La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bruno Gentile 8 Giugno 2011 TRANSPORT Ottimizzazione dell' infrastruttura in funzione della domanda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bruno Gentile 8 Giugno 2011 TRANSPORT Ottimizzazione dell' infrastruttura in funzione della domanda."— Transcript della presentazione:

1 Bruno Gentile 8 Giugno 2011 TRANSPORT Ottimizzazione dell' infrastruttura in funzione della domanda

2 Alstom dal gennaio 2007 è impegnata nel progetto di completo revamping dei Sistemi di Segnalamento della Linea 1 del Metro di Milano, con lo scopo di: -Realizzare un nuovo sistema ATP a Blocco Mobile su tutta la linea con per aumentare lheadway dagli attuali 180 sec a 90 sec e per incrementare la capacità massima della linea dagli attuali treni/ora ad almeno treni/ora -Realizzare un sistema ATO per la marcia automatica treno su linea completo di inversione automatica ai capolinea -Realizzare un nuovo sistema ATS per il comando e controllo del sistema di segnalamento della linea, del deposito di Precotto e dei treni -Installare Porte Automatiche di Banchina per la protezione della stazione di Sesto SG -Realizzare una comunicazione continua terra – treno attraverso una radio UMTS garantendo una copertura continua della Linea e dei Depositi CBTC – Il Sistema Alstom per Linee chiuse

3 -Installare il Nuovo sistema di Segnalamento ATC su tutta la flotta dei rotabili e su tre diverse tipologie di materiale rotabile (Tradizionali, Revampati, Nuovi Treni Meneghino) -Garantire nessuna interruzione del servizio durante le fasi di installazione e messa in servizio - La soluzione proposta da Alstom è quella basata su un Sistema Communication Based Train Control (CBTC) CBTC – Il Sistema Alstom per Linee chiuse

4 CBTC – Caratteristiche del nuovo sistema Metro Milano Sistema di segnalamento ATC (Automatic Train Control) a blocco mobile basato su comunicazione continua radio-terra-treno (CBTC - Communication Based Train Control): - distanziamento a blocco mobile: ogni treno mantiene nei confronti del treno che lo precede una distanza di sicurezza elastica costantemente aggiornata in funzione dei vincoli della linea e del punto meta a valle - la velocità del treno è regolata automaticamente tramite funzionalità ATO (Automatic Train Operation) di bordo - I treni si localizzano via radio calcolando la propria posizione in linea in funzione della captazione di boe ATC collocate a terra. - La posizione di ogni treno viene trasmessa via radio gli apparati e le logiche in sicurezza del Posto Centrale. Gli apparati ATC di terra elaborano i dati ricevuti da tutti i treni e, in funzione dello stato degli enti elaborato dagli apparati ACS, trasmettono a ciascun treno il corrispondente punto meta utilizzato per il calcolo della curva di frenatura in sicurezza

5 CBTC – Vantaggi del nuovo Sistema di Metro Milano (1/2) Ottimizzazione dei profili di velocità di linea grazie alla trasmissione continua via radio dei punti meta e allaggiornamento a bordo delle curve di frenatura Tempo di fuori servizio e mancanza di disponibilità del sistema: 4 ore in 10 anni Introduzione di Circuiti di Binario digitali e segnali a Led Gestione centralizzata e ottimizzata del traffico tramite sistema automatico di supervisione ATS Introduzione di un sistema di supporto alla manutenzione centralizzato (MSS e SDM-GS) che consente di avvisare in modo automatico il team di manutenzione sul guasto accaduto Presenza di una Sala di Controllo di riserva (da utilizzare in caso di gravi accadimenti) per un ripristino delloperatività (garantita la completa disponibilità di tutte le funzionalità della Sala di Controllo principale) Ivantaggi del sistema I vantaggi del Sistema CBTC

6 GUADAGNO Area di Protezione Automatica Blocco Mobile CBTC Punto di Arresto Curva di Frenatura Limite Autor. Mov. Circuito di Binario Codice Velocità Curva di frenatura Circuito di Binario Punto dArresto Tetto di velocità Blocco Fisso CBTC – Vantaggi del nuovo Sistema di Metro Milano (2/2) I vantaggi del Sistema CBTC

7 CBTC - Metro Milano – Architettura Enti di piazzale: casse di manovra, CDB, Segnali IXL (CLC): Elaboratore Centrale ACS IXL (ZLC) Controllore di I/O ACS IXL (VMMI): Postazione Locale Operatore ATS Centrale MMS: Sistema di getione dati diagnostica DCS: Sistema trasmissione radio 5.8 GHz UMTS bidirezionale Porte di banchina Boe: di tipo Eurobalise Enti di piazzale Enti di piazzale IXL (CLC) Data Communication network DCS (Radio) Boe Porte IXL(ZLC) ATC Boe ATC SALA DI RISERVA MMS ATS Centrale IXL (VMMI)

