La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Biosintesi degli acidi grassi. 2 Confronto tra -ossidazione e biosintesi degli acidi grassi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Biosintesi degli acidi grassi. 2 Confronto tra -ossidazione e biosintesi degli acidi grassi."— Transcript della presentazione:

1 1 Biosintesi degli acidi grassi

2 2 Confronto tra -ossidazione e biosintesi degli acidi grassi

3 3 Sistema di trasporto dei tricarbossilati: con queste reazioni si trasferisce lacetil CoA dal mitocondrio al citosol

4 4 Prima tappa della biosintesi degli acidi grassi: sintesi del malonil CoA con una reazione catalizzata dallenzima Acetil-CoA carbossilasi (biotina dipendente)

5 5 HCO ATP E-biotina E-biotina-CO 2 CH3-C-SCoA O + -O 2 C-CH2-C-SCoA O + E-biotina Malonil CoA

6 6 Lacetil CoA carbossilasi dei mammiferi è sotto controllo allosterico e ormonale

7 7 L acetil CoA carbossilasi è costituita da 21 protomeri ciascun protomero è costituito da tre subunità 1. La biotina carbossilasi 2. La carbossil trasferasi 3. Il carrier della biotina Questo enzima è regolato da un duplice meccanismo: 1. depolarizzazione e polarizzazione 2. fosforilazione e defosforilazione

8 8 È attivo quando è defosforilato e polimerizzato E inattivo quando è fosorilato e depolimerizzato Regolazione dellacil CoA carbossilasi

9 9 Lacetil CoA carbossilasi è sotto il controllo ormonale: L insulina – tramite la defosforilazione del sito attiva lenzima promuovendo la polimerizzazione Glucagone Adrenalina Nor-Adrenalina Stimolano la fosforilazione AMP- dipendente di un sito dellenzima inattivando e depolimerizzando lenzima INOLTRE Il citrato favorisce la forma A polimerica dellenzima che è attiva In presenza di acetil CoA o in assenza di Citrato la forma polimerica si dissocia, inattivandosi nei protomeri costituenti

10 10

11 11 La sintesi degli acidi grassi non è semplicemente l inverso della via degradativa Entrambe le vie sono sempre distinte,hanno infatti sede diverse Gli intermedi nella sintesi degli acidi grassi sono legati covalentemente ai gruppi sulfidrilici di una proteina trasportatrice di Acili ( ACP ) La catena dellacido grasso in crescita viene allungata dalladdizione sequenziale di unità bicarboniose derivate dall acetil CoA Il donatore attivato di unità bicarboniose è la malonil ACP

12 12 RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DELLACIDO GRASSO SINTASI UN DIMERO CHE CONTIENE TRE DOMINI ( ACIL- TRANSFERASI ) (MALONIL- TRANSFERASI) ( E NZIMA CONDENSANTE ) Primo dominioSecondo dominioTerzo dominio ( tioesterasi ) ( -chetoacil riduttasi ) ( enoil reduttasi ) ( deidratasi )

13 13 traslocazione dellacido grasso in allungamento tra il gruppo solfidrilico del residuo di cisteina dellenzima condensante il gruppo sulfidrilico della fosfopantoteina della ptoteina trasportatrice di acili determinano la crescita della catena Le reazioni si ripetono finchè non viene sintetizzato il prodotto palmitico

14 14 Reazioni catalizzate Dallacido grasso sintasi

15 15 Lallungamento è mediato da un altro complesso multienzimatico, lacido grasso elongasi, situato sul reticolo endoplasmatico. Le unità a due atomi di C che si aggiungono derivano dal malonil CoA.

16 16 ENZIMI LEGATI ALLA MEMBRANA DEL R.E. - OSSIDASI A FUNZIONE MISTA - GENERANO ACIDI GRASSI INSATURI + NADH + H + + O 2 + NAD + + 2H 2 O R-CH 2 -CH 2 -(CH 2 ) 7 -COOH R-CH-CH-(CH 2 ) 7 -COOH - Stearoil CoA oleoil CoA doppio legame cis- 9

17 17 Allungamento mitocondriale degli acidi grassi Anche i MT sono in grado di allungare gli acidi grassi ma utilizzano acetil CoA come donatore di unità bicarboniose.

