La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le differenze di genere al lavoro Oriana Rossi Livorno 30 maggio 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le differenze di genere al lavoro Oriana Rossi Livorno 30 maggio 2010."— Transcript della presentazione:

1 le differenze di genere al lavoro Oriana Rossi Livorno 30 maggio 2010

2 Perché lavoro e salute al femminile? i rischi lavorativi determinano effetti diversi a seconda del genere non solo per la salute riproduttiva non solo durante la gravidanza e il puerperio

3 Decreto Legislativo 81/08 art.1: finalità Riforma le norme in materia di tutela della salute e della sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro (…) garantendo luniformità della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori sul territorio nazionale attraverso il rispetto dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, anche con riguardo alle differenze di genere, di età e alla condizione delle lavoratrici e dei lavoratori immigrati. Il decreto legislativo 626/94 aveva interpretato la parità di trattamento mediante un generico riferimento ai lavoratori ovvero parità raggiunta tramite leliminazione delle differenze). Il decreto 81/08 pone laccento su una concezione di protezione della salute e della sicurezza non più neutra ma realizzata attraverso interventi che garantiscano luniformità della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori tenendo conto delle differenze di genere

4 I principali soggetti della prevenzione in Azienda Datore di lavoro Dirigenti - PrepostiSPP Med. comp. Lavoratori/lavoratriciRLS Figure tecniche specialistiche

5 Con quale strumento il decreto 81 attua luniformità della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori ? Attraverso la valutazione dei rischi lavorativi e le conseguenti misure di riduzione o eliminazione dei rischi. Il Datore di Lavoro ha infatti lobbligo (art. 17) di effettuare la valutazione di tutti i rischi presenti in azienda. Deve essere una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nellambito dellorganizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata: ad individuare adeguate e specifiche misure di prevenzione e di protezione; ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

6 Valutazione dei rischi La valutazione dei rischi è la base dellapproccio europeo alla prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. se il processo di valutazione dei rischi viene condotto in maniera inadeguata o se tale processo, che costituisce il punto di partenza dellapproccio alla gestione della salute e della sicurezza, non viene realizzato affatto, è poco probabile che possano essere individuate o messe in atto misure preventive appropriate

7 Che cosè la valutazione dei rischi Consiste in un esame sistematico di tutti gli aspetti dellattività lavorativa, volto a stabilire i rischi: R= PXD 1. cosa può provocare lesioni o danni 2. se è possibile eliminare i pericoli 3. nel caso in cui ciò non sia possibile quali siano le misure di prevenzione o di protezione da mettere in atto per controllare i rischi

8 Larticolo 28 del decreto 81 innova in maniera radicale lapproccio alla valutazione dei rischi legati alle differenze di genere La valutazione deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli collegati allo stress lavoro-correlato (…), e quelli riguardanti: 1) le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151; Nonché quelli connessi: 2) alle differenze di genere; 2) alletà; 3) alla provenienza da altri Paesi; 4) alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione da lavoro.

9 Perché valutare età, etnia, contratto, disabilità….? I lavoratori minorenni sono soggetti ad una normativa specifica (lavori vietati, necessità di tutor, formazione particolare…..) Le caratteristiche fisiche del corpo umano si modificano con letà (es. diversa tolleranza al carico fisico) I disabili devono essere adibiti a mansioni confacenti (L. 68/99 collocamento mirato)

10 Provenienza da altri paesi Lingua: difficoltà per informazione e formazione Cultura, abitudini, stili di vita determinano diversità nella percezione dei rischi (quando manca la casa, la priorità è quella!!) e anche diversa sensibilità rispetto al valore della vita e della salute Letnia comporta diversa suscettibilità e/o resistenza alle malattie e in generale agli agenti lesivi

11 Tipologie contrattuali I contratti atipici (più frequenti tra le lavoratrici) determinano in generale un minore livello di tutela Frequenti cambiamenti di lavoro generano una condizione di debolezza rispetto alle esigenze di informazione e formazione Il senso di precarietà fa si che la priorità sia il mantenimento del posto di lavoro rispetto alla percezione del rischio

12 Le differenze di genere Uomini e donne sono persone caratterizzate da specificità fisiche e psichiche che determinano reazioni differenti per esposizioni ai medesimi rischi. I TLV e i VL sono asessuati: si dice che tutelano la maggioranza dei lavoratori sani, ma, considerando il genere, il numero di lavoratrici tutelate è inferiore a quello dei lavoratori tutelati La ricerca scientifica è asessuata, gli studi non tengono quasi mai conto del genere, per cui sappiamo ancora molto poco dei danni prodotti dalle esposizioni professionali sulla salute delle donne I dati della sorveglianza sanitaria devono essere obbligatoriamente differenziati per genere.