8 La soluzione Alstom CBTC è attualmente in Esercizio in diverse realtà urbane e suburbane a livello mondiale (Pechino Airport Link, Singapore, Losanna, San Paolo) Alstom è disponibile a studiare applicazioni del Sistema CBTC per Linee Metropolitane e Suburbane e a valutare assieme ai Clienti lopportunità per limplementazione di questo innovativo sistema tecnologico CBTC – Proposte di Analisi In collaborazione con gli Operatori locali

9 SHDT - Sviluppi in corso Il principale obiettivo del sistema SHDT (SCMT High Density Traffic - Sistema di Segnalamento per linee ad alta densità di traffico) consiste nell aumento della capacità della linea, mediante un sottosezionamento delle attuali sezioni di blocco. Le sottosezioni sono realizzate mediante Cdb ad audiofrequenza che possono inviare al SSB informazioni aggiuntive sotto forma di telegramma. I treni attrezzati SHDT, possono pertanto sfruttare il sottosezionamento riducendo il distanziamento rispetto ai treni non attrezzati E prevista una attività di definizione di nuove funzionalità SCMT, che potranno essere usate indipendentemente dal sistema SHDT

10 Curva di frenatura con treno non attrezzato SHDT Curva di frenatura con treno attrezzato SHDT SCENARIO FUNZIONALE SHDT - Sviluppi in corso

11 SHDT – Utilizzo di CdB in audiofrequenza SOTTOSEZIONI REALIZZATE CON CdB IN AF

12 Gestione LPPA (Limitazione Peso Per Asse) Limitazioni di velocità per sagoma limite Gestione degrado PMF (Percentuale Massa Frenata) Protezione convergenze (adeguamento funzione INFILL) Protezione binario ingombro Protezione movimenti di manovra (rispetto dei segnali bassi) Gestione organi di vigilanza attivi (scheda di reiterazione e pulsanti a sfioramento) Protezione PL (PdL disaccoppiato rispetto a quello dei segnali fissi per la gestione di PL intercalati ai segnali) SHDT – Incremento funzioni SCMT

13 Calcolo della Vril in funzione della distanza dal Danger Point (Gestione delle zone di uscita) Gestione centralizzata dei rallentamenti Riduzione della velocità controllata alla attivazione del sistema Gestione dedicata aspetto R/G/G su linee Bacc Ladozione di queste funzioni aggiuntive consentirà la visualizzazione a bordo della velocità permessa mediante contro indice SHDT – Incremento funzioni SCMT

14 Alstom sta analizzando lipotesi di sottoporre a RFI alcune nuove funzionalità SCMT rivolte a ridurre: -Tempi di cambio banco (esempi: riduzione dei tempi di autotest del sistema, implementazione funzioni ERTMS like di parking e sleeping già implementate su ETR610) -Scalabilità del sistema per una protezione di bordo progressiva da discontinuo a continuo SHDT – Ulteriori possibili funzioni SCMT

15 Conclusioni Alstom è disponibile ad approfondire con le Ferrovie Regionali ulteriori esigenze specifiche in modo da formalizzare nuovi requisiti da sottoporre ad RFI nellambito della specificazione SHDT Alstom è disponibile a studiare piani di attrezzaggio mirati in maniera da implementare gradualmente le funzioni di protezione SCMT e di supportare lImpresa Ferroviaria nelliter di omologazione presso ANSF: Protezione rispetto ai parametri di linea mediante PI fissi Train stop (protezione contro indebito superamento di segnali a via impedita), mediante PI commutabili, previsti in prima fase sui punti di maggior rischio individuati in seguito ad opportuna analisi Completamento dellattrezzaggio SCMT con le nuove funzionalità

16 08/06/2011 Ipotesi per la Rete Regionale Emilia Romagna

17 La rete Ferroviaria in Emilia Romagna : RFI e FER Rete RFI Rete FERInterfaccia FER/RFI

18 CTC Romagna CTC Pistoia CTC Prato CTC Nodo Sistemi di Controllo del Traffico realizzati da Alstom per RFI

19 Attualmente il territorio è quasi interamente coperto dai 4 CTC realizzati con la nuova tecnologia ICONIS: CTC Nodo di Bologna, attivato nel gennaio 2007 CTC Bologna-Prato, attivato agosto 2007 CTC Bologna-Pistoia, attivato nel dicembre 2007 CTC Romagna (Ferrara-Ravenna-Rimini), attivato nel dicembre 2009 L'evoluzione prevede la realizzazione di un Centro di Controllo integrato con estensione Regionale: una postazione di supervisione del traffico, dalla quale controllare la circolazione su tutto il bacino di Bologna (da Rimini a Piacenza, incluse le linee AV e i CTC esistenti), in aree controllate da diversi operatori DCO e con l'obiettivo di migliorare la Regolarità della Circolazione una postazione di diagnostica centralizzata sulla quale ricevere le informazioni da tutto il territorio una postazione di telesorveglianza dalla quale gestire TVCC, controllo accessi, rilevamento incendio e antintrusione su tutto il territorio La possibilità di accedere a sinottici semplificati di sintesi via WEB Sala Esercizio Rete Regionale - RFI Bologna

