La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERCORSO 2: LIMMAGINARIO Corso di Antropologia Culturale giovedì 14 NOVEMBRE 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERCORSO 2: LIMMAGINARIO Corso di Antropologia Culturale giovedì 14 NOVEMBRE 2013."— Transcript della presentazione:

1 PERCORSO 2: LIMMAGINARIO Corso di Antropologia Culturale giovedì 14 NOVEMBRE 2013

2 Gli esseri della paura: le masche (casi di studio dal Piemonte meridionale e settentrionale)

3 Diverse tipologie di masche Origine del termine masca = forse celtica: riferimento a spiriti notturni Zingari e vagabondi Persone colte = prete Strega paesana Chiusura comunità contadina verso lestraneo, il diverso

4 La masca, strega contadina 1 Quasi sempre donna, anziana, sola, vedova, emarginata, vive in luoghi appartati. Quasi sempre di aspetto sgradevole (Piemonte)

5 2 Qualche attinenza con guaritori, ma in generale compie malefici, getta il malocchio Influsso negativo sui bambini Malattie e danni al bestiame Ostacoli sul cammino dei compaesani, di notte Colpi e ritorsioni contro le masche: preghiere, rosari, aggressioni personali (caso di Cervarolo, Valsesia)

6 3Spostamento nello spazio e manifestazioni della masca Masca in forma di spirito che fuoriesce dalla bocca Spoglie vuote o forma di moscone Masca in forma di animali domestici Cani, gatti, cavalli vitelli, agnelli, spesso dal manto bianco

7 4Alcune caratteristiche delle masche Diventare molto piccole e pesare sul petto dei dormienti, es. la Smara del bellunese Avere dimensioni gigantesche e stare tra due grandi rocce, orinando sui passanti, Es. masca della Val Chiusella

8 Di vento, mare e terra: limmaginario nelle isole Eolie

9 Qualche cenno storico

10 Economia tradizionale isole: agricoltura, pesca, coltivazione della vite Spopolamento Fine anni60 del 1900 Inizio 1900 Filossera, riduzione dei vigneti, riduzione/fine esportazione prodotti vitivinicoli eoliani, avvento navigazione a vapore Emigrazione in America

11 Cunti e credenze cultura orale primaria dei narratori: analfabeti, portatori e fruitori di leggende e racconti frutto di inculturazione e acculturazione (no mediazioni) Realtà dei racconti: sempre contestualizzati ; facilità ad identificare i protagonisti e le loro famiglie, il vicinato. Presenza anche del metareale narratori: contadini, pescatori, operai, cavatori di pomice, commercianti

12 I temi principali I tesori nascosti Le streghe Le serpi con i capelli

13 I tesori nascosti..-cerano un marito e una moglie, lei era incinta. Quando arrivarono sul Malu Passu videro un montone. Quello gli disse: Ne vuoi soldi?, disse al marito. La moglie forse gli disse di no e pigliò e li sollevò in aria e li gettò su un albero di carrube. Il marito non si fece niente, la moglie stette tanto malata e si storpiò tutta. E poi quando nacque la carusa, fece una femmina, venne proprio la figura del diavolo, quello il diavolo era!

14 …Cerano marito e moglie. Lui si sognò i soldi e il monachello ci disse: Io ti do i soldi, tu però non fare che adesso vai a casa e lo racconti a tua moglie. Andò a casa e ce lo raccontò alla moglie. La notte il monachello lo riempì di botte e lo fece diventare muto, ci fece perdere la parola…

15 I tesori nascosti: Repertorio meridionale di tradizione orale con elementi simili Essere immaginario visto in sogno che promette un tesoro nascosto, condizioni poste e non rispettate, bastonatura o incidente familiare. Accostamento tra reale e fantastico attraverso il terrificante (tema dei defunti che tornano), tema del sogno (passaggio tra dimensioni diverse, luoghi di passaggio dove sono sepolti i tesori

16 Le streghe Nelle isole Eolie il termine per definire la strega è majara (magara)

17 Le majare Unico nome per raggruppare diverse tipologie di streghe con diverse funzioni. Due filoni narrativi: donna vs uomo, fantastic vs reale

18 1 Majara come maga/fattucchiera, capace di intraprendere procedimenti magici per/contro membri della società. Funzione di guaritrice Questa tipologia di majare è assente dalla raccolta di cunti

19 2Majara come donna reale, ben contestualizzata, che spicca il volo stregonesco. Marito se ne accorge e limita la sua essenza Cera uno che si maritò e non sapeva che questa durante la notte volava. Avevano trascorso notti tranquille finchè, una notte, piglia, si risveglia e non trova più la moglie…la notte successiva fece finta di dormire a vide che questa si alzava, prendeva una pignattekka in cui aveva lolio, si spogliava nuda, si ungeva tutta, se ne saliva sulla finestra e diceva Vento, vento, portami a spartivento. Si gettava dalla finestra e volava. La notte successiva fece finta di dormire, ma cambiò lolio con olio normale. Quando la moglie di notte si alzò e si unse con lolio, si gettò dalla finestra, cadde a terra e morì…

