La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Da Tavodo a Konya, come mai? La Fraternità Gesù Risorto pensava:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Da Tavodo a Konya, come mai? La Fraternità Gesù Risorto pensava:"— Transcript della presentazione:

1 Da Tavodo a Konya, come mai? La Fraternità Gesù Risorto pensava:

2 Come celebrare il 1600° anniversario del martirio di Sisinio, Martirio e Alessandro, i nostri evangelizzatori? * La nostra Chiesa potrebbe... restituire il dono: pregare il nostro Signore Gesù Cristo nella loro terra e là vivere il suo amore per gli uomini!

3 Oggi la terra dei nostri Martiri si chiama Turchia Izmir, sede del Vescovo KONYA Cappadocia, loro patria

4 Essi provenivano dalla regione centrale, la Cappadocia

5 Alla fine del 1994 arriva proprio a noi un invito ufficiale dallArcivescovo di Smirne...

6 quindi il Mandato-Benedizione dallArcivescovo di Trento, Mons. Giovanni M. Sartori, per Konya (200 Km dalla Cappadocia) 26 febbraio 1995 Non ho dubbi: che questa iniziativa, piccola come un potente germe di senapa, sia ispirata dal Signore...

7 Presso la «Casa della Madonna» a Efeso, Mandato–Benedizione dellArcivescovo di Smirne, Mons. Giuseppe G. Bernardini 7 marzo 1995 La gioia dellArcivescovo ci è di buon auspicio, di incoraggiamento e di consolazione!

8 Konya ci attende con i suoi... allora un milione, oggi due milioni di abitanti, di cui solo tre erano cristiani...

9 «Beato chi può dire: Io sono Turco» Una beatitudine che non è per noi! Che faremo in questa città? Municipio di Konya

10 In questa città si trova il Mausoleo del «sufi» Mevlana (1273), fondatore dei Dervisci che pregano danzando, noto per la sua apertura verso tutti

11 Al centro della città la chiesa di San Paolo, con piccolo giardino e casetta su misura per due... sorelle! San Paolo è stato qui prima di noi! Qui, insieme a Barnaba, ha predicato e sofferto, da qui è stato scacciato.

12 I santi Paolo e Barnaba, scacciati da Iconio e poi da Listra, sono arrivati fin qui, formando nuove comunità cristiane. Questo resta di Derbe, ultima meta del primo viaggio missionario di Paolo e Barnaba, che poi tornano a... Derbe –Atti 14

13 ... Listra per rincuorare i fedeli: qui Paolo era stato lapidato, ma qui ebbe uno dei discepoli che maggiormente laiutarono, Timoteo! Collina - tell - di Listra!

14 È allora che Paolo diceva: È necessario attraversare molte tribolazioni per entrare nel Regno di Dio! (Atti 14,22) Tra le città visitate da San Paolo in questa vasta zona, è rimasta solo Iconio, Konya. Ed in essa nel 1910 venne edificata una chiesetta che porta il suo nome, lunica aperta al culto cristiano in tutta la regione.

15 Paolo e Barnaba ritornarono ad Antiochia di Pisidia, da dove erano partiti per arrivare la prima volta a Iconio. Da qui rientrarono ad Antiochia di Siria. Atti 14,21-26 Antiochia di Siria Grotta di S.Pietro Antiochia di Pisidia

16 Torniamo a noi, a Konya (Iconio) Nostro primo compito: pregare e vivere,ora et labora: pregare il Dio dellamore e vivere lamore di Dio E rendere attuale la Parola: Dove due o tre sono uniti nel mio Nome, là io sono

17 La chiesa va tenuta... sempre accogliente per gruppi di pellegrini provenienti da tutto il mondo

18 ...che si fermano a celebrare lEucaristia, a pregare e a riflettere sulle parole e sulla testimonianza degli Apostoli

19 Talvolta la chiesa è piccola..., ma in essa risuonano canti e sermoni in tutte le lingue, dallo spagnolo allindonesiano, dal coreano al brasiliano

20 e ha bisogno di manutenzioni ordinarie e straordinarie *** estate 2012

21 E non solo per i lavori essa ci sostiene, ma soprattutto per la vicinanza spirituale e la comunione nella preghiera, nello scopo della presenza, nel dialogo con i musulmani È preziosa, per questi lavori, la vicinanza della Comunità di San Valentino di Ala, che vive proprio in Cappadocia.

22 Ecumenismo? Sì, qui ora si festeggia il compleanno con due missionarie protestanti, una americana e laltra neozelandese. E una suora siriaca ortodossa desidera condividere il suo amore a Gesù.

23 Dopo la guerra del Golfo... dal 2004 Quanti profughi cristiani-caldei dallIraq! Famiglie intere, nonni e nipotini, sofferenze su sofferenze, attese e attese per essere sparpagliati ai confini del mondo, dallAmerica allAustralia...

24 Profughi iracheni... capaci però di ritrovarsi, far festa, pregare e cantare, lieti di aver trovato un angolo di casa propria, il giardino della chiesa...

25 ... ove fermarsi a dialogare nella propria lingua prima di ripartire nuovamente per le lontane destinazioni

26 ... altro gruppo di Caldei... e cominciano ad arrivare profughi pure dal Congo... Lungo lanno cambiamenti, ma il nostro servizio povero e semplice continua...

27 Non solo pregare, non solo far festa, anche rendersi utili: è una gioia lavorare per il Signore... Donne Caldee profughe: fanno a gara ad aiutarci per il decoro della chiesa!

28 ... Dialogo e dialogo Con studenti di Teologia Islamica: ci si può conoscere senza paura!

29 Giovani e anziani, uomini e donne: chi vuol vedere e vuol sapere, due volte alla settimana trova la chiesa aperta: la nostra fede infatti incuriosisce e stupisce per il suo frutto, lamore

30 Anche con i vicini di casa o con persone incontrate occasionalmente, il dialogo diventa vita...

31 E poi... facciamo sì che... vengano stampati in turco il calendario Cinque pani dorzo e alcuni opuscoli,

32 ... messi poi a disposizione nelle chiese della Turchia! Due tra i vari scritti tradotti (Io credo e Io sono)

33 Visitiamo, e badiamo sia tenuto in ordine, il cimitero cristiano, un angolo separato del grande cimitero cittadino Kirkor (Gregorio), lultimo cristiano armeno gregoriano della città: con lUnzione degli Infermi e lEucaristia lo abbiamo accompagnato fino alla porta della Città dei Santi! Ora egli ci aspetta con i Martiri...

34 Sisinio, Martirio e Alessandro: che cosa diranno? Grazie!


Scaricare ppt "Da Tavodo a Konya, come mai? La Fraternità Gesù Risorto pensava:"

Presentazioni simili


Annunci Google