La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LABORATORIO DI COSTRUZIONI 25 FEBBRAIO 2011 ACUSTICA -ACUSTICA FISICA -ACUSTICA FISIOLOGICA -ACUSTICA DELLE SALE -ACUSTICA AMBIENTALE - Normativa a iosa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LABORATORIO DI COSTRUZIONI 25 FEBBRAIO 2011 ACUSTICA -ACUSTICA FISICA -ACUSTICA FISIOLOGICA -ACUSTICA DELLE SALE -ACUSTICA AMBIENTALE - Normativa a iosa."— Transcript della presentazione:

1 LABORATORIO DI COSTRUZIONI 25 FEBBRAIO 2011 ACUSTICA -ACUSTICA FISICA -ACUSTICA FISIOLOGICA -ACUSTICA DELLE SALE -ACUSTICA AMBIENTALE - Normativa a iosa -Comfort acustico:ci sono troppe variabili psicofisiche e accessorie rispetto a quelle fisiche e oggettive. -Rumore o disturbo: suono affetto da un giudizio di disturbo o inaccettabilità da parte delluomo. Non esiste un metodo certo, univoco e oggettivo per valutare il rumore Facoltà di Architettura

2 Acustica Fisica Per suono in un certo punto dello spazio si intende una rapida variazione di pressione (compressione e rarefazione) intorno al valore assunto dalla pressione atmosferica in quel punto. Si definisce sorgente sonora qualsiasi dispositivo o apparecchio che provochi direttamente o indirettamente dette variazioni di pressione. In natura le sorgenti sonore sono quindi praticamente infinite; affinché il suono si propaghi occorre poi che il mezzo che circonda la sorgente sia dotato di elasticità (modulo, densità). La porzione di spazio interessata dalle suddette variazioni di pressione è definita campo sonoro.

3 Immaginiamoci che la generazione del suono avvenga mediante una sfera pulsante in un mezzo elastico come l'aria; le pulsazioni provocano delle variazioni di pressione intorno al valore della pressione atmosferica che si propagano nello spazio circostante a velocità finita per mezzo di onde sferiche progressive nell'aria stessa. Le particelle del mezzo entrano in vibrazione propagando la perturbazione alle particelle vicine e così via fino alla cessazione del fenomeno perturbatorio. Propagazione per onde sferiche

4

5

6 Rumore Nota Il numero delle variazioni di pressione compiute in un secondo viene chiamato frequenza del suono e si misura in Hertz (simbolo Hz o s-1). Se le oscillazioni sonore hanno una frequenza (numero di cicli in un secondo) compresa allincirca tra 20 e Hz (campo di udibilità) ed una ampiezza, ovvero contenuto energetico, corrispondente a una pressione superiore a 2×10 -5 Pa, definita soglia di udibilità, queste sono allora udibili dall'orecchio umano e possono talora suscitare sensazioni avvertite come fastidiose o sgradevoli, cui attribuiamo genericamente la denominazione di rumore, anziché di suono.

7 Spettro di emissione Lo studio dellacustica architettonica è sostanzialmente incentrato sullanalisi spettrale delle sorgenti e sulle modalità di risposta dei mezzi adottati per il controllo del fenomeno (riflessione, assorbimento e trasmissione dellenergia sonora incidente). Nel caso più semplice si può ipotizzare che dette variazioni di pressione seguano una legge sinusoidale (moto armonico), in tal modo lo strato d'aria adiacente alla sfera subirà espansioni e contrazioni con la stessa frequenza della sfera, e così per gli strati d'aria concentrici successivi

8 Spettro di emissione Le condizioni essenziali per la generazione, propagazione e udibilità del suono così come definito sono quattro: - la presenza di un mezzo elastico (nel vuoto non cè propagazione sonora); - una variazione di pressione nel mezzo intorno ad un valore di equilibrio (ad esempio la pressione atmosferica); - una frequenza delle variazioni di pressione compresa nel campo udibile; - un contenuto energetico superiore ad una soglia minima di udibilità. In campo sonoro la distanza che intercorre tra due successive compressioni, o rarefazioni, è definita lunghezza d'onda del suono nel mezzo considerato.

