La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente" (A. Einstein) Luomo con unidea nuova è un matto finché la sua idea non.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente" (A. Einstein) Luomo con unidea nuova è un matto finché la sua idea non."— Transcript della presentazione:

1 "La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente" (A. Einstein) Luomo con unidea nuova è un matto finché la sua idea non ha successo (M. Twain) I.C. DON LORENZO MILANI Corso di Formazione Tutti gli alunni possono riuscire. Didattica Mentalista e successo formativo

2 TUTTI GLI ALUNNI POSSONO RIUSCIRE SE… * linsegnante riesce a stabilire una buona relazione con lalunno (dimensione empatica); * linsegnante incoraggia e sostiene lalunno (rinforzo positivo); * linsegnante accetta lalunno per ciò che è senza pretendere di modellarlo a sua immagine e somiglianza; * linsegnante individua lo stile di apprendimento dellalunno e lo sollecita in termini mentali rispettando i ritmi di ciascuno; * cè continuità metodologica da parte dellinsegnante e magari condivisione con i/le colleghi/e; * lalunno non presenta disfunzioni neurologiche (dislessia, paralisi cerebrale, disturbi della personalità etc.); * lalunno è collaborativo; * lalunno segue le indicazioni dellinsegnante sul piano mentale (atto di responsabilità)

3 PERCHÉ APPRENDERE È COSì DIFFICILE?

4 LE TAUTOLOGIE NELLINSEGNAMENTO TAUTOLOGIE IN AMBITO COGNITIVO Per quale motivo mio figlio scrive in modo sintetico dicendo che non ha idee? Suo figlio in effetti scrive poco, è molto sintetico. Ha difficoltà ad argomentare su vari argomenti mostrando una ristrettezza di concetti. Non legge abbastanza… Perché Marina non riesce a risolvere i problemi di matematica? Marina non riesce a risolvere i problemi perché è poco intuitiva eppure è una bambina intelligente… SPIEGAZIONI POCO AFFERENTI ALLE PROBLEMATICHE DAPPRENDIMENTO Perché Luca ha difficoltà ad esporre la lezione di storia e geografia? Luca non sa ripetere la lezione di storia e geografia perché non ha studiato. E necessario che a casa metta più impegno nello studio. Quali sono i motivi del cattivo andamento di Giulia a scuola? Giulia sarebbe una bambina intelligente, peccato che la famiglia non riesce a seguirla come dovrebbe e limpegno è discontinuo

5 SONDAGGIO

6

7 RISPOSTA N. 1 RISPOSTA N. 2 RISPOSTA N. 3 TOT. % DOMANDA N. 1 6%43%51%100% DOMANDA N. 2 5% 70%25%100%

8 CERVELLO O MENTE?

9 CERVELLO MENTE SISTEMA AD ANELLO APERTO SISTEMA AD ANELLO CHIUSO metodologie comportamentiste e cognitiviste Didattica Mentalista

10 ISOMORFISMO

11 LA DIMENSIONE DELLINSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO INTERAZIONISMO INTENZIONALITÀ COSCIENZA MENTE SOGGETTO OGGETTO CULTURALE S SOGGETTO – OGGETTO = S

12 INTENZIONALITÀ - COSCIENZA

13 MEMORIZZAZIONE ATTENZIONE RIFLESSIONE RAGIONAMENTO IMMAGINAZIONE COMPRENSIONE MENTE SPAZIO – TEMPO (evocazioni visive e/o auditive)

14 STRUTTURA DELLA DIDATTICA MENTALISTA PROGETTODISENSOPROGETTODISENSO DEDUTTIVO INDUTTIVO

15 MONDO 1 MONDO 3 MONDO 2 INTERAZIONISMO O EPIFENOMENISMO REALTÀ FISICA LA DIMENSIONE INTERIORE I PRODOTTI CULTURALI LA TEORIA DEI TRE MONDI DI K. POPPER

16 DIDATTICA TRADIZIONALE (COMPORTAMENTISMO – DELLA RICERCA – PER PROBLEMI STRUTTURALISTA – PER CONCETTI – COSTRUTTIVISTA – etc.) DIDATTICA MENTALISTA LOGGETTO CULTURALE NELLE SUE DIVERSE VALENZE LA DIMENSIONE MENTALE DELLALUNNO Il fine dellazione didattica è il contenuto disciplinare e le prestazioni definite in termini di obiettivi cognitivi e formativi MONISMO FILOSOFICO E PEDAGOGICO Il fine dellazione didattica è lalunno inteso come persona nelle sue componenti cognitive, mentali ed affettive INTERAZIONISMO FILOSOFICO E PEDAGOGICO valorizza

