La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan LA TUTELA DELLINVALIDITA LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI E PREVIDENZIALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan LA TUTELA DELLINVALIDITA LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI E PREVIDENZIALI."— Transcript della presentazione:

1 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan LA TUTELA DELLINVALIDITA LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI E PREVIDENZIALI

2 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Attenzione CAUSE/EFFETTI MENOMAZIONE INFERMITA MENOMAZIONE INFERMITA Capacità di lavoro in occupazioni confacenti alle attitudini Capacità di lavoro in occupazioni confacenti alle attitudini Inabilità a qualsiasi attività lavorativa Inabilità a qualsiasi attività lavorativa Inabilità a lavoro proficuo Inabilità a lavoro proficuo Inabilità alla mansione Inabilità alla mansione Inabilità ad attendere al proprio lavoro per un tempo determinato Inabilità ad attendere al proprio lavoro per un tempo determinato Integrità psicofisica (salute) Integrità psicofisica (salute) Capacità di guadagno Difficoltà persistente a svolgerei compiti e le funzioni della propria età Difficoltà persistente a svolgerei compiti e le funzioni della propria età Non autosufficienza abilità socializzazione Capacità generica di lavoro Capacità generica di lavoro

3 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan LE PRINCIPALI NORME DI TUTELA ASSISTENZIALE LEGGE 381/1970SORDITA LEGGE 382/1970CECITA CIVILE LEGGE 118/1971INVALIDITA CIVILE LEGGE 508/1988INDENNITA CORRELATE LEGGE 289/1990INDENNITA DI FREQUENZA LEGGE 104/1992HANDICAP LEGGE 210/1992 PATOLOGIE DA VACCINAZIONI ED EMOTRASFUSIONI LEGGE 68/1999DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI LEGGE 328/2000SERVIZI SOCIALI

4 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan BENEFICI CORRELATI AL RICONOSCIMENTO DELLINVALIDITA CIVILE PRESTAZIONI ECONOMICHE ASSISTENZIALI PRESTAZIONI NON DIRETTAMENTE ECONOMICHE: collocamento, protesi, ticket, trasporti, ecc. BENEFICI CONTRIBUTIVI AGEVOLAZIONI FISCALI AGEVOLAZIONI SPECIFICHE (legge 104) AGEVOLAZIONI PREVISTE DA NORME LOCALI

5 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan IL GRADO DI INVALIDITA CORRELATO A RICONOSCIMENTO E PRESTAZIONI: > = 34% QUALIFICA > = 46%COLLOCAMENTO > = 74%ASSEGNO (requisito reddituale) = 100% PENSIONE (requisito reddituale) NON AUTOSUFFICIENZA: INDENNITA

6 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan PROCEDIMENTO: RICONOSCIMENTO (FASE SANITARIA) CONCESSIONE CONTROLLO EROGAZIONE O PAGAMENTO CONTENZIOSO

7 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan I congedi a tutela dellhandicap

8 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Il prolungamento del congedo parentale I permessi per i lavoratori portatori di handicap I permessi mensili previsti per i familiari di portatori di handicap Il congedo straordinario per lassistenza ai portatori di handicap

9 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Il documento fondamentale per dimostrare la sussistenza dello stato di handicap in condizione di gravità è il verbale rilasciato dalla commissione medica integrata dellAsl. Una generica certificazione di invalidità, per quanto grave, non può in nessun caso sostituire il suddetto verbale. La condizione di handicap in condizione di gravità viene definita dalla legge 104 del 5 febbraio 1992 al terzo comma dellarticolo 3. Il comma recita testualmente: Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto lautonomia personale, correlata alletà, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazioni di gravità…

10 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Sono previste tre uniche eccezioni: per gli affetti da sindrome di Down sono sufficienti un certificato medico che attesti la patologia e il cariotipo (esame medico che consiste in una mappatura cromosomica del soggetto) [L. 289/2002, art. 94 comma 3]; per i grandi invalidi di guerra basta la certificazione che attesti lappartenenza alla prima categoria [L. 448/1998, art. 38 comma 5] in attesa del verbale, se richiesto da più di 90 giorni, ai soli fini del riconoscimento dei benefici connessi allart. 33 della L. 104, è utilizzabile la dichiarazione del medico specialista dellAsl che attesti lo stato di handicap [D.L. 324/1993, art. 2 comma 2 (convertito nella L. 423/1993)].

