La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Si definisce foglia, in senso generale, qualsiasi organo che germoglia lateralmente dal caule o dai rami, ad accrescimento limitato e di forma laminare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Si definisce foglia, in senso generale, qualsiasi organo che germoglia lateralmente dal caule o dai rami, ad accrescimento limitato e di forma laminare."— Transcript della presentazione:

1 Si definisce foglia, in senso generale, qualsiasi organo che germoglia lateralmente dal caule o dai rami, ad accrescimento limitato e di forma laminare. Rispetto allordine di successione nel caule, distinguiamo cinque tipi di foglie che sono: i cotiledoni e embriofilli, i catafilli, i nomofilli o foglie propriamente dette, gli ipsofilli e gli antofilli o germogli fiorali. I cotiledoni rivestono una funzione protettrice e di nutrimento rispetto allembrione; i catafilli servono alla protezione delle gemme ed esplicano una funzione di riserva; i nomofilli compiono la fotosintesi clorofilliana ed effettuano la traspirazione; gli ipsofilli servono per la protezione dei fiori e gli antofilli assolvono alla funzione riproduttiva. La foglia propriamente detta, o nomofillo, consta di tre parti; la guaina, il picciolo, la lamina fogliare o lembo. La guaina è la base più o meno lunga della foglia, che abbraccia parzialmente o totalmente il caule. Il picciolo è il peduncolo che unisce la guaina al lembo. Il lembo, infine, è la porzione laminare della foglia e presenta due versi, la pagina superiore e la pagine inferiore, e tre regioni: la base, lapice, il margine. La lamina fogliare è percorsa in tutta la sua estensione da numerosi fasci vascolari, il cui insieme e la cui disposizione ricevono il nome di nervatura. Si tratta di piccoli fasci fibro-vascolari che portano nella foglia le sostanze assorbite dalla radice (linfa grezza) e distribuiscono quelle da essa prodotte (linfa elaborata) alle varie parti del caule. Nellinsieme delle nervature si distingue una nervatura mediale o principale, che spicca, per le sue dimensioni, su tutte le altre, le cui ramificazioni costituiscono le nervature secondarie, terziarie, ecc. fino a giungere alle sottilissime nervature terminali. Quando queste ultime si fondono fra loro il complesso delle nervature si chiama chiuso; se esse terminano liberamente la nervatura si dice aperta.

2 Fotosintesi Processo mediante il quale, a partire da anidride carbonica e acqua (in casi particolari, altri composti) e con l'utilizzazione della luce solare quale fonte di energia, vengono prodotti glucosio e ossigeno. Questa reazione viene effettuata da alcuni tipi di organismi che, per questa loro capacità, vengono detti fotosintetici: essi sono rappresentati dalle alghe, dalle piante e da alcuni batteri. La reazione fotosintetica avviene a livello di particolari organuli cellulari detti cloroplasti e viene mediata dal pigmento clorofilla, di colore verde, e da altri pigmenti (carotenoidi e ficobiline). Nelle piante la fotosintesi avviene a livello delle parti verdi, cioè principalmente nelle foglie e nei giovani fusti non ancora ricoperti dal legno. La fotosintesi fornisce agli organismi zuccheri semplici che possono essere immediatamente utilizzati, mediante la respirazione cellulare, come fonte di energia per il metabolismo, oppure immagazzinati per essere utilizzati successivamente. Nelle piante le riserve sono rappresentate da amido, che viene accumulato nel parenchima di organi come le radici o i tuberi. Poiché, dunque, gli organismi fotosintetici non devono introdurre con l'alimentazione (come invece gli animali) le molecole da cui trarre energia, ma sono in grado di sintetizzarle da soli, essi sono considerati autotrofi. Attraverso il processo di fotosintesi l'energia solare viene trasformata in energia chimica, che è rappresentata dall'energia dei legami chimici delle molecole ottenute con questo processo.

3 Il regno dei funghi (in latino Fungi) o miceti, classificati scientificamente da Linneo nel 1753, inizialmente accorpati alle Piante e poi elevati al rango di regno da Nees nel 1817 e con i criteri attuali da Whittaker nel 1968, comprende più di specie di organismi aventi le seguenti caratteristiche: Alimentazione eterotrofa Completa mancanza di tessuti differenziati e di elementi conduttori Sistema riproduttivo attraverso elementi detti spore (e non attraverso uno stadio embrionale come avviene per animali e piante) Altri organismi storicamente classificati come Funghi sono tutt'ora di classificazione incerta: alcuni autori li classificherebbero nel Regno Protista o Protoctista, che comprenderebbe organismi unicellulari delle classi Plasmodiophoromycetes e Myxomycetes. Thomas Cavalier-Smith ha proposto anche un sesto regno (Chromista), comprendente le classi dei Hyphochytridiomycetes e Oomycetes. La classificazione dei funghi è stata sottoposta a molti cambiamenti negli ultimi anni, come conseguenza dellintensificazione degli studi. Lavvento degli studi molecolari ha fortemente contribuito, negli ultimi anni a produrre un ordinamento sistematico più obiettivo, basato sulla filogenesi, ordinamento che promette un maggior grado di stabilità.

4 Al regno dei Funghi in senso stretto appartengono organismi, da molto semplici, unicellulari a più complessi, pluricellulari con struttura vegetativa organizzata in cellule filamentose dette ife o micelio primario. A differenza delle cellule vegetali, che hanno una parete costituita prevalentemente da cellulosa, la parete cellulare dei Funghi è costituita da un altro polisaccaride, la chitina, polimero della N-acetil-glucosamina, presente anche nell'esoscheletro degli Artropodi (insetti, ragni, crostacei). La chitina, rispetto alla cellulosa è molto più resistente alla degradazione da parte dei microbi, al caldo, al freddo e alla siccità. Le cellule che costituiscono le ife possono essere mono o polinucleate e possono essere divise da setti. La presenza o meno dei setti è una caratteristica distintiva di alcuni gruppi di funghi rispetto ad altri. Negli Zigomiceti, infatti, le ife non sono settate, cosa che invece è presente negli Ascomiceti, nei Basidiomiceti e nei Deuteromiceti.ife miceliocellulosachitinaArtropodisetti ZigomicetiAscomicetiBasidiomicetiDeuteromiceti Il setto può essere: intero, senza poro; perforato, con poro centrale che consente il passaggio del protoplasma e di organi cellulari: a barile o doliporo, con poro circondato da un bordo costituito da fibre di chitina che arriva a formare una struttura cilindrica (presente in alcuni gruppi di Basidiomiceti).Basidiomiceti Le ife si sviluppano all'interno del substrato di crescita fino a formare un reticolo intrecciato detto micelio. Una delle caratteristiche di alcuni funghi è quella di emettere luce, come ad esempio la clitocibe dell'ulivo (Omphalotus olearius), che si illumina per via delle lamelle bioluminescenti. micelioOmphalotus olearius


Scaricare ppt "Si definisce foglia, in senso generale, qualsiasi organo che germoglia lateralmente dal caule o dai rami, ad accrescimento limitato e di forma laminare."

Presentazioni simili


Annunci Google