17 DUE DIVERSI PUNTI DI VISTA

18 FIG. 1 FIG. 2

19 DIDATTICA TRADIZIONALE (COMPORTAMENTISMO - DELLA RICERCA – PER PROBLEMI – STRUTTURALISTA – PER CONCETTI – COSTRUTTIVISTA – etc.) DIDATTICA MENTALISTA LOGGETTO CULTURALE NELLE SUE DIVERSE VALENZE LA DIMENSIONE MENTALE DELLALUNNO Il fine dellazione didattica è il contenuto disciplinare e le prestazioni definite in termini di obiettivi cognitivi e formativi MONISMO FILOSOFICO E PEDAGOGICO Il fine dellazione didattica è lalunno visto come persona nelle sue componenti cognitive, mentali ed affettive INTERAZIONISMO FILOSOFICO E PEDAGOGICO valorizza

20 CURRICOLO TRADIZIONALE (monista) DISCIPLINE OBIETTIVI DISCIPLINARI (oggetto culturale) ITALIANO Produrre un breve ma completo racconto fantastico GEOGRAFIA Orientarsi nello spazio utilizzando punti di riferimento oggettivi e soggettivi MATEMATICA Risolvere situazioni problematiche richiedenti luso delle conoscenze apprese DISCIPLINE OBIETTIVI DISCIPLINARI (oggetto culturale) ITALIANO Produrre un breve ma completo racconto fantastico GEOGRAFIA Orientarsi nello spazio utilizzando punti di riferimento oggettivi e soggettivi MATEMATICA Risolvere situazioni problematiche richiedenti luso delle conoscenze apprese OPERAZIONI MENTALI (soggetto) RIFLESSIONE IMMAGINAZIONE ATTENZIONE RIFLESSIONE ATTENZIONE RIFLESSIONE RAGIONAMENTO CURRICOLO AUTENTICO (mentalista)

21 CURRICOLO TRADIZIONALE (monista) DISCIPLINE OBIETTIVI DISCIPLINARI (oggetto culturale) ITALIANO Produrre un breve ma completo racconto fantastico GEOGRAFIA Orientarsi nello spazio utilizzando punti di riferimento oggettivi e soggettivi MATEMATICA Risolvere situazioni problematiche richiedenti luso delle conoscenze apprese DISCIPLINE OBIETTIVI DISCIPLINARI (oggetto culturale) ITALIANO Produrre un breve ma completo racconto fantastico GEOGRAFIA Orientarsi nello spazio utilizzando punti di riferimento oggettivi e soggettivi MATEMATICA Risolvere situazioni problematiche richiedenti luso delle conoscenze apprese OPERAZIONI MENTALI (soggetto) RIFLESSIONE IMMAGINAZIONE ATTENZIONE RIFLESSIONE ATTENZIONE RIFLESSIONE RAGIONAMENTO CURRICOLO AUTENTICO (dualista)

22 GESTI MENTALI DESCRITTORI ABBINATI (Obiettivi Generali) ATTENZIONE ASCOLTARE – OSSERVARE – PERCEPIRE – DESCRIVERE (in presenza del modello) - RIFLESSIONE DESCRIVERE (in assenza del modello) COMUNICARE – SAPERE – CONOSCERE – ELABORARE e PRODURRE (in senso logico) – SCRIVERE (unesperienza) – ESPORRE (un fatto) – UTILIZZARE – ESPRIMERE – CONOSCCERE MEMORIZZAZIONE RECUPERARE INFORMAZIONI – RICORDARE – RIPETERE – CONOSCERE - RICONOSCERE COMPRENSIONECAPIRE – SPERIMENTARE – VALUTARE – COMPARARE – COGLIERE – RAGIONAMENTOVALUTARE – GIUDICARE – ESPRIMERE OPINIONI RAGIONATE – CRITICARE – SCRIVERE (per comunicare) IMMAGINAZIONE CREARE – INVENTARE – SCOPRIRE – FANTASTICARE – ELABORARE e PRODURRE (in senso creativo-fantastico) – SPERIMENTARE - ESPLORARE

