La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La componente igienico-sanitaria nellurbanistica, dalle origini ad oggi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La componente igienico-sanitaria nellurbanistica, dalle origini ad oggi."— Transcript della presentazione:

1 La componente igienico-sanitaria nellurbanistica, dalle origini ad oggi

2 Qualche esempio: i piani di risanamento. Napoli 1885

3 4. Prima commissione di indagine per inadempienze (dopo controverse, crisi amministrative 5. Nel 1914 ancora si realizzavano parti del piano

4 Qualche esempio: i piani di risanamento. Napoli 1885

5 Legge 15/1/1885 n sul Risanamento della città di Napoli: Art. 1 progettazione ed esecuzione a cura del Municipio; Art. 2 emissione di titoli speciali di rendita ammortizzabili per ottenere il capitale effettivo di 100 milioni stimato per i lavori Art. 9 capitale messo a disposizione dal Comune non inferiore a 10 milionix

6 Qualche esempio: i piani di risanamento. Napoli 1885 Legge 15/1/1885 n sul Risanamento della città di Napoli: Art. 13 indennità di esproprio dovuta ai proprietari espropriati dei beni espropriati=media tra il valore venale del bene e i fitti coacervati negli ultimi 10 anni (dichiarazione pubblica utilità tutte le opere necessarie al risanamento); Art. 14 agevolazioni economico-fiscali: esenzione per 5 anni dallimposta dei fabbricati del maggiore valore locativo derivante dai miglioramenti e restauri per cagione di igiene Art. 15 autorizza gli istituti di credito a concedere prestiti fino allammontare di 3/5 del valore dellimmobile compreso il terreno… per la ricostruzione di nuove case nel perimetro del risanamento

7 Qualche esempio: i piani di risanamento. Napoli 1885 Si costituì la Società del risanamento che aprì il rettifilo (Banco di Torino, Banco Generale, Società Generale di Credito Mobiliare Italiano di Milano)

8 Qualche esempio: i piani di risanamento. Napoli 1885 Problemi: 1.Non si tenne conto di lezioni date da precedenti iniziative; 2.Gli affitti più elevati: -non potevano essere pagati dai precedenti affittuari; -Case non appetibili per ceti più elevati 3. Spesa molto più elevata: 33 milioni solo per la rete idrica 4. Mancava documentazione statistica relativa al patrimonio edilizio; 5. Problema nella mancanza di unattenzione sociale la rapporto casa-lavoro nei vicoli risanati

9 Qualche esempio: i piani di risanamento. Napoli 1885

10 Che cosa rimane oggi? Dei piani di risanamento rimangono: 1. Alcuni concetti, come degrado urbano, come esigenza di assicurare alla città condizioni igienico-ambientali soddisfacenti anche con gli strumenti dellurbanistica 2. Lo strumento dellesproprio per rendere possibile la realizzazione di progetti e parti di piano di interesse collettivo

11 Che cosa rimane oggi? Dei piani di risanamento rimangono: 3. I piani di recupero ex. Lege 457/1978, ma anche i programmi integrati per il recupero dei centri storici fondano parte del loro bagaglio strumentale nei piani di risanamento

12 Che cosa rimane oggi? Dei piani di risanamento rimangono: 3. I piani di recupero ex. Lege 457/1978, ma anche i programmi integrati per il recupero dei centri storici fondano parte del loro bagaglio strumentale nei piani di risanamento

13 Che cosa rimane oggi? Dei piani di risanamento rimangono: Capitolo B - Sperimentazione. Avvio della sperimentazione delle tecniche d'intervento (in collaborazione con operatori economici del settore) B1) Messa a punto di apposite tecniche di intervento e di specifici semilavorati - In questa fase verranno invitate le aziende nazionali e locali, a sperimentare (sotto stretto controllo e presso uno o più edifici campione messi a disposizione dall'Amministrazione Comunale) prodotti e tecniche, che saranno in seguito testati secondo le procedure indicate nei successivi punti B2-B3, al fine di scegliere quei sistemi che offrono le migliori garanzie di affidabilità. invitate le aziende nazionali e locali B2) Avvio al controllo di qualità relativo ai sistemi proposti (analisi di laboratorio). A cura dei Centri C.N.R. afferenti all'Istituto Nazionale di Coordinamento dei "Beni Culturali" B3) Avvio al controllo di qualità relativo ai sistemi proposti (esposizione agli agenti atmosferici). La sperimentazione in sito verrà supportata, per quanto concerne intonaci e trattamenti protettivi, dalla realizzazione di campionature da posizionare in condizioni atmosferiche critiche sui paramenti esterni in due siti campione: la Caserma Caldieri e l'Hotel Roma. La sperimentazione in sito consente, dopo appena un anno di esposizione, una prima valutazione del comportamento, nel tempo, delle diverse categorie di prodotti e di analizzare le differenze qualitative fra prodotti e sistemi tradizionali e quelli moderni. Dopo un paio di anni di esposizione, le caratteristiche prestazionali dei sistemi esposti (adesione al supporto, assenza di sfarinamento, ritenzione dello sporco, resistenza agli agenti atmosferici, etc.) consentono di trarre indicazioni estremamente utili e proficue sulla validità dei sistemi campionati. Capitolo C - Messa a punto di un Codice di pratica. Limitatamente ai sistemi proposti per la riqualificazione delle facciate proporremo un insieme di soluzioni pratiche che facciano riferimento a: C1) Descrizione dei materiali consigliati in relazione alle singole applicazioni; C2) Descrizione delle tecniche consigliate in relazione alle singole applicazioni; C3) Descrizione dettagliata delle modalità di lavorazione e posa in opera; C4) Elenco delle soluzioni non gradite.

14 Che cosa rimane oggi? Modelli diversi di piano e di concezioni dellurbanistica

15

16 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? 1.Rivalutazione delle indagini epidemiologiche 2.Valutazione delle fonti di possibile contaminazione ambientale 3.Correlazione tra i due aspetti? 4.Quali conseguenze per la pianificazione territoriale e la progettazione urbanistica?

17 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? Nei paesi in via di sviluppo questioni ancora non risolte: temi tradizionali

18 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? 1.Rivalutazione delle indagini epidemiologiche

19 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? 1.Rivalutazione delle indagini epidemiologiche

20 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? 1.Rivalutazione delle indagini epidemiologiche

21 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? Valutazione delle fonti di possibile contaminazione ambientale

22 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? Correlazione tra i due aspetti?

23 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? Quali conseguenze per la pianificazione territoriale e la progettazione urbanistica?

24 Ligiene ambientale oggi: un rinnovato interesse per lurbanistica. Ma da che punto di vista? Un contenitore possibile: Healthy cities OMS

25

26

27


Scaricare ppt "La componente igienico-sanitaria nellurbanistica, dalle origini ad oggi."

Presentazioni simili


Annunci Google