La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione n. 02 L economia è lo studio delluomo nei suoi affari quotidiani Alfred Marshall Anno Accademico 2012 -2013 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione n. 02 L economia è lo studio delluomo nei suoi affari quotidiani Alfred Marshall Anno Accademico 2012 -2013 1."— Transcript della presentazione:

1 Lezione n. 02 L economia è lo studio delluomo nei suoi affari quotidiani Alfred Marshall Anno Accademico

2 ALCUNE DEFINIZIONI PRELIMINARI UN SISTEMA È COSTITUITO DA UN INSIEME DI ELEMENTI DIFFERENTI CHE FORMANO UN COMPLESSO ORGANICO E STRUTTURALE IL SISTEMA DEI TRASPORTI può essere studiato sotto varie angolature e punti di vista dellanalisi economica della politica economica della logistica economica della politica dei trasporti (Mario Del Viscovo) 2

3 L ATTIVITA DI TRASPORTO DEFINIZONE: trasferimento da un punto di origine a un punto di destinazione di persone e merci tramite operazioni di viaggio e operazioni terminali 3

4 MODI DI TRASPORTO FERROVIARIO STRADALE MARITTIMO AEREO IDROVIARIO A FUNE IN CONTINUO INNOVATIVO 4

5 MODI DI TRASPORTO (2) INNOVATIVO IN CONTINUO (a pressione) 5

6 LA SCELTA MODALE (MODAL SPLIT) nel trasporto merci) il costo: variabile strategica di una politica all'esportazione, che comprende il prezzo del nolo e le spese accessorie (spese di imballaggio, di carico e scarico, di magazzinaggio, i premi assicurativi, ecc.); la rapidità: in funzione della possibilità di evitare penali per ritardi nell'esecuzione del contratto o quale strumento per rispettare le condizioni di un credito documentario; la sicurezza: fattore chiave per evitare all'esportatore il rischio di dover rimpiazzare merci avariate o di compromettere una buona immagine di marca presso la clientela estera. 6

7 MODAL SPLIT MERCI (ripartizione modale 01) 7

8 8 MODAL SPLIT MERCI (ripartizione modale 02)

9 MODAL SPLIT PASSEGGGERI (ripartizione modale 01 ) 9

10 MODAL SPLIT PASSEGGGERI (ripartizione modale02 ) 10

11 FORME DI TRASPORTO IN CONTO PROPRIO forma arcaica, di autoconsumo non è contemplato dal Conto Nazionale dei Trasporti ma il suo valore è incluso nel VA finale del prodotto IN CONTO TERZI viene svolto dagli operatori sul mercato in forma associativa ed è orientato verso una completa liberalizzazione DI LINEA vincolato a un programma desercizio che prevede orari ed itinerari a tariffa predeterminata A DOMANDA o non di linea si realizza nella contrattazione di mercato 11

12 FORME DI TRASPORTO (2) TRASPORTO PUBBLICO è espressione di una autorizzazione da parte di un Ente pubblico ed è rivolto alla collettività quisque de populo. TRASPORTO PRIVATO prodotto da privati in autoconsumo o per il mercato. TRASPORTO URBANO si effettua in ambito urbano, la sua scala territoriale è la città. TRASPORTO EXTRAURBANO si sviluppa tra ambiti urbani diversi. 12

13 FORME DI TRASPORTO (3) TRASPORTO MERCI IN GRANDI PARTITE merci rinfuse secche o liquide TRASPORTO MERCI IN PICCOLE PARTITE merce varia e collettame TRASPORTO INTERMODALE coinvolge più modalità di trasporto TRASPORTO COMBINATO contemporaneo utilizzo di due mezzi di trasporto 13

14 L IMPORTANZA DEI TRASPORTI Relazione tra trasporti e crescita economica Peso dei trasporti nelleconomia Introduzione variabile spazio nei modelli economici o Rilevanza dei costi di trasporto per : localizzazione delle attività produttive allargamento e integrazione dei mercati riduzione dei costi di produzione o Paradosso dei costi di trasporto Minor peso dei costi logistici sui costi finali vs maggior importanza dei costi di trasporto o Aumento dei prezzi di trasporto al consumo e/o incidenza sui costi finali 14

15 L IMPORTANZA DEI TRASPORTI (2) Altri impatti del trasporto Effetto occupazione e allargamento del mercato del lavoro Accessibilità (minor tempo e costo del trasporto) Rapporto con lo sviluppo della tecnologia Congestione Impatti ambientali Sicurezza 15

16 COMPONENTI DEL SISTEMA DEI TRASPORTI 16

17 17

18 18

19 TRASPORTO e PIL fonte annuario statistico italiano

20 20

21 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 LE RETI DI TRASPORTO COSTITUISCONO LA STRUTTURA ENTRO LA QUALE SI EFFETTUANO GLI ATTI DI TRASPORTO Sono composte dalle infrastrutture, puntuali, terminali, viarie o lineari. Le infrastrutture puntuali sono: porti, aeroporti, stazioni ferroviarie, scali merci, (gateway) stazioni ferroviarie di smistamento, piattaforme logistiche, centri merci, interporti. Le infrastrutture lineari o viarie sono le vie lungo le quali si sviluppa, il trasporto e possono essere o meno fisicamente tracciate 28

29 RETI DI TRASPORTO (2) effetto rete Le infrastrutture rappresentano una componente essenziale dellassetto territoriale e costituiscono un importante fattore di sviluppo purché siano concepite in una visione integrata delle reti di mobilità 29

30 Sistema Nazionale Integrato dei Trasporti 30

31 Sistema Nazionale Integrato dei Trasporti 31

32 RETE Alta Velocità/Alta Capacità 32

33 GRAFO DI RETE 33

34 METRO DI PARIGI SCHEMA RETE 34

35 LACCESSIBILITA Laccessibilità si riferisce alla facilità di raggiungere le destinazioni quindi beni, servizi e attività. Essa costituisce un POTENZIALE DI INTERAZIONE E DI SCAMBIO. Rappresenta uno strumento di analisi economico- geografica del trasporto è una misura del modo in cui da un punto nello spazio è possibile avvicinarsi ad un altro. Può essere intesa come tempo di avvicinamento o come insieme di opportunità di accesso a una rete quindi come posizionamento delle infrastrutture nello spazio. 35

36 DOMANDE - CHIARIMENTI 36


Scaricare ppt "Lezione n. 02 L economia è lo studio delluomo nei suoi affari quotidiani Alfred Marshall Anno Accademico 2012 -2013 1."

Presentazioni simili


Annunci Google