13 Il genere Uomini e donne sono persone caratterizzate da specificità fisiche e psichiche che determinano reazioni differenti per esposizioni ai medesimi rischi. La strutturazione dellapparato muscolo-scheletrico determina una diversa resistenza al carico fisico (movimentazione manuale dei carichi, posture, movimenti ripetitivi….) Le sostanze chimiche vengono assorbite, metabolizzate ed escrete e le conseguenze dannose sono anche in relazione alle caratteristiche della cute, dellapparato endocrino e immunitario alla superficie e al peso corporeo

14 A quali rischi sono più suscettibili le donne? Movimentazione carichi Movimenti ripetitivi Posture incongrue Vibrazioni Agenti chimici tossici e allergogeni Agenti cancerogeni chimici e fisici Agenti teratogeni Rischi biologici infettivi Stress Turnazioni (notturne in particolare) Lavori con alto coinvolgimento emotivo

15 Patologie correlate con il lavoro frequenti tra le lavoratrici Malattie muscolo-scheletriche degli arti superiori catena di montaggio, pulizie, tessile, manifatturiero Malattie della colonna vertebrale pulizie, servizi e assistenza alle persone, commercio Sindromi da Stress lavori poco qualificati o con elevato peso emotivo, molestie sessuali, discriminazione, orari di lavoro inadeguati poco coerenti con il lavoro domestico Neoplasie professionali sanità, farmaceutica, chimica Asma e allergie respiratorie sanità, pulizie, metal- meccanica Dermatiti parrucchiere, addette alle pulizie, allassistenza alla persona, industria metal-meccanica Malattie infettive assistenza sanitaria, scuola Patologie della salute riproduttiva sanità, metalmeccanica

16 Cosa deve fare il datore di lavoro? Fase 1: Individuazione dei pericoli Fase 2: Valutazione dei rischi Fase 3: Programmazione e attuazione delle misure preventive Fase 4 : Controllo e riesame del processo Valutare e verificare le misure di prevenzione tenendo conto delle differenze di genere

17 Fase 1: Individuazione dei pericoli Considerare tutti i pericoli per la salute e per la sicurezza chiedendo con attenzione ad ogni lavoratore, donna e uomo, quali problemi incontra nel suo lavoro, Considerare tutti i lavoratori e le lavoratrici, compreso il personale addetto alle pulizie e ad altri servizi, quello ad orario ridotto, temporaneo o interinale Incoraggiare le donne a segnalare i problemi che, secondo loro, possono influire sulla loro sicurezza e salute sul lavoro

18 Fase 2: Valutazione dei rischi. Analizzare tutti i lavori che vengono svolti realmente e lambiente; Evitare i pregiudizi legati al genere nellattribuire una priorità alta, media o bassa ai rischi Fare partecipare le donne alla valutazione dei rischi Formare adeguatamente sulle problematiche legate al genere tutti gli addetti alla valutazione Fare attenzione alle problematiche legate al genere quando si esaminano gli eventuali cambiamenti sul luogo di lavoro. In particolare, per la salute riproduttiva: valutare i rischi per la riproduzione sia per gli uomini che per le donne; considerare tutti i rischi per la salute riproduttiva (non solo gravidanza!)

