La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Infezioni Ospedaliere LOspedale rappresenta un ambiente particolarmente a rischio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Infezioni Ospedaliere LOspedale rappresenta un ambiente particolarmente a rischio."— Transcript della presentazione:

1 Infezioni Ospedaliere LOspedale rappresenta un ambiente particolarmente a rischio

2 Lalto rischio dipende Elevata concentrazione nello stesso ambiente di molti individui (personale, visitatori, malati) Pressione selettiva esercitata dai disinfettanti e dalle terapie antibiotiche, cui consegue lo sviluppo di resistenze batteriche Indagini diagnostiche più o meno invasive

3 Definizione di Infezioni Ospedaliere Si manifestano durante lospedalizzazione e non erano presenti né erano in incubazione al momento del ricovero Anche le infezioni insorte dopo la dimissione sono considerate ospedaliere nel momento in cui i patogeni infettanti sono stati acquisiti durante il ricovero

4 Infezioni ospedaliere e infezioni comunitarie Convenzionalmente, in assenza di un periodo di incubazione preciso, si ritiene che le infezioni insorte nelle prime 48 ore dal ricovero sono da considerarsi comunitarie mentre quelle che si sviluppano dopo le prime 48 ore sono definite ospedaliere

5 Le infezioni ospedaliere determinano -Rischio per la salute; -Prolungamento del ricovero; -Aumento dei costi ospedalieri; -Minore disponibilità di posti letto; -Allungamento liste di attesa; -Perdita giornate lavorative; -Perdite di tempo a carico dei familiari

6 Per la insorgenza di una infezione ospedaliera è necessario avere: Una sorgente di microrganismi infettanti Un ospite suscettibile Un mezzo di trasmissione per i microrganismi

7 Sorgenti di infezioni Sorgenti umane: pazienti, personale od occasionalmente visitatori e possono comprendere: - persone con malattie acute; - persone con malattie in incubazione; - persone colonizzate da un agente infettante ma apparentemente sane; -portatori cronici di agenti infettanti

8 Altre sorgenti di infezione Ambiente nel caso in cui i microrganismi sfuggiti alle procedure di asepsi riescono a moltiplicarsi e ancora macchinari, farmaci, vitto ecc.

9 Suscettibilità degli Ospiti La resistenza ai microrganismi patogeni varia molto da soggetto a soggetto Soggetti immuni a determinate infezioni o capaci di resistere alla colonizzazione da parte di agenti infettanti Soggetti che reagiscono stabilendo una relazione di commensale con il microrganismo (portatori asintomatici) Soggetti suscettibili

10 Condizioni favorenti linsorgenza di I.O. Affollamento dei reparti Uso improprio antibiotici Scarsa igiene strumentazioni Scarsa igiene del personale Scarsa igiene ambientale

11 Terapie e procedure favorenti linsorgenza di I.O. Terapie immunosoppressive Tecniche diagnostiche e terapeutiche invasive (manovre endoscopiche, intubazioni ecc.) Terapie antibiotiche pre-operatorie Interventi chirurgici Cateteri a dimora

12 Soggetti maggiormente a rischio di I.O. Immaturi e prematuri Anziani Ustionati gravi Immunodepressi Pazienti neoplastici Traumatizzati

13 Vie di trasmissione delle I.O. La principale via di trasmissione delle infezioni ospedaliere è il contatto, che può essere diretto ed indiretto

14 Trasmissione per contatto diretto Comporta un contatto diretto da superficie corporea a superficie corporea ed un trasferimento fisico di microrganismi fra una persona infetta o colonizzata ed un ospite suscettibile (durante la mobilizzazione del paziente, mentre gli si fa ligiene personale o durante lassistenza)

15 Trasmissione per contatto indiretto a mezzo veicoli Comporta il contatto di un ospite suscettibile con un oggetto contaminato, che fa da intermediario, di solito inanimato come: strumenti contaminati, aghi, indumenti, farmaci, vitto

