La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di linguistica a.a. 2011-2012 Federica Da Milano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di linguistica a.a. 2011-2012 Federica Da Milano"— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di linguistica a.a Federica Da Milano

2 Frasi complesse La sintassi del periodo Coordinazione --> frasi allo stesso livello gerarchico (asindetica/polisindetica) La docente spiega la coordinazione e gli studenti prendono appunti Subordinazione --> rapporto di dipendenza tra proposizioni Mentre la docente spiega la subordinazione, gli studenti prendono appunti connettivi

3 Le frasi subordinate subordinate avverbiali (o circostanziali) --> causali, temporali, concessive, ipotetiche, finali Implicite vs. esplicite Subordinate completive (o argomentali)--> sostituiscono un costituente nominale maggiore della frase; saturano una valenza del predicato verbale: soggettive, oggettive, interrogative indirette

4 Le frasi subordinate Subordinate relative --> modificano un costituente nominale della frase

5 Subordinate avverbiali F F SN Det la N docente V pranzerà F COMP quando F SN Det la N lezione SV Aus sarà PP finita

6 Frase semplice F SN Det la N docente Avv F SV pranzerà V tardi

7 Subordinate oggettive F SN Ø SV vedo V F COMP che F SN Ø SV Aus hai PP studiato

8 Frase semplice F SN Ø SV V vedo SN Det i SN Poss tuoi N risultati

9 Subordinate soggettive F F COMP che F SN Francesco SV Aus sia PP scomparso SV N V incuriosisce Quant tutti

10 Frase semplice F SN Det La SN Poss sua N scomparsa SV V incuriosisce Quant tutti

11 Frasi relative F SN Det Il SN N gatto F COMP che F SN Ø SV Aus avevo PP trovato SV Aus è PP scappato

12 Frase semplice F SN Det Il SN N gatto Agg rosso SV Aus è PP scappato

13 Il testo Testo: combinazione di frasi insieme al contesto in cui rappresenta ununità comunicativa Contesto extralinguistico Cotesto linguistico

14 La linguistica testuale Pronomi Il referente dei pronomi personali può essere individuato o tramite un rinvio deittico ( deittici) a unentità presente nel contesto extralinguistico (sei tu?) o attraverso un rinvio anaforico o cataforico ( anafora; catafora), a un elemento del cotesto linguistico (Francesca è partita e non sono riuscita a salutarla) (F.Da Milano, Enciclopedia dellItaliano Treccani)

15 La linguistica testuale Il pronome di terza persona, a differenza di quelli di prima e seconda persona, può avere una funzione sia deittica sia anaforica: in questultimo caso, il pronome si riferisce ad unentità menzionata prima nel discorso tramite una forma linguistica (lantecedente del pronome), che può essere un sintagma nominale (24) o unintera frase (25):

16 La linguistica testuale (24) il professore è entrato e labbiamo salutato (25) «Ho pensato che questa frase potesse ispirarla, per via di quello che ha detto prima. Sul cambiamento. Non so se agli altri capita la stessa cosa, ma io ho voglia di condividere quello che leggo. Quando ripeto una frase che ho letto, o un concetto, o una poesia, mi sembra un po di esserne lautore. Mi piace molto». […] «Grazie. Capita anche a me, da quando ero un ragazzino, Non ero mai stato capace di dirlo così bene, però» (Carofiglio, Le perfezioni provvisorie, cit., pp )

17 La linguistica testuale Più raramente, lantecedente può precedere il pronome anaforico: si tratta di una dislocazione a destra ( dislocazioni) con effetto di prolessi («anticipazione»), con cui si vuole creare unaspettativa nellascoltatore: (26) … ma poi dovette rivedere le sue idee sulla possibilità di cambiarlo davvero, da solo, il mondo (ivi, p. 19) (27) «Risulta che lo abbia preso, il treno?» (ivi, p. 39) (F.Da Milano, Enciclopedia dellItaliano Treccani)

18 La deissi By deixis is meant the location and identification of persons, objects, events, processes and activities being talked about […] in relation to the spatiotemporal context created […] by the act of utterance and the participation in it, typically, of a single speaker and at least one addressee (Lyons 1977) -Deissi personale -Deissi spaziale -Deissi temporale -Deissi sociale -Deissi testuale

19 La deissi spaziale La deissi spaziale è rappresentata da espressioni la cui interpretazione richiede il riferimento alle coordinate spaziali dellenunciazione. Ne sono membri avverbi deittici di luogo come qui/qua, lì/là, verbi deittici di movimento, come andare/venire, determinanti e pronomi dimostrativi come questo e quello, presentativi come voici/voilà (F.Da Milano, La deissi spaziale nelle lingue dEuropa)

20 La linguistica testuale Coesione: relazioni formali tra le varie parti del testo Coerenza: relazioni logiche e semantiche tra le varie parti del testo


Scaricare ppt "Istituzioni di linguistica a.a. 2011-2012 Federica Da Milano"

Presentazioni simili


Annunci Google