La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Silvia Zaggia VB erica a.s. 2012-2013 IIS V. Benini Melegnano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Silvia Zaggia VB erica a.s. 2012-2013 IIS V. Benini Melegnano."— Transcript della presentazione:

1 Silvia Zaggia VB erica a.s IIS V. Benini Melegnano

2 XVI sec. RIVOLUZIONE SOCIALE COLONIALISMO Abolizione schiavitù e lavoro servile, nuova organizzazione della società nuovi centri di scambio, commercio di massa economia di mercato, non più basata su autoproduzione e autoconsumo Manifattura, figura imprenditore-capitalista XVI sec.XVIII sec. RIVOLUZIONE INDUSTRIALE 1723 ADAM SMITHADAM SMITH, teorico del LIBERISMO SISTEMA ECONOMICO LIBERISTA 1776 Prima vera opera organica di economia politica (A. Smith): Ricerche sopra la natura e le cause della ricchezza delle nazioni

3 ADAM SMITH È il padre delleconomia Inchiesta su nature e cause della ricchezza delle nazioni – EGOISMO BENIGNO & MANO INVISIBILE : ogni operatore economico impiega le proprie risorse per trarne il miglior vantaggio, così facendo però favorisce indirettamente lo sviluppo economico e il benessere della collettività. La mano invisibile è quel meccanismo insito nei capitalisti che li spinge a prendere decisioni in funzione del proprio interesse e nei confronti della CONCORRENZA. non è dalla benevolenza del macellaio o del fornaio che aspettiamo il nostro sostentamento, ma dalla considerazione del loro proprio interesse. Noi ci affidiamo non alla loro umanità, ma al loro egoismo, e non gli parliamo mai dei nostri bisogni ma dei loro vantaggi ogni individuo tende solo al proprio guadagno; e, dirigendo i suoi sforzi a far sì che quel che produce renda il più possibile, è come condotto da una mano invisibile a promuovere un fine che non era delle sue intenzioni La CONCORRENZA è, a sua volta, condizione per la crescita, oltre che elemento base del LIBERO MERCATO. Lintervento e il coinvolgimento dei consumatori sono però essenziali al fine della riuscita della concorrenza Il concetto di LIBERO MERCATO è strettamente legato al concetto di LIBERO SCAMBIO : lo scambio crea utilità, altro fattore di crescita, ma affinchè avvenga in modo efficace è necessario che sia libero nessuno ha mai visto un cane fare uno scambio equo e deliberato, di un osso per un altro, con un altro cane Lo scambio è dunque attività delluomo. La crescita è possibile perché i bisogni sono infiniti, inesauribili spendere in cose di frivola utilità è quel che tiene in moto perpetuo lindustria dellumanità Loccupazione non è solo fonte di guadagno, in quanto è sinonimo di dignità e indipendenza il patrimonio di un povero sta nella destrezza delle sue mani. Rendergli difficile usare questa forza è una grave violazione della sua più sacra proprietà Pag.82

4 Il sistema economico Liberista Si basa sulle teorie di Smith e nasce come conseguenza del commercio di massa e del capitalismo industriale La proprietà dei mezzi di produzione è privata Lo Stato non deve assolutamente intervenire nellattività economica; deve solo garantire lordine e le infrastrutture, dato che il mercato è in grado di autoregolarsi Nascita del mercato = incontro fra domanda e offerta ( = viene stabilito il prezzo) Concorrenza Libero scambio Ha un equilibrio spontaneo Si ha una libertà economica assoluta In realtà il mercato non riesce ad autoregolarsi Si creano pesanti ingiustizie sociali Lo Stato non può svolgere il suo ruolo di garante dei bisogni primari collettivi

5 Economia liberista 1917 RIVOLUZIONE RUSSA Creazione SISTEMA COLLETTIVISTA Sulla base delle teorie di MARX SISTEMA ECONOMICO COLLETTIVISTA SISTEMA ECONOMICO COLLETTIVISTA in Russia Crisi di Wall Street GRANDE DEPRESSIONE Roosevelt vara il NEW DEAL sulla base delle teorie di KEYNES, a sostegno di un SISTEMA ECONOMICO MISTOKEYNES SISTEMA ECONOMICO MISTO 1818 Nasce Karl Marx Nasce Keynes 1883

6 il sistema economico collettivista ¤ Si basa sulle teorie di Karl Marx (capitalismo basato sulla legge del profitto, necessità di una Rivoluzione sociale, concetto di alienazione …) ¤ I mezzi di produzione appartengono completamente ed unicamente allo Stato ¤ La produzione si definisce pianificata in quanto viene stabilita dallo Stato a livello nazionale (lo Stato stesso stabilisce dunque quali siano i bisogni da soddisfare) ¤ Il mercato non esiste più ¤ Inizialmente le disuguaglianze vengono realmente diminuite ¤ Lo Stato non può però soddisfare tutti i bisogni ¤ Viene negata liniziativa privata ¤ I lavoratori svolgono un ruolo passivo, si sentono poco coinvolti ¤ Tutto ciò riduce lincentivo a produrre ¤ Con la caduta del Muro di Berlino ( ) e con le riforme di Gorbačëv crollò il sistema collettivista