16 Trasmissione per contatto indiretto tramite vettori Avviene quando vettori come topi, zanzare, mosche, ed altri insetti nocivi trasmettono microrganismi

17 Microrganismi responsabili di I.O. Nel 95% dei casi si tratta di BATTERI quali streptococchi e stafilococchi e pseudomonas, salmonelle, escherichia coli ecc. caratterizzati da una notevole resistenza nellambiente. Essi costituiscono la cosiddetta FLORA NOSOCOMIALE Seguono miceti (3%), virus (1%)

18 Le infezioni ospedaliere colpiscono dal 5 all8% dei pazienti ricoverati maggiore frequenza tra i pazienti chirurgici (40% dei ricoverati) che sviluppano il 70% delle I.O. seguono i pazienti delle terapie intensive che pur rappresentando solo il 5-10% dei ricoverati sviluppano I.O. nel 20-30% dei casi

19 Localizzazioni più frequenti delle I.O. Uno studio italiano condotto dallISS nel 2001 su pazienti, ha evidenziato un tasso di I.O. pari al 6.8% 30.2% a carico dellapparato urinario 17.4% basse vie respiratorie 13.7% ferite chirurgiche 8.9% apparato gastrointestinale 7.1% alte vie respiratorie

20 Infezioni urinarie Durante la degenza oltre il 10% dei pazienti ricoverati viene sottoposto a cateterismo uretrale per un periodo variabile con elevato rischio di incorrere in infezioni delle vie urinarie batteriuria batteriemia secondaria

21 Cataterismo uretrale Più spesso nei pazienti chirurgici nel post- operatorio, oppure per il trattamento dellincontinenza o il controllo della diuresi in pazienti critici La durata media di permanenza del catetere è di 4 giorni Enterobatteri e pseudomonas sono responsabili dell80% delle infezioni ma anche streptococchi, stafilococchi e candida elevate percentuali

22 Infezioni Respiratorie Per frequenza sono seconde alle infezioni urinarie ma presentano una elevata mortalità (30%) Stafilococco aureo, streptococchi, haemophilus, aspergilli sono i microrganismi più frequentemente responsabili Fattore predisponente per l insorgenza di una infezione respiratoria è lintubazione endotracheale

23 Infezioni chirurgiche Rappresentano la complicanza più frequente nel paziente ricoverato in chirurgia Lincidenza delle infezioni da ferita chirurgica varia (dal 5 al 40%) a seconda del grado di contaminazione dellintervento I microrganismi più frequentemente responsabili sono escherichia coli, pseudomonas, stafilococchi ecc. ai quali si aggiungono microrganismi appartenenti alla flora endogena dellindividuo stesso

24 Criteri diagnostici di infezione della ferita chirurgica Segni locali quali comparsa di eritema, dolore, indurimento dei margini della ferita; più tardivamente si ha fuoriuscita di pus e possibilità di deiescenza della ferita Il dolore del post operatorio, normale nei primi giorni, deve attenuarsi in seguito altrimenti deve far sospettare una infezione

25 Tipi di interventi Puliti: non vi sono focolai infettivi vicino al campo operatorio, non sono interessati né lapp. digerente, né il respiratorio, né il genito-urinario Pulito/contaminato: viene aperto il digerente senza eccessiva contaminazione, o anche le vie biliari o genitourinarie senza infezioni,(appendicectomie e colecistectomie non complicate) Contaminato: apertura digerente abbondantemente contaminato, delle vie biliari e genitourinarie con infezione Sporco: perforazione di un viscere, contaminazione fecale

26 Profilassi delle infezioni da ferita chirurgica Per prevenirle è necessario aumentare le capacità di difesa dellorganismo ad es. ristabilendo prima dellintervento un corretto equilibrio metabolico dei pazienti con diabete, insufficienza epatica o renale ridurre o abolire la contaminazione batterica mediante una meticolosa antisepsi sia in fase di preparazione che di esecuzione dellatto chirurgico

