La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pantheon Isabella e Alberto. Il colonnato (16 colonne monolitiche – tre a sx sostituite)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pantheon Isabella e Alberto. Il colonnato (16 colonne monolitiche – tre a sx sostituite)"— Transcript della presentazione:

1 Pantheon Isabella e Alberto

2

3 Il colonnato (16 colonne monolitiche – tre a sx sostituite)

4 Il retro

5 Linterno

6 Locchialone (apertura 9 mt)

7 La cupola

8 La Madonna del Sasso – tomba di Raffaello

9 Tomba di Vittorio Emanuele II

10 Tomba di Umberto I

11 Tomba di Margherita di Savoia

12 Tomba di Raffaello

13 Altre sepolture Cardinal Consalvi Baldassarre Peruzzi Taddeo Zuccari

14 Un modello

15 La cupola con le orecchie dasino --bellissima litografia del 1870 dove si può ammirare piazza della Rotonda e il Pantheon, ancora adornato con i due campanili gemelli che Urbano VIII commissionò al Bernini e che i romani battezzarono "le orecchie d'asino": furono demoliti nel piazza della RotondaPantheon

16

17

18

19

20

21

22

23

24 La fontana antistante

25

26 Fregio Albani

27

28 Dettaglio (rococò)

29

30 Galleria dei Personaggi

31 Marco Agrippa

32 Adriano

33 Vibia Sabina – moglie di Adriano Statua restituita nel 2007 dal Museo di Boston – provenienza (forse) Villa Adriana

34 Moneta dellimperatore Focas

35 Bonifacio IV

36 Colonna di Focas (ultima costruzione del Foro)

37 Raffaello

38 La Fornarina (1518 – Roma Galleria Nazionale darte antica)

39 Baldassarre Peruzzi

40 Umberto I (assassinato da Bresci nel 1900)

41 Regina Margherita di Savoia

42 Vittorio Emanuele II – Padre della Patria

43 Gregorio XIII – Boncompagni (lavori della fontana)

44 Clemente XI (Albani)

45 Baldacchino S. Pietro

46 Testi

47 IL PANTHEON Questo monumento che Michelangelo definì disegno angelico e non umano, deve la propria creazione a Marco Vespasiano Agrippa, genero di Augusto, ammiraglio, console ed edile. Il tempio è dedicato a tutti gli dei (pan-theon) ed in particolare alle sette divinità planetarie. I Romani veneravano molti edi perchè acquisivano le divinità dei popoli sottomessi. Inizialmente era a pianta rettangolare orientato verso sud; nell'80 d.C. fu restaurato da Domiziano dopo un incendio e tra il 118 e il 125 Adriano lo rifece completamente dandogli l'aspetto attuale: la forma rotonda con copertura a cupola e pronao anteriore con timpano orientato a nord ed elevato su basamento con alcuni gradini, in fondo ad una piazza rettangolare circondata da portici. Si trova nel Rione Pigna - La facciata è formata da otto colonne di granito frigio con capitelli corinzi ed ha un frontone triangolare ornato in origine da fregi bronzei. Sull'architrave è posta la scritta "M. AGRIPPA L.F.COS.TERTIUM FECIT" (Marco Agrippa, figlio di Lucio, console per la terza volta, fece) e più in basso un'iscrizione che ricorda i restauri effettuati da Settimio Severo e Caracalla. Le colonne del pronao dividono lo spazio in tre navate: in fondo alla navata centrale vi è il portale d'ingresso, in fondo a quelle laterali vi erano le statue di Augusto e di Agrippa. All'interno, la cupola ha un diametro di 43,30 m., più grande di quella di San Pietro e consta di cinque ordini di cassettoni che si restringono verso l'alto; alla sommità vi è un grande oculo (dai romani chiamato "occhialone") del diametro di 9 m.che das solo fornisce la luce. Il basamento è a due ordini: quello inferiore ha un'abside, sei esedre e otto edicole che contenevano le statue degli dei.