9 Spettro di emissione La situazione del campo sonoro ad un dato istante può essere rappresentata mediante un grafico dove in ordinata sono riportate le variazioni della pressione in funzione della distanza perturbata. Con p max si indica lampiezza ovvero il valore massimo della variazione di pressione.

10 Relazione tra la frequenza f, velocità c di propagazione del suono nel mezzo e lunghezza donda

11 Nel campo dei suoni udibile la lunghezza donda varia da un minimo di circa 20 mm (a 18kHz) a circa 17 m (a 20 Hz) Le variazioni di pressione p sono sia positive (compressione) che negative (rarefazione), Si definisce pressione sonora efficace il valore medio delle variazioni di pressione, o semplicemente pressione sonora p e rappresenta quindi il valore efficace delle variazioni di pressione. la pressione sonora misura gli effetti della potenza sonora emessa da una sorgente

12

13

14

15 Un suono corrispondente ad una variazione perfettamente sinusoidale della pressione con ununica frequenza è detto tono puro (o suono puro). Per un tono puro la pressione sonora efficace è data dalla seguente espressione:

16 Le particelle che entrano in vibrazione trasmettono la perturbazione (compressione e rarefazione) a quelle vicine oscillando intorno alla loro posizione di equilibrio. Le modalità di trasmissione delle vibrazioni locali valgono sia per i solidi che per i fluidi. Nel caso dei fluidi, le vibrazioni sono tuttavia sempre parallele alla direzione di propagazione dellonda, per cui si parlerà di onde longitudinali, mentre nel caso dei solidi, che possono trasmettere sforzi di taglio, vi saranno anche onde trasversali Propagazione del suono nei mezzi elastici

17 Nei solidi, la velocità di propagazione delle onde flessionali (c f ) è diversa da quella delle onde longitudinali (c L ). La velocità di propagazione del suono nell'aria c 0, assimilando il suo comportamento ad un gas perfetto, in condizioni di temperatura di 20 °C e pressione ordinarie (1,013 bar), è pari a circa 340 m/s; essa è comunque funzione della temperatura (e quindi della sua densità) secondo la relazione empirica seguente: c 0 = 331,2 + 0,6 (m/s) dove q è la temperatura dellaria in °C. La velocità aumenta quindi allaumentare della temperatura (e quindi al diminuire della densità) e viceversa. Propagazione del suono nei mezzi elastici

18 La velocità di propagazione longitudinale c L del suono in un mezzo solido elastico, ad esempio un divisorio assimilato per semplicità ad una barra sottile, è funzione del modulo di elasticità (o di Young) E (Pa) e della densità r (kg/m3) secondo la seguente relazione: Propagazione del suono nei mezzi elastici

19

20 Cè una stretta relazione tra densità e velocità di propagazione del suono nello stesso mezzo: in generale i materiali solidi, essendo dotati di maggiore densità, sono in grado di trasmettere più velocemente i suoni essendo evidentemente le particelle più a stretto contatto tra loro. Il comportamento dei materiali in relazione alla attitudine di trasmettere suoni dallaria agli stessi può essere messo in relazione con la loro impedenza acustica rapportata a quella dell'aria. L'impedenza acustica z di un generico materiale può essere definita come il prodotto della sua densità per la velocità di propagazione longitudinale del suono c L nello stesso (espressa in rayl). Impedenza acustica

21 Per laria, essendo la sua densità, in condizioni di temperatura di 20°C ed alla pressione atmosferica di 1,013 bar, pari a circa 1,2 kg/m3 e la velocità di propagazione pari a circa 340 m/s, limpedenza vale circa 400 rayl. La capacità di trasmettere energia sonora tra laria e mezzi diversi si può quindi desumere dal coefficiente di riflessione r dell'energia sonora incidente mediante la seguente relazione: Impedenza acustica