27 Corretta antisepsi preparatoria Rasatura della cute senza creare soluzioni di continuo dellepidermide Preparazione della cute con soluzione disinfettante efficace Esecuzione dellatto chirurgico con la minima contaminazione possibile Preparazione e pulizia meccanica del tubo digerente, per diminuire la contaminazione da parte dei germi contenuti entro i visceri che vengono aperti durante latto operatorio

28 Chemioprofilassi Deve essere sempre effettuata prima di interventi contaminati, puliti-contaminati e sporchi, avendo cura che lantibiotico raggiunga concentrazioni plasmatiche e tessutali efficaci al momento della incisione chirurgica Non va eseguita negli interventi puliti salvo rare eccezioni quali interventi eccessivamente lunghi (sono frequenti le infezioni dopo interventi puliti protrattisi per oltre 3 ore), o interventi di protesi

29 Modalità di diffusione delle infezioni chirurgiche Sono differenti a seconda della natura dellagente infettivo, della sede dinfezione, della capacità di difesa dellorganismo Le infezioni localizzate tendono a generalizzarsi quanto più alta è la carica batterica e la virulenza del microrganismo e quanto più bassa è la capacità di difesa dellorganismo

30 Vie di diffusione delle infezioni Via linfatica con comparsa di linfoadenite Via ematica che può determinare una batteriemia (transitoria presenza di batteri nel sangue) o una setticemia (presenza di batteri patogeni molto virulenti che si moltiplicano attivamente liberando tossine) La setticemia o sepsi rappresenta la principale causa di morte

31 Meccanismi di alterazione delle barriere anatomiche nel paziente chirurgico Manovre strumentali ripetute Sondini nasogastrici Tubo endotracheale Drenaggi è quindi necessario ridurre al minimo la permanenza di cateteri, drenaggi, sondini

32 La catena epidemiologica delle I.O. non segue i canoni classici poiché: la fonte di infezione è spesso una persona sana o anche oggetti contaminati loggetto di infezione quasi sempre un soggetto malato

33 I microrganismi si impiantano più facilmente in Ambienti umidi e di difficile pulizia Attrezzature e strumenti difficilmente sterilizzabili Reparti dove si usano disinfettanti blandi, troppo diluiti o scaduti

34 Prevenzione delle I.O. Corretta disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Appropriate terapie Igiene ambientale Formazione costante del personale soprattutto relativamente alligiene delle mani

35 Le precauzioni standard Si applicano quando si ha a che fare con: -sangue e tutti i liquidi corporei, secreti ed escreti, eccetto il sudore, indipendentemente dal fatto che contengano o meno sangue visibile -cute non integra -mucose

36 Quali sono le precauzioni standard? Igiene delle mani Utilizzo dei guanti Utilizzo di mascherina con o senza visiera e di occhiali protettivi Utilizzo dei camici o delle divise Corretta manipolazione di strumenti/oggetti taglienti Corretto smaltimento dei rifiuti Corretto smistamento della biancheria sporca Corretta movimentazione dei campioni biologici Pulizia e disinfezione ambientale

37 Strategia primaria per il controllo delle I.O. Attuazione delle precauzioni standard durante lassistenza dei pazienti ospedalizzati indipendentemente dalla loro diagnosi o da un presunto stato di infezione

38 Ministero della Sanità Per assicurare una operatività continua in materia di I.O. il ministero ha emanato 2 circolari la n. 52/85 e la n. 8/88 Circ. 52/85 afferma che in ogni presidio ospedaliero venga istituita una commissione tecnica responsabile della lotta alle I.O. Circ. 8/88 riporta la definizione di I.O. e infezione comunitaria, i criteri di selezione dei pazienti da arruolare negli studi epidemiologici

39 Comitato di controllo delle I.O. Coordinato dal D.S. comprende: Microbiologo Igienista Farmacista Specialista in malattie infettive Caposala Infermieri epidemiologici


Scaricare ppt "Infezioni Ospedaliere LOspedale rappresenta un ambiente particolarmente a rischio."

Presentazioni simili


Annunci Google