20 Casa come centro della comunità, tentativo di stare dentro/fuori dalla comunità da parte della strega, limitazione della volontà di libertà/ affrancamento della donna da parte delluomo

21 3 Majara come essere a metà tra il fantastico e il reale. Importanza della nudità (rimando alle masche) Nel metareale cè sempre un contatto con il reale: uomo mortale che limita/ annulla i suoi poteri Coltello piantato in un cerchio: importanza ferro ma anche coltello e suo simbolismo

22 4 aMajara come portatrice di tempeste e connessa con i turbini di vento (funzione non esplicitata nei cunti) Legame con figure femminili dellimmaginario siciliano: turba di femmine cattive e brutte dai labbri tumidi e lunghi quanto i capelli di una donna Legame con figure mitologia classica legate a nuvole e vento (Diana, Erodiade, Ecate) Presenza di documenti cinquecenteschi in cui le streghe provocavano le tempeste

23 Evoluzione concezioni folkloriche ceti illetterati 800-inizio 900: tempestarii provocavano tempeste, i defensores cercavano di combatterli Evoluzione e maggiore definizione figura tempestarii: preti. Importanza prete come figura a metà tra mondi ma anche come figura altra Similitudini con Benandanti friulani e figure analoghe Ulteriore evoluzione: prete specializzato nelle tempeste, streghe nelle trombe daria

24 Margaret Murray, The witch-cult in western Europe, 1921 Stregoneria = religione antichissima, culto pre-cristiano di fertilità Molte critiche al testo di Murray, però cè un punto importante: distinzione tra stregoneria popolare e quella colta

25 I benandanti Tesi di Margaret Murray ripresa criticamente da Carlo Ginzburg Benandanti = tracce di un culto di fertilità in Friuli. Evoluzione nella considerazione dei B. : in un secolo assimilati a streghe

26 Convento di Cividade del Friuli, 1575, Paolo Gasparutto afferma di andar vagabondo con strigoni e sbilfoni Sentito un altro testimone, Battista Moduco che conferma quanto detto da Gasparutto

27 Cosa riportano i due benandanti 1 Partecipazione a convegni notturni in cui non cè traccia del diavolo 2 Durante questi convegni i benandanti combattono contro le streghe (rami di sorgo) con rami di finocchio Convegni ogni giovedì delle quattro temporaquattro tempora 3 4 Per andare ai convegni, i benandanti lasciano il corpo terreno in uno stato di catalessi

28 Chi sono i benandanti? Non sono streghe, ma usano terminologia inedita (benandandi/mal andanti) Sorta di setta con a capo un comandante. Importanza di essere nati con la camicia

29 4 b Evoluzione delle narrazioni: majare come streghe/pescatrici che rubano le barche ai pescatori e vanno in volo a fare la spesa in altre isole o persino in Egitto …Dicevano, dicevano i vecchi che le majare andavano con la barca a Tunisi, in Tunisia…Pigliavano la barca e andavano là, andavano di notte, a rubare, insomma si facevano gli affari loro

30 Binomio uomo/donna, majara contestualizzata nella realtà di pesca Donne che andavano a pesca con gli uomini Tu non sei nato dentro casa… un solo instante e sarei nato sulla barca Riproduzione società e ruoli sulle barche (ruoli maschili e femminili) In assenza degli uomini, le donne pescavano da sole le donne andavano a pescare i totani le femmine, tre quattro femmine andavano a pescare intorno allisola

31 5 fari a schiticchiata: majare come apparizioni che invitano a partecipare a feste conviviali, dove si mangia in allegria (binomio reale/metareale) Interazione/mancata interazione fantastico e reale. Majare non ricompensano i partecipanti alle feste Feste sempre in luoghi di passaggio (vulcani, scogliere, dirupi ecc)

32 Spiriti e serpi Determinati racconti su apparizioni dei defunti aveva la condanna… Ambiguità dei defunti nel rapporto con vivi: a volte malevoli, a volte in richiesta di aiuto Determinate ore di apparizione, diverse forme (uomini, soffio, rocce, serpi) Importanza di precise figure in grado di gestire i defunti e trattare con loro (rif. A benandandi, sciamani, guaritori ecc)