18 18 SCHEMA RIASSUNTIVO ALLUNGAMENTO DEGLI ACIDI GRASSI Sistema mitocondriale il palmitato attivato in palmitoil-CoA entra nel mitocondrio il sistema di trasporto è carnitina dipendente condensazione del palmitoil CoA con lacetil CoA riduzione NADH(H) + dipendente del chetoacil-CoA deidratazione dellidrossiacil-CoA riduzione NADPH(H)+ dipendente del deidro acil -CoA Palmitoil-CoAStearil-CoA NAD(P)H(H)+ NAD(P)+ Acetil-CoA CoA

19 19 SISTEMA MICROSOMIALE questo sistema utilizza maloni-CoA e gli equivalenti riducenti del NADPH(H) + Palmitoil CoA Stearil-CoA + CO 2 Malonil-CoA CoA 2 NADPH(H) + 2 NADP

20 20 La sintesi e la degradazione degli acidi grassi sono regolate reciprocamente Il malonil CoA inibisce la carnitina acil transferasi I impedendo laccesso degli acil CoA alla matrice mitocondriale nei momenti di abbondanza Nello stato di digiuno la concentrazione degli acidi grassi liberi aumenta poiché ormoni quali ladrenalina e il glucagone stimolano la lipasi delle cellule adipose REGOLAZIONE GLOBALE 1

21 21 Nel controllo a lungo termine si ha la modulazione della sintesi degli enzimi coinvolti nella sintesi degli acidi grassi: Citrato liasi,enzima malico,lacetil-CoA carbossilasi, lacido grassi sintasi Il contenuto epatico di questi enzimi, che hanno tutti una breve emivita diminuisce a digiuno e nel diabete insulino privo, aumenta in seguito a somministrazione di glucosio e insulina con: aumento dei glucidi Stimola la biosintesi degli enzimi della lipogenesi conversione dei glucidi in lipidi 2

22 22 La desaturazione è attuata dalla stearoil-CoA desaturasi ed è regolata a seconda delle necessità dellorganismo Aumenta in seguito ad alimentazione glucidica (questi formano ac. grassi saturi) e in seguito allazione dellinsulina Diminuisce dopo somministrazione di ac. grassi insaturi

23 23 IMPORTANTI ACIDI GRASSI Acido stearico 18:0 Acido linoleico 18: 2 (9,12) Acido oleico 18: 1 (9) Acido linolenico 18:3 (9,12,15) Lacido linolenico è particolarmente importante poiché viene convertito, attraverso una serie di allungamenti e desaturazioni in acido arachidonico, un precursore della sintesi delle prostaglandine e altri eicosanoidi

24 24 Desaturazione dellacido linoleico 18:2(9, 12) acido linoleico 18:3 (6,9,12) ac. -linoleico 2CO 2 20:3( 8,11,14) 20:4(5,8,11,14) ac.arachidonico O2O2 2H 2 O NADPH(H) + NADP Nelluomo le desaturasi non sono in grado di introdurre doppi legami tra latomo di C 10 e latomo di C del gruppo metilico terminale, per cui devono essere introdotti con la dieta e quindi sono essenziali: Lacido linoleico Lacido linolenico NAPH(H) + NADP + O2 2H 2 O

25 25 LARACONOIDATO E IL PRINCIPALE PRECURSORE DEGLI ORMONI EICOSANOIDI ( prostaglandine, prostacicline, trombossani ) Larachidinato può essere convertito in leucotrien i per azione della lipossigenasi Questi composti scoperti inizialmente nei leucociti, contengono tre doppi legami coniugati ciclo-ossigenasi FANS - CORTICO- STEROIDI - -

26 26 METABOLISMO DEL COLESTEROLO

27 27 Il colesterolo è un costituente vitale delle membrane cellulari, il precursore degli ormoni steroidei e degli acidi biliari. Il suo deposito nelle arterie è associato a malattie cardiovascolari. In un organismo sano viene mantenuto un delicato equilibrio tra: biosintesi, utilizzo e trasporto