20 3 x monitor 56" Quad-HD (3840x2160) Esempio di postazione operatore con monitor a 56" e rappresentazione sinottica di tutte le linee del bacino di Bologna (da Rimini a Piacenza), incluse linee AV

21 Sala Esercizio Rete Regionale - RFI Bologna

22 Centri di Controllo Centro di Controllo RFI Centro di Controllo Rete Reg. Rete RFI Rete FER

23 Ipotesi e opzioni evolutive - Fase 1 Centralizzazione impianti 1.Realizzazione di un posto centrale (server + postazione operatore) che integri, anche con interventi successivi nel tempo, tutte le linee Regionali 1.a – Posto Centrale una o più postazioni operatore configurabili dinamicamente per la gestione dell'intera area controllata o, in fasce orarie di particolare carico, suddividendo la responsabilità su più operatori 1.b – Funzioni aggiuntive integrazione nel sistema delle funzioni di diagnostica predittiva degli enti IS posto centrale di backup, da utilizzare in emergenza in caso di inagibilità del principale (disaster recovery center) interfaccia WEB per monitorare lo stato della circolazione da qualsiasi punto anche esterno al posto centrale

24 Architettura di riferimento: centralizzazione impianti Server Rete Geografica (rame, fibra, SDH, etc.) Posti periferici linea 1 Posti periferici linea 2 Posti periferici linea N POSTO CENTRALE Eventuale PC backup

25 Ipotesi e opzioni evolutive - Fase 2 Rinnovo impianti e funzioni di automazione 2.Evoluzione per fasi successive con rinnovo progressivo impianti periferici 2.a - Impianti di sicurezza Inserimento Posto Centrale Multistazione Rinnovo graduale impianti periferici (piazzale e cabina) con Posti Periferici di Multistazione 2.b - Funzioni di automazione, supporto e manutenzione Controllo e Regolazione del traffico Diagnostica e manutenzione Telesorveglianza (TVCC, controllo accessi, antintrusione, rilevamento incendi) Informazione al pubblico

26 Integrazione con sistemi esterni Integrabilità immediata nel contesto della rete ferroviaria in Emilia Romagna Possibilità per il CTC FER, di interfacciamento nei punti di confine con la rete RFI, per scambio automatico numero treno in ingresso/uscita e previsione ingresso treni interfacciamento con altri sistemi per Scambio Numero Treno: CCL ATN interfacciamento con sistemi Informazioni al Pubblico: Infolinea/Infonodo Sistema proprietario Alstom (sottosistema IaP) interfacciamento con sistemi di generazione Orario Teorico/VCO: Trenitalia (Roman) Sistema proprietario Alstom (Gestore Orario)

27 Linee FER attualmente telecomandate o in Dirigenza Unica = 7 Dirigenti Movimento attualmente impiegati = 7 persone per turno Ipotesi Alstom di centralizzazione con gestione automatica (livello 2) Dirigenti Movimento = 2 (1 DCO + spalla) per turni diurni = 1 persona per turno di notte Vantaggi ottenuti I vantaggi del Sistema di Supervisione

28 Architettura di riferimento: rinnovo impianti di sicurezza Server Postazioni operatore configurabili dinamicamente per la gestione dell'intera area controllata, o in fasce orarie di particolare carico, suddividendo la responsabilità su più operatori Rete Geografica (rame, fibra, SDH, etc.) Posti periferici linea 1 Posti periferici linea 2 Posti periferici linea N POSTO CENTRALE Eventuale PC backup Posti periferico Multistazione Posti Centrale Multistazione

29 Servizi di supporto Customer Service Diagnostica remota e assistenza telefonica Apertura e tracciatura tickets tramite interfaccia WEB Assistenza nelle fasi di cambio orario Funzioni di playback e tunneling per la riproduzione e l'analisi di eventuali anomalie di funzionamento

30 GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE


Scaricare ppt "Bruno Gentile 8 Giugno 2011 TRANSPORT Ottimizzazione dell' infrastruttura in funzione della domanda."

Presentazioni simili


Annunci Google