19 Fase 3: programmazione e attuazione delle azioni preventive cercare di eliminare i rischi alla fonte comprendendo anche i rischi per la salute riproduttiva adeguare il lavoro e le misure preventive ai lavoratori e alle lavoratrici (non solo al lavoratore medio) far partecipare le donne al processo decisionale e allattuazione delle soluzioni assicurarsi che i lavoratori e le lavoratrici ricevano informazioni e formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro relative al genere

20 verificare e controllare che le misure decise siano regolarmente applicate controllare lavvenuta registrazione dei problemi di salute e di sicurezza distinti per genere Fase 4 : Controllo e riesame del processo

21 La maternità. La maternità costituisce un aspetto fondamentale della società attiva, partendo dal riconoscimento del valore della differenza. quando soggetti diversi vengono trattati in modo uguale Le politiche di pari opportunità non devono ignorare la differenza di genere: la discriminazione si verifica, infatti, non solo quando soggetti uguali vengono trattati in modo diverso, ma anche quando soggetti diversi vengono trattati in modo uguale.

22 Le lavoratrici madri La gravidanza e lallattamento rappresentano un periodo in cui la salute della lavoratrice è intimamente legata a quella del suo bambino Il concetto di rischio accettabile quindi non può essere lo stesso che nel resto della vita lavorativa In questo periodo ci sono particolari divieti legati a rischi da valutare in maniera specifica (vibrazioni, scale, postura etc) La tutela normativa può arrivare fino al 7° mese dopo il parto (per il lavoro notturno fino a 3 anni) ma lallattamento può continuare anche oltre…

23 Art. 6.Tutela della sicurezza e della salute. Comma 1. Il presente capo prescrive misure per la tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante il periodo di gravidanza e fino a sette mesi di età del figlio, che hanno informato il datore di lavoro del proprio stato, conformemente alle disposizioni vigenti, fatto salvo quanto previsto dal comma 2 dellarticolo 8. Art. 8. Esposizione a radiazioni ionizzanti. Comma 2. È fatto obbligo alle lavoratrici di comunicare al datore di lavoro il proprio stato di gravidanza, non appena accertato.

24 Le lavoratrici madri Lo spirito della norma dovrebbe essere quello di modificare le condizioni di lavoro per renderle adeguate alle lavoratrici madri Quando questo non è possibile la lavoratrice deve essere allontanata dal lavoro fin dallaccertamento della gravidanza È obbligatoria linformazione sui rischi specifici e sulle misure di prevenzione alle lavoratrici e ai loro rappresentanti

25 Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione. (Arresto da due a quattro mesi o ammenda da a euro). Il contenuto della informazione deve essere facilmente comprensibile per i lavoratori e deve consentire loro di acquisire le relative conoscenze. Ove la informazione riguardi lavoratori immigrati, essa avviene previa verifica della comprensione della lingua utilizzata nel percorso informativo (Arresto da due a quattro mesi o ammenda da a euro). è lo strumento principale attraverso il quale la lavoratrice in gravidanza può esercitare i propri diritti, quali ad esempio richiedere il cambio di mansione o linterdizione. Lart. 11 del D. Lgs 151/01 al co. 2, prevede che le lavoratrici ed i loro rappresentati per la sicurezza siano informati (secondo quanto previsto dallart. 36 D. Lgs 81/08) sui risultati della valutazione e sulle conseguenti misure di protezione e di prevenzione adottate, relativamente ai rischi specifici per la gestante ed il nascituro. linformazione

26 Le lavoratrici in gravidanza, puerperio, allattamento (Testo Unico n. 151/2001): I divieti: Lavori che comportano postura eretta per più di metà dellorario di lavoro o che obbligano a posizioni faticose Lavori su scale e impalcature mobili o fisse Lavori di manovalanza pesante Lavori con macchine scuotenti o con utensili vibranti Lavori a bordo di navi, aerei, treni, pullman I rischi da valutare : colpi,vibrazioni, movimenti sollecitazioni termiche posizioni di lavoro fatica mentale e fisica rischi chimici e fisici

27 Processo logico a carico del datore di lavoro 1. Valutazione dei rischi 2. Eliminazione/riduzione dei rischi modificando la postazione, lorario, l organizzazione del lavoro…… 3. Verifica della possibilità di cambio mansione 4. Se impossibile, interdizione dal lavoro

28 Le procedure per le lavoratrici madri Cambiamenti organizzativi: decide e si attiva autonomamente il datore di lavoro Cambio mansione: il datore di lavoro si attiva e comunica alla Direzione Provinciale del Lavoro leventuale cambiamento (se implica modifiche contrattuali o di orario) Allontanamento dal lavoro: il Datore di lavoro o la lavoratrice fa domanda alla D.P.L., richiesta di parere al PISLL, autorizzazione