22 Una muratura in mattoni presenta unimpedenza acustica circa volte più grande di quella dell'aria. Ne consegue che gran parte dell'energia sonora incidente sui mattoni viene riflessa essendo il valore di r prossimo all'unità (per laria z 1 =1) Impedenza acustica

23 Potenza sonora Pw di una sorgente Relazione tra velocità di spostamento delle particelle v, pressione p, e impedenza acustica specifica z (c ): La quantità di energia irradiata da una sorgente sonora nell'unità di tempo è denominata potenza sonora Pw (W). La potenza sonora Pw emessa da una sorgente è irradiata nel mezzo elastico, come laria, attraverso una determinata superficie S (o fronte donda) come lavoro dovuto al prodotto della forza di pressione p per la velocità di spostamento delle particelle v intorno al punto di equilibrio. P w = v·p Quindi, sostituendo v:

24 PRINCIPALI GRANDEZZE ACUSTICHE Per una sorgente che irradia uniformemente in tutte le direzioni (mezzo isotropo), ovvero in campo libero, il fronte d'onda S è pari alla superficie di una sfera; alla distanza r dalla sorgente la potenza sonora sarà dunque pari a: il campo sonoro si distingue idealmente in campo libero (spazio ideale privo di riflessioni) e campo diffuso (spazio perfettamente diffondente delimitato da superfici altamente riflettenti)

25

26 Nella pratica le sorgenti sonore irradiano con potenze estremamente variabili che vanno dal valore della voce umana a livello di conversazione, pari a circa W, al rumore di un aereo turbogetto pari a 104 W

27 Sia Pw (W) la potenza sonora irradiata da una sorgente sonora su un fronte d'onda S (m²), sussiste allora la seguente relazione tra potenza sonora e intensità sonora I: Lintensità è lenergia che, nell'unità di tempo, fluisce attraverso l'unità di area del fronte d'onda. Mentre la frequenza discrimina la percezione dei suoni, ovvero il loro tono, da gravi (bassa frequenza) ad acuti (alta frequenza), analogamente lintensità discrimina i suoni da deboli a forti. In campo libero, si ha dunque la seguente relazione tra pressione sonora e intensità:

28 La pressione sonora, in campo libero, risulta così legata alla potenza: Dalle relazioni suddette si evince che, in campo libero, la pressione sonora e l'intensità diminuiscono con il quadrato della distanza r: per il suono nellaria, quindi, quando la distanza raddoppia lampiezza si riduce della metà. In un'onda piana invece la superficie del fronte d'onda rimane costante (ad es. nel rumore generato da un elettroventilatore allinterno di un condotto a sezione costante) e se non vi sono dissipazioni sulle pareti del condotto (ad es. materiale fonoassorbente) l'intensità non varia all'aumentare della distanza.

29 In definitiva le principali grandezze acustiche sono le seguenti:

30 LIVELLI SONORI: IL DECIBEL Considerato lenorme campo di variazione si preferisce esprimere le grandezze acustiche facendo il logaritmo del rapporto tra le stesse e determinati valori di riferimento assunti come livelli "zero". In acustica pertanto per le grandezze energetiche si usa adottare il livello sonoro espresso in decibel (dB) definito come il logaritmo decimale del rapporto tra il valore in esame ed il valore di riferimento.