48 Il Pantheon, il meglio conservato tra tutti i monumenti dell'antica Roma. Questo fatto positivo si spiega soprattutto con la donazione fatta, nel 608, dall'imperatore bizantino Foca al papa Bonifacio IV e alla successiva trasformazione in chiesa, col nome di S.Maria ad Martyres (609 d.C.). La prima costruzione, realizzata tra il 27 e il 25 a.C., è dovuta ad Agrippa. Scavi effettuati alla fine dell'Ottocento hanno portato alla scoperta, sotto il pronao, dei resti dell'antico edificio: sembra, così, che il Pantheon di Agrippa fosse un tempio canonico di forma rettangolare, orientato in direzione opposta all'attuale, verso sud., è stata qui ricollocata da Adriano, il quale, come è noto, non fece scrivere mai il suo nome sui numerosi monumenti da lui edificati, escluso il Tempio di Traiano. La sua opera è testimoniata dai bolli laterizi che recano il suo nome. La ricostruzione adrianea modificò totalmente l'edificio primitivo: mancando lo spazio davanti all'antica facciata (dove erano la Basilica di Nettuno e le Terme di Agrippa), questa fu ruotata di 180 gradi. L'edificio primitivo è occupato interamente dal pronao, il grande portico racchiuso da otto colonne monolitiche di granito (due delle quali, quelle a sinistra, sostituite nel XVII secolo con colonne delle Terme Neroniane), con capitelli e basi di marmo bianco. La Rotonda poggia su una massiccia sostruzione, costituita da un anello di calcestruzzo e tutto un sistema di volte e archi di scarico articola la struttura. La distanza dal pavimento al sommo della cupola è identica al diametro: praticamente lo spazio interno è costituito da una sfera perfetta,Tempio di TraianoTerme di AgrippaTerme Neroniane

49 Nell'anno 604, come abbiamo già accennato, il tempio pagano divenne chiesa cristiana per volere di Bonifacio IV, che lo dedicò a S.Maria ad Martyres: questa "dedicatio" fece circolare la voce (forse a ragione) che nel pavimento fossero stati gettati 28 carri di ossa di martiri tolti alle catacombe. Un aneddoto è legato al foro della cupola: questo era sigillato con una grande pigna di bronzo dorato che i diavoli avevano trasportato da Troia a Costantinopoli e, poi, a Roma; quando papa Bonifacio consacrò il tempio trasformandolo in chiesa, i demoni volarono fuori dalla cupola, portandosi dietro la pigna. Nel corso dei secoli il Pantheon subì numerose spoliazioni, tra le quali famose quelle ad opera dei Goti e di Costantino III, che si portò via il tetto di tegole bronzee dorate, credendolo oro zecchino. Nel XVII secolo, Urbano VIII Barberini restaurò il frontespizio e vi fece costruire, ai lati, due campaniletti dal Bernini, soprannominati popolarmente le "orecchie d'asino", demolite nel La gloria moderna dell'edificio è nel carattere "sepolcrale" che ha assunto da quando vi fu sepolto Raffaello: da allora, tutti gli artisti aspirarono ad emulare il sommo pittore, finché non arrivarono i sovrani d'Italia con Vittorio Emanuele II e Umberto I. Caratteristica la manifestazione che si svolgeva nella domenica fra Ascensione e Pentecoste, nella quale, durante la messa papale, si facevano cadere sui fedeli, dal foro della cupola, una fitta pioggia di petali di rose, per ricordare il miracolo della Pentecoste: era chiamata, dai romani, la "domenica delle rose". La piazza fu sede di un mercato sin dal Medioevo, quando era sterrata e in condizioni igieniche penose: l'ammasso di detriti lasciati dai banchi provocò un rialzo del terreno rispetto alla basilica. Il numero delle botteghe aumentò talmente tanto che alcune di esse trovarono posto perfino fra le colonne del portico, nascondendo così la visuale della basilica e danneggiando l'estetica del luogo. Nella prima metà del XV secolo, papa Eugenio IV fece collocare al centro della piazza due piccole vasche, affiancate da due leoni di basalto, che furono rimossi poco prima della costruzione della fontana che, nel 1578, Gregorio XIII commissionò a Giacomo Della Porta e collocati sulla Fontana del Mosè. Fontana del Mosè