23 DIFFICOLTÀ RISCONTRATA OP. MENTALE CARENTE CONSEGUENZE NELLAPPRENDIMENTO Lalunno non è capace di visualizzare oggetti, persone, animali e piante. OPERAZIONE MENTALE DELLATTENZIONE Difficoltà nel disegno oggettivo, spontaneo e creativo. Nellattività grafica lalunno riesce se ricopia un modello statico o dal vero. Può esprimere difficoltà nellambito ginnico-motorio. Lalunno ha difficoltà a memorizzare le parole nuove ed il loro significato e non riesce a collegarle ad un contesto di riferimento. OPERAZIONE MENTALE DELLATTENZIONE Difficoltà ad apprendere a memoria poesie, citazioni, regole e discorsi. Le aree disciplinari che ne risentono particolarmente sono la lingua italiana, la storia e le lingue straniere. Lalunno esprime un registro linguistico ristretto dovuto ad una difficoltà nel recupero di evocazioni visive di fatti e situazioni vissute anche in prima persona. OPERAZIONE MENTALE DELLA RIFLESSIONE Difficoltà orali e scritte (ad es. nelle descrizioni, cronache, testi regolativi e fantastici). Gli elaborati risultano brevi sul piano dei contenuti, lessicalmente poveri e privi di considerazioni personali. Lalunno mostra incertezze nelle discipline in cui sono richieste abilità linguistiche e logiche come la storia e la lingua italiana. Lalunno fatica a memorizzare un enunciato o una regola e a spiegarla in modo corretto. Incontra difficoltà sia ad applicare che a spiegare una regola. OPERAZIONE MENTALE DELLA MEMORIZZAZIONE Difficoltà negli esercizi (domande scritte richiedenti una spiegazione logica, dissertazioni, analisi grammaticale e logica e commenti personali). In geometria ad es. non riesce ad applicare una regola né a spiegarla. Mostra difficoltà nella comprensione di un testo e nel ragionamento. OPERAZIONE MENTALE DELLA COMPRENSIONE Incontra difficoltà nella ripetizioni di racconti e nella soluzione di problemi mostrando particolare carenza sul piano logico e argomentativi. Evidenzia incapacità nel darsi evocazioni visive fantastiche ed originali. OPERAZIONE MENTALE DELL IMMAGINAZIONE Difficoltà nella produzione di testi di fantasia, nella produzione di un pensiero divergente, nellindividuare soluzioni divergenti ed alternative.

24 DIFFICOLTÀ RISCONTRATA OP. MENTALE CARENTE CONSEGUENZE NELLAPPRENDIMENTO Lalunno fatica a ricordare nomi di oggetti, animali, discorsi e letture ascoltate. OPERAZIONI MENTALI DELLATTENZIONE E DELLA MEMORIZZAZIONE Le difficoltà si ripercuotono nellambito trasversale della lingua che è comune a tutte le discipline di studio. Lalunno fatica a tradurre in evocazioni auditive i contenuti delle lezioni ascoltate e ciò che linsegnante rappresenta alla lavagna. Lalunno non riesce a richiamare le parole alla mente in modo spontaneo. OPERAZIONI MENTALI DELLATTENZIONE E DELLA MEMORIZZAZIONE Difficoltà a memorizzare poesie. Talvolta fatica ad organizzare un discorso e le parole non sono ordinate nella frase in modo sintatticamente corretto e logico. Può essere stonato. Lalunno non riesce a cimentarsi in attività pratiche e discipline scientifiche. OPERAZIONI MENTALI DELLATTENZIONE, DELLA RIFLESSIONE E DELLA COMPRENSIONE Manca di rigore nellosservazione della realtà. Tende a favorire più i dettagli a discapito di una visione dinsieme. Non riesce ad organizzare le idee disposte in mappe concettuali. Lalunno evoca in modo auditivo una regola, sa spiegarla, ma non riesce ad applicarla. OPERAZIONE MENTALE DELLA COMPRENSIONE Difficoltà nello svolgimento di alcuni esercizi di applicazione in grammatica, analisi logica, geometria e matematica. Lalunno non ha fantasia, non utilizza le metafore e le analogie. OPERAZIONE MENTALE DELL IMMAGINAZIONE Difficoltà nella realizzazione di elaborati inventivo-fantastici, di poesie, di racconti che richiedono luso di similitudini e figure retoriche.

25 LATTIVISMO È FUNZIONALE ALLAPPRENDIMENTO? SE ASCOLTO DIMENTICO, SE VEDO RICORDO, SE FACCIO CAPISCO…


Scaricare ppt ""La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente" (A. Einstein) Luomo con unidea nuova è un matto finché la sua idea non."

Presentazioni simili


Annunci Google