La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

14. Cenacolo Scalata, 31.01 e 7.02. 2012 Avviene dei giovani come delle piante, che dai primi frutti sappiamo che cosa possiamo aspettarci da essi per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "14. Cenacolo Scalata, 31.01 e 7.02. 2012 Avviene dei giovani come delle piante, che dai primi frutti sappiamo che cosa possiamo aspettarci da essi per."— Transcript della presentazione:

1 14. Cenacolo Scalata, e Avviene dei giovani come delle piante, che dai primi frutti sappiamo che cosa possiamo aspettarci da essi per lavvenire (Demofilo, Sentenze, XXX)

2 Non ti farai alcuna immagine di Dio Non pronuncerai invano il nome del Signore Leggiamo con attenzione la versione del 2° comandamento: Non ti farai alcuna scultura o alcuna immagine di ciò che è lassù nel cielo, né di quanto è quaggiù sulla terra, né ciò che è nelle acque sotto terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso che punisce la colpa dei padri nei figli, fino alla terza e alla quarta generazione per quelli che mi odiano, ma che fa grazia fino a mille generazioni per quelli che mia mano e osservano i miei comandi. Non pronunzerai invano il nome del Signore, tuo Dio, poiché il Signore non lascia impunito chi pronunzia il suo nome invano (20,4-7).

3 Per Israele è sempre stato fondamentale non farsi alcuna di Dio e non raffigurarlo in alcun modo. I popoli vicini a Israele avevano la consuetudine di riprodurre immagini, di portarle in processione e prostrarsi al loro cospetto. E ovvio che anche allora le persone più colte sapevano distinguere tra unimmagine e la realtà rappresentata. Dio proibisce al popolo dIsraele di farsi simili immagini. Nessun uomo è in grado di raffigurarlo. Ciò significa: Egli è inaccessibile è il totalmente altro non può essere messo in questione Si possono avanzare dubbi solo riguardo a qualcuno di cui si sa esattamente comè.

4 Per gli ebrei Dio è linafferrabile, colui che non si lascia in alcun modo catturare e circoscrivere. Egli è il mistero assoluto che ci è possibile soltanto intuire. Dio non può diventare oggetto di qualsivoglia creazione umana. VII secolo: lotta delle immagini Alcuni volevano tenere in voga losservanza della proibizione biblica; altri invece vedevano nelle icone non una raffigurazione di Dio in sé, ma solo un riflesso nella figura del Cristo e in quelle dei santi. La motivazione era la seguente: perché Gesù era la perfetta immagine di Dio. La Chiesa orientale è sempre stata consapevole del fatto che non è possibile rappresentare Dio direttamente, mentre si può riprodurre il suo riflesso in Gesù Cristo e nei santi.

5 Le immagini di aprono al mistero di Dio per il fatto che rinviano sempre a qualcosa al di sopra di loro, a una realtà di per sé non raffigurabile., come una porta che si apre su unaltra porta. Che cosa comporta per noi oggi? Il secondo comandamento deve convincerci a lasciare che Dio rimanga Dio, a non pretendere di ridurlo ai nostri modi di pensare. Soprattutto Dio non va mai usato a nostro vantaggio, per ottenere benefici, per sentirci tranquillizzati. Ognuno tende ad appropriarsi di Dio e a modellarlo a propria immagine e misura. Così pure noi, come le nazioni pagane, siamo propensi a costruirci un bellissimo idolo.

6 La proibizione di fabbricarsi immagini combatte la tendenza – oggi ancora più forte – a voler tutto conoscere e signoreggiare. Il 2° comandamento riguarda anche i nostri modi di parlare di Dio, troppe volte inopportuni e pericolosi (bestemmia, volgarità…) Cercatori della vera immagine di Dio Resta la domanda nel cuore delluomo: come cercare la vera immagine di Dio se non possiamo farcene immagini? Gesù risponde un giorno allapostolo Filippo: Da tanto tempo sono con voi, Filippo, e tu non mi hai conosciuto? Chi ha visto me ha visto il Padre (Gv 14,9). Queste parole non vanno interpretate in senso solo esteriore.

7 Gesù pensa a un vedere in profondità, un modo nuovo di vedere prodotto dalla fede in Lui. In Gesù non scorgo unimmagine di cui io posso esteriormente impossessarmi. Piuttosto riconosco che lui è in Dio e Dio è in lui. Egli stesso ha detto: Credetemi, io sono nel Padre e il padre è in me (Gv 14,11). La fede mi fa osservare Gesù come una relazione: in lui cè inabitazione (abitare di una persona divina in una persona umana) tra il Padre e il Figlio. Nelle parole di Gesù, nel suo operare e nella sua irradiazione io intuisco qualcosa che va oltre la sua dimensione umana. Riconosco che il Dio invisibile e inafferrabile ha fatto risplendere la sua immagine (senza immagine) nel volto umano di Cristo.

8 Gesù un giorno dirà: Nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare (Mt 11,27). Dio è Padre: Gesù usa unimmagine di relazione. Che cosa sia un padre lo sa soltanto chi ha potuto sperimentarlo come una persona che infonde coraggio, alla quale si può fiduciosamente ricorrere in ogni difficoltà. Attraverso questimmagine di Padre io realizzo unapertura sulla realtà di Dio e a lui finalmente mi affido. Ahimè, per molti oggi il nome di Dio è diventata una parola vuota, un suono … E Gesù nel vangelo cerca di presentare unimmagine credibile e accattivante di Dio. Così dobbiamo fare anche noi. Luca raffigura Dio - come padre misericordioso, - come il seminatore, - come la donna che cerca la moneta preziosa,

9 -come lamico che di notte interrompe il suo riposo per offrirci ciò di cui abbiamo bisogno, - come il pastore amorevole che cerca la pecora smarrita. Tutte queste immagini non ci costringono ma aprono il cuore e dispongono a un amore più profondo. Gesù parla di Dio, suo Padre, con linguaggio damore. Immagine di sé Limmagine di Dio e limmagine di noi stessi stanno facilmente in relazione. Per questo il secondo comandamento proibisce che anchio non mi faccia false immagini di me stesso. Più in profondità: attenzione a farmi unimmagine troppo scarsa e negativa di me stesso, delle mie possibilità, fin quasi allautoannullamento (sono poco dotato, non valgo niente…; o unimmagine troppo positiva (sono migliore

10 degli altri, sono sensibile e spirituale, mi so controllare …. Con queste raffigurazioni noi ci immobilizziamo. A volte tiriamo in ballo anche Dio per accrescere o confermare limmagine che ci siamo fatti di noi. Il 2° comandamento ci dice: Rinuncia a farti unimmagine di te stesso. Alla fine sai ben poco di te, chi veramente tu sia. La tua realtà più profonda non sei in grado di descriverla. In gran parte essa ti sfugge. Dio, invece, si è fatto unimmagine di te. A essa devi cercare di corrispondere, non puoi raffigurartela. Puoi solo avvertire se sei e vivi in sintonia con essa. Non fissarti su una visione statica di te.

11 Nei confronti del nostro prossimo… Il divieto di farci immagini del prossimo consiste prima di tutto di evitare i pregiudizi; le immagini predefinite possono uccidere … Il secondo comandamento vuole garantire la libertà dellindividuo: una persona non è riconducibile a unimmagine. … No alla clonazione, alle manipolazioni genetiche…


Scaricare ppt "14. Cenacolo Scalata, 31.01 e 7.02. 2012 Avviene dei giovani come delle piante, che dai primi frutti sappiamo che cosa possiamo aspettarci da essi per."

Presentazioni simili


Annunci Google