La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© 2011 De Agostini Scuola SINTASSI. © 2011 De Agostini Scuola Sintassi È il livello di analisi che si occupa della struttura della frasi Il suo oggetto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© 2011 De Agostini Scuola SINTASSI. © 2011 De Agostini Scuola Sintassi È il livello di analisi che si occupa della struttura della frasi Il suo oggetto."— Transcript della presentazione:

1 © 2011 De Agostini Scuola SINTASSI

2 © 2011 De Agostini Scuola Sintassi È il livello di analisi che si occupa della struttura della frasi Il suo oggetto di studio è come si combinano tra loro le parole e come sono organizzate in frasi

3 © 2011 De Agostini Scuola La frase Si può inquadrare approssimativamente come lentità linguistica che funziona come unità comunicativa, costituisce cioè un messaggio È identificata dal contenere una predicazione

4 © 2011 De Agostini Scuola Una frase nominale è una frase senza verbo (es. buona questa torta) Una frase semplice, costituita da ununica predicazione, si può chiamare più precisamente proposizione

5 © 2011 De Agostini Scuola Lanalisi della struttura delle frasi Il principio generale è la scomposizione o segmentazione. Si scompone la frase in costituenti, negli elementi più piccoli della frase stessa ----> metodo degli alberi etichettati Un albero etichettato è lindicatore sintagmatico della frase

6 © 2011 De Agostini Scuola Esempi di alberi etichettati

7 © 2011 De Agostini Scuola La distribuzione degli elementi nella frase – ovvero linsieme dei contesti in cui gli elementi possono comparire nella frase – è un criterio importante per distinguere diverse classi di elementi Per rappresentare la struttura interna di costruzioni non molto complesse è sufficiente la parentesizzazione

8 © 2011 De Agostini Scuola Il sintagma Un sintagma è definibile come la minima combinazione di parole (costituita da almeno una parola) che funzioni come ununità della struttura frasale

9 © 2011 De Agostini Scuola Funzioni sintattiche Riguardano il ruolo che i sintagmi assumono nella struttura sintattica della frase (es. SN soggetto o oggetto, SPrep oggetto indiretto o complemento, e così via). Soggetto, predicato verbale e oggetto sono le tre funzioni sintattiche fondamentali, seguite dai complementi (specificazione, termine, mezzo, modo, argomento, tempo, luogo ecc.)

10 © 2011 De Agostini Scuola Schemi valenziali Costituiscono lembrione iniziale della strutturazione delle frasi. Per enunciare una frase si parte da un verbo; il tipo di significato di un verbo implica o richiede degli elementi: le valenze (o argomenti).

11 © 2011 De Agostini Scuola I verbi possono dunque essere distinti in: - Zerovalenti (piovere) - Monovalenti (camminare) - Bivalenti (interrogare) - Trivalenti (dare) - Tetravalenti (vendere)

12 © 2011 De Agostini Scuola Sulla base degli schemi valenziali, tipicamente, il soggetto risulterà la prima valenza del verbo e loggetto la seconda (nel caso dei verbi transitivi).

13 © 2011 De Agostini Scuola I circostanziali Sono costituenti che non fanno parte dello schema valenziale; si dicono anche avverbiali o aggiunti. Non essendo implicati dal significato del verbo, non fanno parte delle funzioni sintattiche fondamentali, ma aggiungono informazioni altrettanto (o più) salienti di quelle codificate dagli schemi valenziali.

14 © 2011 De Agostini Scuola I ruoli semantici Un altro ordine di princìpi che intervengono nella costruzione ed interpretazione di una frase è dato da princìpi semantici che concernono propriamente il modo in cui il referente di ogni sintagma (lentità che il sintagma indica) contribuisce e partecipa allevento rappresentato dalla frase. Per individuare tali funzioni, chiamate ruoli semantici occorre dunque spostarsi dalla considerazione della frase come struttura sintattica alla considerazione della frase come rappresentazione di un evento.

