La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 DISPOSIZIONI PARTICOLARI. 2 PARI OPPORTUNITA Azioni positive per lavoratrici; comitati per le pari opportunità misure concordate in contratto decentrato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 DISPOSIZIONI PARTICOLARI. 2 PARI OPPORTUNITA Azioni positive per lavoratrici; comitati per le pari opportunità misure concordate in contratto decentrato."— Transcript della presentazione:

1 1 DISPOSIZIONI PARTICOLARI

2 2 PARI OPPORTUNITA Azioni positive per lavoratrici; comitati per le pari opportunità misure concordate in contratto decentrato per: –accesso formazione –flessibilità orari –equilibrio di posizioni funzionali –informazione

3 3 Periodo di prova Diritto alla conservazione del posto senza retribuzione rientro a domanda in caso di recesso di una delle sue parti applicazione anche verso enti di comparto diverso in condizioni di resciprocità

4 4 Dipendenti in particolari condizioni psico-fisiche Misure a sostegno di progetto terapeutico di recupero: –conservazione del posto per tutto il progetto –retribuzione come malattia –non sono retribuiti periodi eccedenti 18 mesi; –permessi giornalieri retribuiti per max due ore; –tempo parziale per durata progetto; –mansioni diverse equivalenti se di supporto a terapia. Aspettativa per motivi di famiglia per durata progetto terapeutico di parenti o conviventi stabili; non si cumula con altre fattispecie di aspettativa

5 5 Turnazioni rotazione del personale in prestabilite articolazioni giornaliere dell'orario di lavoro ; distribuzione, nellarco del mese, equilibrata e avvicendata dei turni effettuati in orario antimeridiano, pomeridiano e, se previsto, notturno( tra le 22 e le 6 ); i turni sono organizzati in strutture con almeno 10 ore di servizio giornaliero turni notturni non superiori a 10 per mese, salve esigenze eccezionali

6 6 Turnazioni maggiorazione oraria calcolata su detta retribuzione con riferimento alle diverse tipologie di turno: diurno, antimeridiano e pomeridiano : – maggiorazione oraria del 10%; Turno notturno o festivo : – maggiorazione oraria del 30%; Turno festivo notturno : –maggiorazione oraria del 50%.

7 7 REPERIBILITA' (Art. 23) L per ogni periodo di dodici ore giornaliere. raddoppiate quando ricade in giornata festiva, anche infrasettimanale, o nel giorno di riposo settimanale. valore minimo non inferiore ad 1/3 di ( 4 ore su 12), con una maggiorazione del 10% anche quando la durata della reperibilità fosse inferiore a 4 ore. L'indennità di reperibilità non può essere corrisposta per le ore di servizio effettivamente prestato, sia ordinario che straordinario;

8 8 REPERIBILITA riposo compensativo quando la reperibilità cada di domenica o nella giornata di riposo settimanale il predetto riposo compensativo non comporta, comunque, alcuna riduzione dell'orario di lavoro settimanale; dovranno essere comunque prestate le ordinarie 36 ore di lavoro d'obbligo.

9 9 Attività prestata in giorno festivo per esigenze eccezionali Domenica o altro di riposo settimanale –riposo compensativo entro il quindicesimo giorno successivo o entro il bimestre successivo. –compenso aggiuntivo maggiorazione del 50% della retribuzione giornaliera di cui all'art. 52, comma 2, lett. b). festivo infrasettimanale: –equivalente riposo compensativo; –oppure alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario festivo

10 10 Attività prestata in feriale non lavorativo, a seguito della articolazione dell'orario di lavoro su cinque giorni, a equivalente riposo compensativo; (pari, cioè, alle ore di lavoro effettivamente prestato) –oppure alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario non festivo (diurno o notturno) L'attività prestata in via ordinaria –in periodo notturno (dalle ore 22 alle ore 6) o in giornata festiva maggiorazione del 20% della retribuzione oraria –in periodo notturno-festivo, la predetta percentuale di incremento è elevata al 30%.

11 11 PERSONALE IN ECCEDENZA (Art. 25) l'ente interessato: comunica a tutti gli enti del comparto aventi sede in ambito provinciale o interprovinciale l'elenco del personale in eccedenza, precisando la categoria di appartenenza e il profilo posseduto; richiede la disponibilità degli stessi enti ad accettare il passaggio diretto, in tutto o in parte, di detto personale; formula analoga richiesta anche agli enti di altri comparti aventi sede in ambito regionale, per acquisire ulteriori disponibilità di posti. Altri Enti comunicano disponibilità per la mobilità secondo le previsioni della programmazione dei fabbisogni di personale ex art. 49 della legge 449/1997.

12 12 Graduatoria aspiranti mobilità situazione di famiglia, privilegiando il maggior numero dei componenti; maggiore anzianità lavorativa presso la pubblica amministrazione; situazione personale del lavoratore portatore di handicap in gravi condizioni psico-fisiche; particolari condizioni di salute del lavoratore e dei familiari compensi per mobilità, in misura non superiore a sei mensilità e, comunque, nei limiti delle effettive capacità di bilancio..

13 13 Personale in disponibilità l'elenco del personale in disponibilità "è tenuto dai servizi regionali e provinciali del lavoro a cui spetta la riqualificazione professionale e la ricollocazione presso altre amministrazioni". prima di procede a nuove assunzioni di personale dall'esterno (gli enti verificano se presso le strutture territoriali del lavoro risulti personale in disponibilità;

14 14 RICOSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Il dipendente dimissionario può chiedere,, di essere riammesso in servizio con la conseguente ricostituzione del rapporto di lavoro nel termine perentorio di cinque anni dalla data di decorrenza delle dimissioni il lavoratore rientra nella stessa posizione giuridica ed economica posseduta al momento delle dimissioni. È subordinata alla effettiva disponibilità di un corrispondente posto vacante in organico.

15 15 Compensi professionali da corrispondere agli avvocati dipendenti. i compensi devono essere correlati alle sentenze favorevoli agli enti si devono rispettare i principi fissati in materia dal regio decreto legge , n. 1578; La contrattazione decentrata deve valutare se e in quali casi si debba prevedere una esclusione parziale o totale dalla erogazione della retribuzione di risultato;

16 16 PATROCINIO LEGALE (Art. 28) Lente assume la spesa della difesa del dipendente nei procedimenti per responsabilità per fatti o atti direttamente connessi alle attività dufficio lassistenza con oneri a carico dellEnte si realizza dallapertura del procedimento con nomina di un legale di comune gradimento le spese sono ripetibili in caso di sentenza esecutiva di condanna per dolo o colpa grave non si applica per funzioni dell'area delle posizioni organizzative nei casi in cui gli enti abbiano stipulato specifiche polizze assicurative, anche per il patrocinio legale.


Scaricare ppt "1 DISPOSIZIONI PARTICOLARI. 2 PARI OPPORTUNITA Azioni positive per lavoratrici; comitati per le pari opportunità misure concordate in contratto decentrato."

Presentazioni simili


Annunci Google