33 Mio zio e mia mamma videro questuomo coricato sopra questo cesto di ginestre con la gamba cavarcata che la batteva forte… andarono avanti senza parlare. Poi mio nonno disse che in quel posto era morto Vanni F, precipitato… Mio zio andava per legna dove era morto uno, era caduto e morto là. Mentre raccoglieva la legna sentì questa voce chiamare: Tanu, oh Tanuuu. Arrivò un soffio di vento e fece cadere la legna a a terra e anche lui. Allora lo zio lasciò ogni cosa e se ne andò a casa. Poi gli dissero di non andare più a far legna la sera perchè il morto lo poteva strozzare… Mia nonna andò a mare a raccogliere le patelle su uno scoglio, come salì lo scoglio si dondolava e gli disse: quantè che sei lì? Lo scoglio le rispose: Circa trentanni. Precipitai di qua ed è 30 anni che sono condannato sotto questo scoglio. Allora la nonna gli chiese: Cosa vuoi, messa o corona? E lo scoglio: Corona. Così mia nonna andò in cerca di un soldo per unanima del Purgatorio. Raccolse quattro soldi, disse un rosario e lo liberò…

34 Spirito = serpe Legame tra spiriti dei defunti e materia ofionica (serpe, lucertola, salamandra) Incontro tra serpe e uomo ed esito positivo se serpe ben accolta Chi uccide una serpe, muta il corso della propria esistenza (Luigi Salvatore dAustria, 1893)

35 Ambiguità dellincontro con serpi (rif. ambiguità defunti) Se accolte e sfamate, concedono benevolenza e ricchezza Pericolosità delle serpi se vengono uccise o se si assiste al loro accoppiamento Ritorsioni sui malcapitati: serpi succhiasangue (e latte materno) Similitudini tra serpi e strix latina, uccello notturno che succhia il sangue (ma anche lamia, masche ecc)

36 Il doppio e le metamorfosi Diversi racconti su concetto di anima che esce dal corpo e si trasforma in animale: serpe (rif a sciamani, benandanti, masche) Serpi colpite mostrano segni una volta tornate umane

37 Cera un commerciante di animali di Palermo, Zu Benedittu, che veniva con delle barche a comprare gli animali. Un giorno Zu Benedittu è arrivato con un mignolo spezzato. Mio nonno dice: ma che vi è successo? E Zu Benedittu: Vi ricordate che al matrimonio della figlia di Benedetta cera una biscia? E mio nonno: sì ma non lho potuta ammazzare e lo ho spezzato la coda. E laltro: la coda è il mio mignolino

38 Come utilizzare limmaginario oggi? 1 Creazione di percorsi tematico-naturalistici

39 I luoghi della masca Micilina, Pocapaglia (CN), a cura dellEcomuseo delle Rocche del RoeroEcomuseo

40 2Forme di narrazione per i bambini ma anche realizzate dai bambini Video: sono più cattivi gli uomini o le anguane? Filmato realizzato dai bambini della Scuola Primaria della fraz di Fane. Negrar (VR) Video: racconti sulle anguane DVD realizzato dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, San Michele allAdige (TN)

41 3Documentari, film-documentari Piange la Bella Anguana, film realizzato da Andrea Furlan e Tommaso Benetti in 5 atti

42 4Feste e neo/feste sugli esseri fantastici Lesempio delle masche

43 Un caso di reinvenzione dellimmaginario: A spasso con gli gnomi

44 La Masca in queste performances è rappresentata in due modi diversi: Amelia (Magica De Spell) (W. Disney) Nocciola (Hazel) (W. Disney) a

45 b Costume da strega per Halloween ed elfi e fate

46 5 Forme di teatro e altri tipi di performances Feste delle masche a Valdieri (CN), Cortandone (AT), Paroldo (CN)

47 In queste performances avviene una RITUALIZZAZIONE delle forme narrative orali. Victor Turner suddivide la ritualizzazione in 4 fasi (dramma sociale) 1 Deviazione: la masca è sospettata e accusata di stregoneria 2 Crisi: la masca è processata e condannata a morte 3 Rimedio: la masca è giustiziata e arsa viva 4 Ri-ordine: lordine precedente è ristabilito

48 Spostamento da figura della masca come strega contadina (maciara, guaritrice) a strega a tutti gli effetti. Perché?

49 Limmaginario, come ogni altro bene immateriale, evolve e si trasforma Il punto più interessante è COME si trasforma Laddove un certo tipo di immaginario sopravvive, si adatta alle rappresentazioni collettive e condivise dei maggiori fruitori di questi esempi di rivitalizzazione dei beni pendolari, persone giovani, bambini Streghe, diavoli, gnomi, elfi, fate

50 Video: la masca Micilina. Il film. Video: il processo alla masca Micilina e il rogo della masca

51 Le serpi con i capelli Tratto umanizzante della metamorfosi animale-umano. Rapporto ambivalente Spesso pericolose, soprattutto se avvistate nellacqua torbida (cisterne ecc) Acqua/serpe/ specchio: continuo rinvio a temi mitici dellantichità classica he si ricombinano nelloralità popolare


Scaricare ppt "PERCORSO 2: LIMMAGINARIO Corso di Antropologia Culturale giovedì 14 NOVEMBRE 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google