15 © 2011 De Agostini Scuola I principali ruoli semantici sono: -Agente -Paziente -Sperimentatore -Beneficiario -Strumento -Destinazione

16 © 2011 De Agostini Scuola Lorganizzazione pragmatico-informativa -Tipi di frasi: dichiarativa, interrogativa, esclamativa, imperativa -Tema (lentità intorno a cui si predica qualcosa, ciò di cui si parla) -Rema (la predicazione che viene fatta a proposito del tema) -Dato (lelemento da considerare noto nella frase) -Nuovo (linformazione non nota) -Focus (il punto comunicativamente più saliente della frase)

17 © 2011 De Agostini Scuola configurazionale, relativa alla struttura in costituenti; sintattica, relativa alle funzioni sintattiche; semantica, relativa ai ruoli semantici; pragmatico-informativa, relativa allarticolazione tema/rema (ed eventualmente in dato/nuovo, ecc.). Le quattro prospettive dellanalisi sintattica

18 © 2011 De Agostini Scuola La grammatica generativa È una grammatica che intende predire in maniera esplicita e formalizzata le frasi possibili di una lingua (escludendo contemporaneamente le frasi agrammaticali, mal formate). Il ruolo centrale per la generazione è svolto dalla sintassi, la parte interna della lingua, che ha il compito di accoppiare e interpretare (fornire una interpretazione semantica a) significati e significanti, le parti esterne della lingua, e che è basata su un sostrato comune a tutte le lingue, una grammatica universale

19 © 2011 De Agostini Scuola I componenti della g.g. lessico: parole con il loro significato e le loro proprietà, compresi gli intorni sintattici in cui possono comparire regole: governano i diversi aspetti della grammatica e descrivono formalmente il meccanismo di formazione delle frasi (regole di riscrittura, ricorsive, contestuali)

20 © 2011 De Agostini Scuola Le regole generano una frase. Ogni frase di una lingua ha quindi assegnato un indicatore sintagmatico che ne rappresenta la struttura e ne determina il significato globale, linterpretazione. Struttura superficiale e struttura profonda

21 © 2011 De Agostini Scuola Frasi complesse Spesso le frasi non vengono realizzate come unità isolate, ma si combinano in sequenze strutturate anche lunghe, frasi complesse o periodi. La sintassi del periodo, o sintassi superiore, o macrosintassi, è un ulteriore importante sottolivello di analisi del sistema linguistico.

22 © 2011 De Agostini Scuola La coordinazione: le proposizioni vengono accostate luna allaltra senza un rapporto di dipendenza. La subordinazione: cè un rapporto di dipendenza tra le proposizioni (le tre principali categorie di frasi subordinate sono le avverbiali, le completive, le relative). I connettivi: elementi che coordinano o subordinano le frasi tra loro.

23 © 2011 De Agostini Scuola I testi Al di sopra dellunità frase bisogna riconoscere un altro livello di analisi della sintassi, che può essere chiamato il livello deitesti. Dal punto di vista linguistico, un testo è definibile grosso modo come una combinazione di frasi più il contesto in cui questa combinazione funziona da unità comunicativa. Per contesto si deve intendere sia il contesto linguistico, vale a dire la parte di comunicazione verbale che precede e che eventualmente segue il testo in oggetto, sia il contesto extralinguistico, la situazione comunicativa in cui la combinazione di frasi è prodotta.

24 © 2011 De Agostini Scuola Anafore/Catafore: elementi per la cui interpretazione è necessario far riferimento al contesto linguistico, rispettivamente, precedente o seguente Deissi: elementi per la cui interpretazione è necessario far riferimento al contesto extralinguistico (tre tipi principali di deissi: personale, spaziale, temporale) Ellissi: omissione di elementi che sarebbero indispensabili per dare luogo a una struttura frasale completa, e che per linterpretazione della frase sono recuperabili dal contesto linguistico Segnali discorsivi: elementi estranei alla strutturazione sintattica della frase che esplicitano larticolazione interna del discorso


Scaricare ppt "© 2011 De Agostini Scuola SINTASSI. © 2011 De Agostini Scuola Sintassi È il livello di analisi che si occupa della struttura della frasi Il suo oggetto."

Presentazioni simili


Annunci Google