11 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Sul verbale può essere indicata una data di revisione. Poiché in tale data il verbale perde la sua validità, decadono anche i relativi benefici legati al riconoscimento dellhandicap. E opportuno verificare la procedura adottata dalla commissione medica per il rinnovo e agire di conseguenza per ottenere, prima della scadenza, un nuovo verbale.

12 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan I permessi per i lavoratori

13 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Che cosa sono? Sono permessi istituiti per agevolare i portatori di handicap consentendo loro brevi assenze dal lavoro A chi spettano? Ai lavoratori maggiorenni dipendenti con esclusione dei lavoratori a domicilio e dei collaboratori familiari.

14 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Riconoscimento di handicap in situazione di gravità (ai sensi dellart. 3 comma 3 della L. 104/1992). Requisiti

15 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan I permessi possono essere richiesti in due forme (alternative luna allaltra): 2 ore di permesso giornaliero; 3 giorni di permesso mensile. Durata dei permessi I 3 giorni possono essere suddivisi in permessi orari tenendo conto dellorario medio giornaliero del lavoratore: per ogni giorno spettano tante ore di permesso quante sono quelle di lavoro.

16 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan In caso di part-time orizzontale non vi è variazione del numero di giorni di permesso spettanti. Se si opta invece per i permessi orari questi spettano nella seguente misura: 2 ore di permesso se le ore giornaliere lavorate sono più di 6 1 ora di permesso se le ore giornaliere lavorate sono meno di 6. Viceversa in caso di part-time verticale non vi è variazione della durata dei permessi orari mentre viene proporzionalmente ridotto il numero di giorni spettanti nel mese in base alla seguente formula: Giorni spettanti : Giorni di lavoro effettivo = 3 : Giorni lavorativi Il risultato ottenuto deve essere arrotondato allunità inferiore qualora la frazione sia uguale o inferiore allo 0,50. Durata dei permessi

17 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Agevolazioni per i lavoratori familiari di portatori di handicap Oltre a tutelare direttamente i portatori di handicap che lavorano, lart. 33 della L. 104/92 garantisce permessi per assentarsi dal lavoro anche ai loro familiari. A seconda delletà del portatore di handicap i permessi spettano in misure e forme diverse. Per semplificare la trattazione delle prestazioni possiamo quindi suddividerli in: Congedi che spettano ai familiari di minori di tre anni Prolungamento del congedo parentale o, in alternativa, 2 ore di permesso giornaliero. Congedi che spettano ai familiari di maggiori di tre anni 3 giorni di permesso mensile congedo straordinario

18 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Permessi mensili

19 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Che cosa sono? sono permessi istituiti per consentire ai dipendenti, familiari di un portatore di handicap, di assentarsi dal lavoro per prestargli assistenza. Possono beneficiarne: Il coniuge I genitori (anche adottivi o affidatari purché ne usufruiscano entro il primo anno dallingresso in famiglia) I parenti e gli affini entro il terzo grado A chi spettano? Ai lavoratori che durante i periodi di congedo abbiano in essere un rapporto di lavoro che prevede la copertura assicurativa in caso di maternità. Rimangono esclusi i lavoratori a domicilio e i collaboratori familiari.

20 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Il portatore di handicap non deve essere ricoverato a tempo pieno. Per i figli minorenni e per quelli maggiorenni conviventi non è necessario alcun ulteriore requisito. Per i figli maggiorenni non conviventi e per i parenti e gli affini, alla luce delle ultime disposizioni dellInps, è necessario dimostrare che lassistenza si svolga con sistematicità e adeguatezza. Requisiti

21 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan 3 giorni di permesso mensile da suddividere fra gli aventi diritto. In caso di part time verticale i giorni vengono proporzionalmente ridotti in base al numero di giorni effettivamente lavorati. Al lavoratore che debba assistere più familiari portatori di handicap spettano 3 giorni per ciascuno di essi. Così come previsto per i lavoratori handicappati è possibile frazionare i giorni in permessi orari tenendo conto dellorario medio giornaliero. Alloccorrenza i familiari beneficiari del congedo (ad esempio il padre e la madre) possono richiederlo per lo stesso giorno. Durata dei permessi