29 La gravidanza non è una malattia ma un momento della nostra vita di lavoratrici in cui le stesse condizioni di lavoro normalmente considerate accettabili, possono non esserlo più È sempre importante ricordare che:

30 Dove sono le lavoratrici? Sanità Scuola Amministrativo Servizi/Pulizie Agricoltura Produzione alimentare Catering e ristorazione Tessile e abbigliamento Artigianato (ceramista etc) Manifatturiero/metalmeccanico Call center Parrucchiere Lavanderia Commercio Portuale/marittimo.Informatica

31 Carriere ? Nel mondo dellindustria donne dirigenti : 7,8% Donne nei CDA: 4,5%. contando anche mogli e figlie (Ligresti, Marcegaglia, Berlusconi,..). Senza questi incarichi ereditari: 1,6 %. Le donne con posizioni elevate più numerose nel settore pelle e cuoio:38,7% Nel terziario donne dirigenti : 6,9% Il comparto delle pulizie (86% di addette donne) – povero di figure apicali per come è strutturato – non ha donne dirigenti Lelevata percentuale di lavoratrici coinvolte nei licenziamenti collettivi (44,8%), nelle cessazioni di lavoro causate da una scadenza di contratto (62,1%) e nei licenziamenti individuali (61%), conferma che le donne sono le prime vittime di crisi aziendali. Il 25% delle donne dipendenti lascia il proprio posto di lavoro alla nascita del 1° figlio

32 Mansioni più frequenti in Toscana più impiegate (49,8%) che operaie (30%) Pulizie (86%) Confezioni (91,5%), pelle e cuoio (38,6%) calzature (61,9%) Terziario sanità pubblica (67,1%).

33 Qualche dato su Livorno

34 Quante lavoratrici in gravidanza?

35 Distribuzione lavoratrici

36

37 Distribuzione delle lavoratrici per comparto

38 Amministrativo % Commercio 64417% Sanità 38110% Pulizie 2486% Scuola 1794% Industria 1323% Parr./Estetiste 832% Cucina 702%

39

40 Infortuni zona di Livorno Anno Totali Donne929 (24%) 943 (24.5%) 1042 (27.2%) 1075 (33%) 1113 (36%) (1 mortale)

41 Comparti maggiormente interessati Cooperative sociali di servizi: di cui 3 sono tra le dieci aziende livornesi a più alto numero di infortuni Grande distribuzione Scuola e Pubblica amministrazione

42 Analisi dei casi Modalità: caduta in piano, trauma da sforzo, colpito da, per strada Lesioni: lussazione, distorsione Agente: attrezzature, persone, materiali solidi e liquidi Sede: colonna, cranio, ginocchia, piedi, polsi

43 Malattie professionali a Livorno Distribuzione della malattie professionali pervenute al Pisll di Livorno dal 1992 al 2006 Quota femminile sembra poco significativa considerando la più breve e discontinua anzianità di lavoro nei comparti con rischi tradizionali: rumore, amianto, silice etc

44 Donne e malattie professionali Distribuzione percentuale delle malattie professionali nei due sessi (dati PISLL 1992/2006) Incremento di casi di patologie professionali tra le donne in presenza di nuovi rischi lavorativi: movimentazione carichi, movimenti ripetitivi, agenti allergenici etc

45 Una particolare suscettibilità di genere Lavoratrice con contratto di lavoro atipico

46 Contratti atipici secondo classificazione ISTAT 1.A contratto dipendente (part-time, lavoro a tempo determinato, contratti di formazione, lavoro interinale) 2. Forme di lavoro atipico più vicine al lavoro autonomo (parasubordinato continuativo coordinato o a Progetto) 3. Forme di lavoro atipico cosiddette "a causa mista" (l'aspetto lavorativo prevale su quello strettamente formativo: borse di lavoro, tirocinii, borse di studio etc)