50 Larchitettura del Panteon presenta una soluzione molto originale che testimonia la preferenza dei romani per architetture curvilinee ed il distacco dalla canonica pianta rettangolare dei templi greci di cui si mantiene però la facciata con colonne.. Testimonia con la sua mole il grado di perfezione cui erano giunte le tecniche costruttive nel II secolo d.c., grazie soprattutto all' uso del calcestruzzo e a complicati sistemi di archi di scarico che indirizzano il peso maggiore sulle parti più resistenti della struttura. Inoltre man mano che si sale verso l'alto la cupola è formata da materiali sempre più leggeri, uniti al calcestruzzo, per diminuire la pressione sul tamburo sottostante. All' interno della sala lo spazio si presenta come una sfera perfetta, in quanto l' altezza della cupola è identica al diametro e l' insieme crea un perfetto equilibrio ed un' armonia particolare tra tutte le parti della struttura. Il rivestimento interno della cupola era probabilmente costituito da bronzi dorati che splendevano quando vi batteva il sole. Il pavimento, in marmi policromi, è leggermente convesso per permettere di convogliare le acque ( in caso di pioggia) in appositi fori che fanno parte di un complicato sistema di fognature sotterranee. Le pareti erano intervallate da nicchie in cui dovevano essere collocate le statue delle maggiori divinità. All' esterno, come la maggior parte dei monumenti romani, la struttura non si presentava in laterizio come oggi, ma era interamente rivestita in marmo. I romani, nei secoli di mezzo, furono gelosissimi di quel gioiello della città loro, cosicchè nel secolo XIII il senatore di Roma giurava di difendere e di conservare al papa Mariam Rotundam.

51 Nel 735 Gregorio III ricoprì di nuovo il tetto di piombo. Anastasio IV, nel 1153, edificò presso la chiesa un palazzo, Bonifacio VIII eresse la chiesa in diaconia: in una delle sue cappelle per molti secoli si conservò la imagine del Volto santo entro una cassa chiusa da tredici chiavi, delle quali ciascun caporione teneva la sua. Presso alla chiesa, come ricordo l' anonimo di Torino, vi era nel secolo XIV l' ospedale S. Mariae Rotundae, che habebat duos servitores. Nel secolo XVI era ancora parrocchia che comprendeva 143 famiglie, in tutto 702 anime. Nel 1434 Eugenio IV fece sgombrare il Pantheon, riducendo quasi ad isola l' edificio, al quale da ogni parte erano addossate case e torri; Pio IV rifece le splendide porte di bronzo, e Urbano VIII ristaurò il frontispizio del portico nel 1634 facendovi edificare al disopra due goffi campanili, che poi furono tolti nel Alessandro VII fece abbassare il piano della piazza e sostituì due nuove colonne di granito, trovate presso piazza Madama, a quelle che mancavano nell' angolo sinistro del portico. Fin dal secolo XIII però aveva il suo campanile, eretto per cura dell' arciprete Pandolfo della Suburra l' anno Di questo campanile e delle sue campane rimane memoria in una iscrizione situata a destra della porta della chiesa. Fra i sepolti nel medio evo in quella sono da ricordare Tommaso Matiglioni chiamato Scocciapila, morto con Angelotto Normanni nel combattimento contro i Brettoni al ponte Salario. In quei secoli di fede rozza ed imaginosa si davano in questa chiesa due curiosi spettacoli religiosi. Il primo aveva luogo il giorno dell' Assunta, in cui con macchine ed altri congegni si faceva in mezzo a nubi ed angeli vaganti innalzare il simulacro della Vergine sull' alto della cupola ove si faceva artificiosamente scomparire. Il popolo traeva in folla a vedere quel meraviglioso spettacolo. Nella domenica poi detta della rosa, tra l' Ascensione e la Pentecoste, durante la messa solenne del papa, dall' apertura circolare della cupola medesima si faceva piovere sul popolo una quantità sterminata di rose a ricordare il miracolo della Pentecoste. Qui pure furono sepolti i Crescenzi, che vi ebbero la loro cappella; i Vulgamini, i Rosana e alcuno dei Porcari.

