata la SC durante sedute di psicoterapia, dopo le quali è stata registrata limpressione soggettiva da parte del paziente del grado di empatia del terapeuta. È stata rilevata una correlazione positiva significativamente alta tra concordanza dellSC e valutazione da parte del paziente del grado di empatia del terapeuta. Lanalisi delle videoregistrazioni delle sedute ha mostrato che i momenti di alta correlazione fisiologica erano correlati con maggiori interazioni socio-emotive positive tra paziente e terapeuta. Numerosi studi dimostrano la correlazione tra lempatia del terapeuta percepita dal paziente ed il risultato delle psicoterapie.

37 Secondo il recente modello multidisciplinare, nellempatia sono identificabili due dimensioni affettiva Pur riservando alla mediazione cognitiva un ruolo importante, sottolineano come la differenza tra role taking ed empatia stia proprio nellessere, questultima, unesperienza anche affettiva: lempatia è prima di tutto una reazione emozionale, uno stato di risonanza congruente con le emozioni dell'altro. Non è sentire solo ciò che l'altro sente, ma è comprendere laltro attraverso lintelligenza emotiva. cognitiva

38

39 Le capacità intuitive possono essere affinate ed integrate attraverso lo sviluppo di abilità tecniche abilità tecniche quali lascolto empatico la riflessione del sentimento il feedback la chiarificazione

40 sospendere concentrarsi Le proprie opinioni personali Le proprie soluzioni premature Sulle esperienze interiori dellaltro Sui comportamenti esteriori dellaltro

41 Lascolto empatico Quando ascoltiamo le persone accuratamente riusciamo a vedere più chiaramente le cose dal loro punto di vista Quando ascoltiamo le persone, esse ricevono il messaggio che stiamo prendendo seriamente sia loro che i loro problemi.Ciò le aiuta a chiarificare e a rendersi conto pienamente delle loro esperienze. Ci sono alcune distrazioni che possono pregiudicare la qualità del nostro ascolto: rumori estranei, interruzioni, emozioni ( rabbia, tristezza, ansia), pensieri su altro, preoccupazioni

42 Condizioni per lascolto empatico interne allemittente Affinché lascolto empatico sia efficace, lemittente deve: Avere un problema o avere forti sentimenti Mandare dei segnali o degli indizi di allarme o preoccupazione Avere voglia di parlarne

43 Condizioni per lascolto empatico interne allascoltatore Affinché lascolto empatico sia efficace, lascoltatore deve: Sentirsi sinceramente accettante Desiderare di aiutare Avere tempo a sufficienza Avere fiducia che lemittente sia capace di risolvere il problema Sentirsi ragionevolmente distinto dallaltro

44 Espressioni utili per introdurre lascolto empatico quando vi fidate della vostra percezione e laltro vi sembra recettivo: Ti senti… Dal tuo punto di vista… Nelle tue condizioni… A te sembra… Credi… Mi stai dicendo… Sei (triste, elettrizzato, felice…) Vuoi dire che... Come adottare lascolto empatico

45 Espressioni utili per introdurre lascolto empatico quando NON siete sicuri dellaccuratezza della vostra percezione e/o laltro NON vi sembra recettivo: Mi chiedo se … Vediamo se ho compreso bene … Correggimi se sbaglio, ma … E possibile che … Potrebbe essere che tu … Mi sembra che tu stia dicendo … Sembra a me che tu … Forse ti senti … Come adottare lascolto empatico

46 Valutare lempatia 1. Ehi mancano solo dieci giorni alle ferie! a) Sembra che tu ti viva questo lavoro come una prigione b) Non rallegrarti troppo, quando torni dici sempre di esserti annoiato c) Questa prospettiva ti rende di buon umore 2. Mi darai una mano nella stesura di questa relazione? a) Hai paura di non farcela da sola? b) Beh solo tu fai tutte queste storie c) Coraggio è una cosetta da niente, te la caverai bene anche da sola 3. Il nuovo direttore mi assilla in continuazione a) Cerchi un aiuto per vedere come cavartela b) Vedi di cambiare ufficio il prima possibile c) Se sei in difficoltà con lui diglielo chiaramente!

47 Una buona comunicazione è meno frequente della felicità e più fragile della bellezza (E. Mounier).

48


Scaricare ppt "Ho capito chi sei! Quando operiamo con qualcuno abbiamo spesso la convinzione di pensare e magari di dirgli:"

Presentazioni simili


Annunci Google