7 Il sistema economico misto ¤ Si basa sulle teorie di Keynes ¤ Venne adottato dopo la Grande Depressione, andando ad integrare i concetti del sistema liberista con labbandono della teoria del non-intervento da parte dello Stato ¤ I mezzi di produzione appartengono sia allo Stato, sia ai privati ¤ Lo Stato garantisce inoltre i beni di prima necessità ¤ Lo Stato può intervenire per regolare leconomia attraverso tre politiche: economica, monetaria, fiscale. ¤ Si ha così il Welfare State ¤ Lo Stato partecipa attivamente nelleconomia accanto alla figura del libero imprenditore ¤ Rimangono sempre in vigore il libero scambio e il mercato ¤ Se lo Stato è un buon garante, il sistema funziona e le disuguaglianze si riducono ¤ La spesa pubblica e di conseguenza il debito pubblico aumentano progressivamente ¤ Può verificarsi una gestione inefficiente delle imprese pubbliche ¤ Lo Stato Sociale potrebbe sfociare in assistenzialismo

8 La Grande Depressione Con la Grande Depressione del 1929 sono emersi chiaramente i limiti del liberismo: il mercato non può infatti autoregolarsi e autoequilibrarsi, ha bisogno di un regolatore esterno. Negli anni Venti la produzione capitalistica degli Stati Uniti iniziò a vacillare: inizialmente solo la produzione, ma poi anche e soprattutto la produttività erano aumentate, mentre i consumi (e dunque la domanda) continuavano a diminuire a causa dei redditi familiari sempre più bassi. LOfferta non sosteneva perciò la Domanda, le aziende si trovarono in difficoltà. Fra le altre cose, le imprese non riuscirono più a pagare i propri prestiti, le azioni persero valore e la Borsa di New York crollò. Si verificarono numerosi fallimenti, quindi licenziamenti, che portarono ad unulteriore diminuzione della domanda. I liberisti continuavano a credere nei loro ideali, primo fra tutti il principio di non-intervento da parte dello Stato, necessario invece, così come sostenuto da Keynes. Il presidente americano Roosevelt varò perciò nel 1933 il New Deal, piano di interventi economico-sociali basati su una politica economica. Il New Deal sancì leffettiva adozione del nuovo sistema economico, il misto. Pag. 89

9 John Maynard KEYNES Keynes, economista inglese, fu il primo a suggerire di abbandonare la teoria del non- intervento dello Stato allinterno delleconomia. Solo tramite il sostegno dello Stato sarà possibile correggere gli squilibri e regolare il mercato. Egli è perciò il primo sostenitore dell ECONOMIA MISTA Lo Stato deve intervenire anche per poter garantire lo sviluppo del suo Paese, alimentandone in parte la crescita Pag. 111

10 Economia mista 1948 PIANO MARSHALL PIANO MARSHALL a sostegno delleconomia europea dopo la Seconda Guerra Mondiale BOOM ECONOMICO ITALIANO il grande miracolo Caduta Muro di Berlino (+ Gorbačëv con Perestrojka e Glasnost) CRISI SISTEMA COLLETTIVISTA 2008 Crisi economica Economia collettivista

11 Piano Marshall & Boom economico Il Piano Marshall, varato nel 1948 da parte degli USA, consisteva in una serie di aiuti (che seguivano la politica economica) destinati allEuropa per riprendersi dalle devastazioni della II Guerra Mondiale. Gli aiuti erano rivolti sia ai Paesi alleati vittoriosi, sia ai vinti, per evitare il ripetersi dellesperienza avuta dopo la I Guerra Mondiale Il Piano Marshall fu un vero successo; permise la ricostruzione e diede limpulso necessario alleconomia per iniziare un nuovo circolo positivo Regno Unito, Francia e Germania furono tra i Paesi che più ne usufruirono Pag. 92 Fra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento si verificò il cosiddetto Miracolo italiano: il Boom economico. Il Piano Marshall fu soltanto uno degli elementi che contribuirono al Boom. Vi furono infatti una serie di fattori che lo permisero: Presenza di molta forza lavoro Forte voglia di ricominciare Ritorno del libero scambio Catch-up tecnologico Considerevole fiducia nello Stato Migrazione Sud Nord Pag. 128

12 La crisi del 2008 Anche questultima crisi ha avuto origine in America, principalmente a causa delle banche che accesero mutui a chi non aveva garanzie. I prezzi delle case aumentavano (situazione detta bolla immobiliare), i mutui vennero trasformati in titoli venduti ad investitori di tutto il mondo. Peccato che questi titoli fossero inaffidabili, nonostante le agenzie di rating li avessero certificati come sicuri. Temendo i titoli tossici, ci si immobilizzò e si iniziò a risparmiare sempre più, evitando di consumare. Leconomia ne ha sofferto molto, a livello globale, specialmente quando la sfiducia ha iniziato a dilagare. Si logorò tutto il meccanismo del credito. Per quanto riguarda lItalia, il problema maggiore consiste nellassenza di crescita, dovuta a vari fattori: Lo Stato ha sempre speso più di quanto guadagnava (principalmente a causa di leggi troppo generose), così chiedeva prestiti tramite titoli di Stato per risanare il deficit, trovandosi poi a dover restituire il denaro e gli interessi in una situazione peggiore alla precedente. Per pagare i primi creditori e coprire il nuovo deficit, ha emesso nuovi titoli, e così via. Il debito pubblico è perciò aumentato a dismisura, i tassi di interesse dei titoli continuano ad aumentare e la fiducia nei confronti del paese viene meno Inoltre lItalia è caratterizzata da una grande diffidenza fra Stato e cittadini Pag. 86, 134

13 legenda fattori influenzanti la nascita dei vari sistemi Eventi/date fondamentali Sistema economico liberista Sistema collettivista Sistema misto FINE Linea del tempo


Scaricare ppt "Silvia Zaggia VB erica a.s. 2012-2013 IIS V. Benini Melegnano."

Presentazioni simili


Annunci Google