La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

( la gioia della condivisione ) Un giorno un contadino bussò alla porta di un convento. Quando il fratello portinaio aprì la porta, si trovò davanti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "( la gioia della condivisione ) Un giorno un contadino bussò alla porta di un convento. Quando il fratello portinaio aprì la porta, si trovò davanti."— Transcript della presentazione:

1

2

3 ( la gioia della condivisione )

4 Un giorno un contadino bussò alla porta di un convento. Quando il fratello portinaio aprì la porta, si trovò davanti un uomo con un meraviglioso grappolo d uva. Prenda, fratello, questo grappolo duva, gli disse il buon uomo, è il primo che ho colto dalla mia vigna, ed è il più bello di tutti. È per lei. Voglio esprimerle la gratitudine per il favore ricevuto qualche tempo fa, quando ero nel bisogno.

5 Il fratello si illuminò, meravigliato che proprio per lui era quel regalo. Disse fra sé: Come posso mangiare questo splendido grappolo duva, senza pensare al mio superiore?. Lo mise in un cestino e lo portò al superiore. Questi, vedendo quella meraviglia e sentendo che il fratello aveva pensato al suo superiore, ne fu commosso, oltre che riconoscente e intimamente felice. Ma, ammirando sul suo tavolo quel magnifico dono, pensò: Credo valga proprio la pena che faccia felice il confratello malato, che trascorre il suo tempo nel grigiore dellinfermeria. Anche se ha un po di diabete, questuva non potrà fargli che bene. Così, presentandogli quella grazia di Dio, gli disse: Fratello, vedendo questuva, ho pensato a te. Credo che ti farà proprio bene, anche perché te la offro con tutto il cuore.

6 L infermo abbozzò un sorriso che voleva indicare la sua grande gioia per lattenzione che il superiore gli aveva riservato. Ma come posso gustare da solo, pensò l ammalato, la dolcezza di questuva?. E unoccasione per esprimere concretamente la mia riconoscenza al fratello cuoco, che non manca mai di attenzioni nei miei confronti. Pian piano arrivò in cucina, recando con sé il cestino. Gli porse il grappolo e il cuoco non seppe dir nulla, sorpreso da questo squisito gesto di carità, mentre lanziano si allontanava più felice di lui.

7 E chi pensa al fratello portinaio, costretto a restare a lungo, solo, in quello stanzino buio della portineria, disse fra sé il fratello cuoco. E, tra un da fare e laltro, si affrettò verso lingresso, convinto di far felice il portinaio con quella sorpresa. Prendi, fratello, questuva. E il migliore grappolo che sia maturato nella vigna del nostro vicino. Il portinaio, che… non doveva saper niente di quelluva, sorrise e, riconoscente, benedisse Dio, perché aveva riavuto quel dono, ma molto più gradito, perché impreziosito dalla carità dei suoi fratelli.

8 Ricorda che… Vi è più gioia nel dare che nel ricevere. che nel ricevere.

9


Scaricare ppt "( la gioia della condivisione ) Un giorno un contadino bussò alla porta di un convento. Quando il fratello portinaio aprì la porta, si trovò davanti."

Presentazioni simili


Annunci Google