52 RESTI - Proseguendo lungo il fianco sinistro del Pantheon, si nota un poderoso muro, unica porzione superstite dei cosiddetti Saepta Iulia, un ampio piazzale-porticato di età tardo-repubblicana e destinato alle elezioni pubbliche. Addossati alla parte posteriore della "Rotonda" si trovano, invece, i cospicui avanzi della Basilica Neptuni (nella foto a destra), innalzata da Agrippa, in contemporanea al Pantheon, ma poi ricostruita da Adriano. La grande aula, ora tagliata in due da via della Palombella, era coperta da una volta a tre crociere ed era destinata probabilmente ad incontri di affari: quella che oggi ammiriamo è quanto ne resta, ovvero il lato lungo costituito da una grande parete laterizia con nicchie e un'abside al centro, inquadrata da due colonne corinzie, destinata probabilmente ad una statua colossale. Numerose sono le leggende sull'antico tempio: famosa quello che lo vuole custode della "Salvatio Romae", una serie di statue, una per ogni provincia romana, che portavano al collo un campanellino il quale suonava se la provincia corrispondente si ribellava. Celeberrima la leggenda che lo circonda, secondo la quale i Romani veneravano, nel tempio, un dio diverso per ciascun giorno e che il dio del Sabato era venerato in compagnia di una turba di diavoli.

53 Albergo del Sole Sulla destra della piazza si trova il quattrocentesco Albergo del Sole, uno dei più antichi della città: le prime notizie risalgono al 1467, anche se allora si chiamava Locanda del Montone (nome che mantenne fino al 1613) e l'ingresso era su via degli Orfani. L'Albergo può vantare nomi illustri tra i suoi ospiti, come Giuseppe Balsamo, ossia il famigerato Conte di Cagliostro (proprio qui arrestato nel 1768 per aver percosso un suo servo e condotto nel carcere di Castel S.Angelo), Ludovico Ariosto e Pietro Mascagni: due targhe (visibili nella foto a sinistra), poste sulla facciata dell'edificio, ricordano proprio questi ultimi due. La prima, affissa nel 1912, ricorda che "In questo Albergo del Sole già del Montone alloggiò Lodovico Ariosto nel marzo e aprile del 1513"; seguono i versi del poeta: "Indi col seno e con la falda piena di speme, ma di pioggia molle e brutto, la notte andai sin al Montone a cena". La seconda, posta dal Comune di Roma nel 1963 in occasione del centenario della nascita del musicista, ricorda che "In questo Albergo dal nome augurale Pietro Mascagni volle soggiornare nel MDCCCXC (1890) nell'ansiosa vigilia dell'ambito riconoscimento che segnò il trionfo della Cavalleria Rusticana".Castel S.Angelo Madonnella : non si può non ricordare la meravigliosa "Madonnella" settecentesca che si affaccia sulla piazza (nella foto a destra). Si tratta di un affresco di notevoli dimensioni (occupa due piani del caseggiato) ed è un raro esempio di edicola in cui la cornice non prevale sul dipinto. Il soggetto è una Immacolata, come afferma l'iscrizione tratta dal Cantico dei Cantici, inserita alla base entro un cartiglio ornato con simbolici gigli: "Tota pulchra es, amica mea, et macula non est in te", ossia "Sei tutta bella, amica mia, e nessuna macchia è in te". L'iconografia è quella tradizionale, con il manto azzurro, le mani incrociate sul seno e ai piedi il globo, la falce di luna e il serpente. La cornice settecentesca in stucco, bilobata nella parte superiore, è di fattura molto elegante e si armonizza perfettamente con il colore dei muri circostanti: è ornata superiormente dalla colomba divina tra tralci e volute.