22 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Congedo straordinario

23 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Consiste in un congedo retribuito della durata massima di due anni che spetta ai familiari dei portatori di handicap in situazione di gravità. A chi spetta? Possono richiederlo: il coniuge convivente i genitori qualora si presenti una di queste condizioni: 1.il figlio non sia coniugato o non conviva con il coniuge 2.il coniuge del figlio non presti attività lavorativa o sia lavoratore autonomo 3.il coniuge del figlio abbia rinunciato a fruire del congedo per lo stesso soggetto e per lo stesso periodo i fratelli conviventi qualora i genitori siano deceduti o impossibilitati allassistenza in quanto inabili. E importante sottolineare che possono beneficiare del congedo entrambe i genitori anche se uno dei due non ne ha diritto (ad esempio perché lavoratore autonomo o disoccupato).

24 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan 2 anni per ciascun familiare disabile (da suddividere fra tutti gli aventi diritto) e in ogni caso per non più di 2 anni per ciascun richiedente nellarco della vita lavorativa. Nel computo dei 2 anni per singolo lavoratore devono essere considerati anche i periodi in cui si è eventualmente goduto del congedo non retribuito per gravi e documentati motivi familiari. Durata del congedo Il congedo deve inoltre essere fruito alternativamente: non è possibile cioè che il padre e la madre (o i fratelli) ne usufruiscano per gli stessi periodi. E prevista la frazionabilità del congedo (anche in singoli giorni) a patto che fra un periodo e laltro vi sia uneffettiva ripresa dellattività lavorativa.

25 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan PRESTAZIONI PREVIDENZIALI SETTORE PRIVATO I.N.P.S.

26 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan NORMATIVA DI RIFERIMENTO: LEGGE 222/1984

27 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Attenzione CAUSE/EFFETTI MENOMAZIONE INFERMITA MENOMAZIONE INFERMITA Capacità di lavoro in occupazioni confacenti alle attitudini Capacità di lavoro in occupazioni confacenti alle attitudini Inabilità a qualsiasi attività lavorativa Inabilità a qualsiasi attività lavorativa Inabilità a lavoro proficuo Inabilità a lavoro proficuo Inabilità alla mansione Inabilità alla mansione Inabilità ad attendere al proprio lavoro per un tempo determinato Inabilità ad attendere al proprio lavoro per un tempo determinato Integrità psicofisica (salute) Integrità psicofisica (salute) Capacità di guadagno Difficoltà persistente a svolgerei compiti e le funzioni della propria età Difficoltà persistente a svolgerei compiti e le funzioni della propria età Non autosufficienza abilità socializzazione Capacità generica di lavoro Capacità generica di lavoro

28 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITA INV. >2/3 IN MANSIONI CONFACENTI PENSIONE DI INABILITA IMPOSSIBILITA A SVOLGERE QUALSIASI ATTIVITA LAVORATIVA

29 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan REQUISITI CONTRIBUTIVI: 5 ANNI DI CONTRIBUZIONE NELLARCO DELLA VITA LAVORATIVA, DI CUI 3 NEL QUINQUENNIO PRECEDENTE LA DOMANDA

30 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan ASSEGNO: DURA TRE ANNI, RINNOVABILE, SI TRASFORMA IN PENSIONE DI VECCHIAIA, E COMPATIBILE CON IL LAVORO

31 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan PENSIONE: NON COMPATIBILE CON IL LAVORO, DEFINITIVA SALVO REVISIONI, HA UNA MAGGIORAZIONE

32 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan RISCHIO PRECOSTITUITO

33 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan PRESTAZIONI AI SUPERSTITI

34 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan LA LEGGE 335/95: TUTTI GLI ENTI PREVIDENZIALI SEGUONO LA DISCIPLINA DELLASSICURAZIONE GENERALE OBBLIGATORIA

