La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LIlluminismo La filosofia dei lumi Lespressione filosofia dei lumi divenne di uso comune nel 1770, ma già in precedenza si diceva che certe credenze,costumi,istituzioni,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LIlluminismo La filosofia dei lumi Lespressione filosofia dei lumi divenne di uso comune nel 1770, ma già in precedenza si diceva che certe credenze,costumi,istituzioni,"— Transcript della presentazione:

1

2 LIlluminismo

3 La filosofia dei lumi Lespressione filosofia dei lumi divenne di uso comune nel 1770, ma già in precedenza si diceva che certe credenze,costumi,istituzioni, come la tortura,la censura,lintolleranza religiosa, non erano più ammissibili in un secolo illuminato come il Settecento, contrapposto alle barbarie dei secoli precedenti. In particolare, veniva lodato come illuminato il sovrano che esercitava un governo mite ed introduceva riforme nellistruzione e nella legislazione. Una definizione a tale fenomeno fu data da Immanuel Kant, il quale affermò: Lilluminismo è luscita delluomo da un condizione di minorità di cui egli stesso è responsabile. Minorità è lincapacità di servirsi del proprio intelletto senza la guida di altri.

4 La filosofia dei lumi si sviluppa in Francia nel 700 e pone al centro del pensiero la ragione. Non si tratta, però, di un fenomeno culturale centrato solo sulla Francia, in quanto ebbe anche una portata europea. I metri che gli illuministi utilizzavano per giudicare la realtà erano due: la ragione e lesperienza.

5 I filosofi di tutta Europa formarono una comunità diffusa attraverso i loro viaggi e la loro corrispondenza; usavano spesso il francese per comunicare e si professavano cosmopoliti o cittadini del mondo. Alla base della filosofia dei lumi ritroviamo la rivoluzione scientifica e il pensiero di due importanti filosofi inglesi: Newton e Locke.

6 Il filosofo aveva prodotto la definitiva sistemazione delle leggi del moto e aveva elaborato un modello delluniverso che fondeva un rigoroso sistema matematico e una prodigiosa capacità di spiegare in maniera unitaria i fenomeni fisici, terrestri e astronomici.

7 Il filosofo, con il Saggio sullintelletto, affermava che la conoscenza ha il suo limite e la sua fonte nellesperienza; infatti ciò di cui non possiamo fare esperienza, non possiamo fare conoscenza. Dunque, per conoscere dobbiamo partire dallesperienza. Secondo il filosofo non esistono conoscenze innate e un accesso privilegiato alla verità ma ci si deve accontentare di elaborare più o meno correttamente i dati dellesperienza. Per Locke alla base dello stato vi sono gli individui con i loro interessi e pertanto la funzione essenziale deve essere quella di difendere i diritti di natura di libertà, proprietà e vita ; se lo stato non garantisce tali diritti i cittadini devono rovesciarlo.

8 La maggior impresa culturale dellilluminismo fu lEnciclopedia, una monumentale opera diretta dal matematico dAlembert e dal filosofo Diderot. Il primo scrisse Il discorso preliminare, nel quale veniva delineato un sistema unitario delle scienze teoriche e pratiche e di tutte le attività umane. LEnciclopedia prometteva di occuparsi di tutte le discipline e i cambi del sapere. Il filosofo, invece, scrisse una grande quantità di articoli, da Agricoltura e Anima a Uomo.Altri esponenti della filosofia dei lumi, come Montesquieu, Voltaire e Rousseau, collaborarono alla stesura dellopera.

9 L'Enciclopedia riprende la classificazione baconiana del sapere: dalla distinzione dell'attività, dello spirito umano in memoria, ragione ed immaginazione deriva la partizione del sapere in storia, filosofia ed arte. Un'opera così vasta, scritta da autori per tanti versi differenti fra di loro, non poteva mantenere una linea di sviluppo unitaria. Se, infatti, lo spirito che regge l'opera è sicuramente illuministico, non mancano voci moderate o addirittura tradizionali inserite anche per servire da copertura contro gli attacchi della censura. Complessivamente l'Enciclopedia offre l'immagine di un sapere unitario ed in continua evoluzione. Rientra, infatti, nell'ambito del sapere ogni attività umana, dalla speculazione filosofica piú astratta fino alle tecniche industriali ed artigianali. I meriti fondamentali dell'opera furono, fra gli altri, quello di aver rappresentato un punto di riferimento per la cultura progressista e illuministica del tempo e quello di aver diffuso tra la media e la piccola borghesia francese ed europea una larga informazione culturale, contribuendo in tal modo ad elevare il livello di cultura di larghi strati sociali e favorendo il disegno illuministico di liberazione delle menti dalle tenebre dell'ignoranza e della superstizione.

10 Lilluminismo fornì un grande contributo allelaborazione del pensiero politico moderno. Grandi ammiratori del sistema costituzionale inglese, gli illuministi,sostenevano un ampio programma di riforme che prevedeva la libertà di religione e di stampa, labolizione dei privilegi fiscali e la limitazione dellassolutismo.

11 Essi furono in principio grandi ammiratori del sistema costituzionale inglese e lo proposero come modello nel loro programma di riforme politiche per la Francia. In particolare Voltaire, a differenza degli altri filosofi, affermava che la Francia non poteva sviluppare una monarchia costituzionale simile a quella inglese. In Francia la filosofia dei lumi prende forma grazie ad importanti intellettuali quali Rousseau, Voltaire e Montesquieu.