31 LIVELLI SONORI: IL DECIBEL Livello di potenza sonora Lw: Lw = 10 lg Pw /P 0 (dB) dove Pw è la potenza sonora in esame (W) e P 0 la potenza sonora di riferimento ( W) Livello di intensità sonora L I: L I = 10 lg I/I 0 (dB) dove I è l'intensità sonora in esame (W/m²) e I 0 l'intensità sonora di riferimento ( W/m²) Livello di pressione sonora LP : L P = 10 lg p²/p² 0 = 20 lg p/p 0 (dB)

32

33 LIVELLI SONORI: IL DECIBEL Livello di pressione sonora LP : L P = 10 lg p²/p² 0 = 20 lg p/p 0 (dB) dove p è la pressione sonora in esame (Pa) e p 0 la pressione sonora di riferimento (2 ×10 -5 Pa = soglia di udibilità a 1000 Hz). Agli effetti pratici, per le grandezze di riferimento suddette, si dimostra che il livello di intensità sonora L I è L I L P 4.

34 Generalmente i dati di potenza sonora relativi alle sorgenti di volta in volta esaminate devono essere forniti dai costruttori delle macchine mediante apposito certificato, per cui usualmente i valori in questione costituiscono il dato noto da cui partire per il calcolo dei livelli di pressione sonora che si verificano in campo ad una certa distanza dalle suddette sorgenti. Talora i dati vengono forniti anche in forma di livelli di pressione sonora rilevati ad una certa distanza dalla sorgente in punti specificati e ben individuabili.

35

36 Si osserva che un raddoppio o un dimezzamento dellenergia sonora non provoca un raddoppio o un dimezzamento nei livelli sonori ma solo incrementi o decrementi di circa 3 dB; quando si calcola ad esempio il livello totale dovuto al contributo di due o più sorgenti sonore agenti contemporaneamente, dobbiamo calcolare il livello globale di pressione sonora generato dalle componenti sonore in esame, mediante la seguente procedura:

37 Per conoscere il contributo offerto da una determinata sorgente al rumore globale L PT rilevato si procede ad una sottrazione nel modo seguente: Nella scala dei livelli il valore di 130 dB (63 Pa) corrisponde alla soglia del dolore ovvero il rumore può provocare dei danni fisici immediati alludito.

38 Propagazione in ambienti confinati

39

40

41

42 Fattore di direttività o direzionalità

43 Fattore di direttività Le sorgenti emettono in modo diverso a seconda delle direzioni. Si definisce pertanto un fattore di direttività Q dato dal rapporto tra lintensità sonora I q nella direzione q e lintensità sonora I che avrebbe il campo acustico in quel punto se la sorgente fosse omnidirezionale: Esempi tipici di sorgenti sonore dotate di un evidente indice di direttività sono i macchinari, le unità di trattamento dellaria, le pompe di calore, i motori dei veicoli, ecc.

44 Riverberazione: Prolungamento del suono udito. Fenomeno per il quale si ha la persistenza di un suono allinterno di un ambiente confinato per effetto delle riflessioni e deviazioni donda contro le pareti, dopo che la sorgete ha smesso di emettere

45 Attenuazione della trasmissione aerea Quando si studia la propagazione del suono in un ambiente, occorre tener conto di alcune cause di attenuazione o comunque variazione del fenomeno

46 Attenuazione della trasmissione aerea

47

48 Influenza del vento e della temperatura

49 Vegetazione

50 Requisiti acustici degli edifici

51 Potere fonoisolante apparente

52 Isolamento acustico

53 Isolamento acustico normalizzato

54 Rumore di calpestio

55 Requisiti minimi

56 D.M. 18 dicembre 1975

57

58 Curve di riferimento R, D

59 Curve di riferimento L

60 Esempio

61 Attenuazione del suono

62 Fonoassorbimento e fonoisolamento

63 Fonoassorbimento

64 Porosità

65 Strutture fonoassorbenti

66


Scaricare ppt "LABORATORIO DI COSTRUZIONI 25 FEBBRAIO 2011 ACUSTICA -ACUSTICA FISICA -ACUSTICA FISIOLOGICA -ACUSTICA DELLE SALE -ACUSTICA AMBIENTALE - Normativa a iosa."

Presentazioni simili


Annunci Google