La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL 1700 SECOLO DELLE RIVOLUZIONI Che cosè una rivoluzione? Quali rivoluzioni conosci? Di quali tipi possono essere le rivoluzioni? Un cambiamento totale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL 1700 SECOLO DELLE RIVOLUZIONI Che cosè una rivoluzione? Quali rivoluzioni conosci? Di quali tipi possono essere le rivoluzioni? Un cambiamento totale."— Transcript della presentazione:

1 IL 1700 SECOLO DELLE RIVOLUZIONI Che cosè una rivoluzione? Quali rivoluzioni conosci? Di quali tipi possono essere le rivoluzioni? Un cambiamento totale e duraturo nel tempo che segna una netta rottura col passato La rivoluzione neolitica, industriale, informatica, scientifica, francese, americana… Rivoluzioni pacifiche o violente? 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 1

2 1700 RIVOLUZIONE del pensiero economica politica ILLUMINISMO: trionfo della Ragione sulla superstizione e lirrazionalismo RIVOLUZIONE AGRICOLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE RIVOLUZIONE AMERICANA RIVOLUZIONE FRANCESE …il tramonto dellassolutismo 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 2

3 LA RIVOLUZIONE DEL PENSIERO: LILLUMINISMO LE RIVOLUZIONI DEL /04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 3

4 ILLUMINISMO quando 1700 dove? sorse in Inghilterra, ma si sviluppò soprattutto in Francia, diffondendosi poi in tutta Europa cosa è un movimento culturale il cui nome viene dal verbo illuminare chi gli illuministi, cioè uomini colti, pensatori (filosofi) che riponevano fede profonda nella luce della ragione, che, illuminando le menti degli uomini, li avrebbe guidati sulle vie del progresso e della felicità 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 4

5 GLI ILLUMINISTI SI PROPONEVANO DI: SCONFIGGERE IGNORANZA E SUPERSTIZIONE (le tenebre) COSTRUIRE UNA SOCIETÀ NUOVA, FINALMENTE LIBERA, PACIFICA E GIUSTA (con la luce della ragione) 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 5

6 COSA STUDIAVANO? LE DISCIPLINE DA CUI DIPENDE LA FELICITÀ DELLUOMO SULLA TERRA: 1.LA POLITICA (i modi di governare gli Stati) 2.LE SCIENZE\TECNICA 3.LECONOMIA 4.LA PEDAGOGIA (scienza educazione e insegnamento) 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 6

7 IN COSA CREDEVANO UGUAGLIANZA di tutti gli uomini TOLLERANZA (comprensione verso idee, religioni, usanze diverse dalle nostre) PROGRESSO 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 7

8 LENCYCLOPÉDIE Per cacciare le tenebre dellignoranza bisognava diffondere il SAPERE Due grandi illuministi, DIDEROT e DALAMBERT 1751 e il 1772 ENCICLOPEDIA DIDEROT e DALAMBERT, con laiuto di molti altri, pubblicarono, tra il 1751 e il 1772, unopera grandiosa: la raccolta di tutte le conoscenze umane in campo scientifico, tecnico, storico, letterario, musicale. Questopera fu chiamata ENCICLOPEDIA Gli ILLUMINISTI VOGLIONO DIFFONDERE IL SAPERE, convinti che si potessero liberare i popoli dalla loro arretratezza attraverso la ragione e leducazione. UN GRANDIOSO PROGETTO: 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 8

9 GLI ILLUMINISTI CONDANNAVANO: Le lotte religiose La caccia alle streghe La guerra La tratta dei neri 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 9

10 DIFFUSIONE IDEE ILLUMINISTE attraverso i GIORNALI nei CAFFÈ nei SALOTTI borghesi NASCE LOPINIONE PUBBLICA un modo di pensare comune un modo di pensare comune alla maggioranza dei cittadini 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 10