47 Perché la donna è più suscettibile? Tutti i lavoratori atipici presentano situazioni lavorative più a rischio (riduzioni di tutele, isolamento, stress) rispetto ai tipici. Tuttavia la discriminazione uomo/donna nel mercato del lavoro diviene in questo contesto ancora più evidente. Sono le donne le maggiori fruitrici (70%) dei contratti atipici (libera scelta o direzione obbligata?) A Livorno il 50% delle donne lavorano per meno di 500 euro al mese La famiglia per la donna lavoratrice non è una risorsa come per gli uomini, bensì spesso un vincolo organizzativo Possono essere cancellati alcuni dei diritti delle lavoratrici tipiche, quali i permessi per maternità e malattia

48 Alcuni aspetti critici: 1.Discontinuità del rapporto di lavoro con turni concentrati 2.Scarsa integrazione nel sistema di sicurezza az. 3.Sporadiche e ridotte esperienze lavorative 4.Minore opportunità di formazione 5.Scarsa sindacalizzazione 6.Emarginazione rispetto alla organizzazione del lavoro (discriminazione, demotivazione, scarsa consapevolezza del ruolo…)

49 Condizioni lavorative determinanti stress Scarsa comunicazione e rappresentatività Precarietà Scarsa autonomia Difficoltà carriera Emarginazione Carico lavoro Basso contenuto tecnico Scarsa remunerazione Bassa remunerazione

50 Indagine IRES 2005 Contratti atipici

51 32,8% di donne ritengono elevata linfluenza della atipicità del rapporto di lavoro sulla possibilità di fare un figlio (a fronte di un dato maschile del 27%) 32,8% di donne ritengono elevata linfluenza della atipicità del rapporto di lavoro sulla possibilità di fare un figlio (a fronte di un dato maschile del 27%) al contrario solo il 28,8% di donne affermano che il fatto di essere un lavoratore atipico condiziona la possibilità di (contro il 34,1% degli uomini) al contrario solo il 28,8% di donne affermano che il fatto di essere un lavoratore atipico condiziona la possibilità di sposarsi (contro il 34,1% degli uomini) Indagine IRES 2005

52 carenza di tutele Preoccupazioni per la carenza di tutele IRES 2005

53 Le differenze tra uomini e donne vengono ignorate; Minore attenzione viene dedicata ai temi della ricerca che riguardano più da vicino le donne; Il livello dei rischi a carico delle donne viene sottovalutato; Si riduce la partecipazione delle donne ai processi decisionali legati alla salute e alla sicurezza sul lavoro; Mancata adozione delle soluzioni preventive più idonee; Nella maggior parte dei casi in cui si è tenuto conto della problematica delle differenze tra uomini e donne, lattenzione è stata focalizzata sulle donne in gravidanza e sono stati trascurati gli altri elementi di rischio Lapproccio neutrale rispetto al genere sul lavoro ha contribuito al mantenimento di lacune sul piano delle conoscenze con il perdurare di livelli di prevenzione meno efficaci:

54 La mancata introduzione della dimensione di genere nelle politiche attive dirette alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, secondo lAgenzia Europea per la salute sul Lavoro, ha determinato un ritardo nellelaborazione degli strumenti di eliminazione e mitigazione dei rischi non soltanto per le donne, ma anche per gli uomini.

55 Strategie future Favorire la partecipazione delle lavoratrici, in particolare delle atipiche, alle decisioni e ai momenti di confronto sui rischi lavorativi Promuovere corrette valutazioni del rischio che tengano conto delle differenze di genere e di tutti i lavoratori/lavoratrici Migliorare lattenzione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza spesso maschi alle problematiche di genere anche nel caso di lavoratrici non dipendenti Aumentare il livello di conoscenza di tutti i soggetti della Prevenzione compresi i Medici Competenti sulle problematiche di salute specifiche delle donne al lavoro Attivare forme di controllo e verifica sulla corretta applicazione dei D.Lgs 626/94 e 151/2001 Promuovere sistemi di registrazione e analisi delle problematiche di genere sul lavoro (Osservatorio?)

56 …….. quanto più riusciremo a realizzare ambienti di lavoro a misura di lavoratrice, tanto più alto sarà stato il nostro contributo in termini di prevenzione per tutti.

57


Scaricare ppt "Le differenze di genere al lavoro Oriana Rossi Livorno 30 maggio 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google