54 Cappelle ed edicole interne (da sin.) Cappella A - Annunciazione : attribuito a Melozzo da Forlì Edicola B - Coronazione della Vergine (XIV sec.) Cappella C - Tomba Vittorio Emanuele II (1878) Edicola D - S. Anna e la Vergine (Lorenzo Ottoni) Cappella E - Vergine con S. Francesco e Giovanni Battista (scuola umbra XV sec.) Edicola F S. Rasio Martire di Bernardino Cametti Altare Maggiore (G) Madonna con Bambino – tavola romano/bizantina VII sec. Edicola H – S. Anastasio (di Francesco Moderati 1717) Cappella I – Crocifisso (XVI sec.) Edicola K – Madonna del Sasso del Lorenzetto (1520) Commissionata da Raffaello per la sua tomba (epitaffio del Bembo) con a dx lapide per Maria Bibiena fidanzata di Raffaello (busto di R. di Giuseppe Fabris 1833) Cappella L –tombe di Umberto I (1900) e Margherita di Savoia (1926) Edicola M – lapide di Baldassarre Peruzzi (1921) Cappella N (I virtuosi del Pantheon) : S. Giuseppe e Gesù (di. G De Rossi ) ; Presepio ed adorazione dei Magi (di F. Cozza ); stucchi con il riposo dalla fuga in egitto e il sogno di S. Giuseppe (C. Monaldi e P. Benaglia 1728); Sibilla Cumana, Mosè, Eterno Padre, David, Sibilla Eritreaed epigrafi funebri dei virtuosi (Flaminio Vacca, Taddeo Zuccari, Perin del Vaga) Edicola O : Incredulità di S. Tommaso di Paolo Bonzi

55 Fontana E forse la più curiosa ed eterogenea fontana di Roma, l' unica alla quale, con tutta la miglior volontà possibile, non si possa attribuire decisamente un autore. Guardandola bene nell'insieme vi si scorge qualcosa di classico, di grottesco spinto, secondo i gusto dell"'Arte della Fontana", di Barocco e di Rococò, mentre sembra assente proprio lo stile dell'autore ufficiale, Giacomo della Porta, che la eresse nella sua forma originaria nel 1578 per opera di Leonardo Sormani, disegnandone i quattro mascheroni affiancati da delfini, tolti e sostituiti da copie nel Nel 1711, su commissione di Clemente Xl, venne innalzato al centro della vasca l'obelisco Macuteo, uno dei due obelischi antichi (l'altro e' quello della Minerva), ritrovati in corrispondenza del vicino Iseo Campense, famoso santuario della comunità egizia di Roma imperiale. La scogliera rocciosa che sorregge il monumento egizio inneggiante a Ramesse II e i delfini decorativi vennero ideati da Filippo Barigioni.

56 FONTANA - La fontana originaria era composta di una vasca, poggiante su una breve rampa di tre gradini, l'acqua zampillava da un vaso al centro e il tutto era ornato con quattro mascheroni (progettati per ornare la fontana del Nettuno a piazza Navona ma poi mai utilizzati). Nel 1711 la fontana venne rimaneggiata per volere di Clemente XI Albani, che fece sostituire la base originale con una gradinata di travertino, avente cinque gradini dalla parte della basilica e due dall'altra parte per superare il dislivello della piazza. Inoltre fece sostituire il vaso centrale con una scogliera che sorregge un piccolo obelisco proveniente dallIseo campense, il famoso santuario della comunità egizia di Roma imperiale, dove tutti gli obelischi furono rinvenuti. La scogliera rocciosa, ornata da delfini, dalla stella degli Albani (la famiglia papale di Clemente XI) e dalla Croce, è opera dell'architetto Filippo Barigioni e dello scultore romano Vincenzo Felici. Molto significativo anche l'intervento nel 1823 di Pio VII, che fece pavimentare la piazza con i tipici "sampietrini" ma soprattutto riuscì ad eliminare le secolari baracche adibite allo smercio di prodotti ittici e ortofrutticoli. Nel 1928 fu tolta anche la recinzione costituita da sbarre di ferro che circondava la fontana.piazza Navona

