La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relatore: Chiar. mo prof. Bruno Tonoletti Correlatore: Chiar. mo prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Giada Di Giovanni ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relatore: Chiar. mo prof. Bruno Tonoletti Correlatore: Chiar. mo prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Giada Di Giovanni ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ"— Transcript della presentazione:

1 Relatore: Chiar. mo prof. Bruno Tonoletti Correlatore: Chiar. mo prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Giada Di Giovanni ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE LA RESPONSABILITÀ DEL SERVICE PROVIDER: IL CASO GOOGLE-VIVIDOWN

2 Il web 2.0 Anni 90: Internet si evolve e arriva il cosiddetto web 2.0 Vengono offerti agli utenti nuovi servizi interattivi che permettono loro di creare contenuti e diffonderli in rete: Facebook, Wikipedia, Twitter, MySpace, YouTube e simili

3 La gestione degli User Generated Content Nasce una nuova figura: l aggregatore di UGC che offre i propri spazi e i propri strumenti per la diffusione in rete dei materiali prodotti dagli utenti

4 YouTube Il più famoso gestore di UGC è YouTube, servizio gratuito di video-sharing che ospita contenuti di ogni genere: spezzoni di programmi, film e serie TV video girati per strada dagli utenti spot pubblicitari montaggi audio/video…

5 I problemi legati alla gestione degli UGC Tutela dei diritti fondamentali della persona (allonore, allimmagine, alla reputazione) e del diritto dautore vs diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero (art. 21 Cost.)

6 I problemi legati alla gestione degli UGC Internet: mezzo diverso da ogni altro per la facilità con cui chiunque diffonde i propri contenuti in tempi strettissimi Il gestore di UGC non può effettuare alcun tipo di controllo preventivo perché: a) è un lavoro tecnicamente e umanamente impossibile; b) non ha le competenze giuridiche per verificare leffettiva liceità dei dati trasmessi

7 Un caso giuridico concreto: il giudice italiano condanna

8 Il fatto 24 febbraio 2010: il Tribunale di Milano condanna Google Inc. Per aver permesso la diffusione in rete di un video lesivo della privacy di un ragazzo disabile, raffigurato mentre veniva vessato e offeso dai compagni di classe

9 Il video Viene girato da uno dei compagni del ragazzo e caricato su Google Video l8 settembre 2006, dove rimane per 2 mesi, totalizzando 5500 visualizzazioni. Si vedono quattro bulli che percuotono e insultano il ragazzo, che subisce immobile, mentre il resto della classe sta a guardare, in silenzio.

10 Una sentenza interessante È il primo procedimento al mondo con cui si ritiene penalmente responsabile un Internet Service Provider per contenuti diffusi da terzi attraverso i suoi servizi Google ha già annunciato di voler fare appello alla decisione, definendola unaminaccia per il web.

11 Laccusa La tutela della persona umana deve prevalere sulla logica dimpresa

12 La difesa di Google un attacco ai principi fondamentali di libertà sui quali è stato costruito Internet I dirigenti condannati non hanno avuto nulla a che fare con il video in questione, poiché non lo hanno girato, non lo hanno caricato, non lo hanno visionato Essi sono stati dichiarati penalmente responsabili per attività illecite commesse da terzi.

13 Motivazioni del giudice Non esiste la 'sconfinata prateria di Internet' dove tutto è permesso e niente può essere vietato "L'informativa sulla privacy era del tutto carente o comunque talmente nascosta nelle condizioni generali del contratto da risultare assolutamente inefficace per i fini previsti dalla legge"

14 Il fine di profitto La violazione della privacy sussiste perché lattività di Google è condotta in virtù di un interesse economico

15 Il fine di profitto il Giudice Magi: La scritta sul muro non costituisce reato per il proprietario del muro. Ma il suo sfruttamento commerciale può esserlo, in determinati casi e determinate circostanze

16 Reazioni alla sentenza In Italia: Beppe Grillo: Senza il video il bambino sarebbe ancora vittima dei suoi seviziatori Alessandro Gilioli: nella sentenza salta il principio fondamentale della responsabilità individuale Vittorio Zambardino: sentenza politica…espressione della paura di molti che Internet possa far perdere il controllo sullinformazione

17 Reazioni alla sentenza A livello internazionale: Commenti per la maggior parte duri e preoccupati per le sorti del nostro web. Critiche alla sentenza arrivano da giornali quali Le Figaro, il Financial Times, il New York Times, il Wall Street Journal. Gli unici apprezzamenti sembrano venire dalla Spagna (El Paìs, El Mundo)

18 Un passo indietro: Chi è lInternet Service Provider?

19 L Internet Service Provider Lett. fornitore di servizi in Internet, lInternet Service Provider (ISP) è un soggetto che offre agli utenti della rete servizi di vario tipo: dalla semplice fornitura di connessione creazione di contenuti di vario genere erogazione di spazi che ospitano contenuti creati dagli utenti hosting provider

20 Lart. 17 del d. lgs. 70/2003 Il d. lgs. 70/2003 attua la direttiva comunitaria 31/2000 sul commercio elettronico. Art. 17: Assenza di un obbligo generale di sorveglianza a carico del prestatore dei servizi telematici sulle informazioni che trasmette o memorizza, a condizione che collabori con lautorità per lindividuazione dei responsabili di eventuali attività illecite perpetrate attraverso i suoi servizi

21 Domande spontanee Perché Google è stata condannata? Come potevano i dirigenti sapere che il contenuto di quel video caricato sulla sua piattaforma l8 settembre 2006 fosse lesivo della privacy dello sfortunato ragazzo disabile, se non è tenuta a controllare i contenuti prima di renderli accessibili? Basta il fatto che Google sia unazienda che vuol fare soldi per accusarla di un reato commesso da altri?

22 Google…un content provider? Il fine di profitto ha portato il giudice a considerare Google come un content provider (quindi equiparabile agli editori dello stampato), e non come un hosting provider (quale è). Per questa ragione è stata esclusa lapplicabilità al caso dellart. 17 del decreto 70/2003

23 Perplessità Sarà forse che nel nostro paese qualcuno teme che si possa perdere il controllo sullinformazione? O una sorta di antipatia nei confronti del miliardario gigante americano? Domande cui non è proprio semplicissimo dar risposta…

24 Conclusioni Un caso che apre questioni attuali e di grande interesse per tutti noi Una conferma in appello della decisione potrebbe portare alla FINE di servizi come YouTube in Italia È vero che il guadagno comporta responsabilità, ma bisogna stare attenti a non fare di questa evidenza un pretesto per mettere in difficoltà gli ISP

25 Conclusioni È necessario usare cautela nel bilanciamento degli interessi – tutti importanti – in gioco, ristabilendo limportanza del principio di responsabilità personale La libertà despressione è alla base di ogni democrazia si possa definire tale A questo punto, non ci resta che attendere la discussione del caso in appello.

26 Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Relatore: Chiar. mo prof. Bruno Tonoletti Correlatore: Chiar. mo prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Giada Di Giovanni ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ"

Presentazioni simili


Annunci Google