La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Artù Dalla storia alla letteratura Le figure della leggenda 08-10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Artù Dalla storia alla letteratura Le figure della leggenda 08-10."— Transcript della presentazione:

1 Artù Dalla storia alla letteratura Le figure della leggenda 08-10

2 08. Le figure della leggenda I cavalieri erranti Chercher aventure è l'obiettivo dellerranza, spesso solitaria, dei Cavalieri della Tavola Rotonda. Essa procura loro la fama, a volte una moglie, e spesso una terra.

3 Un giovane cavaliere in cerca di avventura Artus de Bretagne Parigi, primo terzo del XIV sec. Provenienza: acquistato in Inghilterra da Louis de Bruges; Luigi XII; presente nell'inventario della biblioteca di Blois nel 1500 BnF, Manuscrits, français 761 (f. 1)

4 Un giovane cavaliere in cerca di avventura Il lungo romanzo in prosa Artus de Bretagne è legato indirettamente alla letteratura arturiana. Esso racconta le avventure del giovane cavaliere Artus, imparentato con Lancillotto, e della figlia del conte di Lancaster. Dopo essere stato allevato da Gouvernal, lo scudiero di Tristano, l'eroe deve affrontare avventure meravigliose dove si ritrovano molti motivi tradizionali: un letto magico, un castello ultraterreno... Numerosi manoscritti, una quindicina di edizioni a stampa – tra cui unedizione di colportage della Bibliothèque bleue de Troyes, dellinizo del XVII secolo – mostrano che questo romanzo, oggi misconosciuto, è stato un grande successo. L'illustrazione di questo manoscritto è opera del Maître de Fauvel, un artista attivo allinizio del XIV secolo. Essa indica che il romanzo è stato scritto (probabilmente presso la corte di Bretagna) in questi anni e non all'inizio del Quattrocento, come si è a lungo creduto. Reso celebre dal Roman de Fauvel, al quale deve il suo nome (BnF, fr. 146), lillustratore ha lavorato a lungo per il libraio parigino Geoffroy de Saint-Léger, con il quale è stato a volte confuso.

5 Avventure nella Foresta Profonda Guiron le Courtois Parigi, verso il Provenienza: Charles de Tries BnF, Manuscrits, français 338 (f. 178 v°)

6 Avventure nella Foresta Profonda ll successo del Courtois Guiron non è mai venuto meno fino al tardo Medioevo. In questo esemplare, il testo è copiato su due colonne in una scrittura elegante e stretta. La decorazione è dovuta ad un gruppo di artisti parigini al servizio del re e della corte nell'ultimo quarto del XIV secolo. Il più noto di loro ha eseguito soltanto la pagina iniziale. Si tratta del Maître du Rational des divins offices. E anche autore di numerosi dipinti del Livre du roi Modus et de la reine Ratio di Henry de Ferrières (BnF, fr ), datato 1379 e destinato come questo manoscritto a Charles de Trie, conte di Dammartin e compagno di Du Guesclin ( 1394). Guiron ha respinto le avances della Dama di Malehaut, sebbene innamorato di lei. Tornando dal torneo che si è tenuto nei pressi del castello delle Due Sorelle, Danain, marito della Dama di Malehaut, incarica Guiron di ricondurla al castello de la Roche de Malehaut, dove li deve ritrovare. Calata la notte, il cavaliere entrato in una foresta si perde. Lasciato il cavallo, si disseta presso una fontana e si addormenta, sognando la sua dama. Intanto giunge Lac delle Isole Nere, che nel buio non aveva scorto Guiron. La scena rispecchia il carattere inaspettato di questo incontro con il favore delle tenebre, una natura dove il verde un po cupo ricorda che la foresta è, nelle leggende arturiane, un luogo di mistero e di avventura.

7 09. Le figure della leggenda L'avventura è tradizionalmente presentata alla corte, in una grande festa. Una messaggera, una giovane donna, un cavaliere in difficoltà, o un nano vengono a cercare aiuto.

8 Banchetto alla corte reale Floire et Blanchefleur. Adenet le Roi, Berte aus grans piés. Claris et Laris Paris, verso il 1290 Provenienza: ex libris medievale del XV secolo: "Questo libro è di Guillem Le M [e?]nse demourant à Rouen en la paroisse Saint Vincent"; Colbert; entrato nella biblioteca del re nel 1732 BnF, Manuscrits, français 1447 (f. 67)

9 Banchetto alla corte reale Questo manoscritto riunisce l'epica di Berthe aux Grands Pieds e i romanzi di Floire et Blanchefleur e Claris et Laris. Solo quest'ultimo appartiene alla materia di Bretagna. Questo testo di oltre versi, è opera di un menestrello della Lorena, che lo iniziò nel E' dunque una delle ultime grandi opere arturiane in versi. Esso racconta le avventure di Claris, che sposa la regina Lidoine di Gascogne, e quelle del fratello di Lidoine, Laris, amante della sorella di Yvain. Molti cavalieri della Tavola Rotonda appaiono in un testo che richiama la maggior parte dei temi più tradizionali dei romanzi bretoni e moltiplica i riferimenti a Chrétien de Troyes. La sua densa materia trova la sua unità in un ritratto efficace dellamicizia cavalleresca tra Claris e Laris. La pagina qui riprodotta mostra un elemento tradizionale delle avventure dei romanzi della Tavola Rotonda: il re, ad un banchetto, riceve un visitatore la cui irruzione rompe l'equilibrio della corte e del regno. Nonostante le ingiurie del tempo, è possibile riconoscere il pennello sottile del Maître du Méliacin, artista attivo a Parigi durante il regno di Filippo il Bello e dei suoi colleghi che hanno illustrato diversi libri di Adenet le Roi, di cui il ms dell'Arsenal.