57 Obelisco Obelisco Macuteo – e uno dei 13 obelischi egizi di Roma Alto 6 metri fu realizzato all'epoca di Ramsete II (1279 – 1213 a.c.) a Heliopolis e portato a Roma da Domiziano, che lo collocò come decorazione dell'Iseo Campense (tempio dedicato alla divinità egiziana Iside) con l'obelisco della Minerva e quello di Dogali. Ritrovato nel 1373, vicino a S. Macuto nellarea dell Iseo Campense e fu collocato davanti al Pantheon nel 1711 per volere di papa Clemente XI, sulla fontana di Giacomo Della Porta.Ramsete IIDomizianoIseo CampenseIsideobelisco della Minervaquello di Dogali 1373Pantheon1711 papa Clemente XIGiacomo Della Porta Questo "raggio di sole", tra i più piccoli, prende il nome di Macuteo dalla piazza di San Macuteo in cui si trovava fin dai tempi di Paolo V. E' la copia pressochè perfetta dell'obelisco Minerveo, in piazza della Minerva.Paolo Vobelisco Minerveo

58 Belli Il Belli su Piazza della Rotonda: Er giro de le pizzicarie De le pizzicarie che ttutte fanno la su gran mostra pe ppascua dellova, cuella de Bbiascio a la Ritonna è stanno la ppiú mmejjo de Roma che sse trova. Colonne de casciotte, che ssaranno scento a ddí ppoco, arreggeno unarcova ricamata a ssarcicce, e llí cce stanno tanti animali duna forma nova. Fra llantri, in arto, scè un Mosè de strutto, cor bastone per aria comun sbirro, in cima a una Montaggna de presciutto; e ssotta llui, pe stuzzicà la fame, scè un Cristo e una Madonna de bbutirro drenta una bbella grotta de salame.

59 Fontana

60 Savoia A Carlo Alberto seguirono in linea diretta:Carlo Alberto Vittorio Emanuele II ( ), sposato con la principessa Maria Adelaide d'Austria, re di Sardegna fino al 1861 e da quell'anno primo re d'Italia unita; da cui nacque:Vittorio Emanuele II Italia Umberto I ( ) sposato con la principessa Margherita di Savoia-Genova; da cui nacque:Umberto I Vittorio Emanuele III ( ), re d'Italia ( ), imperatore d'Etiopia ( ) e re d'Albania ( ), sposato con la principessa Elena del Montenegro, da cui nacquero:Vittorio Emanuele IIIItalia Etiopia Albania –Iolanda ( )Iolanda –Mafalda ( )Mafalda –Giovanna ( )Giovanna –Maria ( )Maria –Umberto ( )Umberto Umberto II ( ), luogotenente del regno dal 5 giugno 1944 al 9 maggio 1946, re d'Italia dal 9 maggio al 2 giugno 1946, sposato con Maria José del Belgio ( ) da cui nacquero:Umberto II giugno19449 maggio1946Italia9 maggio2 giugno1946Maria José del Belgio –Maria Pia, Vittorio Emanuele, Maria Gabriella, Maria BeatriceMaria PiaVittorio EmanueleMaria GabriellaMaria Beatrice