28 28 Lacetil CoA è il precursore di partenza per la biosintesi del colesterolo. Principalmente nel fegato lacido mevalonico contiene 6 C che derivano da 3 molecole di acetil CoA

29 29 condensazione

30 30 reazione di condensazione

31 31

32 32 CONTROLLO DEL METABOLISMO DEL COLESTEROLO 1)Attività dell HMG CoA reduttasi 2)velocità di sintesi del recettore per le LDL 3)velocità di esterificazione del colesterolo da parte di ACAT

33 33 LHMG-CoA reduttasi è il principale sito di controllo della biosintesi del colesterolo. Controllo retroattivo a lungo termine meccanismo di controllo principale Controllo a breve termine fosforilazione reversibile

34 34 Due strategie per contrastare lipercolesterolemia 1)ingestione di resine che legano gli acidi biliari -conversione del colesterolo in acidi biliari -aumento della sintesi dei recettori per le LDL !!!!! aumento di HMG-CoA reduttasi 2) trattamento con inibitori competitivi dell enzima HMG-CoA reduttasi (statine)

35 35 La concentrazione intacellulare del colesterolo è finemente regolata

36 36 REGOLAZIONE DELL HMG-CoA la velocità di sintesi è regolata dalla proteina che lega l elemento di regolazione degli steroli ( SREBP ) questo fattore di trascrizione si lega a una breve sequenza del DNA denominata elemento di regolazione degli steroli ( SRE ), che si trova sul lato 5 del gene per la riduttasi nel suo stato inattivo la proteina SREBP è ancorata al reticolo endoplasmatico o alla membrana nucleare. abbassa quando la concentrazione di colesterolo si abbassa, il dominio amminoterminale viene rilasciato dalla sua associazione con la membrana mediante due scissioni proteolitiche specifiche 1

37 37 2 La proteina libera migra fino al nucleo e lega lSRE del gene per la HMG-CoA riduttasi, ma anche altri geni coinvolti nella biosintesi del colesterolo, e ne promuove la trascrizione sale, quando la concentrazione di colesterolo sale, la liberazione da proteolisi della proteina SREBP viene bloccata, mentre quella già presente nel nucleo viene degradata rapidamente. la degradazione della riduttasi è strettamente regolata la degradazione della riduttasi è strettamente regolata. Lenzima è costituito da due domini: il dominio citosolico, che porta avanti la catalisi e il dominio di membrana che è un sensore dei segnali che determinano la sua degradazione la fosforilazione la fosforilazione determina la riduzione dellattività dellenzima come lacetil-CoA-carbosilasi

38 38 La rimozione del colesterolo dai tessuti è un processo mediato dalle HDL

39 39

40 40

41 41 Lossido di azoto secreto dalle cellule endoteliali è importante per la funzione delle pareti dei vasi sanguigni. bassi livelli di NO: sviluppo dellipertensione alti livelli di NO: effetto protettivo contro laterosclerosi riduce ladesione dei monociti allendotelio riduce la proliferazione delle cellule muscolari lisce

42 42 Fine

43 43 gruppo malonile in seguito alla sua decarbossilazione, al malonil CoA si lega lacetil CoA gruppo acetile acetoacetil - ACP

44 44 Due subunità multifunzionali, associate testa-coda, formano il dimero

45 45 Controllo del metabolismo del colesterolo Endocitosi mediata da recettore per le LDL nelle cellule di mammifero

46 46 R-C- O Colesterolo esterificato trasportato dalle lipoproteine Acil-CoA: colesterolo acil trasferasi (ACAT)

47 47

48 48 Lallungamento e linsaturazione degli acidi grassi sono catalizzati da sistemi enzimatici accessori I sistemi del reticolo endoplasmatico hanno la funzione di introdurre doppi legami negli acil CoA a catena lunga Nella conversione dello stearoil CoA in oleiol CoA, viene inserito un doppio legame cis 9 da unossidasi che impegna ossigeno molecolare


Scaricare ppt "1 Biosintesi degli acidi grassi. 2 Confronto tra -ossidazione e biosintesi degli acidi grassi."

Presentazioni simili


Annunci Google