10 Le avventure di Lancillotto Lancelot en prose Parigi, 2 ° quarto del XIV sec. Provenienza: il cancelliere Seguier; Coislin; lascito all'abbazia di Saint- Germain-des-Prés (1732); entrato nella BN con la Rivoluzione BnF, Manuscrits, français (f. 67 vo-68)

11 Le avventure di Lancillotto Questa copia del Lancillotto è stata trascritta in tre colonne, secondo un uso che si perde durante la prima metà del XIV secolo. Il testo è riccamente illustrato da un solo miniatore, del quale la prima opera documentata è il Breviario di Belleville (BnF, latin e latin 10484), eseguita nello studio del celebre artista Jean Pucelle tra il 1323 ed il Questo breviario contiene un riferimento al pagamento del pittore Mahiet, che ha illustrato una Vita di San Luigi (BnF, fr ) e che François Avril nel 1980 ha individuato con il librario Mathieu Le Vavasseur, attivo fino a circa Dopo la morte di Pucelle nel 1334, Mahiet continua a lavorare con i suoi colleghi. Egli è probabilmente l'autore delle miniature di questo manoscritto. Tre riquadri permettono di raccogliere su due pagine (f. 67 v.- f. 68), la simultaneità degli eventi e il loro svolgimento, seguendo il principio dellentrelacement. Mentre Lancillotto decide di seguire un cavaliere che lo ha sfidato perché aveva guardato Ginevra, apparsa alla finestra di un castello, un messaggero di Galehaut ordina ad Artù di diventare vassallo del suo signore, pena vedersi portar via le sue terre e sua moglie. La storia ritorna quindi a Lancillotto. Con il pensiero fisso alla regina, l'eroe sarebbe annegato nel fiume dove il cavallo si abbeverava, se Yvain non lavesse soccorso in tempo.

12 10. Le figure della leggenda Il cavaliere deve andare in cerca di un nome, di una terra, di una donna, di un oggetto o del suo significato, di un cavaliere prigioniero che bisogna liberare o ancora di una dama che è stata rapita, come Ginevra nel Cavaliere della carretta.

13 Prodezze di Lancillotto Lancelot-Graal (Lancelot, Queste, Mort Artu) Tournai, acquistato il 14 marzo 1345 Provenienza: Louis de Bruges; Louis XII; nella biblioteca del re a Blois nel 1500 BnF, Manuscrits, français 122 (f. 1)

14 Prodezze di Lancillotto Questo manoscritto ci trasmette una versione particolare di questa parte del Lancelot che si fonda sul Cavaliere della carretta di Chrétien de Troyes. Si può attribuire lillustrazione alla cerchia di artisti di Tournai che hanno miniato il BnF fr e il Roman d'Alexandre, illustrato da Jean de Grise nel 1344 (Oxford, Bodl. ms. 264). Nonostante l'assenza di illustrazioni a piena pagina come nellAlexander, l'artista crea miniature di grandi dimensioni, che occupano tutta la larghezza delle due colonne di testo. Egli presta molta attenzione ai dettagli di costumi, armi e armamenti, allo sfondo delle miniature decorate con foglie e delicati motivi architettonici. La miniatura dapertura presenta gli eventi più significativi della prodezza di Lancillotto: attraversa il Ponte della Spada, poi vince tre leoni grazie all'anello magico che gli ha dato la Dama del Lago e, infine, trionfa contro Meleagant, figlio del re Bademagu, che tiene prigioniera la regina Ginevra. Ginevra e Bademagu osservano le gesta di Lancillotto dalla torre del castello. La pagina è contornata di racemi e tralci floreali. In basso, una scimmia è pronta a battere il suo piccolo; sul bordo inferiore, alcune scene mostrano una sorta di giochi di corte: una donna tira con larco su una cornamusa (simbolo sessuale) davanti ad un'altra donna che alza le braccia, poi una terza sabbassa alle ginocchia di un uomo; due coppie giocano a mosca cieca; infine, una scimmia con una brocca pianta un pungiglione nelle natiche di un uomo nudo. Immagini che fanno da controcanto al coraggio di Lancillotto e al suo amore cortese per la regina.


Scaricare ppt "Artù Dalla storia alla letteratura Le figure della leggenda 08-10."

Presentazioni simili


Annunci Google