61 Gregorio XIII Quello ritratto in una delle immagini è il monumento funebre, che si trova nella Basilica di San Pietro a Roma, di Papa Gregorio XIII (Ugo Boncompagni, (13/5/ /4/1585) che realizzò la riforma del calendario giuliano, il quale prevedeva un anno più corto di quello solare di circa 11 minuti; questi, accumulandosi negli anni, avevano finito per provocare uno slittamento delle date degli equinozi di 10 giorni, con evidenti ripercussioni sul calcolo della data della Pasqua. Per risolvere il problema, questo Papa fece "saltare" dieci giorni, imponendo che al 4 ottobre segua immediatamente il 15 ottobre La riforma, studiata dall'astronomo gesuita Cristoforo Clavio, prevede che siano bisestili solo gli anni secolari divisibili per 400: nacque così il calendario gregoriano, oggi in uso.

62 La Pentecoste 13 MAGGIO 2008 FESTE ROMANE: LA PENTECOSTE AL PANTHEON Il tempio originario, uno dei più sorprendenti di Roma e, tra laltro, il meglio conservato della città, fu fatto edificare da Marco Vipsanio Agrippa, generale – ammiraglio e genero di Augusto, di cui aveva sposato la figlia Giulia, tra il 27 ed il 25 a.C.. La struttura risulta essere praticamente unica al mondo vista larditezza tecnica e costruttiva (sarebbe difficilissimo ancora oggi replicarla con tale precisione), oltre ad aver stuzzicato la curiosità di decine di studiosi che nelle sue misure hanno rilevato curiosi riscontri simbolici ed esoterici (si possono notare riscontri particolarissimi legati alla penetrazione della luce dallOculus in determinati giorni dellanno, soprattutto durante i solstizi e gli equinozi). Ma veniamo alla curiosità di cui vi volevo parlare: la Domenica delle Rose. La caratteristica di questa celebrazione di origine antichissima (si ritiene che tale cerimonia venne celebrata la prima volta addirittura al 13 maggio 609, la Domenica di Pentecoste nella quale la struttura venne dedicata a Santa Maria ad Martyres) che si svolgeva nella domenica di Pentecoste, è che, durante la messa papale, si faceva cadere sui fedeli, dal foro della cupola, una pioggia di petali di rose per ricordare il miracolo della Pentecoste, la discesa dello Spirito Santo sui discepoli di Gesù. In occasione della funzione religiosa che si tiene nel Pantheon alle della Domenica di Pentecoste giungono da Giffoni Valle Piana migliaia di rose a stelo lungo e milioni di petali rossi, che i Vigili del Fuoco provvederanno a far cadere allinterno del tempio dallOculus. Questantica usanza, sospesa nei secoli scorsi, è stata ripristinata da una decina danni grazie a Monsignor Antonio Tedesco, originario di Giffoni ed al tempo responsabile della basilica romana, nonchè allallora sindaco di Giffoni Ugo Carpinelli, che sottoscrisse con la Basilica Collegiata Sancta Maria ad Martyres un impegno perpetuo per la fornitura di rose e petali, provenienti dai vivai della Valle del Picentino. Nei secoli scorsi anche il popolo partecipava alla messa in opera dei festeggiamenti offrendo petali di papavero, più economici di quelli di rosa ma egualmente evocativi e suggestivi nella loro discesa. Una particolarità legata alla celebrazione della messa è che questa è prevalentemente cantata e recitata in aramaico (splendido in particolare il Padre Nostro cantato nella lingua originale di Gesù) ed inoltre vengono letti brani dei Vangeli in differenti lingue; alla cerimonia partecipano anche 12 bimbi di etnie diverse che, in segno di pace, regalano rose ai partecipanti: in particolare per laddobbo vengono utilizzate circa 2000 rose rosse mentre dalla volta vengono fatti cadere circa sette milioni di petali... sinceramente non li ho contati ma erano veramente tanti e leffetto particolarmente suggestivo e gioioso. (dal sito civis romanus sum)


Scaricare ppt "Pantheon Isabella e Alberto. Il colonnato (16 colonne monolitiche – tre a sx sostituite)"

Presentazioni simili


Annunci Google