La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRESENTAZIONE La missione di annunciare il Vangelo a ogni creatura è ancora ben lontana dal suo compimento Con gli orientamenti pastorali dellepiscopato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRESENTAZIONE La missione di annunciare il Vangelo a ogni creatura è ancora ben lontana dal suo compimento Con gli orientamenti pastorali dellepiscopato."— Transcript della presentazione:

1

2 PRESENTAZIONE La missione di annunciare il Vangelo a ogni creatura è ancora ben lontana dal suo compimento Con gli orientamenti pastorali dellepiscopato italiano: Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia: il cammino è il seguente

3 Comunicazione del Vangelo ai fedeli, a quanti vivono nellindifferenza e ai non cristiani, qui nelle nostre terre e nella missione ad gentes Significa porre mano ad un impegno di primo annuncio del Vangelo, sia perché cresce il numero di persone non battezzate, sia perché molti battezzati vivono come se Cristo non esistesse.

4 In un contesto obiettivamente missionario, come il nostro, occorre riportare al centro di ogni chiesa e di tutte le singole comunità Il primo annuncio della fede

5 IL PRIMO CAPITOLO Alle sorgenti della evangelizzazione ha lo scopo di descrivere limportanz a Il contenuto I linguaggi le finalità del primo annuncio del Vangelo.

6 Si propone il contenuto essenziale di questo annuncio: La Pasqua rimane il nucleo germinale di tutto il processo GESU CRISTO, CROCIFISSO E RISORTO, E il SIGNORE E LUNICO SALVATORE DEL MONDO.

7 IL SECONDO CAPITOLO Comunicare il Vangelo oggi.. Provocata da questo contesto, la comunità cristiana deve saper riesprimere la sua fedeltà ai caratteri fondamentali del messaggio cristiano: carattere di assolutezza laspetto salvifico la dimensione storica La sua nota paradossale e sorprendente

8 Grande attenzione va dedicata allo stile della comunicazione, che deve essere testimoniale e dialogica

9 IL TERZO CAPITOLO Gesù Risorto è la nostra speranza offre una possibile esemplificazione concreta di primo annuncio: Veglia Pasquale il Catecumenato

10 IL QUARTO CAPITOLO Noi lo annunciamo a voi propone delle essenziali indicazioni operative per attuare una pastorale di primo annuncio, essa riguarda i soggetti la pedagogia i destinatari le forme occasionali e quelle organiche. La nota vuole orientare e aiutare a tradurre il volto missionario delle Parrocchie in un mondo che cambia

11 INTRODUZIONE Non si può dare per scontato che tra noi e intorno a noi il Vangelo di Gesù sia conosciuto Cè bisogno di un rinnovato primo annuncio della fede E indispensabile promuovere una conversione missionaria delle nostre comunità ecclesiali Annunciamo Gesù Cristo, Crocifisso e Risorto, è lunica salvezza del mondo

12 Chi si affida a Gesù di Nazaret non resta deluso Cercare come Nicodemo Gesù si fa trovare immancabilmente da chiunque va a lui con sincerità di cuore Zaccheo: incuriosito dal parlare della gente Cè chi sembra aver archiviato il problema Samaritana: si mostra restia, ma il Signore le apre il libro della vita e laiuta a leggervi dentro.

13 ALLE SORGENTI DELLA EVANGELIZZAZIONE

14 2. IL COMPITO PRIORITARIO Levangelizzazione può avvenire solo seguendo lo stile del Signore Gesù, il primo e più grande evangelizzatore

15 Gesù ha iniziato la sua vita pubblica proclamando il Vangelo di Dio ( Mc 1,14) come predicazione itinerante proclamate il Vangelo ad ogni creatura

16 Gesù di Nazaret sta allinizio del processo di evangelizzazione e continua ad animarlo con la forza profetica dello Spirito Santo e lazione incessante della sua grazia. Rivelare Gesù Cristo e il suo Vangelo […] è, fin dal mattino di Pentecoste, il programma fondamentale che la Chiesa ha assunto, come ricevuto dal suo Fondatore.

17 Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Levangelizzazione è il compito prioritario per la Chiesa, che è stata mandata dal Risorto nel mondo

18 ad evangelizzare, cioè ad annunciare, celebrare e testimoniare l amore di Dio.

19 Tutta la Chiesa è per sua natura missionaria; la missione riguarda tutti i cristiani, tutte le diocesi e le parrocchie

20 3. Lannuncio fondamentale Unaltra caratteristica fondamentale dellannuncio cristiano è lessenzialità del suo contenuto.

21 Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; Convertitevi e credete al Vangelo (Mc 1,15). Questa è la buona notizia.

22 Lannuncio risuona come un forte senso alla responsabilità. La salvezza è un dono. La Pasqua è il passaggio decisivo.

23 4. LUNICO MESSAGIO IN UNA MOLTEPLICITA DI LINGUAGGI Varietà di forme e di modi Originalità inconfondibile Tema centrale : il regno di Dio

24 La fede nellevento della Pasqua viene espressa attraverso tre principali generi letterari: la professione di fede linno il racconto. (At. 3,12-26)

25 5. UN ANUNCIO DI GIOIA, ATTRAVERSO UN SERVIZIO DAMORE Si coglie il lieto messaggio: la buona novella. Anche il Vangelo della Croce va interpretato nella luce della Pasqua. Chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà (Mc 8,35)

26 Per lapostolo il vangelo della Croce è messaggio di gioia. La croce è scandalo e follia La missione non è un vanto né un titolo di merito: è un dovere imprescindibile.


Scaricare ppt "PRESENTAZIONE La missione di annunciare il Vangelo a ogni creatura è ancora ben lontana dal suo compimento Con gli orientamenti pastorali dellepiscopato."

Presentazioni simili


Annunci Google