11 LE IDEE POLITICHE DEGLI ILLUMINISTI in politica gli illuministi erano daccordo nel combattere il potere assoluto di tipo francese, ma avevano idee diverse su quale fosse la migliore forma di governo 1)MONTESQUIEU principio della separazione dei poteri 1)MONTESQUIEU sosteneva che i poteri di uno stato (legislativo – fare le leggi – esecutivo – applicarle – giudiziario – giudicare chi non li rispetta) non devono essere concentrati tutti nelle mani di una sola persona, come nella monarchia assoluta. Per garantire la libertà politica devono restare divisi e indipendenti principio della separazione dei poteri 2) VOLTAIRE RIFORME. CONDANNA LINTOLLERANZA 2) VOLTAIRE era disposto ad accettare anche un monarca assoluto, purché fosse illuminato (dispotismo illuminato)e facesse delle RIFORME, cambiamenti graduali allinterno della società e dello Stato per migliorarli. CONDANNA LINTOLLERANZA 3) ROUSSEAU sovranità 3) Per ROUSSEAU il potere su cui si fonda lo Stato, cioè la sovranità, appartiene al popolo: spetta al popolo votare le leggi e scegliere il governo. sovranità popolaredemocrazia. Il principio della sovranità popolare è alla base della democrazia. 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 11

12 ILLUMINISTI E FORME DI GOVERNO Montesquieu (separazione dei poteri) Voltaire (riforme illuminate) Rousseau (sovranità popolare) MONARCHIA COSTITUZIONALE DISPOTISMO ILLUMINATO DEMOCRAZIA 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 12

13 VOLTAIRE E LA TOLLERANZA La tolleranza non ha mai provocato una guerra civile; lintolleranza ha coperto la terra di massacri. Bisogna considerare tutti gli uomini come fratelli. Che! Mio fratello il turco? Mio fratello il cinese, lebreo? Sì, senza dubbio: non siamo tutti figli dello stesso Dio? 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 13

14 LIBERTÀ ANCHE ECONOMICA Adam SMITH : lavoro fonte di ogni ricchezza Per aumentare la produttività del lavoro divisione del lavoro (fabbrica) Stati e governi non devono ostacolare le iniziative economiche con leggi, controlli e divieti Leconomia si sviluppa liberamente (legge della domanda e dellofferta) Nascita LIBERISMO 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 14

15 LE IDEE DEGLI ILLUMINISTI INFLUENZANO MOLTI SOVRANI EUROPEI Alcuni sovrani, seguendo le idee di Voltaire, concessero delle ad esempio Alcuni sovrani, seguendo le idee di Voltaire, concessero delle RIFORME: ad esempio privarono i nobili di antichi diritti feudali, liberarono i contadini dalle corvée modernizzarono lagricoltura favorirono listituzione di scuole pubbliche abolirono la pena di morte. rlare di Stati liberi, di uguaglianza e giustizia… Ma era ancora troppo poco per parlare di Stati liberi, di uguaglianza e giustizia… Infatti, i despoti illuminati rifiutano la partecipazione popolare e non vogliono mettere in discussione il loro potere assoluto Sovrani illuminati: FEDERICO II DI PRUSSIA MARIA TERESA DAUSTRIA E SUO FIGLIO GIUSEPPE CATERINA II DI RUSSIA PIETRO LEOPOLDO, GRANDUCA DI TOSCANA 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 15

16 … E SARANNO ALLA BASE DELLE RIVOLUZIONI POLITICHE LA RIVOLUZIONE AMERICANA LA RIVOLUZIONE FRANCESE 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 16

17 OGGI: IDEE ILLUMINISTE ALLA BASE DELLE MODERNE FORME DI GOVERNO Principio SOVRANITÀ POPOLARE (tutto il popolo è la fonte del potere, a lui spettano le decisioni): Il PRINCIPIO DELLA SEPARAZIONE DEI POTERI: È ALLA BASE DELLE MODERNE DEMOCRAZIE, BASATE SUL VOTO POPOLARE (ELEZIONI E REFERENDUM) È ALLA BASE DELLE MODERNE COSTITUZIONI, in cui il potere legislativo, esecutivo e giudiziario non sono mai in mano alla stessa persona, come è accaduto nelle dittature (ad esempio il NAZISMO) 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 17

18 LA SEPARAZIONE DEI POTERI IN ITALIA IL PARLAMENTO, che fa le leggi IL GOVERNO, che le applica LA MAGISTRATURA, che giudica chi non le rispetta POTERE LEGISLATIVO POTERE ESECUTIVO POTERE GIUDIZIARIO 30/04/2014 Elettra Gambardella - IIS Tassara (Sez.Pisogne) 18


Scaricare ppt "IL 1700 SECOLO DELLE RIVOLUZIONI Che cosè una rivoluzione? Quali rivoluzioni conosci? Di quali tipi possono essere le rivoluzioni? Un cambiamento totale."

Presentazioni simili


Annunci Google