35 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Pensione ai superstiti RELATIVAMENTE AI TRATTAMENTI AI SUPERSTITI (pensione indiretta per decesso di soggetto non pensionato – pensione di riversibilità) AVENTI DECORRENZA A PARTIRE DAL , SI APPLICANO LE MEDESIME DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI NELLAGO INPS SUPERSTITI AVENTI DIRITTO: - CONIUGE legato in vincolo coniugale alla data del decesso separato consensualmente ovvero per colpa addebitata al coniuge deceduto separato per colpa propria ma con diritto agli alimenti a carico del coniuge deceduto divorziato ma titolare di assegno di divorzio (se il dante causa aveva nel frattempo contratto nuovo matrimonio, la pensione è ripartita tra i due coniugi superstiti – sempre a condizione, per il divorziato, della titolarità di assegno di divorzio – secondo misura alluopo specificatamente stabilita dal Tribunale)

36 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan -FIGLI ED EQUIPARATI ( figli legittimi o legittimati, adottivi, naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dellaltro coniuge, affiliati, minori regolarmente affidati dagli organi competenti a norma di legge, minori dei quali risulti comunque provata la vivenza a carico degli ascendenti) minori di anni 18 di età compresa fino al 21° anno se studenti di scuola media o professionale, a carico del genitore al momento del decesso e non impegnati in lavoro retribuito di età compresa fino al 26° anno se iscritti alluniversità (e comunque per la sola durata del corso legale di laurea), a carico del genitore al momento del decesso e non impegnati in lavoro retribuito di qualsiasi età ma riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso

37 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan -GENITORI Tale categoria subentra nel diritto a pensione soltanto nelle ipotesi in cui non vi siano coniuge e figli superstiti aventi diritto al trattamento, ed a condizione che si tratti di soggetti: -ultra 65enni; -privi di alcun trattamento pensionistico; -a carico del dante causa alla data del decesso. -FRATELLI CELIBI E SORELLE NUBILI Tale categoria subentra nel diritto a pensione soltanto nelle ipotesi in cui non vi siano coniuge, figli e genitori superstiti aventi diritto al trattamento, ed a condizione che si tratti di soggetti: -privi di alcun trattamento pensionistico; -permanentemente inabili al lavoro; -a carico del dante causa alla data del decesso.

38 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan ALIQUOTE DI RIVERSIBILITA: - CONIUGE: 60% - FIGLI ED EQUIPARATI: in presenza di coniuge superstite: 20% ciascuno (nel limite massimo del 40% residuo) in assenza di coniuge superstite: -1 figlio: 70% -2 figli: 80% -3 o più figli: 100% - GENITORI: 15% ciascuno - FRATELLI E SORELLE: 15% ciascuno (nel limite massimo del 100%)

39 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan IL REQUISITO DELLA VIVENZA A CARICO PER GLI ORFANI MAGGIORENNI INABILI: DAL NOVEMBRE DEL 2000: STESSI LIMITI PREVISTI PER GLI INVALIDI CIVILI TOTALI + LIMPORTO DELLINDENNITA PER CHI RIENTRA NELLE PREVISIONI ART. 5 L. 222/84

40 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan Requisito dellinabilità a qualsiasi attività lavorativa Lorfano può vantare il diritto solo se non lavora? Fino ad oggi unattività lavorativa anche minima poteva far perdere il diritto; il decreto milleproroghe recentemente convertito in legge, ha recepito e ampliato gli indirizzi forniti dallINPS: lattività dipendente è ammessa se prestata presso i laboratori protetti, cioè coop. Sociali con attività finalizzate allinserimento lavorativo delle persone svantaggiate. Lorario di lavoro non può superare le 25 ore settimanali Lattività deve essere svolta presso datori che assumono in previsione della legge 68/1999

41 8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan :Trieste Indirizzo* Via San Francesco n. 4/1 Tel* Fax Responsabile Francesca Quaia Ambito Sede Provinciale Tipo di sede Sede Ufficiale ACLI Servizi disponibili Sportello Salute Sportello Immigrati Sportello Contributi e Pensioni Sportello Lavoro


Scaricare ppt "8 aprile 2008La Strada dellAmore Onlus Relatore: Marco Padoan LA TUTELA DELLINVALIDITA LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI E PREVIDENZIALI."

Presentazioni simili


Annunci Google