12 Scrittore e filosofo francese nato nel 1689 nei pressi di Bordeaux e morto nel 1775 a Parigi. Figlio di un magistrato, venne indirizzato agli studi giuridici che completò nel Nel 1714 era già consigliere al parlamento di Bordeaux e due anni dopo ereditava da uno zio il titolo nobiliare, il patrimonio e la carica di presidente dello stesso parlamento. Studioso, appassionato tanto di problemi giuridici quanto di scienze naturali e di fisica, venne accolto dall'accademia delle scienze di Bordeaux, dove presentò e discusse interessanti argomenti scientifici e filosofici. Tra le sue opere più importanti troviamo: Lettres persanes, le lettere persiane; Geographica; L' Esprit des loix, pubblicato a Ginevra. Compì numerosi viaggi in Ungheria, Austria, Germania, Svizzera e Italia. Morì a Parigi il 20 febbraio 1757.

13 In particolare Montesquieu è noto per lopera L'esprit des loix, lo spirito delle leggi. Questo trattato storico, giuridico e politico è un esame comparato delle diverse forme di governo. In particolar modo il filosofo si occupa della monarchia costituzionale inglese e promuove la libertà di parola, di pensiero e di religione. Si esalta, inoltre, la divisione dei poteri: legislativo, affidato al Parlamento; esecutivo, alla Corona e al governo e infine il potere giudiziario, esercitato dalla magistratura.

14 Voltaire nasce a Parigi il 21 novembre 1694; il suo vero nome è Francois-Marie Arouet. Figlio di una ricca famiglia borghese compie i primi studi presso i giansenisti e i gesuiti, acquisendo una solida formazione umanistica. Ancora giovanissimo viene introdotto nella Société du Temple, cenacolo parigino di orientamento libertino, dove si segnala subito per la sua vivacità intellettuale. Pochi anni dopo viene esiliato in Inghilterra a causa di uno screzio col cavaliere Rohan. Il soggiorno londinese sarà fondamentale per la formazione intellettuale di Voltaire: la conoscenza della realtà politica e sociale britannica lo convince della necessità di una profonda riforma dello stato assolutistico e feudale della Francia. Compì numeri viaggi a Parigi, Berlino, Ginevra e Losanna. Qui, ormai ricco e famoso, il filosofo trascorrerà gli ultimi vent'anni della sua vita, divenendo un punto di riferimento dell'opinione pubblica illuminata di tutta Europa. Si dedica al teatro e persegue la sua battaglia contro ogni forma di superstizione e fanatismo religioso. Muore, infine, a Parigi il 30 maggio 1778.

15 Jean-Jacques Rousseau è stato un filosofo, scrittore e musicista svizzero di lingua francese. Nato da un'umile famiglia calvinista ginevrina di origine francese, ebbe una gioventù difficile ed errabonda durante la quale si convertì al Cattolicesimo, visse e studiò a Torino e svolse diverse professioni, tra cui quella della copia di testi musicali e quella di istitutore. Trascorse alcuni anni di tranquillità presso la nobildonna Françoise-Louise de Warens; quindi, dopo alcuni vagabondaggi tra la Francia e la Svizzera, si trasferì a Parigi, dove conobbe e collaborò con gli enciclopedisti. Nello stesso periodo iniziò la sua relazione con Marie-Thérèse Levasseur, da cui avrebbe avuto cinque figli. Si dedicò alla stesura di numerose opere, tra le quali una delle più importanti è il Contratto sociale.

16 Nel 1762 Rousseau pubblicò la sua opera politica più nota Il contratto sociale. Esso si presenta come immaginazione ideale di un modello politico, in cui contrappone lessenza delluomo e la sua intrinseca natura al sistema artificiale e artificioso della vita sociale. Secondo il filosofo francese, alla base di questa differenza cè il tema della proprietà e della disuguaglianza. Luomo naturale, infatti, ignorante del valore di possesso, non può logicamente entrare in conflitto con gli altri esseri, dal momento che non avverte lesigenza di competere con gli altri simili. In realtà, è luomo civile che si trova a vivere in uno stato potenziale a danno degli altri. Tuttavia, tale condizione è insocievole perché luomo non tende ad aggregarsi, infatti per Rousseau non è né un patto o un contratto a garantire il passaggio dallo stato di natura a quello civile, bensì un Atto Usurpatorio: la proprietà privata. Secondo Rosseau, tutti i mali provengono da questa istituzione: dalla discriminazione economica (ricco-povero) sino alla trasformazione del potere legittimo in arbitrario. Nel Contratto Sociale, il filosofo è consapevole che un ritorno allo Stato di Natura sia impossibile e anacronistico, per questo motivo realizza idealmente un modello di società che non sia il prodotto di unimposizione arbitraria, ma un reale consenso dei vari associati.

17 Realizzato da: De Pasquale François Furci Giulio Genovese Alessia Scolaro Alessia


Scaricare ppt "LIlluminismo La filosofia dei lumi Lespressione filosofia dei lumi divenne di uso comune nel 1770, ma già in precedenza si diceva che certe credenze,costumi,istituzioni,"

Presentazioni simili


Annunci Google